Tag Archives: LVIA

Storie di Acqua, storie di Vita dal Kenya in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua

23 Mar

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite: un’opportunità per informarsi e capire di più sulle questioni locali e globali legate alla disponibilità idrica e le sue implicazioni sociali ed economiche.

Il tema 2016 “Better water. Better Jobs” è focalizzato su come l’accesso all’acqua può cambiare le vite, trasformando le società e le economie.

L’Acqua è Vitasu questo tema LVIA vi propone alcune storie dal Kenya, dove l’associazione opera nelle contee di Meru ed Isiolo.

Nel Meru, LVIA è nata, 50 anni fa: cinquant’anni di cooperazione hanno visto la costruzione di 600 Km di acquedotto che hanno portato acqua, facendola scendere a valle dai monti Kenya e Nyambene, a 522.400 persone su 1.700.000 abitanti, nelle case, nelle scuole e nei centri sanitari; e la costruzione di 3.000 cisterne per la raccolta dell’acqua piovana perché «Dell’acqua non deve essere sprecata neanche una goccia, dobbiamo riuscire a captarla e conservarla affinché possa essere utilizzata anche nei periodi in cui scarseggia» sottolinea Enrico Gorfer, volontario LVIA in Kenya che, per la sua attività nella realizzazione degli acquedotti è stato soprannominato dalla gente di Meru con cui lavora da oltre 30 anni, M’BOROKI, che in lingua ki-meru significa “Chi fa scendere l’acqua”.

Continua a leggere QUI

Annunci

Cuneo, 18 Luglio “Cena degli Avanzi. Tutti a tavola … senza sprechi”.

16 Lug

Seconda edizione di questo importante appuntamento che l’Associazione LVIA e alcune importanti realtàdell’associazionismo cuneese Pro Natura, Confcommercio, Coldiretti, Confcooperative, Caritas Diocesana, Commissione Nuovi stili di Vita (Diocesi di Cuneo e Fossano), Centro Migranti,  ACLI – organizzano con il duplice obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquietante fenomeno degli sprechi alimentari e di raccogliere fondi a sostegno dei progetti di sicurezza alimentare che LVIA promuove nel Sahel, in particolare in Burkina Faso.

 

L’evento rientra nelle azioni promosse dalla Campagna “Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro” promosso da Caritas italiana e Focsiv – Volontari nel Mondo.

Per partecipare alla cena è preferibile prenotarsi entro il 17 luglio, ma è anche possibile presentarsi direttamente in piazza il giorno dell’evento. Il costo è di 18 euro (10 euro per i bambini sotto i 10 anni) e parte del ricavato sosterrà appunto i progetti di LVIA.

 

E’ possibile consultare la pagina del sito LVIA dedicata all’evento per maggiori informazioni e diffondere l’iniziativa anche attraverso l’evento facebook..

Comunicato Stampa:

A Cuneo il 18 luglio LVIA organizza la
“Cena degli Avanzi: tutti a tavola…senza sprechi”

Venerdì 18 Luglio alle ore 19.30 in piazza Europa (lato Ippogrifo) a Cuneo, l’associazione LVIA organizza la Cena degli Avanzi, all’insegna della solidarietà e della lotta allo spreco alimentare.
L’iniziativa, dal nome “Cena degli avanzi: tutti a tavola…senza sprechi” è organizzata in collaborazione con diverse associazioni del territorio: Pro Natura, Confcommercio, Coldiretti, Confcooperative, Caritas Diocesana, Commissione Nuovi stili di Vita – Diocesi di Cuneo e Fossano, Centro Migranti, ACLI. Il contributo è di 18 euro (10 euro per i bambini sotto i dieci anni) che sarà destinato al sostegno dei progetti di sicurezza alimentare che LVIA promuove nella regione africana del Sahel.

