Tag Archives: usa

Libya. Five years of Western Chaos

4 Nov

The Arab Spring in Tunisia and Egypt affected Libya internal stability. Protest against Colonel Muammar Gaddafi regime erupted on February 2011, brutally crushed by the army. The force used by Gaddafi and Western interferences will soon create a dramatic civil war ended on October 20, 2011 when Libyan leader was caught and shot dead by Libyan National Transitional Council militia with the active support of French Intelligence services.

Nowadays Libya, former developed African Country and leader of Pan African Movement, is a country torn apart and divided, with to governments fighting between them and claiming the control of the Nation. The real Libya’s owner are local militias (ISIL DAESH included) that have power of live and death over the population of the areas they control. Economy is collapsed. GDP shrank by 10.2% in 2015 adding to the 24% collapse in 2014. Production of crude oil fell to the lowest level on record since the 1970s: around 0,4 million barrels par day. Western Power (Italy included) are nowadays engaged with air bombardment and military interferences in order to support Libyan factions. A Somali scenario repeated with incredible stupidity wisped the dramatic western mistakes that transformed Somali civil war erupted on 1991 in an eternal conflict with terrorist international complications.

As we assist in Somalia on 1993, Libyan local militias strategies and objectives are became oppose to the ones promoted by Western powers, transforming Libya in an African Syria. A battlefield between different imperialist and regional powers. A war without end that has full involved US. Libya should be added to disastrous adventure in Iraq and Afghanistan. In all these countries the Pax Americans has not established and the masses pay the heavy bill of American failure. Libyan situation is so negative for US foreign policy that President Barak Obama has considered 2011 Western intervention the worst mistake ever made by his Administration. U.S., France and Britain destroyed the old state apparatus in Libya creating a dangerous empty space fulfilled by Al-Qaeda and DAESH militias. What Obama did not take into account was the situation impossible to manage created by the role plaid by tribal rivalries that were temporally balance during Gaddafi’s rule.

Different actors are inside to Libyan drama. U.S., France, Britain, Italy, Russia, China, Saudi Arabia, Egypt, Qatar, Turkey. All attracted by the strategic position of this North African country with its shores on the Mediterranean Sea very close to Europe. A North African country really reach: 38% of African continent’s oli and 11% of European consumption. The government of Tripoli is supported by Qatar and Turkey. The Tobruk government, recognized by U.N and E.U, is supported by Egypt, Saudi Arabia and Arab Emirates. DAESH forces still control Derna and Sierte surrounding areas. International alarms grown after the serious influence of Islamic State in Libya. In order to resolve the problem U.N. and Western Powers pushed for a national unity government against terrorism treat. The Government of National Agreement (GNA) under Prime Minister Fayez al-Sarraj control was created on March 30 of this year. A really weak government that has increase the conflict in the country. GNA was immediately boycotted by several former ministers, tribes and clans. Al-Serraj has been transformed in the most weak African Prime minister from the very first day of his election. Living condition of Libyan population dropped dramatically fulfill the ranges of local militias and terrorists groups. Al-Serraj’s government is still alive only thank to West support. In reality Al-Serraj has no real power but a virtual surrogate of it.

On August 2016 a new chapter in Libyan civil war has opened with US involvement. Bombing Sirte was an American decision that has make worst the situation. 330 US Air-Forces strike have not facilitated Sirte fall. Al-Baghdadi militia are still able to offer a fierce resistance. Sirte was Gaddagi’s hometown very well protected. To assure the conquer of Sirte there are need of ground troops. There is no national army in Libya so the ground troops must come from African countries or Western Powers. African Union, Arab Liguea, U.N. Europe and U.S. are showing the total absence of direct military intervention willing. They prefer to support the different Libyans militias in a never ending proxy war. The eternal battle for Sirte has weakest Al-Serraj government meantime other players are taking advantage of the situation.

Tobruk strongman General Khalifa Haftar, control Sidra and Ras lanuf oil terminals recently conquer. Haftar General is supported ny Egypt and France. French special forces are military active in Cyrenaica, regione lagerly controlled by Haftar General. Several Africans analysts consider unlikely that in the current situation Haftar will be able to restart oil production. Anyway Sidra and Ras Ianuf oil terminals and refineries are powerful weapons in his and that increase his influence over future negations about power division in Libya. GNA government has just miraculously survive to Khalifa al-Ghwell militias coupt attempt in Tripoli. Al-Ghwell strike was so determinate to force Prime Minister Al-Serray to hiding to a secret location in Tunisia. Western power have take for granted that Al-Serray is at the end of his days. Now are forced to increase their military presence in the region under usual justification of fighting Islamic terrorism.

France is one of the most active powers in this scenario. Last July, the GNA issued a protest where considering the French presence in Libya’s eastern region as a breach of international norms and sovereignty. France ignored that protest and increased its presence, a fact exposed by the crash of an airplane in Malta last Monday. At least three passengers were members of French intelligence heading for Libya.”, explain Roberto Sarti, a marxist Italian activist and expert over Libya issues.

Italy, the former colonial power, is trying not to be excluded from the division of the booty. In September they sent 300 soldiers to Libya, with “humanitarian” intentions, of course. The Italians are planning to build a military hospital in Misrata, and the official task of the troops will be “to protect the premises.” In reality they are going to protect their local proxies in Misrata and in the siege of Sirte. Not everybody is happy with the Italian initiative. The Zintani Brigade (a militia that, when it changed sides, was crucial in the fall of Gaddafi) declared that it would “not stand idly by and will face any invader with all our might,” and “we call on all Libyans to stay united and prepare to fight the new Italian invasion of our land.”

As Mr. Sarti describes the situation in Libya is assuming the character of a long a protracted civil war. An Western crime make possible by the passivity of African Union to resolve Continental issues alone, imposing democracy and human rights respect in autonomy way even with the use of African military force. The only A.U. attempt to resolve African crisis is in Somalia, where African troops AMISOM are fighting Al-Shabaab and DAESH militias, under Uganda command. A fight weakened by the withdraw of Ethipian troops decided by Addis Abeba government in order to face Oromo rebellion.


Fulvio Beltrami

Freelance Journalist
@Fulviobeltrami

Annunci

Erdogan‬ and ‪Afewerki‬ dictators united by wickedness.

20 Lug

Joined from busines, they are ruthless dictators, oppress the people, kill deserters and coup leaders, jailed political opponents, journalists critical of the government, torture, close the newspapers and TV who do not think like them. They abuse their power. One is protected by ‪‎US‬ and Europe‬, the other is protected by the European Union and the ‪‎African Union‬.

Erdogan‬ and ‪Afewerki‬… shame on you!!!

Il paranoico El Sisi, orgoglio di un occidente corrotto e marcio.

9 Gen
In Egitto, in occasione dell’anniversario della rivoluzione del 25 gennaio, El Sisi, dittatore psicopatico e paranoico sta facendo arrestare tutti gli egiziani che amministrano pagine o gruppi su Facebook, coloro che scrivono su pagine politiche e che condividono notizie su altre pagine, sono accusati di cospirazione, falsificazione di notizie, terrorismo ect…
Tra gli ultimi arresti, solo due giorni fa, 4 persone tra cui 3 donne solo perchè condividevano notizie da una pagina politica.
el sisi
Come può il popolo di un paese immenso come l’Egitto, sopportare tutto questo senza muovere un dito? La rivoluzione araba in Egitto che aveva visto una sommossa popolare immensa per destituire Mubarak, non doveva avere un finale di questo tipo. Il paese ha avuto l’occasione di passare in mano ad un personaggio come Morsi che, quanto meno, voleva ridare l’Egitto agli egiziani, ma non era certamente un lecca culo degli USA e questo non gli ha portato bene.
Per gli USA e per alcuni paesi Europei come Francia e Italia, ci voleva un uomo forte e che sopratutto non cambiasse gli interessi occidentali nel paese. Ed El Sisi, ex capo della sicurezza abituato a comandare e torturare con fermezza è l’uomo giusto, per loro.
E infatti, abbiamo visto i vari primi ministri europei e il presidente statunitense andare in Egitto e strinegere la mano del dittatore come se nulla fosse, dimenticando, anzi ignorando che quell’uomo è un torturatore e repressore della libertà di espressione. Un uomo capace di buttare nelle galere egiziane, che non brillano per diritti umani, l’ex presidente Morsi e giornalisti di ogni tipo che spesso hanno solo scritto parole di critica politica che in un paese libero e civile si chiama informazione.
Come possiamo dormire sonni tranquilli sapendo che USA ed Europa che dovrebbero vigilare e che si priofessano governi che si battono per la democrazia e libertà nel mondo, lasciano che tutto ciò accada in Egitto, un paese che noi stessi dovremmo proteggere dalle calunnie e dalla violenza anche solo per essere una delle terre culla della civiltà mondiale.
Obama piange in diretta TV per i morti in America delle armi vendute in casa..
Paglaiccio, perchè non piangi in TV pensando ai milioni di morti causati con le tue bombe e i tuoi fucili in medio oriente e in Africa. Perchè non piangi quando vai a stringere le mani insanguinate dei dittatori come El Sisi?
Perchè non piangi pensando al Daesh, ai morti sgozzati e ai bambini arruolati che useranno anche le tue armi, per ammazzare? Perchè non piangi pensando che il Daesh è un prodotto della tua legislatura?
Pagliaccio Obama, sai bene che nessuno toglierà mai le armi dalla vendita pubblica in America, il business miliardario e tu, stai attaccando proprio quelle multinazionali che ti hanno aiutato a diventare presidente degli Stati Uniti per ben due volte, eppure solo quando sai di non poter più essere rieletto, ti lanci in battaglie da ‘premio nobel per la pace’. Obama, pagliaccio.

