Tag Archives: uganda

Damiano Rossi, fotoreporter, per dieci anni ha testimoniato l’Africa. Poi è dovuto fuggire. Questa la sua storia.

12 Ago

“Hai il mal d’Africa?”

“No — Il mal d’Africa è un prodotto che si vende con i pacchetti dei viaggi organizzati, dieci giorni di tramonti, animali selvaggi e paesaggi esotici, niente di più”.

Damiano è un fotoreporter, che per un quarto della sua vita ha vissuto tra Burundi e Uganda, documentando i destini degli uomini sotto il cielo nero di qua e di là dell’equatore. E proprio a causa di una delle sue indagini, una storia di abusi e pedofilia scoperchiata a Kampala, ha dovuto, su caldo invito di ambasciatori e servizi segreti, lasciare immediatamente il paese. In sella ad una moto, in poche ore. E così, per evitare un arresto da parte di poliziotti corrotti, o forse qualcosa di peggio, Damiano ha messo 10 anni della sua vita in due zaini e, in fretta e furia, ha superato il confine ugandese. La sua ultima notte in Africa l’ha passata insonne barricato in un motel, un armadio davanti alla porta per paura che qualcuno lo venisse a prendere, al confine tra Uganda e Kenya. Due giorni dopo era in Italia. Dietro di sé ha lasciato, in pegno alla sua professione, una casa, un lavoro, una vita. L’Africa, appunto.

Continua a leggere qui

A young Southern Sudanese are looking for help to study at university in Uganda

27 Lug
That’s the second time in recent years that we are collecting this application for aid.
The first was going to end well, we’re hoping it’s a good idea this time.
 
Whoever he wrote it is a southern boy sudan where he lives as a refugee who wants to get help to continue his studies in Uganda, get an opportunity to study and professional to help his family after.
 
If anyone feels that he can do this, please contact him HERE
 
Steven Solomon Marsuk,
I’m from Sudan and i live in South sudan as Refugee in place called Maban
 
I’m doing well here in South sudan as i have told you that am living as Refugee in South sudan and i have cry out for my study .
 
my major problem is the study only i don’t have any thing out of my study so the principal problem in my life is the study becouse no body helping me for school fee in University in Uganda.
 
The University want me to pay the school fee and to attend the class. They have forward end to the school fee for Degree programs.
 
my goal in my life is to work for my communities if i graduated from the University to help my old mum plus all the people whom were there in South sudan.”

STEP-ping up to share skills and save lives

24 Mar

Emily Loud, Gavi, the Vaccine Alliance

A pneumococcal vaccine is prepared in Kenya. Photo: Gavi/Evelyn Hockstein.

There is a lot to manage to make sure children are vaccinated in Kenya. With hard to reach areas, inadequate transport and high turnover of workers, I used to wonder how we were going to keep everything going.”

In her work as a community nurse, Lucy Wanjiku saw the damage done by preventable diseases, and wanted to do something about it. Now a supply chain manager for Kenya’s immunisation programme, she was one of the first to take part in Strategic Training Executive Programme (STEP), a new learning initiative to train the immunisation leaders that developing countries need. Based on an academic framework of professional competencies for supply chain leaders, the course is hosted at the East African Community Regional Centre of Excellence for Health Supply Chain Management.

Lucy (in the yellow jacket) and her fellow STEP participants. Photo: Gavi/ Moz Siddiqui.

Although the Centre officially launched today, training has already begun. “I really enjoyed this course and the moderators were some of the best I have encountered through my many years in this industry” said Joshua Obel, Operations Director at Kenya Medical Supplies Authority, who participated in an initial session in Kigali last month. “I have been to a lot of trainings during my career…this is the best workshop I have attended and the only one I plan to put into practice.

Joshua at the first workshop in Kigali. Photo: Gavi/ Moz Siddiqui.

STEP’s real innovation is taking approaches to leadership development from logistics giant, UPS, and adapting them to immunisation supply chains.  The adult learning course helps transfer knowledge from private to public sector and has sustainability at its core: in addition to a traditional workshop, course participants are paired up with mentors from the private sector to put their new skills into practice and build a network of contacts to share knowledge.

We presented a very non-traditional training experience”, said UPS’s Kevin Etter, who designed and developed the project. “I was unsure if this style would work, but it did. Participants were very excited to learn in a new way and then to implement those learnings in their areas of responsibility.” For the private sector too, this partnership is win-win. “Developing a relationship with these leaders through the workshop and mentorship program is invaluable to UPS and other private sector organisations who want to grow their awareness in these regions”, he added.

The Joshuas and Lucys of the developing world are essential for keeping immunisation programs running, yet leadership training for them has not traditionally been part of international support for vaccination. But if all goes to plan, countries like Kenya, Tanzania, Rwanda and Uganda will soon be dealing with higher volumes of vaccines, reaching more children than ever before. To meet this potential, immunisation staff will need a range of skills to manage people, projects and partnerships; the ability to better use data for decision making will also be increasingly relevant. These are exactly the areas in which the Centre of Excellence will be equipping the leaders, warehouse managers and logistics workers who make up East Africa’s vaccination supply chain.

A key challenge for supply chain managers is how to get vaccine cold boxes to children in very remote areas, like this one in Tanzania. Photo: Gavi/ Doune Porter.

In the long term, this model of learning could be the solution developing countries need to help their immunisation systems function sustainably and independently. By partnering with private sector organisations who’ve already encountered and overcome many of the same challenges, key immunisation workers can grow their experience and open up channels for future collaboration and innovation.

Overall, the programme represents an opportunity to build a stronger foundation of expertise for the immunisation systems of East Africa, helping secure the future of protecting children from preventable disease. And that’s got to be a STEP in the right direction.

Opportunities for Youth – The African New Deal By Clifford Akwana of Kenya

28 Dic

cliffThe project could involve recruiting, training and employing young people to rebuild and reinforce Africa’s highways, water purification, and sewage treatment systems. as well as expanding into solar and wind energy farms.
This would give the youth a sense of purpose, a way to earn money, and hope for a better Africa.

The youth would be empowered to bring clean water and clean power to their communities.

There was also an old concept of turning swords in to plows turning weapons into tools to make food of turning swords to ploughshares so for young people who have been stolen and forced into being soldiers they can be retrained into being wind and solar farmers or other needed professions in Africa. Since clean water is a vital need for Africa, it would be amazing to train young people on how to manage water systems, build wells and maintain them they said that the biggest problem wasn’t building the wells, it was that there was no one left who knew how to maintain them if they broke, no one could fix them

I will give Micro grants to help young people start profitable businesses and also technical specialists to help them with business skills, advertisement, and distribution of goods. I also think that the simple act of making solar cell phone chargers might go over as a big thing in Africa, so that people who live far from electricity can charge their phones. You need a little solar strip with a soldering gun and some solder and some wires.

I would set up Higher education or mentorship opportunities perhaps some kind of training will guarantee job opportunities in a way that could be sustainable .get the youths involved in conservation. Teach them how to protect their wildlife. Get them involved in maybe working in a game park either as hospitality or rangers. Have them learn to produce their own food. Growing etc. Maybe get a grant from the government to help with the learning skills. Our wildlife is our draw card. People pay to see it. Also the whole world needs to divest from fossil fuels and invest in renewable energy. This is the biggest challenge the human race has ever dealt with. To achieve this we will need a new approach, new skills, new thinking. Today youth have the greatest opportunity of any previous generation and that is the chance to save the human race from its own greed and stupidity.

 

Writer and contact Clifford Akwana

Renzi in Kenya e le verità nascoste

27 Lug

Lo scorso 15 luglio il Primo Ministro Matteo Renzi si è recato in Kenya per una visita ufficiale rientrante in un suo tour africano che ha coinvolto anche l’Etiopia. Le visite ai due paesi sono state precedute dalle visite ufficiali in Mozambico, Angola e Congo Brazzaville nel luglio 2014. La visita in Kenya si inserisce nella strategia italiana di recuperare il tempo perduto nell’acquisizione di mercati in Africa definito da Renzi “il nuovo eldorado degli investimenti mondiali”. Il “tempo perduto” a cui Renzi si riferisce fu originato dalle miope scelte strategiche dell’industria italiana attuate negli anni Ottanta. All’epoca, la classe industriale italiana considerò l’Africa come un Continente perduto, in preda alla fame, carestie, dittatori e guerre civili che causavano povertà estrema e, per conseguenza, l’impossibilità per i mercati locali di assorbire le merci italiane.

A titolo di esempio, la FIAT chiuse progressivamente i stabilimenti di produzione che aveva anche in Eritrea e non ritenne lucroso il mercato dell’usato. Le grosse catene alimentari italiane cancellarono i mercati africani le cui vendite di prodotti italiani calavano a causa della diminuzione di connazionali assunti dalle ditte impegnate in opere civili. Invece di far scoprire la cucina italiana agli africani, decisero di non inviare più prodotti. I rari importatori italiani presenti in Africa furono costretti a rivolgersi ad aziende alimentari italiane di bassa qualità per importare prodotti italiani. Un affare che divenne assai conveniente in quanto col tempo questi importatori riuscirono ad applicare elevati prezzi a beni alimentari italiani di bassissima qualità acquistati a prezzi stracciati, ma rivenduti a peso d’oro in Africa sfruttando il marchio “Made in Italy”. Anche le aziende di costruzione italiane, presenti ovunque in Africa, si ritirarono, escluse la Salini Costruzioni e la Cooperativa Muratori e Cementisti.