Una persona su otto nel mondo non riesce a fare un pasto tutti i giorni: 842 milioni di persone, in totale, soffrono la fame. Di questi, 36 milioni di bambini, che sono i più vulnerabili, muoiono ogni anno di malattie legate alla malnutrizione (dati FAO).
Per contro, 1 miliardo e mezzo di persone mangiano troppo e 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vanno sprecate ogni anno: quantità corrispondente ad un terzo della produzione mondiale di alimenti. L’Italia fa purtroppo la sua parte: secondo Coldiretti oltre 10 milioni di tonnellate di cibo vanno sprecate ogni anno nel nostro Paese.

La sfida della lotta allo spreco alimentare diventa strategica per ricondurre in un’ottica di giustizia il rapporto che l’umanità ha con il cibo: la Cena degli Avanzi vuole condividere con il territorio la necessità di ridurre gli sprechi quotidiani per un consumo responsabile. Necessità raccolta dalla Campagna nazionale “Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro”, lanciata da Caritas Italiana e da FOCSIV – Volontari nel Mondo a fine febbraio (www.cibopertutti.it), e all’interno della quale questo evento rientra, come azione concreta di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche promosse. La Campagna raccoglie l’appello di Papa Francesco che ha pronunciato parole chiare sulla necessità di rimuovere le cause della fame e gli ostacoli posti da una finanza senza controllo e dai modelli prevalenti di sviluppo economico.

Con la partecipazione alla cena si contribuirà anche a sostenere un progetto che l’Associazione LVIA promuove in Burkina Faso, nella regione del Sahel africano, dove opera per rafforzare le organizzazioni contadine e rurali che operano per affermare il proprio diritto a partecipare alla grande sfida di nutrire il pianeta. Tale azione è una risposta concreta all’appello che le Nazioni Unite hanno lanciato in questo 2014, Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare, come strumento di lotta alla povertà e salvaguardia ambientale.

L’evento vedrà il coinvolgimento dell’Associazione “MangiArti – Ristoratori artigiani di Cuneo” che raggruppa alcuni dei migliori cuochi dei ristoranti cuneesi e che proporrà un menù con ingredienti offerti in gran parte da aziende del territorio: due antipasti (milanesine di pollo e zucchine novelle in carpione e insalatina di orzo perlato con verdurine, pomodori datterini e basilico), un primo (pasta pasticciata al ragù), un secondo (Bocconcini di vitello in umido con erbe aromatiche e piselli) e un dolce (Torta di nocciole con crema di cioccolato), il tutto accompagnato da vino e acqua.

Per ridurre al minimo la produzione di rifiuti, ogni partecipante è invitato a provvedere autonomamente portando le stoviglie da casa (piatti, bicchiere e posate). Saranno comunque disponibili sul posto kit completi di stoviglie usa e getta, ottenibili con un contributo aggiuntivo di 2 euro).

Si ricorda che per partecipare alla cena è gradita la prenotazione entro il 17 luglio presso uno dei seguenti negozi/esercizi:

■ Libreria Ippogrifo P.za Europa, 3; ■ Renzo Abbigliamento P.za Europa, 9; ■ Cuba Relais Du Chocolat P.za Europa, 14; ■ Original Marines P.za Europa, 26; ■ 012 Benetton P.za Europa, 26; ■ Erboristeria Ginko Biloba C.so G. Ferraris, 25; ■ Spaccio del Parmigiano C.so G. Ferraris, 28; ■ Videocenter Expert C.so Nizza, 72; ■ Ristorante Torrismondi Via M. Coppin,o 33; ■ Votre Maison C.so Nizza, 56; ■ Pizzeria Tramonti C.so G. Ferraris, 11; ■ Chiapella C.so G. Ferraris, 19■ LVIA Via S. Grandis, 38; ■ Agenzia Viaggi Bramardi Via C. Emanuele III, 43

L’evento è patrocinato dalla Provincia e dal Comune di Cuneo e può contare sulla collaborazione di: Associazione Autonoma Panificatori della Provincia di Cuneo, Eco Tecnologie, Coop Cuneo, Pier H2O, Ovostura, Bar Corso, Bar Haiti, ASTEC, Linea carta srl, UnipolSai Assicurazioni -Nuova MAA, Marolo Guglielmo Azienda Vitivinicola, MEC spa, Caseificio cooperativo Valle Josina, Giordano Dario Autotrasporti, Castelmar impianti elettrici;