Noi guardiamo, ridiamo, ci commuoviamo e dimentichiamo che se il mondo è nello stato penoso di oggi, che se il luogo più insicuro della terra è la terra stessa, lo dobbiamo solo a personaggi come Obama e tutti coloro che lo hanno preceduto e non solo negli Stati Uniti, ma anche in questa Europa che non sa dare riferimenti e sicurezza ai cittadini, chiusa e subordinata dall’incudine e martello delle economie dei paesi arabi e Americani

renzi
Eppure in Africa qualcosa si muove, alcune nuove generazioni stanche del giogo occidentale nel continente hanno messo la parola fine ad alcune dittature sanguinarie e oppressive come in Burkina Faso, in Tunisia che seppure faticando molto, un barlume di democrazia si intravede dopo il dittatore Ben Ali. La Somalia (Mogadiscio) sta reagendo. La Tanzania si è disfatta di un presidente scalda poltrona ed è passato ad un uomo attivo ed onesto. Il Rwanda come il Ghana sono paesi che oggi hanno una stabilità e crescita economica da far invidia a molti paesi europei.
Però esistono le estrazioni di minerali utili all’industria mondiale e sfruttata da braccia spesso mal pagate o schiave, lontane dagli occhi e dagli organi di informazione occidentale. L’estrazione di petrolio delle multinazionali italiane, americane e francesi che ricordiamolo, con la loro speculazione hanno generato la nascita dei Boko Haram che all’inizio erano combattenti mal organizzati e con armi scadenti, per le loro terre danneggiate dal petrolio, prima di diventare quello per cui li conosciamo oggi.
E ci sono aancora le tasse coloniali che Francia, Inghilterra, Spagna, Portogallo continuano a pretendere come veri strozzini della peggior specie. Milioni di dollari che ogni anno vanno ad impinguare le casse di questi paesi senza i quali, probabilmente, sarebbero loro i paesi del terzo mondo! Saremmo noi, senza quelle tasse a dover salire sui barconi per migrare in Africa. Ricordatevelo gente, quando vi divertite a fare i razzisti orgogliosi dell’ultima ora che, se oggi vivete dignitosamente e avete un tetto sulla testa e uno smartphone in mano, non è tutto frutto del vostro sacco, anzi, è di un grosso sacco che svuotiamo ogni giorno e si chiama, Africa.
scritto da African Voices
@AVafricanvoices

Non è terrorismo. La guerra è arrivata in Europa

14 Nov

African Voices è dalla parte del popolo francese, ma non del governo Francese. Noi non supportiamo la politica aggressiva di questa legislatura francese, ma nemmeno di quella precedente e neancheo di quelle prima ancora.

Analizziamo brevemente quello che è accaduto:
La Francia usa la forza in tutta la striscia Africana dal Senegal al Sudan, Costa d’Avorio, Mali, Mauritania…  e in nord Africa come in Libia, che se oggi è un cumulo di macerie è grazie principalmente a loro.

In Medio Oriente, la Francia è in Siria da molto tempo, ufficiosamnte. Lì, come in Iraq e Afganistan hanno (insieme agli altri Italia compresa) devastato paesi causando milioni di vittime civili, ma questa è chiamata guerra, mentre quella di ieri sera a Parigi sarebbe terrorismo. E’ guerra da entrambi le parti. Il dolore di oggi, dei francesi e di tutto il mondo è lo stesso dolore che milioni di persone civili continuano a provare sotto le bombe degli aerei occidentali che colpiscono caserme e obiettivi militari, ma anche scuole, università e ospedali…

Oggi molti metteranno nelle loro bacheche di facebook la bandiera Francese e monumenti simbolo come la Torre Eifel perchè la forma ricorda il simbolo della pace, bene.
Ma se le vittime civili della Francia e delle forze di coalizione in Medio Oriente e in Africa sono milioni, e le vittime dei loro stupri e della loro pedofilia, messe a tacere, perchè non vediamo mai simboli di pace e compassione verso questi popoli!?  Non militari o milizie, ma popoli.

Dov’è la società civile, se mai c’è stata. Possibile che venga fuori da ognuno di noi solo quando la guerra colpicìsce in casa mentre invece quando colpisce altrove, è lontana, non ci riguarda?

Auspico che l’Europa e USA si seggano ad un tavolo molto grande con coloro che hanno sempre aggredito e che si alzino dalle loro sedie solo con la soluzione pacifica per tutte le parti.

Diversamente, non bisogna essere dei geni per capire che violenza chiama violenza in una escalation che è cominciata 30 anni fa e che il vortice potrebbe essere terribile per tutti, senza etnie e senza razza.

scritto da Redazione
African Voices

Mr. Obama Tour. Africa has no need lessons about fake values.

4 Ago

Nigeria, Kenya and Ethiopia U.S. President visit has been cover by international Medias offering a unilateral Western point of view. A good man representative of a Great Nation that teaches to nigger students the sense of high values like: Democracy, Human Rights, Sexual freedom and so on.

Mr. Obama in his speech to African Union assemble has condemned the African Heads of State attached to the power ad all African nations where gays are persecuted. Sincerely I found hypocrite and total inadequate Mr. Obama speeches. Till when Medias have been limited to focus on pathetic histories about his roots in Kenya all was still supportable. When they transform him in U.S. President champion of Freedom and Democracy all became intolerable. Which Freedom and Democracy we are speaking about? We just shortly look about U.S. hidden reality and we can understand that all this is a clear No Sense.

African Presidents attached to power? Since U.S. born as Independent Nation only two Parties are allowed to play the game: Republicans and Democrats. Both are capitalist’s parties. In theory they differ each other because Republican represents right ideology and Democrats liberal ideology. In reality there is no a great difference between the two parties apart the Corporate interests the each party represent. Every other political movement that has attempt to impose itself in the national political sistem has systematically been destroyed or by force or by financial possibilities negation. In the last three decades U.S. Presidency has been shared by two Families: Bush and Clinton. Mr. Obama has been an exception created by Bill Clinton just to reinforce worldwide U.S. democracy false myth: “everybody can become U.S. President, even a nigger”. This exception will end soon and the imminent electoral campaign is again dominated by Clinton and Bush families. After the Nigga a woman may sound nice isn’t it? So where is the difference with African Presidents? The only one and very thin is the in U.S. the power is shared by two parties and two families…

African elections are not credible, inclusive and transparent? In U.S. we are assisting to a systematic abolition of popular vote right done by financial selection. The decline of voters earning less than $50,000 per year is dramatically increased since 2000. Meantime election participation among high-income meters improved sharply. Nowadays U.S. President is meanly elected by the richest 1% of the population. 2004 Bush second mandate has been characterized by electoral frauds similar to ones committed in DRC on 2010 Joseph Kabila second mandate. Economist James K Galbraith wrote for the occasion: “If we must applied the same standard that Jimmy Carter Foundation is asking to Poorest Countries on term of free and transparent election, then our own presidential elections are certainly and regularly stolen”.

Speech, dissidents and press freedoms are not respected in Africa? Since 9/11 every spontaneous demonstration in U.S. are forbidden. Demonstrations are allowed only within tightly controlled spaces and riot police brutally rush in at the first hint of disorder doing an indiscriminate, offensive and dangerous use of water cannon and tear-gas. Demonstrators are regular bad beaten and in same case police open fire on them has happen in April 2003 in Oakland, California led by Hollywood actor “Terminator”. Police open fire on anti-Iraq war demonstrators. The crime has been protected by California Anti-Terrorism Act. Independent Medias and journalists are scientifically target as well bloggers that spread on internet critics to U.S. government internal or foreign affairs. Free expression and the First Constitutional Amendment rights have become the real target of American legislators.

Human Rights neglected in Africa? Every day in all U.S. territory 45 Afro Americans are arrested by unclear charges. To 85% of them is denied the right of fair process. Every day 02 Afro Americans are injured or shooting down by police and paramilitary forces in undeclared race war. I don’t want boring you speaking about worldwide crimes against humanity committed by U.S. allies like Israel or Saudi Arabia systematically protected by the White House. In the same day that Mr. Obama was teaching human rights to Africans U.S. first ally in Middle East has been accused to use torture as method of control against Palestinian children detained. Torture done even against children under 14’s. I have not earn about Mr. Obama strong condemn against Prime Minister Netanyahu. I earn only Mr. Obama condemn to Zimbabwe President Robert Mugabe, the “bad gay” that on 2000 did the Land Reform in his country against White Masters… Abu Ghrabil and Gantanamo are organized centres of torture and human rights abuses that become to symbolize internationally the U.S. attempt to set up law-free detention zones.

The gay issue. Underline the moral duty to defend personal sexual choice and sexual expression freedom I start to see U.S. defence over gay rights as a hypocrite obsession that hide other intentions. It’s true that U.S. High Court has decreed as Constitutional the same sex marriage right but it’s true that almost half of U.S. confederation States have anti-gay law that are against American Constitution and human rights. So a question is obligatory. How it’s possible to speak in defence of African gay rights when in own country the way to guarantee them are still long? It’s the same to blame the own son spending money with street hookers when the father is the first to do it. There is no coherence in all this. Just as title of example in February 2005 the mental health division of U.S. Health and Human Services, by treating to cut funds, coerced the organizers of a federally funded conference to delete the worlds “gay”, “lesbian” “bisexual” and “transgender” from the title of workshop about the suicide prevention. The coercion is still now applicate even if among gay/lesbian/bisexual/transgender U.S. communities suicide risk is two to three time higher that the average even in U.S. States where sexual freedom is guarantee by law.