L’errore di fondo fu di non riuscire a comprendere che i drammi e l’economia stagnante del Continente degli anni Ottanta e Novanta erano inseriti in una fase transitoria che preannunciava l’attuale boom economico. Tutt’ora la maggioranza degli investitori italiani sono convinti che l’Africa non sia un mercato meritevole. Solo gli avventurieri e persone di pochi scrupoli si avventurano nel Continente come dimostrato nell’ultimo decennio in Uganda, convinti di poter truffare gli africani e regolarmente truffati a loro volta da personale “indigeno” evidentemente più scaltri di loro. Il ritiro italiano dal Continente (esclusa la fabbrica della morte: produttori di armi) lasciò un vuoto colmato da cinesi, sud coreani, giapponesi e brasiliani che ora, istallatosi adeguatamente, rendono difficile il ritorno del ‘Mady in Italy’ in Africa.

La visita del Premier italiano si è concentrata sulla creazione di accordi economici, cooperazione contro il terrorismo e sostegno degli imprenditori italiani già presenti nel paese soprattutto nel settore turistico. I giornali kenioti hanno posto scarso interesse alla visita di Renzi all’infuori di lanciare dure e condivise critiche sull’incidente avvenuto durante l’incontro con il presidente Uhuru Kenyatta in cui Renzi indossava un giubbotto antiproiettile. La maldestra operazione, che non è sfociata in un incidente diplomatico grazie alla capacità di comprensione e tolleranza del misero background italiano di conoscenza dell’Africa saggiamente dimostrata dal governo keniota, è stata considerata dai media nazionali come una imperdonabile offesa al paese e catalogata come atto razzista. Un incidente destinato ad aumentare l’astio della popolazione già evidentemente espresso contro gli imprenditori italiani residenti sulla costa nord del paese accusati di infiltrazioni mafiose, di monopolizzare l’industria del turismo e di attuare speculazioni edilizie con forti danni ambientali. Accuse rigettate dalla comunità italiana in Kenya che afferma di aver portato benessere e sviluppo, contribuendo alla diminuzione della cronica disoccupazione costiera, dichiarandosi totalmente estranea a infiltrazioni mafiose.

Durante la visita, Renzi ha firmato l’accordo per il finanziamento alla diga Itare, nella Rift Valley, che provvederà energia alle città di Kuresoi, Molo, Njoro,Rongai e Nakuru per una utenza stimata di 800.000 persone. Le banche impegnate nel finanziamento dell’opera sono la BNP Paribas Italia e Intesa San Paolo. La costruzione della diga è stata assegnata alla Cooperativa Muratori e Cementisti (Cmc) di Ravenna, vincitrice dell’appalto di 240 milioni di euro.

Nell’ impegno italiano di realizzare la diga di Itare, si intravvede una positiva inversione sulla insensata politica di assegnazione delle opere finanziate dai paesi europei. Volendo a tutti i costi applicare le regole di trasparenza, l’Unione Europea e i suoi Stati membri lanciano gare d’appalto internazionali per la realizzazione delle opere finanziate che sono regolarmente vinte da ditte cinesi, brasiliane ed indiane estremamente più competitive ed in grado di offrire la stessa qualità offerta dalle ditte occidentali. Con l’assegnazione della realizzazione della diga Itare alla Cmc, Renzi sembra aver adottato la politica realistica e vincente del governo di Pechino.

La Cina, ormai primo finanziatore in Africa, pur lanciando gare per la realizzazione delle infrastrutture da essa finanziate, inserisce la clausola vincolante che obbliga i governi africani a scegliere ditte cinesi. Con questa politica, Pechino vuole giustamente assicurarsi un ritorno finanziario oltre che politico nei finanziamenti destinati al Continente. Dopo alcuni grossi scandali che hanno coinvolto ditte cinesi, ora il governo di Pechino ha deciso di divenire anche il responsabile giuridico della corretta esecuzione delle opere, rispondendo di prima persona ai governi africani in caso di corruzione o di mancato rispetto dei standard di costruzione internazionali. Una raro esempio di serietà che ardentemente si spera l’Italia emuli.

Se da un punto di vista economico l’affidamento della realizzazione della diga di Itare ad una ditta italiana risulta una scelta giusta e sensata in quanto contribuisce all’economia italiana, da un punto di vista sociale sembrano non essere state prese in considerazione, o ignorate, le pericolose e note tensioni etniche che sconvolgono la regione interessata. Dalle violenze post elettorali del 2007-2008, la Rift Valley e in special modo l’area dove sorgerà la diga, è stata teatro di pulizie etniche compiute dalla tribù Kalenjine ai danni della tribù Kikuyu (quella a cui il Presidente Kenyatta appartiene). La spiegazione ufficiale è la rivendicazione delle terre ancestrali da parte dei Kalenjine che accusano i Kikuyu di essere degli alieni e di avergli rubato le terre negli anni Sessanta e Settanta appoggiati da Jommo Kenyatta, il primo presidente della Repubblica e padre dell’attuale. Diversi i motivi oggetto dell’inquisitoria della Corte Penale Internazionale che sta processando il Vice Presidente William Ruto (appartenente ai Kalenjine) per crimini contro l’umanità commessi durante le violenze post elettorali. La corte dell’Aia sospetta che Ruto abbia organizzato la rivolta dei Kalenjine nella regione per favorire gli interessi di imprenditori a lui collegati e permettere loro di acquisire con la forza terreni predestinati ad ospitare importanti future infrastrutture tra le quali la diga di Itare.

Le accuse, che troveranno conferma o smentita durante il processo in corso all’Aia, trovano una indiretta conferma sul terreno. A distanza di sette anni il reinserimento degli sfollati Kikuyu, vittime della pulizia etnica compiuta dai Kalenjine, stenta a completarsi a causa nuove tensioni etniche alimentate dalla realizzazione di importanti infrastrutture. Il rischio è che la ditta italiana Cmc si trovi ad operare in un contesto sociale estremamente esplosivo e che sia indiretta causa di nuovi scontri etnici. Per evitare questi scontri e compromettere la realizzazioni dell’opera il governo potrebbe decidere di negare i diritti dei suoi cittadini o di attuare pesanti repressioni. Una eventualità probabile visto il mancato rispetto dei diritti civili dimostrata dalla Amministrazione Kenyatta contro la comunità somala e mussulmana ingiustamente accusata di supportare gli attacchi terroristici compiuti dal movimento radicale islamico somalo Al-Shabaab.

Al posto della evidente fretta di concludere l’affare, il Governo italiano avrebbe potuto inserire una clausola sociale, offrendo la sua collaborazione nel risolvere le dispute dei terreni e le tensioni etniche ad esso collegate prima di iniziare i lavori. La diga di Itare rischia di avere lo stesso destino di quella in Etiopia: la “Grande diga della Rinascita” affidata alla Salini Costruzioni. In un articolo denuncia del 2013, Nigrizia la definì “La diga della discordia”. La diga, importante per l’economia dell’Etiopia, è stata decisa ignorando gli studi indipendenti internazionali di grave impatto ambientale. L’esercito etiope ha sloggiato con la forza i residenti delle zone limitrofe. I lavori della diga (che diminuirà considerevolmente il volume d’acqua del Nilo) sono iniziati senza il consenso di Sudan ed Egitto, mettendoli a fatto compiuto. Concreto è stato il rischio di una guerra continentale per le acque del Nilo evitata solo dalla situazione di debolezza dell’Egitto sorta dopo la rivoluzione e la caduta del regime di Mubarak.

Più volte il governo del Cairo ha minacciato di bombardare i cantieri presso la diga etiope non mantenendo fede alle minacce in quanto bisognosa attualmente degli aiuti occidentali, Italia compresa, per ripristinare l’ordine nel paese ed arginare il pericolo del terrorismo di matrice islamica estremista. La Salini Costruzioni con l’incarico della costruzione della diga in Etiopia, accettato nonostante tutto ciò, è riuscita a compensare la perdita di importanti mercati in Uganda tra i quali la realizzazione della diga di Karuma.

L’ondata di attacchi terroristici in Kenya, che dura dal 2012 è stata oggetto della promessa del Premier Renzi di aumentare la collaborazione tra i due paesi in materia di lotta contro il terrorismo. Buone intenzioni che sembrano però contraddette e compromesse dalla politica del compagnia nazionale di idrocarburi ENI nella regione che rischia di creare nuovi confitti e ritorsioni terroristiche. Ufficialmente la ENI ha ricevuto le licenze di esplorazione per tre blocchi petroliferi situati nelle acque territoriali keniote del Bacino di Lamu. La ENI è accusata dal governo somalo assieme alle multinazionali petrolifere Anadarko, Shell e la compagnia di San Domingo, Soma, di sostenere il piano segreto del governo di Nairobi di impossessarsi di ingenti giacimenti petroliferi scoperti nelle acque territoriali della Repubblica della Somalia, guarda caso proprio adiacenti ai blocchi petroliferi acquisiti dalla ENI in Kenya nel Bacino di Lamu. I giacimenti offshore somali sono ora oggetto di un contenzioso territoriale internazionale promosso dal Kenya. Numerosi esperti regionali individuano l’alquanto tardiva partecipazione del Kenya (2012) alla guerra contro il terrorismo in Somalia intrapresa dall’Uganda sotto mandato ONU nel 2007 non come un genuino aiuto a debellare il terrorismo nel Continente. L’agenda segreta keniota sarebbe quella di mettere le mani sul petrolio offshore somalo con l’aiuto e la complicità di multinazionali occidentali. L’effetto collaterale non previsto è stata la ritorsione terroristica in Kenya compiuta dal terrorismo somalo di Al-Shabaab.