Per informazioni è possibile contattare la segreteria organizzativa della manifestazione, presso LVIA: referente Cristina Baudino – Corso IV Novembre 28 – tel 0171 696975 email:
azionilocali@lvia.it

 

Il corso LVIA: Orientamento alla cooperazione internazionale

9 Ott

(LVIA) – Cuneo, 29-31 ottobre. L’associazione di solidarietà e cooperazione internazionale LVIA organizza a Cuneo dal 29 al 31 ottobre 2012, il corso di orientamento alla cooperazione internazionale.

Un percorso formativo per chi vuole saperne di più sul lavoro concreto delle Ong nel Sud e nel Nord del mondo e una tappa utile per chi desidera impegnarsi in progetti di cooperazione e di educazione allo sviluppo in Africa e in Italia.

L’obiettivo del corso è approfondire e far emergere le motivazioni individuali al volontariato internazionale per potersi orientare consapevolmente verso una scelta d’impegno nel Sud del mondo o in Italia.

Sono previsti spazi di dialogo e di discussione, lavori di gruppo, testimonianze di giovani rientrati da esperienze di cooperazione internazionale.

È richiesta una quota di partecipazione di euro 140,00 comprensiva di vitto, alloggio e materiale didattico.

Inviare il curriculum vitae e lettera motivazionale a: formazione@lvia.it

Sul sito www.lvia.it è possibile consultare il programma dell’Orientamento

Per informazioni e iscrizioni:
Cristina Baudino – LVIA
c.so IV Novembre, 28 • 12100 Cuneo
formazione@lvia.it
Tel. 0171-696975

LVIA: Bevi un cocktail e diventi “portatore d’acqua” in Tanzania

11 Lug

Venerdì 13 luglio dalle ore 20.30 il Centro ricreativo San Biagese, in via Regione Boerino 30 a San Biagio di Centallo (CN), organizza una serata nella quale l’intero ricavato delle consumazioni di Malibù o di un Cocktail analcolico pro-africa sarà devoluto ad un progetto promosso dall’Ong LVIA nella Regione di Dodoma in Tanzania per la riabilitazione di un acquedotto.

Durante la serata al Circolo ricreativo San Biagese sarà inoltre possibile cenare, gustando carne alla griglia o crêpes dolci e salate,  assistere allo spettacolo di Danze Afro e Moderna organizzato dalla coreografa Valentina Taricco,  ballare sulle musiche di Dj Elia Tanz. Una parte del ricavato complessivo della serata andrà ad aggiungersi alle donazioni raccolte con il consumo di cocktail.

Verrà inoltre allestita da LVIA, una piccola mostra-mercato di artigianato africano con oggetti provenienti da varie parti dell’Africa.

Il Centro Ricreativo San Biagese aderisce così all’iniziativa lanciata da LVIA “I bar della solidarietà regalano acqua”: una nuova proposta d’impegno e creatività che LVIA rivolge al proprio territorio, la provincia Granda, per contribuire, insieme, a garantire l’acceso all’acqua potabile alle popolazioni della regione di Dodoma, in Tanzania.

Aderendo a questa rete di “portatori d’acqua” ogni bar ha la possibilità di contribuire al potenziamento di 500 metri di un acquedotto in Tanzania che permetteranno di portare l’acqua a persone che ad oggi non hanno accesso a questa risorsa vitale. Il prolungamento dell’acquedotto permetterà di raggiungere nuovi villaggi in una delle regioni più aride del paese, dove la durata della stagione delle piogge è limitata a circa tre mesi e i corsi d’acqua si seccano subito dopo appena un mese dal termine della stagione piovosa.

