Tag Archives: Tunisia

Libya. Five years of Western Chaos

4 Nov

The Arab Spring in Tunisia and Egypt affected Libya internal stability. Protest against Colonel Muammar Gaddafi regime erupted on February 2011, brutally crushed by the army. The force used by Gaddafi and Western interferences will soon create a dramatic civil war ended on October 20, 2011 when Libyan leader was caught and shot dead by Libyan National Transitional Council militia with the active support of French Intelligence services.

Nowadays Libya, former developed African Country and leader of Pan African Movement, is a country torn apart and divided, with to governments fighting between them and claiming the control of the Nation. The real Libya’s owner are local militias (ISIL DAESH included) that have power of live and death over the population of the areas they control. Economy is collapsed. GDP shrank by 10.2% in 2015 adding to the 24% collapse in 2014. Production of crude oil fell to the lowest level on record since the 1970s: around 0,4 million barrels par day. Western Power (Italy included) are nowadays engaged with air bombardment and military interferences in order to support Libyan factions. A Somali scenario repeated with incredible stupidity wisped the dramatic western mistakes that transformed Somali civil war erupted on 1991 in an eternal conflict with terrorist international complications.

As we assist in Somalia on 1993, Libyan local militias strategies and objectives are became oppose to the ones promoted by Western powers, transforming Libya in an African Syria. A battlefield between different imperialist and regional powers. A war without end that has full involved US. Libya should be added to disastrous adventure in Iraq and Afghanistan. In all these countries the Pax Americans has not established and the masses pay the heavy bill of American failure. Libyan situation is so negative for US foreign policy that President Barak Obama has considered 2011 Western intervention the worst mistake ever made by his Administration. U.S., France and Britain destroyed the old state apparatus in Libya creating a dangerous empty space fulfilled by Al-Qaeda and DAESH militias. What Obama did not take into account was the situation impossible to manage created by the role plaid by tribal rivalries that were temporally balance during Gaddafi’s rule.

Different actors are inside to Libyan drama. U.S., France, Britain, Italy, Russia, China, Saudi Arabia, Egypt, Qatar, Turkey. All attracted by the strategic position of this North African country with its shores on the Mediterranean Sea very close to Europe. A North African country really reach: 38% of African continent’s oli and 11% of European consumption. The government of Tripoli is supported by Qatar and Turkey. The Tobruk government, recognized by U.N and E.U, is supported by Egypt, Saudi Arabia and Arab Emirates. DAESH forces still control Derna and Sierte surrounding areas. International alarms grown after the serious influence of Islamic State in Libya. In order to resolve the problem U.N. and Western Powers pushed for a national unity government against terrorism treat. The Government of National Agreement (GNA) under Prime Minister Fayez al-Sarraj control was created on March 30 of this year. A really weak government that has increase the conflict in the country. GNA was immediately boycotted by several former ministers, tribes and clans. Al-Serraj has been transformed in the most weak African Prime minister from the very first day of his election. Living condition of Libyan population dropped dramatically fulfill the ranges of local militias and terrorists groups. Al-Serraj’s government is still alive only thank to West support. In reality Al-Serraj has no real power but a virtual surrogate of it.

On August 2016 a new chapter in Libyan civil war has opened with US involvement. Bombing Sirte was an American decision that has make worst the situation. 330 US Air-Forces strike have not facilitated Sirte fall. Al-Baghdadi militia are still able to offer a fierce resistance. Sirte was Gaddagi’s hometown very well protected. To assure the conquer of Sirte there are need of ground troops. There is no national army in Libya so the ground troops must come from African countries or Western Powers. African Union, Arab Liguea, U.N. Europe and U.S. are showing the total absence of direct military intervention willing. They prefer to support the different Libyans militias in a never ending proxy war. The eternal battle for Sirte has weakest Al-Serraj government meantime other players are taking advantage of the situation.

Tobruk strongman General Khalifa Haftar, control Sidra and Ras lanuf oil terminals recently conquer. Haftar General is supported ny Egypt and France. French special forces are military active in Cyrenaica, regione lagerly controlled by Haftar General. Several Africans analysts consider unlikely that in the current situation Haftar will be able to restart oil production. Anyway Sidra and Ras Ianuf oil terminals and refineries are powerful weapons in his and that increase his influence over future negations about power division in Libya. GNA government has just miraculously survive to Khalifa al-Ghwell militias coupt attempt in Tripoli. Al-Ghwell strike was so determinate to force Prime Minister Al-Serray to hiding to a secret location in Tunisia. Western power have take for granted that Al-Serray is at the end of his days. Now are forced to increase their military presence in the region under usual justification of fighting Islamic terrorism.