Questa agenda segreta è ormai convalidata dagli avvenimenti. Le truppe keniote in Somalia si concentrano nella fascia costiera sud dove sono presenti questi giacimenti. Il governo keniota ha stretto accordi contro il parere della East Africa Community (Comunità Economica dell’Africa Orientale) con signori della guerra somali per la creazione di uno Stato indipendente nella regione sud confinante con il Kenya, denominata Jubaland. Attualmente il movimento indipendentistico del Jubaland ha ottenuto dal governo di Mogadiscio lo statuto di regione semi autonoma già concordato ad altre regioni del paese. Secondo esperti militari regionali la concessione di tale statuto non risolverà la determinazione dei War Lords a creare uno stato indipendente in quanto sono praticamente aizzati dal governo keniota. Accordi di sfruttamento dei giacimenti petroliferi delle acque territoriali sarebbero già stati firmati tra il Kenya e i Signori della Guerra, probabile futura classe dirigente qualora la Jubaland divenisse una realtà. L’esistenza di questi accordi è stata categoricamente smentita dal governo keniota.

Per impedire questo attentato alla sovranità territoriale e la rapina di importanti risorse naturali che servono per la ricostruzione del paese (vittima di 23 anni di guerra civile), il governo somalo ha richiesto una serie di colloqui con Nairobi al fine di trovare una soluzione pacifica alla contesa petrolifera. Si intravvede la possibilità di una compartecipazione del Kenya e delle multinazionali collegate (tra cui la ENI) allo sfruttamento dei giacimenti offshore che rimarrebbero di proprietà della Repubblica della Somalia.

Come misura preventiva, il governo di Mogadiscio avrebbe inoltrato alle sedi delle multinazionali coinvolte nella disputa territoriale (Corso Marconi incluso) e al governo keniota un avvertimento legale di non iniziare operazioni di esplorazione dei giacimenti petroliferi costieri senza accordi con il governo somalo. Ogni tecnico nazionale o straniero che verrà intercettato in operazioni illegali di esplorazione sarà considerato come un clandestino in territorio somalo e trattato come tale. Sconosciute le reazioni delle multinazionali soggette a questo avvertimento legale pur riscontrando sul terreno una totale sospensione di ogni attività di esplorazione, divenuta ora estremamente pericolosa.

Si nutre la speranza che le multinazionali petrolifere occidentali, tra cui ENI, favoriscano e non boicottino il compromesso di sfruttamento petrolifero comune tra Somalia e Kenya. Questo approccio positivo potrebbe riabilitare l’immagine internazionale della nostra compagnia petrolifera dopo gli accertati scandali per corruzione commessi in Angola e Nigeria e oggetto di indagini della Magistratura italiana. Scandali che sono antitetici dalla politica di imprenditoria pulita promossa da Enrico Mattei, il padre della ENI, assassinato nell’ottobre del 1962.

In caso contrario il supporto a dispute territoriali rientrerebbe nella casistica criminale di supporto a conflitti con la stessa gravità di quelli attuati per i diamanti durante le guerre civili in Liberia e Sierra Leone o per l’interminabile conflitto al est del Congo per l’acquisizione di oro e coltan. Non si hanno notizie sulla posizione della ENI riguardo questa contesa territoriale che potrebbe scatenare un conflitto regionale anche perché, non è noto se l’argomento sia stato trattato durante la visita ufficiale di Renzi in Kenya. Un argomento delicato che rischia di aumentare l’odio dei somali nei nostri confronti visto il passato non certo edificante dell’Italia nel paese dal colonialismo all’era Craxiana fino ad arrivare alle scorie radioattive disseminate lungo le spiagge somale approfittando della guerra civile.

La contesa territoriale per i giacimenti offshore ha giustificato l’intervento militare keniota in Somalia e la reazione di Al-Shabaab che ha aperto una guerra in Kenya combattuta a suon di attentati. La lotta al terrorismo necessita a volte di comprenderne le cause più che inviare aiuti militari e rafforzare le operazioni congiunte di intelligence. Assente nel discorso del Premier Italiano la necessaria condanna al governo keniota per le violazioni dei diritti umani contro le comunità somala e mussulmana in nome della lotta contro il terrorismo: esecuzioni extra-giudiziarie di leader religiosi, arresti arbitrari, espulsioni illegali, torture. Un grave messaggio indirettamente offerto al governo keniota: dinnanzi alla possibilità di affari i diritti umani possono essere messi in secondo se non in terzo piano…

Si ha l’impressione che l’attenzione sui diritti umani da parte dell’attuale governo pecchi di numerose lacune. Un mese fa, Ntibogora Jerome, un poliziotto burundese accusato dalla società civile del suo paese di aver coordinato varie esecuzioni extra-giudiziarie di oppositori, è giunto in Italia per ricevere una formazione dalla Polizia prima di essere inviato nella Repubblica Centroafricana all’interno del contingente di pace internazionale per fermare le pulizie etniche commesse ai danni della comunità mussulmana. Non riusciamo a comprendere che tipo di capacità di intervento in difesa delle vittime della polizia etnica in Centrafrica possa aver un poliziotto burundese quando nella sua patria dirige squadroni della morte aderenti all’ideologia di sterminio HutuPower.

L’addestramento ricevuto dalla polizia italiana da questo criminale non è sintomo di un appoggio del governo di Roma alla dittatura del presidente burundese Pierre Nkurunziza. Più semplicemente è sintomo di una superficialità della nostra intelligence che la porta a non comprendere le infiltrazioni di genocidari in missioni di pace internazionali attuate dal regime burundese a scopo di lucro.

Di scarso peso, se non sotto il punto di vista morale, l’accenno di Renzi al dramma della immigrazione clandestina africana fatto durante la conferenza tenuta presso l’Università di Nairobi. “L’Italia continuerà a garantire i salvataggi dei migranti nel mar Mediterraneo. Continueremo a salvare vite umane, perché crediamo nei valori umani e io rappresento i valori in cui crede il mio Paese. L’Italia è un ponte tra l’Europa e l’Africa. La strategia del nostro governo è quella di creare un ponte tra l’Europa, tra le istituzioni europee e la stessa Africa”, sottolinea Renzi dinnanzi ad una platea composta da docenti e studenti universitari, rappresentanti della società civile, Ong locali e autorità keniote. L’intervento, sotto un punto di vista umano condivisibile, sembra non toccare l’attenzione del governo, media e opinione pubblica del Kenya in quanto l’immigrazione keniota verso l’Europa è rivolta alla Gran Bretagna e in forte diminuzione grazie allo sviluppo che il paese sta conoscendo nel ultimo decennio. Il Kenya è il primo paese africano assieme alla Somalia che sta conoscendo una immigrazione di ritorno dove i cittadini migrati decenni fa in Europa ritornano nella loro patria per contribuire finanziariamente e culturalmente al boom economico in Kenya e alla ricostruzione del paese in Somalia.

Durante la conferenza presso l’Università di Nairobi, il Premier italiano ha fatto largo uso dello specchietto ‘umanitario’ per le allodole, promettendo di aumentare la cooperazione nel paese africano per frenare le partenze dei migranti verso l’Europa e tagliare l’erba sotto i piedi ai terroristi. La promessa non ha ricevuto l’attenzione dovuta da parte della controparte, ben consapevole che la cooperazione dell’Italia in Kenya è insignificante. La maggioranza delle Ong italiane impegnate nel paese ricevono finanziamenti dall’Unione Europea… Una tendenza che non può essere di certo invertita se non nei discorsi della propaganda politica. La percentuale degli aiuti pubblici allo sviluppo menzionate nel Documento di economia e finanza (Def) del 2015, fa notare un leggero aumento dell’impegno italiano registrato nel 2014 (0,16%) rispetto a quello del 2012 (0,12%). Renzi ha annunciato di voler perseguire il percorso di riallineamento agli standard internazionali per il triennio 2016-2018, prevedendo una percentuale dello 0,18% nel 2016, dello 0,21% nel 2017 e dello 0,24% nel 2018. L’obiettivo è raggiungere nel 2020 lo 0,30%. Lontano, comunque, l’obiettivo europeo dello 0,70% di cui l’Italia si è impegnata da 15 anni senza mai rispettarlo.

L’ultimo obiettivo della visita in Kenya riguarda l’attenzione che il governo italiano apporrà nel supporto dell’imprenditoria italiana nel paese africano, soprattutto quella legata al settore turistico. Intenzioni degne di nota nella speranza che si inverta la storica e cronica disattenzione del governo italiano nei confronti degli imprenditori che decidono di investire in Africa, spesso lasciati soli senza protezioni giuridiche e totalmente esclusi da politiche nazionali di investimento nel Continente (per altro quasi inesistenti). Una maggior attenzione e supporto del governo italiano contribuirebbe allo sviluppo economico dei paesi africani interessati, alla maggior diffusione del “Made in Italy” ed aiuterebbe l’economia italiana in profonda, ma non dichiarata, crisi ben peggiore di quella greca.

Questo sostegno è indispensabile per gli investitori italiani operanti nel settore turistico, concentrati sulla costa di Malindi che come il resto del settore sta subendo una forte crisi causata dalla comprovata incapacità delle forze dell’ordine e del governo keniota di prevenire gli attacchi terroristici e di tutelare la salvaguardia dei suoi cittadini. Pur non registrandosi attacchi terroristici contro turisti stranieri (come nel recente caso in Tunisia) la minaccia di Al-Shabaab contribuisce al declino delle visite mettendo in crisi il settore.