It’s seem that there is a willing to impose gay rights and culture in Africa when the right approach is to create peaceful dialogue and mutual respect and trust between gay and heterosexual universes. In Europe and U.S. gay movements are transforming themself in powerful lobbies demanding new rights every day. Now the right to adopt children for gay couples is on the topic. Gay activism often stop when there is need to support other rights that doesn’t involve gays. Africa has its traditions. Some tribes accept homosexuality as normal human been behaviour, others no. It’s a must defend sexual freedom but is an absurdity to impose it to foreign cultures. Often U.S. gay right defences is transformed in a political weapon against African countries unwilling to cooperate for American wellbeing. A weapon easily forget when it’s convenient to do so like Mr. Obama has done during his visit in Nigeria, a country that has introduced the capital punishment to gays in its Penal Code just one year ago.

Mr. Obama African Tour real interests and intentions. “Nigeria is the most important country in Africa and it is the country that has the most influence on the direction that Africa takes. Nigeria in recent years undertakes major reforms that are helping stimulate the economy and shift away from an over-reliance on oil exports. Ethiopia still lags far behind other countries in deregulating some key sectors of the economy, especially telecommunications, land markets, banking, and finance. This represent a serious obstacle to U.S. penetration in the country. Kenya has discovered important oil and natural gas reserves that can end to China.”, explain Mwangi S. Kimeyi, a senior fellow at the U.S. Brookings Istitution’s Africa initiative. U.S. has a desperate need to stop China concurrence in Africa. U.S. industry needs African natural resources at cheapest price. White House is horrified about African Renaissance movement that are conquer several African governments.

An African Renaissance based on management of own natural resources for start own industrial revolution and become a world power ending the role imposed by Western of world natural resources basket. It’s incredible listen Mr. Obama speak about human rights and democracy during a visit of three countries considered the worst in human rights respect. Nigerian Army is committing atrocities against civilians during the fight against Boko Haram on North. Kenya is persecuting Somali and Muslim communities in name of the War against Terrorism. Ethiopia right now has a horrible human rights record on a number of accounts. There were bloggers that were released just because Mr. Obama was visiting and incarcerated again the day after he left, Ms. Irene Ikomu, Coordinator Parliament Watch Uganda said. “U.S. strategic moves right now impose to Mr. Obama to focus in Africa not politically. It’s very much on economics” Ms Ikomu said. We cannot forget that Obama administration is one of the mainly actors for the failure of President Kenyatta ICC trial in change of oil. An International Court utilized by U.S. and Europe as a coercion tools exclusively against Africa. How to be surprise if African country are not more willing to recognise ICC authority?

Mr. Obama African Tour has been represented by Western Media as a great success. In reality it is the worst failure of foreign policy of an American President. Mr. Obama has obtained the contrary effect reinforcing the ideas of U.S. colonialism to exclusively vantage of China and BRICS countries that have choose a soft approach in Africa and now are willing to materially and financially support the industrial revolution in the Continent. Mr. Obama visit is totally integrated into Neocon willing of an America that exercises its power aggressively and unapologetically. A dogma to promote America Corporation self-interest with as much disregarded as possible for international law, organisations, countries and opinions. The Western Medias centric view has not given space to African opinions well expressed by African Union chairman Daimini Zuma. On her welcome speech to Mr. Obama has remembered that U.S. is a great nation founded on forced labour imposed by slaves kidnapped from Africa. She has lobbied for a Continental representation on U.N. Security Council Permanent Members and the moral duty to resolve and vindicate past and present injustices that African were and are victims. Strong world that most probably Mr. Obama has not or doesn’t want understand.

Democracy and human rights reinforcement are real problems in Africa as the Western rape over natural resources, Western intrigues to create civil wars and instability in African countries considered hostiles to West policy and West economic interests. Gay rights are important as the need of industrialisation and indigenous management of natural resources for African wellbeing and African social improvement. Africans are not more the teenagers sadly abandoned by Colonial Powers. They have grown up by own self and, rightly, they want African solutions on African problems. Mr. Obama African Tour, see with the eyes of a Western guest here in Africa as I am, it’s a failure and a clear sign of Western decadence. A Western decandence that will benefit to Africa waiting migrants economic western refugees asking asylum in the Continent. Will not pass long time to assist to this historical reverse migration, believe me dear African brothers. My poor intervention on the topic shall end given the worlds to Africans in order to don’t emulate Mr. Obama teaching obsession. I chose a comment of Xolile Mgijuma publish on the page of Face2faceafrica.com concerning the article Obama to African Unione: ‘Nobody should be President for life

The problem of Obama is that he come to Africa not to listen on the domestic issues. He comes to lecture. It is like if he knows better… Long serving presidents is and was never an issue. The issue is that Africa is still under the control by the West… France, Britain, etc are still controlling this continent together with U.S. that Obama is leading. Our resources and everything we have is still benefiting those who ruthlessly oppressed Africa. Obama has addressed that? No. He can’t… African problems will be solves by African people. If Obama knew better it he would have come with a different strategy…

 

Fulvio Beltrami
Italian freelance journalist.
Kampala Uganda.
@Fulviobeltrami

Stati Uniti. Il più grande mercato di avorio illegale al mondo.

24 Mag

Il commercio dell’avorio è una delle peggiori piaghe dell’Africa responsabile della morte di 35.000 elefanti ogni anno.
Il Continente sta letteralmente perdendo il suo patrimonio naturale. Elefanti e rinoceronti sono in serio rischio di estinzione in quanto il massacro provocato dai bracconieri è superiore alla loro capacità riproduttiva. Il commercio dell’avorio è spesso collegato alle attività di gruppi terroristici come Al-Shabaab, Boko Haram e i ruandesi FDLR. Organizzano già con successo i traffici continentali di minerali, droghe, armi, vendita di organi e la tratta di esseri umani. L’avorio diventa un altro mezzo illecito dove possono trarre i fondi necessari per finanziare le loro attività eversive. Grazie alle attività bracconaggio di questi gruppi terroristici africani la maggioranza dei profitti provenienti dalla vendita illegale di avorio entrano nei circuiti internazionali del terrorismo e dei network della criminalità organizzata. È sempre difficile quantificare il giro d’affari del mercato nero ma, a livello mondiale si stima che il traffico di avorio genera annualmente circa 19 miliardi di dollari di profitti.

Il primo responsabile del commercio internazionale di avorio è la Cina con 42 tonnellate comprate ogni anno. La maggior parte dell’avorio africano arriva in Cina sotto forma di materiale grezzo che viene successivamente lavorato nella florida industria artigianale cinese. Diverse organizzazioni occidentali cercano di sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale e di lottare contro questo crimine. La maggioranza dei paesi occidentali hanno parzialmente vietato la vendita di avorio fin dagli anni Novanta e fanno pressioni affinché le leggi internazionali contro il commercio illegale dell’avorio vengano rafforzate. In prima posizione in questa nobile guerra si trovano gli Stati Uniti. Nel luglio 2014 il presidente Barak Obama ha firmato un Ordine Esecutivo che obbliga il paese ad aumentare gli sforzi contro i trafficanti mondiali che riducono i benefici economici, sociali, turistici ed ambientali di molti paesi africani.

La lotta dell’Amministrazione Obama contro il commercio illegale di avorio non è certo una novità per la Casa Bianca. Fin dal 1989 gli Stati Uniti sono stati tra i primi paesi occidentali a proibire parzialmente in commercio dell’avorio. All’epoca il Congresso approvò il African Elephants Conservation Act con l’intento di limitare il commercio di oggetti in avorio ad eccezione dei pezzi di artigianato antichi. Venti anni fa gli Stati Uniti hanno firmato i trattati internazionali contro il commercio dell’avorio del CITES (Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie in via di Estinzione). Nel febbraio 2014 l’Ordine Presidenziale Diretto n. 210 ha rinforzato il divieto sull’avorio esclusi gli oggetti di antiquariato e quelli che sono stati importati nel paese prima del 26 febbraio 1976. Come normale in un Mondo Unilaterale anche per l’avorio i media occidentali ci propongono una storia semplice e lineare. Da una parte abbiamo i Bad Guys: Cina e altri paesi asiatici come Thailandia e Vietnam che commerciano in avorio causando l’estinzione degli elefanti e rinoceronti africani. Dall’altra abbiamo i Good Guys: Europa e Stati Uniti che tentano di rendere illegale il commercio e lottano contro i trafficanti internazionali.