France is one of the most active powers in this scenario. Last July, the GNA issued a protest where considering the French presence in Libya’s eastern region as a breach of international norms and sovereignty. France ignored that protest and increased its presence, a fact exposed by the crash of an airplane in Malta last Monday. At least three passengers were members of French intelligence heading for Libya.”, explain Roberto Sarti, a marxist Italian activist and expert over Libya issues.

Italy, the former colonial power, is trying not to be excluded from the division of the booty. In September they sent 300 soldiers to Libya, with “humanitarian” intentions, of course. The Italians are planning to build a military hospital in Misrata, and the official task of the troops will be “to protect the premises.” In reality they are going to protect their local proxies in Misrata and in the siege of Sirte. Not everybody is happy with the Italian initiative. The Zintani Brigade (a militia that, when it changed sides, was crucial in the fall of Gaddafi) declared that it would “not stand idly by and will face any invader with all our might,” and “we call on all Libyans to stay united and prepare to fight the new Italian invasion of our land.”

As Mr. Sarti describes the situation in Libya is assuming the character of a long a protracted civil war. An Western crime make possible by the passivity of African Union to resolve Continental issues alone, imposing democracy and human rights respect in autonomy way even with the use of African military force. The only A.U. attempt to resolve African crisis is in Somalia, where African troops AMISOM are fighting Al-Shabaab and DAESH militias, under Uganda command. A fight weakened by the withdraw of Ethipian troops decided by Addis Abeba government in order to face Oromo rebellion.


Fulvio Beltrami

Freelance Journalist
@Fulviobeltrami

Annunci

Il paranoico El Sisi, orgoglio di un occidente corrotto e marcio.

9 Gen
In Egitto, in occasione dell’anniversario della rivoluzione del 25 gennaio, El Sisi, dittatore psicopatico e paranoico sta facendo arrestare tutti gli egiziani che amministrano pagine o gruppi su Facebook, coloro che scrivono su pagine politiche e che condividono notizie su altre pagine, sono accusati di cospirazione, falsificazione di notizie, terrorismo ect…
Tra gli ultimi arresti, solo due giorni fa, 4 persone tra cui 3 donne solo perchè condividevano notizie da una pagina politica.
el sisi
Come può il popolo di un paese immenso come l’Egitto, sopportare tutto questo senza muovere un dito? La rivoluzione araba in Egitto che aveva visto una sommossa popolare immensa per destituire Mubarak, non doveva avere un finale di questo tipo. Il paese ha avuto l’occasione di passare in mano ad un personaggio come Morsi che, quanto meno, voleva ridare l’Egitto agli egiziani, ma non era certamente un lecca culo degli USA e questo non gli ha portato bene.
Per gli USA e per alcuni paesi Europei come Francia e Italia, ci voleva un uomo forte e che sopratutto non cambiasse gli interessi occidentali nel paese. Ed El Sisi, ex capo della sicurezza abituato a comandare e torturare con fermezza è l’uomo giusto, per loro.
E infatti, abbiamo visto i vari primi ministri europei e il presidente statunitense andare in Egitto e strinegere la mano del dittatore come se nulla fosse, dimenticando, anzi ignorando che quell’uomo è un torturatore e repressore della libertà di espressione. Un uomo capace di buttare nelle galere egiziane, che non brillano per diritti umani, l’ex presidente Morsi e giornalisti di ogni tipo che spesso hanno solo scritto parole di critica politica che in un paese libero e civile si chiama informazione.
Come possiamo dormire sonni tranquilli sapendo che USA ed Europa che dovrebbero vigilare e che si priofessano governi che si battono per la democrazia e libertà nel mondo, lasciano che tutto ciò accada in Egitto, un paese che noi stessi dovremmo proteggere dalle calunnie e dalla violenza anche solo per essere una delle terre culla della civiltà mondiale.
Obama piange in diretta TV per i morti in America delle armi vendute in casa..
Paglaiccio, perchè non piangi in TV pensando ai milioni di morti causati con le tue bombe e i tuoi fucili in medio oriente e in Africa. Perchè non piangi quando vai a stringere le mani insanguinate dei dittatori come El Sisi?
Perchè non piangi pensando al Daesh, ai morti sgozzati e ai bambini arruolati che useranno anche le tue armi, per ammazzare? Perchè non piangi pensando che il Daesh è un prodotto della tua legislatura?
Pagliaccio Obama, sai bene che nessuno toglierà mai le armi dalla vendita pubblica in America, il business miliardario e tu, stai attaccando proprio quelle multinazionali che ti hanno aiutato a diventare presidente degli Stati Uniti per ben due volte, eppure solo quando sai di non poter più essere rieletto, ti lanci in battaglie da ‘premio nobel per la pace’. Obama, pagliaccio.