Il supporto all’imprenditoria italiana in Africa deve però essere estremamente attento a prevenire casi di infiltrazione mafiosa e di riciclaggio del denaro. Episodi di cui il vicino Uganda è stato recentemente vittima anche se la pronta reazione del governo ha impedito che questi tentativi prendessero una radicalizzazione preoccupante sul territorio. Il Kenya sembra purtroppo uno dei paesi scelti dalla mafia italiana che sta allargando la sua nefasta influenza oltre i confini nazionali: dalla vendita di armi, alla prostituzione, dal riciclaggio di denaro al traffico illegale di oro e minerali preziosi provenienti da zone di conflitto. Secondo indagini giornalistiche che continuamente vengono condotte a livello nazionale ed internazionale riguardanti la mafia italiana in Kenya, Malindi sarebbe stato trasformato in un Hub internazionale per ogni genere di crimine ed attività mafiose, controllate da boss di “Cosa Nostra” ricercati in Italia, ma protetti per mancanza di chiari trattati bilaterali di estradizione tra il Kenya e il nostro paese.

Le inchieste (la prima a cura di giornalisti kenioti di alto livello professionale condotta nel 2012) rivelano un mondo parallelo a quello dell’industria del turismo con sospetti di intreccio tra le attività legali ed illegali. Recentemente sono state avviate una serie di indagini giornalistiche finanziate dalla Unione Europea (Innovation in Development Reporting Grant Programme della European Journalism Centre), che sta indagando sulla penetrazione della mafia italiana in vari paesi africani. L’obiettivo è di divulgare notizie tenute segrete da alcuni governi africani al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e costringere le magistrature africane ed italiana ad una maggior attenzione al pericolo mafioso nel continente. Un’attenzione che sembra essere assicurata dalla magistratura italiana, ma che si infrange contro una rete di omertà e corruzione nei paesi africani ospitanti i mafiosi. Il messaggio rivolto dalla Unione Europea ai mafiosi italiani è chiaro: il cerchio si restringe e i tempi dell’omertà sono finiti.

A titolo di esempio, tra le inchieste finanziate dall’Unione Europea, vi è quella su Mario Mele, proprietario del Pata Pata Caffè di Malindi. Secondo l’inchiesta dei giornalisti Lorenzo Bagnoli e Lorenzo Bodrero, il Mario Mele è sotto indagine per bancarotta (nel 2011) di una ditta (RISEA e EDO) assieme ai suoi associati Gian Pietro Porcheddu e Ivan Deidda. L’ufficiale di polizia Alberto Cambedda dichiarò nel 2012 al quotidiano La Nuova Sardegna che vi erano forti sospetti che la bancarotta fosse stata provocata intenzionalmente. Durante i controlli della Guardia di Finanza sulla ditta fallita di proprietà di Mele e dei suoi soci, le autorità italiane trovarono tracce di legami con il clan mafioso siciliano, D’Agosta.

Mele rifiuta di ritornare in Italia per rispondere al magistrato Andrea Shirra di Nuoro che si occupa del caso. “Il mio avvocato si sta occupando della faccenda. Non posso ritornare per presenziare ad un processo senza fare nulla. Di che cosa campo mentre attendo là?” dichiara Mele ai giornalisti italiani che lo hanno intervistato.

Ci sono due dirette conseguenze dell’infiltrazione mafiosa in Africa. Una politica e l’altra economica. Abbiamo constatato che la mafia italiana sta costruendo una rete di protezione politica in Africa che coinvolge autorità governative, polizia e servizi segreti locali. La mafia arriva come fenomeno alieno al paese africano, ma viene integrata nelle dinamiche nazionali e quindi protetta da amici politici, generali della polizia ed intelligence che partecipano al bottino derivante dai traffici illeciti. La conseguenza economica è la creazione di una concorrenza sleale che danneggia gli imprenditori occidentali ed africani che avviano le loro attività oneste senza accedere ai fondi derivanti dal riciclaggio del denaro”, spiega il responsabile del progetto giornalistico Stefano Gurciullo. Un progetto che ha già dato i suoi frutti con approfondite indagini sui mafiosi italiani anche in Kenya, pubblicate da CorrectTV, L’Espresso, Il Fatto Quotidiano e il Mail&Guardian.

L’infiltrazione mafiosa a Malindi sembra un argomento tabu. Nel 2012 i giornalisti kenioti che si occuparono dell’affare furono pesantemente minacciati e ridotti al silenzio anche dalle stesse forze dell’ordine del Kenya secondo alcune loro testimonianze. La stessa comunità italiana a Malindi (o meglio, parte di essa) sembra reagire con rabbia e violenti attacchi verbali a chiunque voglia approfondire il tema dell’infiltrazione della mafia italiana in Kenya.

Un atteggiamento sbagliato, ma forse comprensibile, da parte di onesti connazionali che vivono delle attività turistiche a Malindi e che interpretano ogni inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in Kenya come un ennesimo ingiustificato attacco che compromette le loro attività già seriamente compromesse dall’ondata di attacchi terroristici nel paese lanciata da Al-Shabaab. Eppure nessuna inchiesta giornalistica ha per ora puntato il dito contro loro. La sola inchiesta che prende in causa diretta l’imprenditoria italiana a Malindi, e fatta da un giornalista keniota nel 2014, prende in esame non presunte connivenze mafiose ma il monopolio economico della comunità italiana che non permetterebbe l’evolversi della imprenditoria locale.

Parte dei connazionali che lavorano a Malindi non negano le infiltrazioni mafiose, ma sottolineano che il fenomeno sia stato circoscritto agli anni Ottanta e Novanta e “fortunatamente quasi totalmente sparito perché gli interessi economici che girano in Kenya sono talmente miseri rispetto ad altre realtà africane, che non ne varrebbe la pena. E poi non c’è più il divieto di estradizione per reati internazionali come riciclaggio e traffico di droga, che sono notoriamente le banche delle mafie” spiega, in un messaggio sul tema inviato a Fulvio Beltrami, il Dottor Del Curatolo, giornalista professionista trasferitosi a Malindi nel 2005 che si occupa dell’ufficio stampa per l’imprenditoria turistica, lavorando con l’associazione dei tour-operator kenioti, il Kenya Tourist Board e la Task Force del Ministero del Turismo e del Commercio in Kenya. L’affermazione ottimistica del Dottor Del Curatolo sembra smentire le recenti indagini compiute con finanziamenti dell’Unione Europea, indagini svolte direttamente a Malindi.

Per mancanza di informazioni non possiamo confermare o smentire eventuali accordi bilaterali tra Kenya ed Italia per arginare l’infiltrazione mafiosa lungo la costa ed estradare i criminali nostrani. Accordi che sarebbero dovuti visto il nefasto ruolo che gioca la mafia sia in Italia che in Kenya. Probabilmente sono stati presi, ma non divulgati per non invalidare le azioni contro questi potenti cartelli ‘Made in Italy’ che speriamo siano intraprese dai due governi per debellare il cancro che compromette sia il Kenya che la reputazione di onesti connazionali che lavorano nella costa e del nostro paese che necessita seriamente di smentire la fama di “spaghetti, mafia e mandolino” radicato tra la maggioranza degli europei. Se nei prossimi mesi assisteremo ad azioni concrete e al rimpatrio dei ricercati per affrontare la giustizia italiana, comprenderemo che durante la visita il Premier Renzi ha affrontato realmente il problema.

Nel trattare l’argomento mafia a Malindi occorre porre accurata attenzione a non creare un clima di generalizzazione che potrebbe indurre il lettore a catalogare ogni imprenditore connazionale che si trovi nella costa keniota come un mafioso o colluso con la mafia. Per onestà di cronaca osserviamo che raramente i media kenioti o italiani che hanno trattato il tema hanno offerto la possibilità di replica da parte di associazioni di imprenditori italiani che lavorano e vivono a Malindi.

A titolo di esempio, l’associazione Malindikenya.net pubblicò il suo punto di vista a seguito di una indagine giornalistica pubblicata nel 2012 su Il Fatto Quotidiano e Dagospia relativa alle influenze politiche del Cavaliere Silvio Berlusconi e del controverso imprenditore Flavio Briatore che sponsorizzarono la nomina a Console Onorario di un loro amico “palazzinaro”: Marco Vancini (secondo la ricostruzione dei due quotidiani italiani). La lettera indirizzata a Marco Travaglio non fu mai pubblicata da Il Fatto Quotidiano, ma su un sito privato. La replica all’indagine giornalistica a firma di Fausta Viglialoro, contestava l’indagine giornalistica portando testimonianze sulla onestà del Vancini redatte da vari connazionali residenti e non residenti a Malindi, tra i quali: Gianfranco Ranieri, Presidente Karibuni onlus, e Antonio Bosso.