Come al solito la Propaganda si infrange contro la Realtà. Gli Stati Uniti sono il primo mercato mondiale per l’avorio legale ed illegale. La quantità di avorio commercializzata in America supera quella commercializzata in Cina. Tra i due paesi esistono forti legami economici relativi al commercio dell’avorio. La Cina lavora la materia grezza e gli Stati Uniti importano i prodotti finiti “Made in China”. Se la Cina è il principale compratore di avorio gli Stati Uniti sono il principale consumatore mondiale. Il famoso sito di annunci economici online Craigslist vende ogni anno 15 milioni di dollari di prodotti in avorio secondo un recente rapporto redatto da International Fund for Animal Welfare (IFAW) e Wildlife Conservation Society (WCS). Il rapporto è frutto di una ricerca di prodotti in avorio venduti dal sito online durata una settimana e condotta in 28 città americane. In solo cinque giorni (dal 16 al 20 marzo 2015) 456 prodotti in avorio e 75 prodotti collegati ad animali selvaggi (quale pelle di elefante) sono stati venduti su Craigslist per un valore di un milione di dollari. Ogni anno Craigslist vende 6.600 prodotti in avorio. San Francisco e Los Angeles sono i principali mercati nazionali. La maggioranza dell’avorio venduto da Craigslist proviene dalla Cina e da altri paesi asiatici. Peter LaFontaine, un funzionario del IFAW accusa Craigslist di non fare sufficienti sforzi per interrompere la vendita online di avorio.

Purtroppo Craigslist rappresenta solo la punta del iceberg del mercato statunitense dell’avorio. In netto contrasto con la propaganda governativa l’Amministrazione Obama pone scarsa attenzione al commercio domestico di avorio nonostante che gli Stati Uniti siano il primo mercato occidentale per i prodotti asiatici. Il commercio illegale di avorio negli Stati Uniti è poco monitorato e le leggi sono inadeguate ed ambigue. Se ciò non bastasse le agenzie governative addette al monitoraggio e alla lotta dell’avorio illegale sono sotto finanziate e con un personale insufficiente. Ci sono in tutto il paese 200 agenti di sorveglianza contro il commercio illegale di avorio. Un numero irrilevante se pensiamo che una singola indagine richiede 18 mesi e coinvolge almeno 30 agenti. L’agenzia sul monitoraggio del commercio di avorio ha lo stesso personale degli anni Settanta nonostante che negli anni Novanta e Duemila il commercio in nero d’avorio sia drasticamente aumentato nel paese.

Il commercio d’avorio è un affare miliardario che accontenta tutti. La materia prima in Africa è venduta a 750 dollari al chilo. Gli oggetti lavorati in Cina sono venduti sul mercato internazionale a 1.500 dollari al chilo. I commercianti americani vendono questi oggetti a 2.500 dollari al chilo. Una zanna pesa mediamente 14 chili. Quindi su ogni esemplare abbattuto i bracconieri africani guadagnano 147.000 dollari, le ditte artigianali cinesi 249.000 dollari e i venditori americani 490.000 dollari. Secondo la recente inchiesta della IFAW, oltre 24.740 articoli in avorio e 3.209 trofei di elefanti con le due zanne incorporate sono stati venduti negli Stati Uniti tra il 2009 e il 2012. Queste cifre sono in drammatico aumento a partire dal 2013. In America comprare oggettistica in avorio è il nuovo trend mondano. Ogni mese sono venduti su aste online oggetti di avorio per una media di 2,5 milioni di dollari. L’avorio illegale entra negli Stati Uniti camuffato da avorio legale grazie alla corruzione della polizia di frontiera e alla farraginosa legislazione in materia. Gli Stati Uniti hanno proibito l’avorio proveniente da elefanti africani mentre accettano quello proveniente da elefanti asiatici. Le vendite di oggetti in avorio antichi di 100 anni o importati nel paese prima del 1976 sono considerate legali. Per i trafficanti internazionali è facilissimo far passare avorio africano per avorio asiatico e oggetti in avorio fabbricati due settimane prima come pezzi di antiquariato o oggettistica importata prima del 1976.

Di norma il governo americano permette la vendita di avorio senza certificazioni statali ad eccezione per i pezzi di antiquariato. È il venditore che garantisce l’origine del prodotto sotto la sua responsabilità giuridica. Questo rappresenta un serio problema per l’applicazione delle legge sul contrabbando di avorio. Durante le indagini su lotti di avorio illegale anche le attrezzature tecnologiche più sofisticate non riescono a determinare con esattezza se si tratta di avorio “vecchio” o di avorio proveniente da elefanti asiatici. Le uniche certificazioni sicure sono quelle prodotte in laboratorio. Visto il loro elevato costo sono fuori dalla capacità finanziaria dello stato federale. Gran parte dell’oggettistica in avorio viene dichiarata come pezzi di antiquariato tramite falsi certificati redatti da ufficiali pubblici corrotti. La corruzione porta ogni anno nelle tasche di questi ufficiali la ragguardevole cifra di 2 milioni di dollari. Nella maggioranza dei porti americani le autorità doganali non ispezionano navi sospettate di trasportare container di avorio illegale anche quando ricevono una segnalazione ufficiale. Il traffico di avorio, di prodotti legati e di animali rari non è considerato un reato maggiore e viene punito con un multa non superiore ai 100.000 dollari e la confisca del prodotto.

L’oggettistica in avorio confiscata viene rivenduta sul mercato sia a causa di agenti di polizia disonesti sia a causa dei piani di finanziamento occulto del governo americano. L’avorio come la droga serve per finanziare le attività sovversive che gli Stati Uniti compiono all’estero contro le nazioni considerate “nemiche”. Se la Cina è il primo fornitore di avorio i cacciatori americani sono i secondi. Partecipano ai safari in Africa uccidendo decine di elefanti di cui zanne sono fatte uscire dal paese tramite corruzione e vendute al mercato nero in America. La legge statunitense prevede che se un cittadino americano uccide personalmente un elefante in una riserva di caccia a pagamento ha il diritto di importare nel paese i trofei, comprese le zanne. Questa protezione giuridica è garantita grazie allo statuto sociale. I cacciatori di elefanti americani appartengono alla “Society” i ricchi. Quel 1% che comanda nella più grande democrazia occidentale. In Uganda la caccia nelle riserve è gestita da un italiano, ex militare e mercenario, che gode della protezione delle alte gerarchie dell’esercito. Parte delle quote per partecipare ad una battuta di caccia in Uganda pagate dai cacciatori americani (circa 8.000 dollari) serve per corrompere i funzionari della dogana ugandese per permettere l’esportazione dell’avorio. La parte corrisposta ai generali assicura una esportazione senza problemi e difficoltà.

Il commercio illegale di avorio è un problema interno agli Stati Uniti nonostante che i vari governi abbiano sempre accusato altri paesi e fanno a gara per dimostrare il loro impegno contro il traffico internazionale di avorio”, accusa Elizabeth Bennett vice presidente della associazione in difesa delle razze animali in via di estinzione: Wildlife Conservation Society. Le nuove misure legislative che sono sotto analisi del Congresso risultano inefficaci prima ancora che vengano approvate in quanto non tengono in considerazione l’obbligo dello Stato di certificare l’origine dell’oggettistica in avorio. Anche per le importazioni il certificato di origine CITES non è obbligatorio. Bastano delle semplice autocertificazioni.

Le certificazioni di origine dell’avorio sono facili da falsificare come quelle dei minerali provenienti dalla zone di conflitto. Questa facilità (ben nota ai potenti e ai politici) trasforma tutte le leggi che non prevedono un divieto assoluto di commercializzazione dell’avorio in pura propaganda politica come la recente legge varata dal Parlamento Europeo sui minerali di guerra, venduta agli ignari cittadini europei come una conquista storica. In realtà un cinico inganno compiuto da parlamentari europei in totale mala fede impegnati ad accrescere la propria popolarità per mantenere gli ingiustificati e vergognosi stipendi offerti dal Parlamento Europeo.

Tutte le leggi su avorio, traffico di esseri umani e di minerali di guerra che non prendono in considerazione il nocciolo del problema (gli interessi di governi e multinazionali) sono destinate a fallire come la legge sui minerali illegali dal Congo: la Frank-Dott Act. Anche la decisione presa lo scorso febbraio da Pechino di attuare una moratoria di un anno sugli acquisti di avorio dall’Africa sembra essere un gesto simbolico nei migliori dei casi o un atto di pura propaganda. “In tutti i modi rappresenta un importante ammissione da parte del governo cinese delle sue responsabilità sul commercio illegale dell’avorio. La Cina per decenni ha negato di essere tra i responsabili dell’estinzione di elefanti e rinoceronti in Africa”, afferma Sammi Li, la portavoce di TRAFFIC, associazione di monitoraggio sul traffico internazionale di animali.

Le organizzazioni internazionali in difesa della natura e coraggiosi giornalisti free lance stanno progressivamente spingendo l’opinione pubblica a premere sui propri governi affinché rinforzino le leggi contro il traffico d’avorio. Stanno inoltre aumentare il grado di responsabilità dei consumatori. Per paura di pubblicità negativa molti holding del commercio online come eBay o Etsy si dichiarano pronti a cooperare per rafforzare le leggi anti commercio di avorio e per ridurre il traffico connesso alle vendite nelle loro piattaforme. Anche Craingslist ha promesso di cooperare. Purtroppo queste promesse nascondono gli stessi trucchi delle multinazionali occidentali minerarie che assicurano di comprare minerali solo in paesi africani liberi da conflitti. Una vergognosa bugia in quanto il 69% della produzione di minerali preziosi proviene da: Sudan, Congo e Repubblica Centro Africana, tutti paesi afflitti da guerre civili. Nel caso dell’avorio le holding delle vendite online sono estremamente coscienti di quanto sia difficile regolare il mercato di questo genere di lusso. Per un venditore di prodotti in avorio è sufficiente eliminare la parola “avorio” dalla descrizione dell’articolo in vendita online. Ebay e le altre holding non andranno mai ad indagare sul prodotto offerto, limitandosi a riscuotere la provvigione sulle vendite. Nessuno saprà di cosa realmente si tratti ad eccezione dei compratori veramente interessati. Secondo Sammi Li ogni compra vendita di oggettistica in avorio deve essere resa illegale, senza eccezioni e i venditori e gli acquirenti perseguiti a livello giudiziario e severamente condannati. Solo cosi’ si potrà porre fine al genocidio dei pachidermi africani. Ogni altra mezza misura non serve a nulla.