Noi guardiamo, ridiamo, ci commuoviamo e dimentichiamo che se il mondo è nello stato penoso di oggi, che se il luogo più insicuro della terra è la terra stessa, lo dobbiamo solo a personaggi come Obama e tutti coloro che lo hanno preceduto e non solo negli Stati Uniti, ma anche in questa Europa che non sa dare riferimenti e sicurezza ai cittadini, chiusa e subordinata dall’incudine e martello delle economie dei paesi arabi e Americani

renzi
Eppure in Africa qualcosa si muove, alcune nuove generazioni stanche del giogo occidentale nel continente hanno messo la parola fine ad alcune dittature sanguinarie e oppressive come in Burkina Faso, in Tunisia che seppure faticando molto, un barlume di democrazia si intravede dopo il dittatore Ben Ali. La Somalia (Mogadiscio) sta reagendo. La Tanzania si è disfatta di un presidente scalda poltrona ed è passato ad un uomo attivo ed onesto. Il Rwanda come il Ghana sono paesi che oggi hanno una stabilità e crescita economica da far invidia a molti paesi europei.
Però esistono le estrazioni di minerali utili all’industria mondiale e sfruttata da braccia spesso mal pagate o schiave, lontane dagli occhi e dagli organi di informazione occidentale. L’estrazione di petrolio delle multinazionali italiane, americane e francesi che ricordiamolo, con la loro speculazione hanno generato la nascita dei Boko Haram che all’inizio erano combattenti mal organizzati e con armi scadenti, per le loro terre danneggiate dal petrolio, prima di diventare quello per cui li conosciamo oggi.
E ci sono aancora le tasse coloniali che Francia, Inghilterra, Spagna, Portogallo continuano a pretendere come veri strozzini della peggior specie. Milioni di dollari che ogni anno vanno ad impinguare le casse di questi paesi senza i quali, probabilmente, sarebbero loro i paesi del terzo mondo! Saremmo noi, senza quelle tasse a dover salire sui barconi per migrare in Africa. Ricordatevelo gente, quando vi divertite a fare i razzisti orgogliosi dell’ultima ora che, se oggi vivete dignitosamente e avete un tetto sulla testa e uno smartphone in mano, non è tutto frutto del vostro sacco, anzi, è di un grosso sacco che svuotiamo ogni giorno e si chiama, Africa.
scritto da African Voices
@AVafricanvoices

Tunisia Oggi – Intervista a Giada Frana, Giornalista Freelance in Tunisia.

27 Dic

Era il 17 Dicembre 2010 quando Mohammed Bouazizi, un giovane venditore ambulante di frutta e verdura, si diede fuoco davanti la sede del governatorato di Sidi Bouzid dopo aver visto confiscare il suo carretto di prodotti, grazie al quale riusciva a sopravvivere.
tuni1
Un gesto estremo, disperato, che accese nel popolo del giovane tunisino la miccia della rabbia e della rivolta che, a macchia d’olio, si espanse in altri Paesi arabi dove allora, come in maggioranza oggi, vige la dittatura.

Mohammed mori’ il 4 Gennaio del 2011, a causa delle ustioni che avevano ricoperto il 90% del suo corpo, ma egli rimane il simbolo di una Rivoluzione che dalla Tunisia alla Siria, ha mosso intere generazioni di intellettuali, disoccupati ed analfabeti che hanno combattuto ed ancora combattono per la conquista di quello che dovrebbe essere un diritto universale: la liberta’.