L’inchiesta giornalistica si basava sulle accuse di Godfrey Karume, presidente del gruppo ecologista keniota Malindi Green Town Movement partner ufficiale del Progamma protezione Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP). Karume ha sempre accusato Vancini di essere un noto palazzinaro che, con i suoi alberghi, ville e villette, aveva distrutto fauna e flora della costa, causando un grave degrado ambientale e infrangendo varie leggi nazionali in tutela dell’ambiente. Nonostante le polemiche e i dubbi, il governo italiano dell’epoca nominò Marco Vancini come Console Onorario a Malindi. Vancini è morto in un incidente stradale lo scorso febbraio, inaugurando una serie di morti di connazionali avvenute in pochi mesi in Kenya. Il 19 maggio 2015 morì l’imprenditore edile Paolo Rusconi. Il 05 luglio 2015 morì l’operatore turistico Andrea Maffi. Gli ultimi due connazionali sono stati vittime di brutali aggressioni di cui la polizia keniota sta indagando. Al momento nessun rapporto della polizia locale lega le morti alla malavita italiana.

Negare il diritto di replica non sembra un atto professionale per una testata giornalistica in quanto, le opinioni dell’imprenditoria italiana a Malindi potrebbero aiutare ad esaminare il delicato argomento sotto ogni punto di vista. Questa diritto negato, forse, ha alimentato col tempo le rabbiose reazioni di alcuni nostri connazionali in Kenya nel leggere sui media internazionali articoli dedicati alle infiltrazioni mafiose nella costa nord del paese africano. Articoli che ultimamente stanno aumentando a ritmo serrato.

Crediamo che il diritto di replica (se mantenuto su toni civili) sia un atto dovuto che sarà effettuato a settembre dopo le vacanze estive proponendo un’intervista ad alcuni rappresentanti dell’imprenditoria italiana in Kenya. Le loro risposte offriranno un punto di vista di chi vive a Malindi, forse diverso ma che, sicuramente, merita attenzione da parte dell’opinione pubblica italiana. Un’ attenzione non disponibile durante il ferragosto. Nel frattempo ci sentiamo di assicurare gli eventuali turisti italiani che vogliono recarsi in vacanza a Malindi o in Kenya. Le misure di protezione attuate dal governo keniota per proteggere i turisti sembrano essere efficaci e serie in quanto nessuno dei recenti attacchi ha coinvolto stranieri. Malindi non è la terra della Mafia nonostante la presenza di qualche mela marcia con molti cadaveri nascosti dentro gli armadi, in Italia. Al contrario Malindi è piena di onesti imprenditori che necessitano di fiducia e supporto in questo momento di crisi turistica nel paese. Un atto di solidarietà tra italiani onesti non guasta mai.

Un accorato appello viene rivolto al Premier italiano e al suo governo. Occorre un serio piano di supporto degli investimenti italiani in Africa che, però, sia estremamente attento alle infiltrazioni mafiose. Occorre inoltre instaurare l’obbligo per gli investitori italiani a rispettare codici di etica morale per evitare sfruttamento della mano d’opera ed evasione fiscale di cui alcuni connazionali sono stati recentemente sospettati in Uganda come si apprende dalla Ugandan Revenue Autority che ha pregato di non rivelare l’identità per non compromettere le indagini in corso e il recupero delle tasse non pagate oggetto di vari contenziosi legali tra il governo ugandese e le ditte italiane, inglesi, indiane e cinesi sospettate di evasione.

Se gli investimenti italiani saranno legati ad un serio e vincolante codice etico, contribuiranno alla crescita del Continente e all’economia italiana. Al contrario, essi rischieranno di assumere aspetti speculativi e per questo destinati ad essere temporanei e a corto respiro. La politica del “arraffa e fuggi” di certo non può sostenere la concorrenza di altri paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Cina, Russia, Corea del Sud, Brasile, Nigeria, Sud Africa, Marocco, Turchia, Israele che nella regione dei Grandi Laghi attuano da decenni mirate politiche di investimento a lungo raggio che stanno dimostrando tutta lo loro efficacia, serietà e convenienza per i paesi e le popolazioni dell’Africa Orientale.

Per ottenere il necessario rispetto degli italiani all’estero, ingrediente principale per ogni trattativa economica, occorre applicare il principio di reciprocità, impedendo l’ondata razzistica che si è abbattuta sul nostro paese e promossa da partiti politici ormai alla deriva, ma ancora pericolosi e i media a loro collegati. Un atto dovuto verso le migliaia di migrati che vivono e lavorano onestamente in Italia e verso gli imprenditori africani che investono nel nostro paese dando da lavorare ai nostri disoccupati. Attacchi velenosi da pseudo politici e finte storie di cannibalismo in paesi africani dovrebbero rientrare nei reati da perseguire d’ufficio come succede in Ruanda per chiunque tenti di propagare l’ideologia genocidaria del Hutu Power.

In questi giorni il Kenya è oggetto della visita del presidente americano Barak Obama. A differenza di quella di Renzi, l’attenzione dei media nazionali è rivolta all’evento non tanto per la visita al villaggio natale del padre (deceduto) di Obama, ma dalla consapevolezza che il presidente americano ha portato una delegazione di multinazionali strategiche che intendono investire pesantemente nel paese. Alle buone intenzioni e promesse italiane, gli Stati Uniti rispondono con una ventina di contratti milionari che saranno firmati con corrispettivi contanti già disponibili presso le istituzioni finanziarie internazionali. L’ondata di pesanti finanziamenti americani in Kenya è chiaramente rivolta a controbilanciare il successo che stanno conoscendo nel paese gli investitori cinesi, anch’essi seri, di poche parole e molto cash a disposizione. Quello che agli africani, giustamente, interessa.

L’affermazione del Premier fatta durante il comizio all’Università di Nairobi “io rappresento i valori in cui crede il mio Paese” sembra non essere condivisa da Pax Cristi che a proposito della visita di Renzi in Israele e Palestina prende le distanze dichiarando pubblicamente a lettere cubitali: “Non in nostro nome” Dinnanzi a quanto dichiarato durante la visita del Premier nella regione medio orientale leciti sono i dubbi di quale moralità e serietà siano alla base della politica italiana di investimenti in Africa. Forse c’è una confusione tra valori nazionali e valori insiti in una classe politica che, permetteteci di affermarlo, sembra leggermente allo sbando da vent’anni a questa parte.

scritto da Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@Fulviobeltrami

Israele deporta i migranti in Ruanda e Uganda. Una doverosa precisazione, non sempre i rifugiati sono vittime..

18 Mag

Sulla stimata Africa Rivista è comparso un interessante articolo sull’immigrazione forzata del Governo Israeliano di immigrati definiti “clandestini” in due paesi africani: Rwanda e Uganda. Confermo la notizia e gli accordi stipulati tra Tel Aviv, Kampala e Kigali. Accordi che in Uganda non sono segreti, nonostante i tentativi del governo di mantenerli tali. Personalmente trovo discutibile la scelta fatta dai presidenti Yoweri Museveni e Paul Kagame, e condannabile la scelta israeliana che conferma la profonda ideologia razzista del suo governo, ideologia non certo condivisa dalla maggioranza degli israeliani. Eppure alcune precisazioni sono necessarie per quanto riguarda gli immigrati espulsi da Israele ed accolti in Uganda.

Il soggiorno ai “clandestini” africani provenienti da Israele è stato concesso per motivi umanitari. Cosa significa questo? Secondo la legge ugandese lo statuto di rifugiato garantisce il diritto di abitare ovunque l’individuo voglia sul territorio nazionale, il diritto alla assistenza sanitaria per lui e per tutta la sua famiglia. Il diritto all’educazione gratuita dei figli fino alla scuola media. Il diritto di lavorare sia come dipendente sia come lavoratore autonomo. La legge ugandese sui rifugiati è una tra le più avanzate al mondo e una tra le meglio applicate. Questo lodevole primato non è certo dovuto da uno spirito umanitario del presidente Museveni ma da freddi calcoli politici militari. Un rifugiato integrato socialmente ed economicamente nella società che lo ospita è meno incline a creare attività eversive o arruolarsi a guerriglie. L’integrazione giova al rifugiato e alla sicurezza interna del paese. Dinnanzia alla realtà, che io tocco con mano ogni giorno, mi risulta non credibile che gli immigrati espulsi siano costretti a vivere da clandestini in Uganda.

Confermo anche come veritiera la notizia che Israele dona 3.500 dollari a persona pur di sbarazzarsi degli immigrati africani. Indipendentemente dalle considerazioni sul razzismo del governo israeliano è doveroso far notare che nessun altro governo occidentale offre tale somma a dei clandestini espulsi, Italia compresa. Semplicemente li rimpatriano con la forza. Visto che i rifugiati in Uganda hanno il diritto di aprire attività commerciali, 3.500 dollari ammontano a 8.750.000 scellini ugandesi. Una considerevole somma di denaro che permette di aprire una discreta attività commerciale. Milioni di ugandesi sarebbero felicissimi di possedere questa piccola fortuna e mettere su un ristorantino, una fabbrichetta artigianale, un allevamento di polli di medie dimensioni, un negozio di vendita cellulari ed accessori, o abbigliamento, o un’agenzia di consulenze. Visto che la maggioranza di queste persone espulse sono Etiopi ed Eritrei, questi rifugiati godono anche del vantaggio della presenza in Uganda di una forte comunità del loro paese nota per la sua grande solidarietà.

Quindi gli immigrati espulsi da Israele non hanno dinnanzi a loro un futuro di clandestini e di miseria in Uganda. Al contrario possono integrarsi a pieno diritto nella società che li ospita. Agli occhi degli ugandesi sono anche dei privilegiati, possedendo una somma di denaro che un ugandese deve sudare 6 anni per ottenerla (a messo che abbia un lavoro). Se questi africani espulsi da Israele desiderano spendere i 3.500 dollari ricevuti per pagare un viaggio allucinante che potrebbe loro costare la vita, per giungere a Lampedusa o in altre località europee, questo è una loro libera scelta, ma non devono accusare un paese africano che è ha una politica migratoria tollerante che non è stata nemmeno intaccata dall’emergenza terroristica nella regione, ne’ fare affermazioni totalmente false di “clandestinità e futuro nero” in Uganda per provocare pietismo e far scattare la solidarietà di brave ed oneste persone europee, purtroppo inconsapevoli della realtà.