I capi di stato africani e alcune compagnie del commercio internazionale si sono recentemente riuniti in Congo Brazzaville per una conferenza durata quattro giorni e concentrata sulla guerra al bracconaggio e alla vendita di avorio in Africa. L’evento si è focalizzato su come sviluppare una strategia tutta africana e un piano di azione comune per combattere il commercio illegale delle risorse naturali e della fauna continentale. “I capi di stato africani sembrano veramente intenzionati a combattere il traffico d’avorio. Il fatto che molti paesi africani si sono riuniti nel tentativo di trovare soluzioni adeguate e per inserire nelle loro agende politiche la lotta contro il traffico d’avorio è la più chiara dimostrazione della loro buona volontà. Penso che questa conferenza rappresenti il punto di non ritorno per la protezione della natura selvaggia in Africa. In molti paesi come il Kenya o l’Etiopia possiamo notare dei reali cambiamenti in positivo nella lotta contro il traffico d’avorio”, dichiara Charly Facheux vice presidente della Conservation for the African Wildlife Foundation.

Il paese africano all’avanguardia nella lotta contro il traffico d’avorio è il Botswana, che ha imposto un quasi completo divieto di cacciare gli elefanti a partire dal gennaio 2014. La decisione è scaturita dopo lo scandalo sofferto nel 2012 che ha causato una grave pubblicità negativa al paese dove l’industria turistica è importante quanto quella dei diamanti. All’epoca la caccia agli elefanti nel paese interessò le prime pagine dei giornali di tutto il mondo a causa della battuta di caccia fatta dal re di Spagna Juan Carlos durante il periodo più difficile della crisi economica nel suo paese. Una fotografia con lui ritratto in posa davanti ad un elefante abbattuto scatenò la condanna dell’opinione pubblica mondiale nonostante che le compagnie di safari si affrettarono ad affermare che la caccia era controllata e contribuiva ai piani di conservazione della specie.

La polizia e l’esercito del Botswana stanno realmente combattendo i trafficanti d’avorio. Il paese in soli due anni è diventato il santuario di centinaia di migliaia di elefanti che di fatto sono divenuti dei rifugiati politici essendo fuggiti dai paesi vicini dove sono cacciati senza pietà. Dopo 100 ore di sorveglianza aerea, Mike Chase, co-fondatore di Elephant Without Borders ha calcolato che attualmente in Botswana vivono 130.000 elefanti. La popolazione totale in Africa è stimata a 470.000 esemplari. “Questi animali sono estremamente intelligenti. Quando vengono disturbati nei vicini paesi si spostano in Botswana perché conoscono che qui sono protetti e possono vivere al sicuro dai bracconieri”, afferma Chase. Il Ministro dell’Ambiente Tshekedi Khama è determinato a mantenere il record del Botswana di primo paese africano protettore dei pachidermi. “Gli elefanti troveranno sempre un rifugio nel nostro paese e noi continueremo ad assisterli poiché se non salvaguardiamo noi le nostre specie nessuno potrà farlo al nostro posto” afferma il ministro Khama.

 

Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@Fulviobeltrami

Attentato a Parigi. Un’ondata di terrore assai prevedibile.

10 Gen
In ultima analisi Stephane Charb, come gli altri suoi colleghi, sono stati vittime della politica estera francese. A forza di seminare morte e terrore in nome della “democrazia” in Africa, Asia, America Latina e Medio Oriente, era prevedibile che qualcuno pensasse di seminare morte e terrore in nome dell’Islam in Francia, interpetando a fini politici le sacre scritture del Corano. Interpretazione politica di cui la Chiesa Cattolica è esperta da secoli.

Comodo fare la guerra a casa altrui, nascondere all’opinione pubblica le centinaia di migliaia di morti civili (donne e bambini compresi) con la barzelletta delle “bombe intelligenti” e pretendere la pace in casa propria creando muri per impedire non i flussi migratori della finanzia o delle merci, ma degli esseri umani.

Chi ha visto la moglie e i suoi bambini ammazzati dalle bombe intelligenti e chi subisce ogni giorno la totale negazione dei diritti, costretto ad un futuro di povertá estrema e totalmente ingiustificata diventa facile preda dell’odio e dell’estremismo, quindi disponibile ad attentati suicida.

A mio avviso questi attentati (facili da compiere) e molto mediatici, aumenteranno nelle capitali occidentali.

Queste cittá sono vulnerabili in quanto da cinquanta anni (dopo la seconda guerra mondiale) l’Europa Occidentale non è più abituata ad una situazione di conflitto al contrario dei milioni di esseri umani che vivono e spesso muoiono in Libano, Palestina, Iraq, Afganistan, Siria, Grandi Laghi, Repubblica Centroafricana, Mali, Libia, Congo, Nigeria, Colombia, Pakistan. Tutti paesi devastati in nome della nostra democrazia che cela interessi economici ben precisi e rientranti in una lista che sembra destinata ad aumentare parallelamente alla scarsitá di petrolio e alle necessitá di controllo occidentale delle materie prime.

I governi occidentali reagiranno prendendosela con gli immigrati africani e medio orientali di religione mussulmana che abitano in Occidente, facendo cosi’ il gioco dell’estremismo islamico, regalandogli nuove reclute.

Un estremismo che, non dimentichiamoci, è stato creato da Stati Uniti, Francia ed Inghilterra, da Bin Laden in poi…

Nello scontro tra religioni chi ha tutto da perdere e parte da sconfitto in partenza siamo proprio noi occidentali a meno che facciamo comprendere ai nostri governi che è ora di cambiare rotta e ragionare sotto altre ottiche, più umane. Anche se i nostri media lo nascondono, il processo di rifiuto della violenza cieca e’ già iniziato nel mondo mussulmano …

Le mie più sentite condoglianze vanno alle famiglie dei colleghi francesi che hanno pagato con la vita la libertá di ‘libera espressione‘. Alle famiglie delle vittime civili e dei poliziotti che hanno tentato di difenderle. Condoglianze che si associano a quelle che porgo alle famiglie di centinaia di migliaia di vittime dell’imperialismo francese e americano massacrate in sperduti villaggi di montagna in Afganistan dai droni americani o a colpi di machete a Bangui sotto lo sguardo indifferente dei soldati francesi. Vittime che sembrano non avere volto ne’ nomi poichè non ritenute degne di cattuare l’interesse dei nostri media in quanto mussulmani e negri.

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda
@FulvioBeltrami

Perché l’Occidente voleva la caduta di Muammar Gheddafi? Un’analisi in difesa del rais libico dal professor Jean-Paul Pougala

27 Giu

Gli Africani dovrebbero pensare alle vere ragioni per cui i paesi occidentali stanno conducendo la guerra in LibiaJeanPaul Pougala, scrive un un’analisi che ripercorre il ruolo del paese.

Per lUnione Africana lo sviluppo del continente era la Libia di Gheddafi che ha offerto a tutta l’Africa la sua prima rivoluzione in tempi moderni collegando l’intero continente attraverso il telefono, la televisione, le trasmissioni radiofoniche e diverse altre applicazioni tecnologiche come la telemedicina e l’insegnamento a distanza grazie al ponte radio WMAX, una connessione a basso costo che è stata resa disponibile in tutto il continente, anche nelle zone rurali.

Tutto è iniziato nel 1992, quando 45 nazioni africane stabilirono RASCOM (Satellite African Regional Communication Organization), in modo che l’Africa avrebbe avuto un proprio satellite e tagliare i costi di comunicazione nel continente.
Questo è stato un momento in cui le telefonate, da e verso l’Africa, erano le più costose del mondo a causa dei 500 milioni di dollari di tassa annuale intascati dall‘Europa per l’utilizzo dei suoi satelliti come Intelsat per le conversazioni telefoniche, comprese quelle all’interno dello stesso paese.
Un satellite africano è costato una sola volta il pagamento di 400 milioni di dollari e il continente non ha più dovuto pagare un leasing annuale di 500 milioni di dollari. Quale banchiere non avrebbe finanziato un progetto del genere? Ma il problema è rimasto; come possono gli schiavi, cercare di liberarsi dallo sfruttamento del loro padrone chiedendo aiuto al capo di conseguire alla loro libertà? Non sorprende visto che la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, Stati Uniti, Europa hanno fatto solo vaghe promesse per 14 anni. Gheddafi ha messo fine a questi futili motivi dei benefattori’ occidentali con i loro tassi di interesse esorbitanti. Lui stesso ha messo 300 milioni di dollari sul tavolo; la Banca Africana per lo Sviluppo ha aggiunto 50 milioni di US $ in più e la Banca per lo Sviluppo dell’Africa Occidentale un ulteriore 27 milioni di dollari. Ed è così che l’Africa ha avuto il suo primo satellite per le comunicazioni, il 26 dicembre 2007. 