La Tunisia di oggi e’ il ritratto di un Paese che prova a rialzarsi, piu’ volte colpito all’interno da attentati, dove ancora una larga fetta del Popolo chiede ugualianza-liberta’-giustizia sociale, ma non riesce ad ottenerla.
Per capire meglio ed in maniera profonda la situazione tunisina avevamo bisogno di un occhio critico e non di parte, che ci facesse capire il Paese 5 anni dopo l’inizio delle proteste che portarono alla fuga di Zine El-Abidine Ben Ali, l’allora presidente al trono da ben 23 anni.

Giada Frana, giornalista freelance, collabora con L’Eco di Bergamo, il mensile Vita, il blog del CorriereLa città nuova” e il quotidiano online Lettera43, vive a Tunisi da aprile 2014 e ci vive da “tunisina”.

Sposata con un ragazzo tunisino, frequenta mercati, artigiani, famiglie, e tutto cio’ che gira intorno alla vera e reale societa’ del Paese in cui vive al momento. Le sue esperienze giornaliere vengono riportate in una bellissima pagina facebook “Un’Italiana a Tunisi

Giada ci ha aiutato a capire meglio la Tunisia di oggi.

D: Pochi giorni fa si e’ celebrato il 5 anniversario della Rivoluzione Tunisina. Che aria si respirava?

R: Non ci sono state celebrazioni, la Tunisia istituzionalmente come data simbolo della rivoluzione ha preso in considerazione il 14 gennaio, giorno in cui Ben Ali’ ha lasciato la Tunisia. il 14 gennaio é festa nazionale, mentre il 17 dicembre no. La maggior parte della popolazione ritiene che la data da festeggiare sia invece il 17 dicembre, perché é stato proprio il gesto di Bouazizi a dare il via al tutto e ad innescare la serie di rivolte prima nel Paese e poi negli altri paesi arabi. A Sidi Bouzid, la città di Mohamed Bouazizi, l’anniversario é davvero sentito: si organizza un vero e proprio Festival della rivoluzione. Purtroppo non sono riuscita a parteciparvi, quindi non so dirti nei dettagli l’atmosfera che si respira, anche se pure a Sidi Bouzid é un anniversario dal gusto amaro. Col gesto di Bouazizi si sperava che il governo si interessasse alle regioni interne e svantaggiate economicamente e socialmente, regioni che sin dai tempi dell’indipendenza sono state ignorate, ma cio’ non é avvenuto e per cui per chi abita in quelle zone la situazione non é cambiata. Vista la disoccupazione, la miseria e la minaccia terroristica, le festa anche li’ é stata piccola. c’é stato uno show equestre e la visita del ministro della cultura Latifa Lakhdhar, che ha annunciato che sarà costruito un museo della rivoluzione e saranno inaugurati un istituto regionale della musica e una biblioteca pubblica. il centro di Sidi Bouzid era fortemente controllato e un blindato é stato posizionato davanti alla sede del governorato, secondo quanto riportato da un giornalista dell’AFP presente. Purtroppo c’é molta rassegnazione e pessimismo in questo periodo nell’aria: la Tunisia non sta vivendo un bel momento, sotto diversi aspetti.

D: E’ stato differente dall’anniversario dell’anno scorso?

R: Anche l’anno scorso l’anniversario é passato in sordina, per i motivi di cui ti spiegavo prima; inoltre in quei giorni ci si stava preparando per il ballottaggio delle presidenziali, quindi l’attenzione era più concentrata sulle elezioni.

D: Come ricorda il Popolo la Rivoluzione? O meglio, essa viene ricordata solo in occasione dell’anniversario oppure la si respira ancora tra la gente?

R: Proprio in questi giorni sta circolando su facebook la notizia che la famiglia di Bouazizi si é trasferita in Canada con status di rifugiati politici, per una serie di minacce ricevute, a loro dire, anche se non é ben chiaro da chi siano stati minacciati. i commenti degli internauti tunisini a questa notizia sono molto negativi: alcuni maledicevano la famiglia dicendo che é colpa loro se la Tunisia si trova ora in una situazione difficile, altri commenti del genere “se volete emigrare in Canada immolatevi e fate finta che la polizia vi perseguiti“, indubbiamente verso questa famiglia c’é molta rabbia repressa e c’é chi pensa che abbia sfruttato la propria situazione a suo vantaggio. No, non si respira più la rivoluzione: verso di essa c’é più un sentimento ambiguo, proprio perché il popolo non ha ottenuto cio’ che sperava, si sta assistendo a una nostalgia verso ben Ali, fenomeno sociale che é stato indagato da Amine Boufaied, realizzatore e Lilia Blaise, giornalista franco-tunisina, con il loro documentario 7 vite, girato durante l’estate 2014. la gente comune intervistata afferma che “tutto andava meglio sotto Ben Ali'”. Io credo che abbiano dimenticato i soprusi subiti, e che idealizzino quel periodo, soprattutto dal punto di vista della sicurezza. Già dopo i due attentati al bardo e a sousse, su fb vedevo molte persone affermare che con lui tutto cio’ non sarebbe successo.