Pur essendo un Pan Africanista convinto ed amando il Continente, mi sento in dovere di avvertire i lettori e i cittadini italiani in generale. Attenzione: a volte i miei fratelli africani sono abili nel giocare il ruolo di vittime per scopi di lucro. Noi occidentali siamo meno abili a comprendere questi giochi. La mora è che non sempre le vittime sono genuine. Il problema dei flussi migratori è complesso. Ogni capriccio semplicistico (dal razzismo alla difesa ad oltranza degli immigrati e clandestini) non aiuta a comprenderlo e a risolverlo.

L’articolo di Africa Rivista

 

Fulvio Bektrami
Kampala, Uganda
@Fulviobeltrami

Il listino prezzi delle prostitute keniote e ugandesi.

2 Apr

Secondo un’indagine fatta da alcuni media nazionali gli uomini kenioti preferescono le prostitute ugandesi rispetto alle loro connazionali. Une dei principali fattori di preferenza è l’assenza della pratica di mutilazioni femminili nelle ragazze ugandesi. Le mutilazioni femminili rendono la donna quasi insensibile al rapporto sessuale, oltre a creare infezioni e parti a rischio. Entra di mezzo anche il prezzo. Le prostitute ugandesi sono più esperte e costano di meno. Una prostituta keniota costa dai 8 ai 28 mila scellini ugandesi (dai 3 ai 10 euro) mentre il prezzo per quelle ugandesi si aggira tra i 2 e i 5 mila scellini ugandesi (dai 0,71 ai 1,78 euro). Nella sola città di frontiera con l’Uganda: Malaba, si contono circa 500 prostitute tra keniote e ugandesi. Questo concentramento di prostitute è dovuto dall’intenso traffico di camion.

Ovviamente stiamo parlando dei livelli più bassi della prostituzione. Quella orientata verso la media borghesia africana e i bianchi è diversa. I prezzi comunque sono simili: circa 30 euro per una lunga cavalcata tutta notte. Anche in questo caso le ragazze ugandesi sono preferite. Secondo i clienti sanno soddisfare meglio l’uomo e sono aperte a tutte le trasgressioni: rapporti lesbici, anali, rapporti a tre, orge. Il tutto rigorosamente con il perservativo. Guai a proporre ad una prostituta ugandese di classe sesso non protetto. La denuncia è assicurata.

Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@Fulviobeltrami

Kenyan and Ugandan Prostitutes price list

2 Apr

According to national media reports, men in Kenya are increasing choosing to visit prostitutes from Uganda rather than Kenya due to several factors. One of the main factors of preference for Uganda prostitutes is due to female genital mutilation (FGM) of Kenyan women. Due to the process of cutting of the labia, many women are unable to feel stimulation during intercourse. Thus, according to men interviewed, they are “boring in bed.” Another reason is the price. Prostitutes in Kenya charge between $3.20 to $11.25 (8,000 to 28,000 Uganda Shillings). In contrast, prostitutes from Uganda charge between $0.80 to $2.00 (2,000 to 5,000 Schillings). There are about 500 prostitutes working in the area of Malaba, Kenya that borders on Uganda. They women service the hundreds of truck drivers who use the customs point at the border.

Don’t forget that we are speaking about the last level of prostitution. The one oriented for African middle class and white men is different. The prices are almost similar for Kenyan or Ugandan prostitutes. 30 Euro for a long ride night with condom. Even in this case Ugandan prostitute are preferred. They know better how pleasure to the man and are open to several transgression: threesome, orgy, lesbian, anal sex.

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda
@Fulviobeltrami

Black Holocaust. I dimenticati della storia.

5 Feb

Tutte le commemorazioni dell’Olocausto attuato dai nazisti sono concentrate nel ricordare le vittime ebraiche. Pur essendo stata concepita con l’obiettivo di eliminare la razza ebraica in Europa e in tutti i territori conquistati dal Terzo Reich (Africa compresa), la soluzione finale si è trasformata in una immensa fabbrica della morte che colpì chiunque. Il numero di vittime non ebree fu eguale se non superiore. Almeno 4 milioni di civili russi morirono sotto l’occupazione tedesca dal 1941 al 1943. Mezzo milione nei paesi europei occupati dai nazisti. Lo sterminio non avveniva soltanto nei campi di concentramento, ma era una metodologia applicata con parsimonia criminale. Spesso i civili e i prigionieri di guerra venivano radunati e fucilati in massa, gettandoli poi nelle fosse comuni. I vari massacri di civili avvenuti in Italia in rappresaglia delle azioni militari dei partigiani (come quello di Sant’Anna) ne sono un tipico quanto orribile esempio. Rimane comunque il fatto storicamente incontestabile che la “soluzione finale” era stata ideata contro la razza ebraica. La sua estensione ad altre razze, agli omosessuali, handicappati, oppositori politici, soldati nemici non toglie la natura anti-ebrea del progetto.

Un lato sconosciuto dell’Olocausto riguarda quello subito dagli Africani e dagli Afro Americani prigionieri dei nazisti. Oltre 50.000 africani e soldati afro americani perirono nei campi di concentramento. Altri 15.000 furono vittime di fucilazioni di massa. Il numero è provvisorio in quanto non esiste una documentazione completa sul Black Holocaust. L’eliminazione della razza africana, come quella della razza ebraica ha radici storiche lontane e spesso le due razze venivano associate. Secondo Adolf Hitler la razza africana, sottoprodotto umano, era utilizzata dagli ebrei per minare la purezza razziale dell’Europa. Questo quanto afferma nel suo libro di propaganda: Mein Kampf (La mia battaglia). L’affermazione faceva riferimento alle truppe francesi di occupazione dei territori tedeschi del Rhineland dopo la sconfitta del Reich subita nella Prima Guerra Mondiale.
Le divisioni che occupavano i territori tedeschi erano composte per la maggioranza da soldati africani arruolati nelle colonie africane possedute dalla Francia. Dipinti dalla propaganda nazista come feroci barbari violentatori delle donne tedesche, queste truppe erano particolarmente accettate dalla popolazione per la loro umanità e il rispetto verso i civili, la loro cultura e credenze religiose. Almeno 500 furono i matrimoni misti contratti durante il periodo di occupazione e tutti su base volontaria di sentimenti d’amore reciproci. Se le due razze (quella nera e quella ebraica) condivisero lo status di inferiorità, il disprezzo e l’odio del Nazismo, la prima vide attivarsi la soluzione finale 36 anni prima di quella destinata agli ebrei. Il Dottor Eugen Fischer (divenuto successivamente il più importante genetico nazista con diritto di sperimentazione diretta sui prigionieri) sviluppò le sue teorie razziali contro gli africani nel 1904.

Ficher identificò il pericolo genetico della razza ariana nei matrimoni misti contratti da coloni tedeschi e donne africane delle colonie: Camerun, Namibia, Tanzania, Togo. Nello stesso anno le truppe coloniali tedesche attuano in Namibia il secondo genocidio compiuto da occidentali in Africa. Il primo fu quello avvenuto in Congo per ordine del re belga Leopoldo I (dieci milioni di morti in meno di otto anni). Le truppe coloniali per sedare la ribellione della tribù Heroro sterminó il 80% della popolazione, cancellando di fatto l’etnia dal paese. Il 16% dei sopravvissuti fu imprigionato in campi di concentramento africani e usato come cavie umane per sperimentazioni genetiche e farmaceutiche. Una sorte che fu riservata agli ebrei 36 anni dopo. Solo il 4% degli Heroro riusci a fuggire e fu accolto e assorbito da altre etnie locali. All’ascesa al potere del Nazismo negli anni Trenta, in Germania si contava la presenza di 25.000 africani, provenienti dalle colonie tedesche.

Essi vivevano nella “madre patria” dell’impero come studenti, artigiani, prostitute, domestiche, soldati ausiliari, ufficiali di basso livello dell’amministrazione pubblica: netturbini, macellai, guardiani di cimiteri, etc. La maggioranza di essi aveva ereditato la cittadinanza tedesca prima dell’avvento del Nazismo. Il primo atto razziale contro gli africani tedeschi fu compiuto nel 1937 tramite la sterilizzazione forzata, approvata da Hitler ed eseguita discretamente dalla Gestapo. A differenza delle persecuzioni contro gli ebrei quella contro gli africani non fu oggetto di propaganda, ma eseguita in segreto dietro le quinte. Uno ad uno i cittadini tedeschi di origine africana furono sterilizzati raggiungendo il 80% della popolazione nera tedesca. Circa un 20% di essi spari misteriosamente. Indagini post belliche rivelarono che furono incarcerati e utilizzati per sperimentazione farmaceutica almeno 12 anni prima della creazione del primo campo di concentramento. La prima legge razziale non è quella rivolta contro gli ebrei, ma quella per difendere la razza ariana dalla razza negroide: 1937. La legge imponeva ai cittadini tedeschi di origine africana l’isolamento sociale e proibiva i cittadini di razza bianca di intrattenere rapporti sessuali con i loro connazionali neri. L’ideologia nazista collocava la razza nera all’ultimo posto delle razze sub umane dopo gli ebrei e gli zingari.