La Cina e la Russia hanno seguito l’esempio e condiviso la loro tecnologia e ci hanno aiutato a lanciare satelliti in Sud Africa, Nigeria, Angola, Algeria e un secondo satellite africano è stato lanciato nel luglio 2010. Il primo satellite completamente indigeno costruito e realizzato sul suolo africano, in Algeria, sarà pronto per il 2020. Questo satellite è destinato a competere con i migliori al mondo , ma a dieci volte meno del costo, una vera e propria sfida. Questo spiega come un semplice gesto simbolico di US $ 300 milioni abbia cambiato la vita di un intero continente. La Libia di Gheddafi è costato l’Occidente, non solo privandolo di US $ 500 milioni all’anno, ma per i miliardi di dollari di debito e degli interessi che il prestito iniziale avrebbe generato per gli anni a venire e in maniera esponenziale, contribuendo in tal modo a mantenere un sistema occulto al fine di saccheggiare il continente.

30 miliardi di dollari congelati da Obama appartengono alla Banca Centrale Libica ed erano stati stanziati come contributo libico a tre progetti chiave che avrebbero aggiunto il tocco finale alla Federazione Africana l’African Investment Bank a Sirte, in Libia, l’istituzione del Fondo Monetario Africano che nel 2011 è stata basata in Yaounde con un fondo di capitale di 42 miliardi di dollari e la Banca Centrale Africana con sede ad Abuja, in Nigeria, che quando inizieranno a stampare denaro africano suonerà la campana a morto per il franco CFA attraverso il quale Parigi è stata in grado di mantenere la sua presa su alcuni paesi africani per gli ultimi 50 anni. E’ facile capire l’ira francese contro Gheddafi.

Il Fondo monetario africano è previsto per soppiantare totalmente le attività africane del Fondo Monetario Internazionale, che con soli 25 miliardi di dollari, è in grado di portare un intero continente in ginocchio e fargli ingoiare privatizzazioni discutibili come costringere i paesi africani a passare dal settore pubblico a monopoli privati​​. Non sorprende quindi che il 1617 Dicembre 2010, gli africani abbiano respinto all’unanimità i tentativi dei paesi occidentali di aderire al Fondo Monetario Africano, dicendo che era aperto solo alle nazioni africane. E ‘sempre più evidente che, dopo la Libia, la coalizione occidentale andrà verso l’Algeria, perché a parte le sue enormi risorse energetiche, il Paese ha riserve di liquidità di circa 150 miliardi. Questo è ciò che attira i paesi che stanno bombardando la Libia e tutti hanno una cosa in comune sono praticamente in bancarotta.

I soli Stati Uniti, hnno un debito impressionante di 14, 000 miliardi $ US, Francia, Gran Bretagna e Italia hanno ciascuno 2,000 miliardi US $ di deficit pubblico rispetto ai meno di 400 miliardi di dollari di debito pubblico per i 46 paesi africani messi insieme. Istigano guerre sporche in Africa, nella speranza che questo possa rivitalizzare le loro economie che stanno sprofondando sempre più nella stasi della fine e accelerare il declino occidentale che in realtà è iniziata nel 1884 durante la famigerata conferenza di Berlino. Come l’economista americano Adam Smith predisse nel 1865 quando ha pubblicamente sostenuto Abraham Lincoln per l’abolizione della schiavitù, l’economia di qualsiasi paese che si basa sulla schiavitù dei neri è destinata a scendere negli inferi il giorno in cuiquei paesi si risvegliano‘.

UNITÀ REGIONALE COME UN OSTACOLO PER LA CREAZIONE DI UN STATI UNITI D’AFRICA
Per destabilizzare e distruggere l’Unione africana che stava virando pericolosamente (per l’Occidente) verso gli Stati Uniti d’Africa sotto la guida di Gheddafi, l’Unione europea prima ha provato, senza successo, a creare l‘Unione per il Mediterraneo (UPM). Il Nord Africa in qualche modo doveva essere tagliato fuori dal resto dell’Africa, utilizzando il vecchio cliché razzista dei secoli 18 e 19, che sosteneva che gli africani di origine araba erano più evoluti e civilizzati rispetto al resto del continente. Questo non è riuscita perché Gheddafi ha rifiutato di farsi comprare. Ben presto ha capito a che gioco veniva invitato a giocare quando solo una manciata di paesi africani sono stati invitati ad aderire al gruppo del Mediterraneo senza informare l’Unione Africana, ma invitando tutti i 27 Stati membri dell’Unione europea.

Senza la forza trainante della Federazione africana, l’UPM fallito ancora prima di iniziare, nato morto con Sarkozy come presidente e Mubarak come vice presidente. Il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé ora sta tentando di rilanciare l’idea, speculando senza dubbio sulla caduta di Gheddafi. Ciò che i leader africani non riescono a capire è che, fintanto che l’Unione Europea continua a finanziare l’Unione Africana, lo status quo rimarrà, perché non ci sarà nessuna vera indipendenza. Questo è il motivo per cui l’Unione Europea ha promosso e finanziato raggruppamenti regionali in Africa. E ‘ovvio che la Comunità Economica dell’Africa Occidentale (ECOWAS), che ha un’ambasciata a Bruxelles e dipende per la maggior parte dei suoi finanziamenti sull’Unione Europea, è un avversario fastidioso alla Federazione Africana.

Ecco perché Lincoln ha combattuto nella guerra di secessione degli Stati Uniti, perché il momento in cui un gruppo di paesi si riuniscono in una organizzazione politica regionale, indebolisce il gruppo principale. Questo è ciò che l’Europa ha voluto e gli africani non hanno mai capito il piano di gioco, creando una pletora di gruppi regionali, COMESA, UDEAC, SADC, e il Grande Maghreb che non ha mai visto la luce del giorno grazie a Gheddafi che aveva capito cosa stava succedendo.

GHEDDAFI, LAFRICANO CHE HA PURIFICATO IL CONTINENTE DALL’UMILIAZIONE DELL’APARTHEID
Per la maggior parte degli africani, Gheddafi è un uomo generoso, un umanista, conosciuto per il suo sostegno disinteressato per la lotta contro il regime razzista in Sud Africa. Se fosse stato un egoista, non avrebbe rischiato l’ira dell’Occidente per aiutare l’ANC sia militarmente che finanziariamente nella lotta contro l’apartheid. Questo era il motivo per cui Mandela, subito dopo la sua liberazione da 27 anni di carcere, ha deciso di rompere l’embargo delle Nazioni Unite viaggiando in Libia il 23 ottobre 1997. Per cinque lunghi anni, nessun aereo ha potuto atterrare in Libia a causa dell’embargo. Nel bisogno era necessario prendere un aereo per la città tunisina di Jerba e proseguire su strada per cinque ore per raggiungere Ben Gardane, attraversare il confine e proseguire su una strada nel deserto per tre ore prima di raggiungere Tripoli.
L’altra soluzione era quella di passare per Malta e traghettare nella notte su imbarcazioni rischiose fino alla costa libica. Un viaggio infernale per un intero popolo, semplicemente per punire un uomo. Mandela non usa mezzi termini quando l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton disse che la visita è stata sgradita’ dagli USA Nessun paese può pretendere di essere il poliziotto del mondo e nessuno Stato può dettare all’altro ciò che deve fare‘.
E ha aggiunto . Quelli che ieri erano amici dei nostri nemici hanno la faccia tosta oggi per dirmi di non visitare il mio fratello Gheddafi, ci consigliano di essere ingrati e dimenticare i nostri amici del passato‘, infatti, l’Occidente ancora consideravano il Sud africani razzisti per essere loro fratelli che avevano bisogno di essere protetti. Ecco perché i membri dell’ANC, tra cui Nelson Mandela, erano stati considerati pericolosi terroristi.

E ‘stato solo il 2 luglio 2008, che il Congresso degli Stati Uniti, infine, ha votato una legge per rimuovere il nome di Nelson Mandela e dei suoi compagni dell’ANC dalla loro lista nera, non perché si sono resi conto di quanto stupido era la lista, ma perché volevano celebrare il 90 ° compleanno di Mandela . Se l’Occidente era veramente dispiaciuto per il suo sostegno passato ai nemici di Mandela e veramente sincero quando chiamano le strade e i luoghi a suo nome, come possono continuare a fare la guerra contro qualcuno che ha aiutato Mandela e il suo popolo ad essere vittoriosi su Gheddafi? Sono GLI STESSI DEMOCRATICI, coloro che vogliono esportare la democrazia ? E se la Libia di Gheddafi fosse più democratica degli Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e altri paesi che muovono macchine da guerra per esportare la democrazia in Libia?

Il 19 marzo 2003, il presidente George Bush ha cominciato a bombardare l’Iraq con il pretesto di portare la democrazia. Il 19 marzo 2011, esattamente otto anni dopoo, è stato il turno del presidente francese a far piovere bombe sulla Libia, ancora una volta, sostenendo che era per portare la democrazia. Il vincitore del premio Nobel per la pace il presidente Usa Obama disse che il suo scopo era quello di spodestare il dittatore e introdurre la democrazia. scatenando missili da crociera dai sottomarini. La domanda che chiunque con intelligenza, anche minima, non può fare a meno di chiedere è la seguente: sono paesi come la Francia, l’Inghilterra, gli Stati Uniti, Italia, Norvegia, Danimarca, Polonia, che difendono il loro diritto a bombardare la Libia sulla forza del loro auto proclamato stato democratico veramente democratica ? Se sì, essi sono più democratici della Libia di Gheddafi?