D: Secondo te le richieste della Rivoluzione, ad oggi, si possono definire rispettate?

R: No, per nulla: il popolo era sceso in piazza scandendo ad alta voce “libertà, lavoro, dignità“. La libertà negli ultimi mesi é sul filo del rasoio: a seguito dell’ultimo attentato del 24 novembre, Amnesty International ha sottolineato il ritorno a misure repressive e abusive delle forze di sicurezza tunisine, come con il raid operato nel quartiere della Goulette di Tunisi il 27 novembre, in cui la polizia ha arrestato tra 50 e 70 persone, in una notte che i residenti hanno definito “di terrore”. Gli abitanti hanno infatti denunciato l’uso delle armi, gli insulti e le minacce ricevute, che hanno avuto un impatto negativo soprattutto tra le persone anziane malate di diabete o ipertensione. la nuova legge anti terrorismo adottata a luglio prevede inoltre che una persona sospettata di terrorismo possa essere tenuta in detenzione provvisoria per 15 giorni, senza contatti né con un avvocato, né con persone esterne, cosa che, sempre secondo Amnesty, non fa che aumentare il rischio di torture o maltrattamenti.

La libertà di parola che é spesso ritenuta l’unico vero guadagno della rivoluzione, anche questa sta facendo passi indietro. Inoltre vengono applicati leggi e articoli del codice penale che vanno in constrasto con la nuova costituzione: come l’articolo 230 del codice penale, che punisce con il carcere la sodomia e per il quale di recente sono stati arrestati sei studenti di Kairouan, condannati a tre anni di prigione e cinque anni di esilio dalla città in quanto omosessuali, dopo aver accertato la loro omosessualità attraverso un test anale. In realtà la legge sull`omosessualità è stata introdotta nel 1913 dai francesi. la costituzione tunisina negli articoli 21 e 24 afferma “i cittadini sono uguali davanti alla legge senza nessuna discriminazione” e ” lo stato protegge la vita privata e l`inviolabilità del domicilio“. Contestata in questi giorni anche la legge 52, secondo il quale chi viene trovato in possesso di stupefacenti (parliamo di zatla, ossia di cannabis, che viene importata da marocco ed algeria) viene arrestato e deve pagare una multa. questa legge é stata usata come scusante ai tempi di Ben Ali’ per arrestare persone scomode, e la sensazione é che si stia ritornando a quelle pratiche, come ha dimostrato l’arresto di tre artisti, noti perché hanno contribuito nel post rivoluzione alla libertà di parola, artisti che poi sono stati scarcerati per “non luogo”, ossia il fatto in sé non sussisteva. Il problema é che un terzo dei carceri tunisini é formato proprio da persone arrestate per questo motivo, magari spesso ragazzini che per uno sbaglio rischiano di vedersi rovinata la vita. il carcere tunisino non é uno scherzo, il rischio é che una volta usciti da li diventino davvero criminali – come sarà accolto dalla società un giovane che é stato in prigione? potrà riprendere gli studi, trovare lavoro facilmente? no – o nel carcere si radicalizzino.

Per quanto riguarda il lavoro, la situazione economica tunisina é in stallo: la disoccupazione é arrivata al 15% a livello nazionale, sono sempre di più i giovani laureati disoccupati, e nelle regioni interne e svantaggiate, come appunto Sidi Bouzid, arriva ben oltre il 50%. la Tunisia ha inoltre un triste record: é il paese che più fornisce foreign fighters (in rapporto alla sua popolazione), secondo un recente studio del Ftdes, il Forum tunisino per i diritti economici e sociali, più che motivazioni ideologiche dietro ci stanno motivazioni economiche. sempre il Ftdes spiegava che la situazione economica tunisina attuale porta a tre possibili reazioni: immigrazione clandestina, jihadismo o suicidio. dal 2011 ad oggi si sono registrati 1.520 suicidi o tentativi di suicidio; quest’anno il numero é più alto rispetto ai precednti, finora 466 suicidi o tentativi, 36 nel mese scorso, si tratta di persone soprattutto nella fascia d’età 26/35 anni, ma ci sono stati suicidi anche di giovanissimi, minorenni.