Con l’istituzione dei campi di concentramento iniziarono le deportazioni dei cittadini neri tedeschi. Una volta giunti nei campi erano loro affidati i peggiori lavori. Non dimentichiamoci che i campi di concentramento tedeschi avevano una doppia funzione: quella di garantire mano d’opera gratuita agli industriali tedeschi basata sul rafforzamento del sistema di schiavitù nel lavoro, e quella di sterminio. Fino al 1943 (quando le pratiche di sterminio si accelerarono con l’utilizzo dei forni crematori e camere a gas) i detenuti lavoravano per l’industria tedesca costretti a turni massacranti di 14, 16 ore al giorno e con una scarsa alimentazione. La conseguente fase di sterminio avveniva con la morte dei prigionieri schiavi per stenti e malattie. Ogni lavoratore morto veniva sostituito con un nuovo prigioniero. Gli industriali tedeschi avevano calcolato che la mano d’opera gratuita e la loro produttività fornita dai campi di concentramento durava di media sei mesi.

Questo periodo coincideva con gli arresti di massa e le deportazioni nei campi dal 1941 al 1942. Le deportazioni erano attuate per sostituire la mano d’opera deceduta. I campi di concentramento producevano beni destinati all’esercito e all’indotto dell’industria meccanica e manifatturiera tedesca. Spesso la materia prima veniva ricavata dai corpi dei prigionieri detenuti. I capelli servivano per fabbricare guanti e maglioni per i soldati. Il grasso per produrre sapone. Le ossa per produrre un sotto prodotto edile da mischiare con la calce. E cosi via. Le deportazioni semestrali si interruppero nel 1943 quando Hitler ordinò di accelerare la soluzione finale. Da quel momento divennero mensili. Dal 1943 in poi i cittadini tedeschi neri imprigionati nei campi vennero utilizzati come mano d’opera per i forni crematori, camere a gas e per lo smembramento dei cadaveri, l’estrazione del grasso e la polverizzazione delle ossa. I tedeschi neri che lavoravano presso le camere a gas e nelle adiacenti camere di “smembramento” venivano tenuti isolati e ogni tre mesi venivano uccisi affinché non rivelassero agli altri prigionieri la sorte a loro riservata.

La maggioranza dei prigionieri (ebrei compresi) rinchiusi nei campi di concentramento erano ignari della sorte a loro riservata e dell’esistenza di camere a gas e forni crematori che erano collocati normalmente alle periferie dei campi. La segretezza di tali operazioni aveva un obiettivo ovvio: quello di impedire rivolte. Se i prigionieri fossero stati a conoscenza della sorte a loro destinata non avrebbero lavorato con la speranza di ottenere la libertà un giorno o di fuggire. Si sarebbero ribellati o suicidati. Le vittime africane dei campi di concentramento non furono solo i cittadini neri tedeschi. Circa 15.000 africani e caraibici che vivevano in Belgio e Francia furono catturati e deportati durante l’occupazione tedesca dei due paesi. Di loro, rarissimi i sopravvissuti. La famosa cantante jazz Afro Belga, Valaida Snow, fu imprigionata nel campo di Axis dove. rimase, quasi due anni. Con l’aiuto di amici influenti, grazie ad uno scambio di prigionieri, venne liberata e ritornò in America nel ’42. L’artista afro belga Josef Nassy fu internato nel campo di concentramento di Tittmorning nella Bavaria, condannato ai lavori forzati e ad una vita molto difficile dove molto compagni morirono di fame, stenti e malattia. Nassy fu libero solo nel 1945 dopo la liberazione e mandato in America.

Centinaia di haitiani, congolesi, senegalesi, burkinabè, maliani, tanzaniani, kenioti e ugandesi furono internati e massacrati nei campi di Mautausen, Buchenwald, Dora-Mitterlabu e Sachsenhausen (a pochi km da Berlino). Circa 10.000 soldati afro americani e delle truppe coloniali belghe e francesi furono deportati nei campi di concentramento mentre 15.000 di essi furono fucilati immediatamente dopo la loro cattura e gettati nelle fosse comuni, in netta contravvenzione con la Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri di guerra. Mentre la maggioranza dei prigionieri alleati bianchi riuscì a sopravvivere, solo il 2% dei soldati alleati neri riuscì ad evitare miracolosamente la morte. I soldati nemici negri venivano tenuti separati dai loro commilitoni bianchi e ricevevano trattamenti peggiori.

In diversi campi, alla domenica, le SS si divertivano al “tiro al negro”. Facevano scappare un africano fuori dal campo e vinceva il soldato SS che riusciva ad abbatterlo nei primi 300 metri di fuga. Chi riusciva ad abbattere il negro con un colpo singolo di fucile in testa nei primi 150 metri riceveva un premio in denaro. Soldati tedeschi erano appostati nel perimetro superiore con il compito di abbattere i prigionieri che avessero superato indenni i trecento metri di distanza. Ad ogni “tiro al negro” dai 50 ai 120 prigionieri africani venivano abbattuti, dipendeva dalla giornata e dalla voglia di divertimento delle SS.

Durante questo olocausto dimenticato dalla storia non mancarono gli eroi africani. L’attivista afro tedesco Lari Gilges fondò la formazione partigiana negra del Northwest Rann che lottò contro i nazisti nella città di Dusseldorf e dintorni dal 1932 al 1933. La Northwest Rann composta da afro tedeschi, fu il primo tentativo di resistenza armata al nazismo registrato in Germania. Gilges fu catturato nel 1933, e la formazione partigiana annientata. Il leader fu ucciso senza processo.

Johnny Voste, un partigiano belga di origine congolese fu arrestato nel 1942 e deportato a Dachau. Durante la sua prigionia si accattivò le simpatie delle SS divenendo un loro collaboratore. L’obiettivo di Voste era tutt’altro che mantenersi in vita tramite servizi di spionaggio contro gli altri prigionieri. Grazie alla fiducia conquistata presso le SS, Voste riusci incredibilmente ad organizzare un approvvigionamento clandestino di medicinali e cibo donato da persone pie dei vicini villaggi che contribuì a mantenere in vita migliaia di ebrei e prigionieri di guerra. Scoperta la rete clandestina fu giustiziato e il suo cadavere rimase esposto per circa sei mesi. Il suo motto era: “Non avrete mai la mia anima. Mi avete imprigionato ma io continuo a lottare”.

Il campo di concentramento di Gunskirchen fu liberato nel maggio 1945 dal 761nesimo battaglione corazzato dell’esercito americano e dal 71nesima divisione di fanteria, entrambe composte unicamente da negri. I comandati afro americani dei due battaglioni, sotto il comando del Generale George Patton, si offrirono volontari ed ingaggiarono violentissimi scontri per oltre quattro giorni contro le difese tedesche. La liberazione degli ebrei e prigionieri del campo di Gunskirchen costò la vita del 60% dei soldati afro americani. I veterani di questa epica battaglia tutt’ora dichiarano nelle celebrazioni della vittoria negli Stati Uniti: “Eravamo coscienti dell’impresa suicida, ma era un atto dovuto per la libertà della razza umana”. Il campo di Gunskirchen fu uno dei pochi liberato dagli Alleati. La maggioranza dei prigionieri nei campi di concentramento fu liberata dall’Armata Rossa.

Durante la sterilizzazione forzata, decine e decine di cittadini tedeschi neri tentarono di scappare in Belgio, Svizzera e Francia. La maggioranza di essi fu arrestata dalle autorità dei rispettivi paesi come clandestini e deportata in Germania dove subirono una morte immediata. Una minoranza di cittadini afro tedeschi riusci ad evitare lo sterminio grazie alla collaborazione con il nazismo. Si conta la presenza di almeno 280 neri tra i reparti scelti delle SS mentre circa 2.000 afro tedeschi erano regolarmente arruolati nella Wehrmacht. Altri 1.200 formarono la famosa Legione Arabica Libera usata dal Generale Rommel sul teatro di guerra del Nord Africa e successivamente sul fronte russo. Altri cittadini afro tedeschi riuscirono ad evitare l’olocausto in quanto impiegati come comparse dal Ministero della Propaganda Tedesca ideato da Gobler. Queste comparse furono gli attori negri di famosi film di propaganda come: Kongo Express, Quax in Africa e Auntie Wanda, realizzati per presentare l’opera civilizzatrice tedesca in Africa durante il periodo coloniale.

A liberazione avvenuta, i cittadini afro tedeschi sopravvissuti furono gli unici a non ottenere nessuna ricompensa dal governo tedesco. Le loro carte di identità e la loro cittadinanza era stata cancellata al momento della prigionia ed erano stati classificati come prigionieri stranieri secondo il loro paese di origine. La riparazione delle vittime dell’olocausto da parte del governo tedesco post guerra riguardava solo i cittadini tedeschi. I pochi sopravvissuti afro tedeschi ancora in vita continuano nella loro battaglia per essere riconosciuti come vittime del nazismo e per essere ricompensati nella più assoluta indifferenza dell’opinione pubblica mondiale.

Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@FulvioBeltrami

Ebola. Fine di una epidemia inventata

24 Gen

L’epidemia di Ebola che ha colpito l’Africa Occidentale è entrata nella sua fase discendente. Lo dichiara un rapporto pubblicato la scorsa settimana dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). “I casi di contagio continuano a diminuire drasticamente in Guinea, Liberia e Sierra Leone” affermano gli esperti. Eppure fino a due settimane fa si parlava di rischio di contagio mondiale. Come è possibile che ora la terribile epidemia stia improvvisamente finendo? Dopo mesi di ignobile terrorismo mediatico e dati falsificati forniti proprio dal OMS sembra giunto finalmente il momento di trarre le conclusioni dando spazio alla ragione e alla informazione scientifica non a quella sensazionalistica. I casi dichiarati nei tre paesi sono 21.689. Le morti registrate: 8.626. Soffermiamoci su questi dati. La prima evidenza che salta agli occhi è il bassissimo tasso di mortalità della malattia, corrispondente al 39,77%.

Questo è dovuto dal ceppo del virus scoppiato in Africa Occidentale che è il meno virulento dei tre ceppi conosciuti a livello mondiale. Nella regione dei Grandi Laghi, tra il Congo e l’Uganda esiste il ceppo più pericoloso che registra un tasso di mortalità pari al 80%. Nelle tre epidemie registrate in Uganda negli anni Novanta e Duemila la capacità di contagio del virus era altissima e rapidissima. Nonostante un sistema sanitario nazionale sufficientemente attrezzato e moderno per contenere l’epidemia, la fortuna dell’Uganda è insita nell’elevato tasso di mortalità e nel rapidissimo decorso della malattia (dal contagio alla morte): pochi giorni. Questo ha impedito lo scoppio di una epidemia vera e propria e facilitato il contenimento della malattia.

Anche i numeri di persone contagiate dall’Ebola nell’Africa Occidentale è scientificamente irrilevante per dichiarare una situazione epidemica, nonostante che i media occidentali ci abbiano sempre detto che in questa parte del Continente stava avvenendo una ecatombe. I tre paesi hanno una popolazione di circa 18 milioni di persone. L’Ebola ha contagiato il 0,12% della popolazione regionale. Una percentuale assai misera che non giustifica l’allarmismo di cui siamo stati vittime per almeno sei mesi. Il contagio non ha raggiunto il mondo occidentale, salvo rarissimi casi riguardanti personale sanitario contagiato durante l’assistenza umanitaria prestata nei tre paesi africani. Non è nemmeno riuscito ad espandersi nella regione. Il Senegal e la Nigeria hanno debellato l’inizio del contagio in meno di due mesi e senza aiuti sanitari. Persino il Mali, paese in guerra civile, è riuscito a controllare in pochissimo tempo l’inizio di Ebola.

Dinnanzi alla facilità di debellare la malattia dobbiamo porci la domanda: perché i tre paesi africani colpiti ci hanno messo circa otto mesi a debellarla? La risposta è semplice quanto drammatica. Nonostante i milioni di dollari spesi dalle organizzazioni ONU, ONG e donatori internazionali durante l’ultimo decennio il sistema sanitario dei tre paesi (tutti usciti da orrende e lunghissime guerre civili) tutt’ora è inesistente. Dove è finito questo gigantesco flusso economico di aiuti umanitari? Una seconda risposta, non condivisa dall’insieme della comunità scientifica e sanitaria internazionale, ma che circola in alcune correnti scientifiche e tra osservatori politici africani colpevolizza proprio l’occidente e il OMS. Secondo loro l’epidemia (se cosi la vogliamo etichettare anche se in modo scientificamente improprio) è durata mesi e mesi a causa della scarsa risposta dell’occidente negli aiuti sanitari. L’unico paese che ha immediatamente risposto e in modo adeguato non è occidentale: Cuba. L’impegno dell’esercito di medici cubani inviato dall’Avana nei tre paesi africani e la loro efficacia sul terreno ha superato di gran lunga tutte le organizzazioni umanitarie occidentali, comprese quelle che possono essere considerate tra le migliori che sono intervenute in Guinea, Liberia e Sierra Leone: MSF e la ONG di Gino Strada, Emergency.

Queste semplici osservazioni fanno capire quanta informazione distorta e terroristica ci è giunta. Ora è tempo di bilanci, purtroppo assai sconcertanti. La domanda d’obbligo è chi ci ha guadagnato in questa storia e chi ci ha perso. Sicuramente i tre paesi africani hanno perso su tutti i fronti. Il danno economico dovuto dall’embargo cinicamente attuato ma non ufficialmente dichiarato dall’Occidente ammonta a 25 miliardi di dollari secondo la Banca Mondiale. Un danno spaventoso per questi tre paesi che sono agli ultimi posti della classifica dello sviluppo in Africa, con crescite economiche annue ridicole, infrastrutture inesistenti, processo di ricostruzione post bellica mai completato e spaventosi debiti pubblici. Anche sul punto di vista dell’immagine questi paesi escono totalmente distrutti. Liberia, Guinea e Sierra Leone sono diventati sinonimo di Ebola, cioè di una terribile e mortale malattia capace di mettere a repentaglio l’umanità secondo quanto ci hanno detto per mesi i nostri autorevoli media.

Per dei paesi poveri del Terzo Mondo l’immagine che hanno all’estero è di vitale importanza per attirare investimenti, turismo e prestiti internazionali. Anche l’Africa in generale ha subito un grave danno di immagine. Per l’ennesima volta l’Africa è sinonimo di morte e distruzione. Alcuni carissimi amici congolesi e nigeriani mi hanno riferito di aver subito umilianti trattamenti alle frontiere europee, sospettati di essere contagiati dall’Ebola in quanto negri ed africani. A livello internazionale il OMS ha perduto molta credibilità tra il mondo medico scientifico (quello serio e non al soldo delle multinazionali farmaceutiche). Truccare i dati sul contagio, e non essere in grado di debellare in poche settimane la malattia (come hanno fatto Mali, Nigeria e Senegal) di certo non sono azioni di cui andare fieri.

Se è lampante chi ha perduto in questo fattaccio meno lampante è chi ci ha guadagnato. Questa mancanza di chiarezza non è dovuta da una analisi complessa ma da un semplice quanto deplorevole occultamento della informazione. I nomi dei vincitori sono noti e semplici da indovinare: Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e le multinazionali farmaceutiche in primis la Glaxo. La potenza imperialista americana è riuscita a ricreare il protettorato della fine Ottocento in Liberia, paese considerato dalla Casa Bianca strategico sotto un punto di vista militare ed economico (visto gli ingenti giacimenti petroliferi scoperti nelle sue acque territoriali). Il governo di Ellen Johnson Sirleaf è odiato dalla maggioranza della popolazione. Gli ultimi risultati elettorali, dove l’opposizione ha stravinto, sono la prova più evidente. Questo rappresentava prima della “emergenza Ebola” un grave rischio per gli Stati Uniti. Un cambiamento di regime tramite una democratizzazione del paese, poteva drammaticamente mettere in forse gli investimenti americani a favore di una politica nazionalistica magari appoggiata da potenze concorrenti quali la Cina.

Ora con il protettorato instaurato grazie all’invio di 6.000 soldati d’élite nel paese africano, questo rischio è stato allontanato. Stesso dicasi per le ex potenze coloniali che hanno consolidato la loro presenza militare nelle due strategiche ex colonie: la Gran Bretagna in Sierra Leone e la Francia in Guinea. Come nel caso della Liberia questi due paesi africani detengono importanti giacimenti petroliferi di recente scoperta, governi debolissimi ed instabili e covano rischi dell’insorgere di una politica nazionalistica in chiave anti occidentale. Pericoli che saranno abilmente controllati dai soldati inglesi e francesi, ovviamente lontani dai riflettori dei propri media, per non urtare la sensibilità del grande pubblico o, peggio ancora, correre il rischio dell’aprirsi di inchieste sul rispetto dei diritti umani.

Le case farmaceutiche internazionali sono riuscite ad infrangere una rigida regolamentazione sulla sperimentazione di vaccini e nuovi farmaci che la comunità internazionale ha fino ad ora loro imposto, costringendole a lunghi e costosissimi anni di seria ricerca. Sfruttando il terrorismo psicologico informativo e la complicità del OMS, la Glaxo e le altre case farmaceutiche internazionali hanno potuto sperimentare vaccini e medicinali nei tre paesi africani in un clima di totale assenza di regolamentazione giuridica e scientifica che rappresenta un vero e prorpio rischio per l’umanità. L’efficacia di questi vaccini e medicinali verrà comprovata solo se si otterranno risultati positivi. In caso contrario si otterrà la morte delle cavie umane africane che si contano a migliaia. Decessi che verranno accuratamente occultati in quanto la fase discendente dell’Ebola fa si che la malattia e gli avvenimenti ad essa collegati, non siano più di interesse per le prime pagine dei giornali e dei network occidentali dell’informazione.

Paradossalmente e a conferma dei dubbi nutriti, l’arrivo dei soldati occidentali e l’inizio della sperimentazione dei vaccini e farmaci, coincide con la fase finale della malattia. Ironico, non trovate? Dimenticavo di riferire una buona notizia sottolineata dall’Organizzazione Mondiale della Salute. Gli esperti di questa agenzia internazionale hanno dichiarato che ora i tre paesi hanno una sufficiente capacità di gestire ed isolare i casi di contagio grazie all’aiuto internazionale. Alla domanda di quali capacità esattamente si tratti, posta da un giornalista del settimanale politico economico: The East African, un esperto del OMS risponde: “I tre paesi ora hanno una sufficiente capacità di sotterrare i corpi delle persone che sono morte di Ebola”. Il settimanale africano non ha ritenuto di apportare commenti a questa spiegazione…

Fulvio Beltrami per African Voices
Kampala,Uganda
@FulvioBeltrami