La risposta in realtà è un clamoroso NO, per la ragione pura e semplice che la democrazia non esiste. Questo non è un parere personale, ma una citazione di qualcuno nato della città di Ginevra, che ospita la maggior parte delle istituzioni delle Nazioni Unite. La citazione è di Jean Jacques Rousseau, nato a Ginevra nel 1712 e che scrive nel quarto capitolo del terzo libro del famoso ‘contratto socialeche non c’è mai stata una vera democrazia e non ci sarà mai.
Rousseau enuncia quattro condizioni per un paese ad etichettare una democrazia e in base a questi la Libia di Gheddafi è molto più democratico degli Stati Uniti, la Francia e gli altri che sostengono di esportare la democrazia:.

1 lo Stato: più grande è un paese, meno democratico può essere. Secondo Rousseau, lo Stato deve essere estremamente piccolo in modo che le persone possono incontrarsi e conoscersi. Prima di chiedere alla gente di votare, si deve garantire che tutti conoscano tutti, altrimenti il voto sarà un atto senza alcuna base democratica, un simulacro di democrazia per eleggere un dittatore. Lo stato libico si basa su un sistema di alleanze tribali, per definizione gruppo di persone insieme in piccole entità. Lo spirito democratico è molto più presente in una tribù, in un villaggio che in un grande paese, semplicemente perché le persone si conoscono, condividono un ritmo di vita comune, che comporta una sorta di auto-regolamentazione o addirittura auto-censura. Da questo punto di vista, sembrerebbe che la Libia si adatta alle condizioni di Rousseau meglio di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, tutte società altamente urbanizzate dove la maggior parte dei vicini non si dicono nemmeno ciao a vicenda e quindi non si conoscono, anche se hanno vissuto fianco a fianco per 20 anni. Questi paesi hanno scavalcato questa fase saltando alla fase successiva voto che è stato abilmente santificato per offuscare il fatto che votare sul futuro del paese è inutile se l’elettore non conosce gli altri cittadini. Questo è stato spinto ai limiti ridicoli con diritto di voto che viene data alle persone che vivono all’estero. Comunicare è una precondizione per qualsiasi dibattito democratico prima delle elezioni.

2. Semplicità nelle abitudini e modelli di comportamento sono inoltre essenziali se si vuole evitare di spendere la maggior parte del tempo a discutere su procedure legali e giudiziarie al fine di far fronte alla moltitudine di conflitti di interesse inevitabili in una società grande e complessa. I Paesi occidentali definiscono loro stessi nazioni civili con una struttura sociale più complessa mentre la Libia è descritta come un paese primitivo con un semplice insieme di costumi. Questo aspetto indica che la Libia corrisponde meglio ai criteri democratici di Rousseau di tutti coloro che cercano di dare lezioni di democrazia. I conflitti nelle società complesse sono più spesso vinte da chi ha più potere, motivo per cui i ricchi riescono a evitare la prigione, perché possono permettersi di assumere migliori avvocati e invece organizzarsi per la repressione dello Stato che invece sarà diretto contro qualcuno che ha rubato una banana in un supermercato piuttosto che ad un criminale finanziario che ha rovinato una banca. Nella città di New York, per esempio, dove il 75 per cento della popolazione è bianca, l’80 per cento dei posti di direzione sono occupati da bianchi che costituiscono solo per  il 20 per cento delle persone incarcerate.

3. Parità di status e di ricchezza:. Uno sguardo alla classifica di Forbes 2010 mostra che le persone più ricche sono in ciascuno dei paesi che attualmente bombardano la Libia; un esercizio simile sulla Libia rivelerà che in termini di distribuzione della ricchezza, la Libia ha molto più da insegnare a coloro che combattono ora, e non il contrario. Quindi anche qui, utilizzando i criteri di Rousseau, la Libia è più democratica delle nazioni stanno pomposamente fingendo di portare la democrazia. Negli Stati Uniti, il 5 per cento della popolazione possiede il 60 per cento della ricchezza nazionale, il che rende la società più ineguale e squilibrata nel mondo.

4 No lussi:. Secondo Rousseau non ci può essere alcun lusso se ci deve essere la democrazia. Il lusso, dice, fa della ricchezza una necessità che diventa poi una virtù in sé, e non il benessere del popolo diventando l’obiettivo da raggiungere a tutti i costi, il lusso corrompe sia il ricco che il povero, l’uno attraverso il possesso e l’altro per invidia; rende la nazione morbida e preda della vanità; allontana la gente dallo Stato e li rende schiavi ‘.
C’è
più lusso in Francia che in Libia? Le relazioni sui dipendenti che commettono suicidio a causa delle condizioni di lavoro stressanti anche in aziende pubbliche o semi-pubbliche, tutto in nome della massimizzazione del profitto per una minoranza e il loro mantenimento nel lusso, accade in Occidente, non in Libia. Il sociologo americano C. Wright Mills scrisse nel 1956 che la democrazia americana è stata una dittatura della eliteSecondo Mills, gli Stati Uniti non è una democrazia perché è il denaro che parla durante le elezioni e non il popolo. I risultati di ogni elezione sono l’espressione della voce dei soldi e non la voce del popolo.

Dopo Bush senior e Bush junior, stanno già parlando di un più giovane Bush per le primarie repubblicane del 2012. Inoltre, come Max Weber ha sottolineato, dal momento che il potere politico dipende dalla burocrazia, gli Stati Uniti hanno 43 milioni di burocrati e militari che governano efficacemente il paese, ma senza essere eletto e non sono responsabili per le persone per le loro azioni. Una persona (un ricco) viene eletto, ma il potere reale sta con la casta dei ricchi, che poi vengono nominato per essere ambasciatori, generali, ecc.

 

Questo è solo una breve accenno del lungo articolo di Jean-Paul Pougala diviso in 5 parti che
puoi leggere
QUI in inglese

Why the West wanted the fall of Muammar Gaddafi? An analysis in defense of the Libyan rais “

26 Giu

Africans should think about the real reasons why western countries are waging war on Libya, writes Jean-Paul Pougala, in an analysis that traces the country’s role in shaping the African Union and the development of the continent.

It was Gaddafi’s Libya that offered all of Africa its first revolution in modern times – connecting the entire continent by telephone, television, radio broadcasting and several other technological applications such as telemedicine and distance teaching. And thanks to the WMAX radio bridge, a low cost connection was made available across the continent, including in rural areas. It began in 1992, when 45 African nations established RASCOM (Regional African Satellite Communication Organization) so that Africa would have its own satellite and slash communication costs in the continent.

This was a time when phone calls to and from Africa were the most expensive in the world because of the annual US$500 million fee pocketed by Europe for the use of its satellites like Intelsat for phone conversations, including those within the same country. An African satellite only cost a onetime payment of US$400 million and the continent no longer had to pay a US$500 million annual lease. Which banker wouldn’t finance such a project? But the problem remained – how can slaves, seeking to free themselves from their master’s exploitation ask the master’s help to achieve that freedom? Not surprisingly, the World Bank, the International Monetary Fund, the USA, Europe only made vague promises for 14 years. Gaddafi put an end to these futile pleas to the western ‘benefactors’ with their exorbitant interest rates. The Libyan guide put US$300 million on the table; the African Development Bank added US$50 million more and the West African Development Bank a further US$27 million – and that’s how Africa got its first communications satellite on 26 December 2007. China and Russia followed suit and shared their technology and helped launch satellites for South Africa, Nigeria, Angola, Algeria and a second African satellite was launched in July 2010. The first totally indigenously built satellite and manufactured on African soil, in Algeria, is set for 2020. This satellite is aimed at competing with the best in the world, but at ten times less the cost, a real challenge. This is how a symbolic gesture of a mere US$300 million changed the life of an entire continent.

Gaddafi’s Libya cost the West, not just depriving it of US$500 million per year but the billions of dollars in debt and interest that the initial loan would generate for years to come and in an exponential manner, thereby helping maintain an occult system in order to plunder the continent.

AFRICAN MONETARY FUND, AFRICAN CENTRAL BANK, AFRICAN INVESTMENT BANK
The US$30 billion frozen by Mr Obama belong to the Libyan Central Bank and had been earmarked as the Libyan contribution to three key projects which would add the finishing touches to the African federation – the African Investment Bank in Syrte, Libya, the establishment in 2011 of the African Monetary Fund to be based in Yaounde with a US$42 billion capital fund and the Abuja-based African Central Bank in Nigeria which when it starts printing African money will ring the death knell for the CFA franc through which Paris has been able to maintain its hold on some African countries for the last fifty years. It is easy to understand the French wrath against Gaddafi. The African Monetary Fund is expected to totally supplant the African activities of the International Monetary Fund which, with only US$25 billion, was able to bring an entire continent to its knees and make it swallow questionable privatisation like forcing African countries to move from public to private monopolies. No surprise then that on 16-17December 2010, the Africans unanimously rejected attempts by Western countries to join the African Monetary Fund, saying it was open only to African nations. It is increasingly obvious that after Libya, the western coalition will go after Algeria, because apart from its huge energy resources, the country has cash reserves of around a 150 billion. This is what lures the countries that are bombing Libya and they all have one thing in common – they are practically bankrupt.

The USA alone, has a staggering debt of $US14,000 billion, France, Great Britain and Italy each have a US$2,000 billion public deficit compared to less than US$400 billion in public debt for 46 African countries combined. Inciting spurious wars in Africa in the hope that this will revitalise their economies which are sinking ever more into the doldrums will ultimately hasten the western decline which actually began in 1884 during the notorious Berlin Conference. As the American economist Adam Smith predicted in 1865 when he publicly backed Abraham Lincoln for the abolition of slavery, ‘the economy of any country which relies on the slavery of blacks is destined to descend into hell the day those countries awaken’.