Dignità: come puo’ esserci dignità quando il popolo vive in condizioni tali? quando famiglie hanno difficoltà ad arrivare a fine mese, quando hanno perso la speranza in quella rivoluzione tanto acclamata? quando lo stato non fa nulla dal punto di vista sociale ed economico per cercare di risollevare la situazione? Capisco che il terrorismo sia diventata la priorità, ma é tutto un circolo vizioso. Il giorno dell’attentato di Parigi un giovane pastore 16enne, Mabrouk Soltani, di Jbel Mghila, vicino a Jelma, nel governorato di Sidi Bouzid, é stato decapitato dai terroristi. tuni2

Pare che alla fonte di questo orribile gesto ci sia stato il sospetto, da parte degli estremisti, che il giovane fosse una spia, notizia poi smentita dallo stesso governo tunisino. La vicenda ha suscitato molto scalpore in Tunisia, non solo per il gesto efferato, ma anche per il non intervento immediato del governo. M. Nessim Soltani, cugino del giovane, è stato invitato in una trasmissione dell’emittente tunisina Nessma, dove ha denunciato la drammatica situazione vissuta dalla popolazione di quella zona, priva di acqua potabile, dove si può morire di parto per la lontananza dall’ospedale, senza infrastrutture vere e proprie, una zona dimenticata dallo Stato come il resto della regione. “Sarebbero capaci di comprarci, di comprare tutti noi giovani marginalizzati della regione, analfabeti e disoccupati – ha riferito -. Viviamo in una tale povertà. Ma faremo di tutto per fare in modo che ciò non accada, non lasceremo proliferare i terroristi. Sono pronto a sacrificare la mia vita.
Non è grave se un milione di tunisini muore per sbarazzarsi del terrorismo: siamo undici milioni, almeno gli altri dieci vivranno meglio».

Questo giovane é stato coraggioso, ma quanti lo saranno? non é semplice non farsi abbagliare da promesse di soldi quando si vive in condizioni tali. Finché lo stato non capisce cio’, finché lo stato non cerca di intervenire a livello economico e sociale per i suoi giovani, dubito che sradicherà il problema del terrorismo. bisogna dare loro delle valide alternative, partendo dai luoghi educativi e culturali.
In definitiva parlerei più di involuzione che rivoluzione… e come mi ha detto un’amica, sconsolata: “ho sempre più l’impressione di vivere in una prigione a cielo aperto“.

D: Di cosa ha bisogno davvero il Popolo Tunisino?

R: Ha bisogno che il paese si riprenda economicamente, che gli stipendi siano adeguati al costo della vita, che le scuole preparino davvero bene i giovani – ultimamente il livello é calato molto e chi puo’ iscrive i figli alle private, senza contare che nelle zone rurali ci sono scuole in condizioni disastrose -, che la sanità sia alla portata di tutti – é di questi giorni la notizia che a tataouine due donne incinte sono morte perché non si trovava un medico per la rianimazione -. Ha bisogno di tornare a vivere, non sopravvivere.

D: Politicamente parlando invece, come definiresti in poche parole la situazione attuale?

R: Un punto interrogativo. Mohsen Marzouk, segretario di Nidaa Tounes, ha annunciato in questi giorni la sua volontà di separarsi dal partito e a gennaio presenterà un nuovo progetto politico. C’é una crisi quindi all’interno del partito stesso, ci sono lamentele da parte del popolo verso chi ha effettuato il cosiddetto “voto utile” votando Nidaa Tounes, perché sostengono che non abbia fatto nulla per risolvere la situazione del paese e che anzi, stia andando sempre più verso uno stato di polizia. Staremo a vedere nei prossimi mesi che succerà…

D: Giada, in un anno di vita in Tunisia, sei stata testimone di attentati terribili, il primo al Museo Nazionale del Bardo (28 Marzo 2015, che ha causato la morte di 24 persone), seguito da quello sulla spiaggia di Susa nel Resort Imperial Marhaba (26 Giugno 2015, che ha causato la morte di 39 persone) e per finire l’ultimo al pulman delle Guardie Presidenziali (24 Novembre 2015, che ha causato la morte di 13 persone). Il Popolo come vive il terrore e la paura? Come effetti collaterali della Rivoluzione o solamente come atti di terrorismo?

R: Io direi entrambi: c’é chi pensa che questi attentati, se ben ali’ fosse ancora al potere, non ci sarebbero stati; chi afferma che la Tunisia é l’unico paese interessato dalle cosiddette primavere arabe che ce l’ha fatta e quindi viene colpito perché scomodo, chi pensa che il terrorismo sia ormai internazionale e possa colpire ovunque

D: Cosa pensi che debbano sapere “gli occidentali” a proposito della Tunisia? Credi che in qualche modo la situazione da fuori sembri diversa da quella che e’ realmente?

R: La Tunisia viene spesso indicata come paese laico, invece a mio avviso non lo é, é un paese musulmano, tanto che il primo articolo della nuova Costituzione afferma chiaramente che l’islam é la sua religione. E’vero che sia Bourguiba che Ben Ali’ hanno intrapreso questa strada, ma é anche vero che la religione occupa un posto importante nella quotidianità del popolo. Se fosse laico, non ci sarebbero ad esempio difficoltà a non fare il digiuno di ramadan – ristoranti e bar aperti ci sono, ma pochi e spesso chi non pratica si vergogna comunque ad ammetterlo, per quello che la gente potrebbe pensare -, una coppia seppur non sposata potrebbe prendere una camera d’albergo insieme – invece i cittadini tunisini devono dimostrare di essere sposati, anche se si trova sempre un modo per raggirare la legge – e cosi’ via. Certo, come mi ha detto un tunisino, “é l’islam che si é adattato al popolo, non il contrario“, e come ogni paese musulmano, l’islam si declina in modi diversi.

Si’, la situazione da fuori sembra diversa, più rosea secondo me. Ad esempio si é enfatizzato molto il fatto che abbia ricevuto il premio Nobel e viene spesso indicata come esempio di democrazia riuscita, quando é una democrazia ancora in formazione, che trova molti ostacoli interni ed esterni sul suo cammino e presenta non pochi problemi, di cui invece si parla raramente. Gli argomenti che di solito interessano di più sono terrorismo, foreign fighters, estremisti, situazione donne, quando invece ci sarebbero molte altre tematiche su cui indagare e che permetterebbero di avere una visione più completa del paese; senza contare che spesso i media quando prendono come riferimento certe persone diventate quasi dei simboli – come Amina delle femen -, magari poi intervistano sempre e solo esclusivamente quelle, quando nel panorama ce ne potrebbero essere altre che potrebbero apportare un punto di vista più interessante e nuovo.

D: Cosa auguri alla Tunisia di oggi?

R: Mi auguro che la Tunisia riesca a sconfiggere il terrorismo ma che non avvengano più violazioni dei diritti umani in nome della lotta contro di esso. Mi auguro che la Tunisia riesca a risollevarsi dal punto di vista economico e sociale, e che ritorni ad essere un paese in cui i giovani vogliono stare, non da cui sognano di emigrare.

Intervista di Raja
African Voices staff

SULLE STRAGI, NOI MUSULMANI DOBBIAMO FARE AUTOCRITICA.

3 Lug

«Con la Tunisia, si colpisce l’economia dell’unico Paese laico dell’intera regione. Dobbiamo isolare i fanatici»

L’immigrato. Un’immagine di Abdelmajid Daoudagh che, negli anni, ha continuato a studiare e a promuovere una «riforma laica e plurale dell’islam»

Di origine marocchina, Abdelmajid Daoudagh, vive in Italia da 27 anni, dopo un periodo in Francia dove ha studiato all’Università. La traduzione dall’arabo del suo nome significa «servo» (abdel) «maestoso» (majid). «Servo maestoso nei confronti di Dio, che ci ha creato tutti diversi e che ci vorrebbe tutti in pace» dichiara. La società civile musulmana in Occidente deve preservare la propria identità dalle derive fondamentaliste.