REGIONAL UNITY AS AN OBSTABLE TO THE CREATION OF A UNITED STATES OF AFRICA
To destabilise and destroy the African union which was veering dangerously (for the West) towards a United States of Africa under the guiding hand of Gaddafi, the European Union first tried, unsuccessfully, to create the Union for the Mediterranean (UPM). North Africa somehow had to be cut off from the rest of Africa, using the old tired racist clichés of the 18th and 19th centuries, which claimed that Africans of Arab origin were more evolved and civilised than the rest of the continent.
This failed because Gaddafi refused to buy into it. He soon understood what game was being played when only a handful of African countries were invited to join the Mediterranean grouping without informing the African Union but inviting all 27 members of the European Union. Without the driving force behind the African Federation, the UPM failed even before it began, still-born with Sarkozy as president and Mubarak as vice president. The French foreign minister, Alain Juppe is now attempting to re-launch the idea, banking no doubt on the fall of Gaddafi. What African leaders fail to understand is that as long as the European Union continues to finance the African Union, the status quo will remain, because no real independence.

This is why the European Union has encouraged and financed regional groupings in Africa. It is obvious that the West African Economic Community (ECOWAS), which has an embassy in Brussels and depends for the bulk of its funding on the European Union, is a vociferous opponent to the African federation.
That’s why Lincoln fought in the US war of secession because the moment a group of countries come together in a regional political organisation, it weakens the main group. That is what Europe wanted and the Africans have never understood the game plan, creating a plethora of regional groupings, COMESA, UDEAC, SADC, and the Great Maghreb which never saw the light of day thanks to Gaddafi who understood what was happening.

GADDAFI, THE AFRICAN WHO CLEANSED THE CONTINENT FROM THE HUMILIATION OF APARTHEID
For most Africans, Gaddafi is a generous man, a humanist, known for his unselfish support for the struggle against the racist regime in South Africa. If he had been an egotist, he wouldn’t have risked the wrath of the West to help the ANC both militarily and financially in the fight against apartheid. This was why Mandela, soon after his release from 27 years in jail, decided to break the UN embargo and travel to Libya on 23 October 1997. For five long years, no plane could touch down in Libya because of the embargo. One needed to take a plane to the Tunisian city of Jerba and continue by road for five hours to reach Ben Gardane, cross the border and continue on a desert road for three hours before reaching Tripoli. The other solution was to go through Malta, and take a night ferry on ill-maintained boats to the Libyan coast.

A hellish journey for a whole people, simply to punish one man. Mandela didn’t mince his words when the former US president Bill Clinton said the visit was an ‘unwelcome’ one – ‘No country can claim to be the policeman of the world and no state can dictate to another what it should do’. He added – ‘Those that yesterday were friends of our enemies have the gall today to tell me not to visit my brother Gaddafi, they are advising us to be ungrateful and forget our friends of the past.’ Indeed, the West still considered the South African racists to be their brothers who needed to be protected. That’s why the members of the ANC, including Nelson Mandela, were considered to be dangerous terrorists.

Only on 2 July 2008, that the US Congress finally voted a law to remove the name of Nelson Mandela and his ANC comrades from their black list, not because they realised how stupid that list was but because they wanted to mark Mandela’s 90th birthday. If the West was truly sorry for its past support for Mandela’s enemies and really sincere when they name streets and places after him, how can they continue to wage war against someone who helped Mandela and his people to be victorious, Gaddafi?

ARE THOSE WHO WANT TO EXPORT DEMOCRACY THEMSELVES DEMOCRATS?
And what if Gaddafi’s Libya were more democratic than the USA, France, Britain and other countries waging war to export democracy to Libya? On 19 March 2003, President George Bush began bombing Iraq under the pretext of bringing democracy. On 19 March 2011, exactly eight years later to the day, it was the French president’s turn to rain down bombs over Libya, once again claiming it was to bring democracy. Nobel peace prize-winner and US President Obama says unleashing cruise missiles from submarines is to oust the dictator and introduce democracy. The question that anyone with even minimum intelligence cannot help asking is the following: Are countries like France, England, the USA, Italy, Norway, Denmark, Poland who defend their right to bomb Libya on the strength of their self proclaimed democratic status really democratic? If yes, are they more democratic than Gaddafi’s Libya?

The answer in fact is a resounding NO, for the plain and simple reason that democracy doesn’t exist. This isn’t a personal opinion, but a quote from someone whose native town Geneva, hosts the bulk of UN institutions. The quote is from Jean Jacques Rousseau, born in Geneva in 1712 and who writes in chapter four of the third book of the famous ‘Social Contract’ that ‘there never was a true democracy and there never will be.’ Rousseau sets out the following four conditions for a country to be labelled a democracy and according to these Gaddafi’s Libya is far more democratic than the USA, France and the others claiming to export democracy:

1. The State: The bigger a country, the less democratic it can be. According to Rousseau, the state has to be extremely small so that people can come together and know each other. Before asking people to vote, one must ensure that everybody knows everyone else, otherwise voting will be an act without any democratic basis, a simulacrum of democracy to elect a dictator. The Libyan state is based on a system of tribal allegiances, which by definition group people together in small entities.
The democratic spirit is much more present in a tribe, a village than in a big country, simply because people know each other, share a common life rhythm which involves a kind of self-regulation or even self-censorship in that the reactions and counter reactions of other members impacts on the group. From this perspective, it would appear that Libya fits Rousseau’s conditions better than the USA, France and Great Britain, all highly urbanised societies where most neighbours don’t even say hello to each other and therefore don’t know each other even if they have lived side by side for twenty years. These countries leapfrogged leaped into the next stage – ‘the vote’ – which has been cleverly sanctified to obfuscate the fact that voting on the future of the country is useless if the voter doesn’t know the other citizens. This has been pushed to ridiculous limits with voting rights being given to people living abroad. Communicating with and amongst each other is a precondition for any democratic debate before an election.

2. Simplicity in customs and behavioural patterns are also essential if one is to avoid spending the bulk of the time debating legal and judicial procedures in order to deal with the multitude of conflicts of interest inevitable in a large and complex society. Western countries define themselves as civilised nations with a more complex social structure whereas Libya is described as a primitive country with a simple set of customs. This aspect too indicates that Libya responds better to Rousseau’s democratic criteria than all those trying to give lessons in democracy. Conflicts in complex societies are most often won by those with more power, which is why the rich manage to avoid prison because they can afford to hire top lawyers and instead arrange for state repression to be directed against someone one who stole a banana in a supermarket rather than a financial criminal who ruined a bank. In the city of New York for example where 75 per cent of the population is white, 80 per cent of management posts are occupied by whites who make up only 20 per cent of incarcerated people.

3. Equality in status and wealth: A look at the Forbes 2010 list shows who the richest people in each of the countries currently bombing Libya are and the difference between them and those who earn the lowest salaries in those nations; a similar exercise on Libya will reveal that in terms of wealth distribution, Libya has much more to teach than those fighting it now, and not the contrary. So here too, using Rousseau’s criteria, Libya is more democratic than the nations pompously pretending to bring democracy. In the USA, 5 per cent of the population owns 60 per cent of the national wealth, making it the most unequal and unbalanced society in the world.

4. No luxuries: according to Rousseau there can’t be any luxury if there is to be democracy. Luxury, he says, makes wealth a necessity which then becomes a virtue in itself, it, and not the welfare of the people becomes the goal to be reached at all cost, ‘Luxury corrupts both the rich and the poor, the one through possession and the other through envy; it makes the nation soft and prey to vanity; it distances people from the State and enslaves them, making them a slave to opinion.’ Is there more luxury in France than in Libya? The reports on employees committing suicide because of stressful working conditions even in public or semi-public companies, all in the name of maximising profit for a minority and keeping them in luxury, happen in the West, not in Libya.

The American sociologist C. Wright Mills wrote in 1956 that American democracy was a ‘dictatorship of the elite’. According to Mills, the USA is not a democracy because it is money that talks during elections and not the people. The results of each election are the expression of the voice of money and not the voice of the people. After Bush senior and Bush junior, they are already talking about a younger Bush for the 2012 Republican primaries. Moreover, as Max Weber pointed out, since political power is dependent on the bureaucracy, the US has 43 million bureaucrats and military personnel who effectively rule the country but without being elected and are not accountable to the people for their actions. One person (a rich one) is elected, but the real power lies with the caste of the wealthy who then get nominated to be ambassadors, generals, etc.

 

What you have read is just a part than 5 part article. Want to read the whole article? click HERE

Il Baratto Ugandese: Presidenza, Petrolio e Omosessualità

19 Feb

Durante il meeting del National Revolutionary Army (NRM), svoltoso la scorsa settimana presso la località Kyankwanzi, Domenica 16 febbraio 2014 il Presidente Yoweri Museveni ha promesso ai quadri del suo partito di firmare la controversa legge anti-gay approvata dal Parlamento il 20 dicembre 2014.

La legge, nota con il nome “Kill The Gay Bill”, é stata proposta nel ottobre 2009 dal Parlamentare David Bahati, sostenuto dalla Chiesa Protestante e dalla First Lady: Janet Museveni.

 

Continua a leggere QUI