Anna Della Moretta
a.dellamoretta@giornaledibrescia.it

Non è trascorsa nemmeno una settimana da quel venerdì di sangue in cui persone innocenti sono state massacrate su una spiaggia della Tunisia. Nemmeno una settimana, e l’eco della tragedia si è fatto già flebile, sovrastato da altri e impellenti rumori e frastuoni che tengono in bilico l’Europa. L’Unione che è, e quella che dovrebbe essere, nell’affrontare una crisi greca che va ben al di là della questione economica. Una crisi così profonda, anche perché è stata letta ed affrontata con il metro degli interessi di parte, e non della visione politica che abbia come missione il «bene comune».

Termine che, proprio mentre lo scriviamo, ci accorgiamo essere desueto. Ce ne accorgiamo durante la chiacchierata con Abdelmajid Daoudagh, immigrato storico dal Maghreb, che si interroga con noi sulla tragedia del Bardo e di Sousse. Sul fuoco che non risparmia i popoli del Nord Africa e del vicino Oriente. In una situazione in cui l’Europa, così come per la crisi greca, è la grande pre¬sente e la grande assente. Tunisia ferita. «Colpendo Sousse e la Tunisia i terroristi hanno voluto colpire l’unico Paese che, dopo le primavere arabe, è riuscito a portare avanti un processo democratico – sostiene Daoudagh -. Con Sousse vogliono mettere in ginocchio l’economia della Tunisia, fortemente basata sul turismo, e costringere il Paese ad indebitarsi con i grandi finanziatori del terrorismo internazionale. Perché? Semplice: in questo modo, anche la Tunisia diventa “figlia” di quel capitalismo islamico che, almeno formalmente, si contrappone all’Occidente. Formalmente, perché, di fatto, con gli stessi Paesi del Golfo che finanziano e sostengono i terroristi un certo Occidente non disdegna di fare affari». Il disegno del Califfo.

Ed aggiunge: «La Costituzione tunisina è laica e questo non è certo un buon segnale per il Califfato che vuole fare del Maghreb la piazza di un grande conflitto». Daoudagh è da poco tornato dal Marocco, da cui mancava da anni, e racconta di aver “letto” anche in quella terra i segnali di una insofferenza nelle persone, quella su cui hanno facile gioco i manovratori del terrore. E racconta lo sgomento provato nell’udire che in alcuni ambienti islamici si «plauda» all’azione terroristica che è costata la vita a decine e decine di persone in Tunisia: «Per me l’Isis venerdì scorso ha decapitato l’Islam e l’umanità, proprio perché ha insanguinato la sacralità di un giorno e di un mese, il Ramadan, importanti per chi professa la nostra religione». E ripete la sua posizione, maturata in anni di vita vissuta in Europa, dapprima in Francia per ragioni di studio ed ora in Italia, dove vive e lavora. «Noi musulmani europei continuiamo a vivere in autodifesa, dopo le tragedie cui stiamo assistendo nel mondo arabo e in Europa, compiute in nome dell’Islam. Dobbiamo avere il coraggio, innanzitutto, di una condanna durissima, cosa che non sempre sento nelle pieghe dei discorsi. Poi, di una altrettanto forte autocritica. Dobbiamo avere il coraggio di riconoscere, apertamente, di essere prigionieri di una lettura medievale dei testi sacri e della loro declinazione nella realtà. Non a caso, stiamo assistendo ad una islamizzazione delle nostre società, ma in forma esibizionistica, quasi si dovessero segnare i confini».

Continua, tornando alla strage di Sousse: «Chi uccide è un criminale e basta, non ha alcuna religione. Per questo, ritengo che la società civile musulmana europea debba fare di tutto, dico di tutto, per preservare la propria identità da contaminazioni fondamentaliste. Si devono censurare e condannare i discorsi dei fanatici, siano essi pronunciati per strada, nelle moschee o sui social network, perché è forte il rischio che vengano scambiati per identità comune. Per questo, anche i nostri luoghi di culto devono aprirsi a tutti e sfuggire alla deriva della ghettizzazione».

L’Europa.
Per Daoudagh «solo risolvendo i problemi sociali si argina il terrorismo, si supera l’identità culturale che ancora equivale a quella religiosa, si diventa musulmani universali: nessuno può pensare di professare la propria fede, qualsiasi essa sia, in uno Stato islamico». Sottolineando che, purtroppo, «l’Occidente, per me fonte di libertà e di democrazia, non lo è di pacificazione per quei Paesi, sostenendo governanti inadeguati. Le persone, così, si rifugiano nel radicalismo, diventando facili prede e strumenti di terrore».