Informazioni:

LVIA 0171/696975

fundraising@lvia.it

Centro ricreativo Fraz San Biagio di Centallo
3358257532 Franco – 3393120431  Mauro

La LVIA elegge i nuovi organi associativi. Le prospettive future

20 Giu

La LVIA, associazione di cooperazione internazionale nata a Cuneo nel 1966, ha eletto i nuovi organi associativi. Il nuovo assetto, votato dall’Assemblea riunitasi a San Pietro del Gallo sabato 16 e domenica 17 giugno, rispecchia il profilo di un’associazione che, pur mantenendo le proprie radici nella città natale, è cresciuta sul territorio nazionale arricchendo il proprio bagaglio con realtà eterogenee ma accomunate dai medesimi valori. Oggi la LVIA conta quasi 30 realtà strutturate dal Piemonte alla Sicilia, che trovano espressione nei neoletti organi associativi.

Alessando , confermato presidente per il prossimo triennio: «Sono lieto della fiducia che l’Associazione mi ha accordato e il mio augurio, nonché la finalità che mi propongo con il nuovo mandato, è quello di poter vivere un altro triennio costruttivo come quello appena trascorso e che la LVIA è riuscita a realizzare nonostante le difficoltà economiche che il nostro sistema sta vivendo”.

Rinnovato il Consiglio dell’Associazione, costituito da 12 membri eletti più il presidente. Il nuovo Consiglio risulta espressione dell’eterogeneità territoriale e di attività realizzate dall’Associazione in Italia e in Africa: accanto ai consiglieri provenienti dalla provincia Granda, entrano in consiglio 1 socio impegnato con LVIA in Burkina Faso, 2 soci da Forlì, 3 soci da Torino, 1 socio da Palermo, 1 socio da Roma. Da sottolineare, infine, l’ingresso in Consiglio di 3 giovani soci, tra i 27 e i 35 anni, forte segno lanciato dall’Associazione per aprirsi sempre di più a innovazioni e nuove modalità.

LVIA – Carestia Sahel: importante campagna in Piemonte

15 Giu

Il Consorzio delle Ong Piemontesi e il Coordinamento Comuni per la Pace sostengono la Campagna “Il Piemonte a fianco delle popolazioni del Sahel”

6 Ong del Piemonte lanciano una raccolta fondi per l’emergenza alimentare in Africa

A rischio la vita di 15 milioni di persone, donne e bambini, contadini e allevatori, messi in ginocchio dalla siccità che sta colpendo il Sahel, dove l’80% della popolazione vive in ambiente rurale e si trova alle prese con una gravissima crisi alimentare. Ad aggravare la situazione, prezzi alle stelle e conflitti come quello scoppiato di recente nel nord del Mali.

In tale contesto «6 storiche associazioni del Piemonte aderenti al COP, Consorzio Ong Piemontesi, e sostenute dal Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino – CISV, ENGIM, LVIA, MAIS, MSP, RETE – hanno deciso di unire le forze per far fronte all’emergenza» spiega Umberto Salvi, presidente del COP. «Tra gli interventi più urgenti, la distribuzione di cibo a decine di migliaia di famiglie, la fornitura di sementi e foraggio ai contadini, la realizzazione di pozzi e strutture idriche».

Per far questo «ci siamo dati l’obiettivo di raccogliere 840.000 Euro entro il mese di luglio 2012: un obiettivo ambizioso, che potremo realizzare solo se al nostro appello risponderanno tutte le realtà della società civile cui chiediamo oggi un sostegno concreto: istituzioni, enti pubblici, fondazioni ma anche privati cittadini possono aiutarci a raggiungere la meta e a intervenire con prontezza ed efficacia nei paesi saheliani» dice Sandro Bobba, presidente dell’LVIA, associazione capofila dell’iniziativa.

«Le nostre Ong sono impegnate da anni in progetti di cooperazione nel territorio saheliano, dove lavorano per promuovere lo sviluppo durevole. Ora i nostri volontari in loco ci chiedono con insistenza di intervenire per fronteggiare l’emergenza alimentare, e noi non intendiamo restare a guardare» dice Piera Gioda, presidente di CISV, Ong della cordata attiva in Mali, Burkina Faso, Niger e Senegal.

«Siamo consapevoli che chiedere un sostegno ai nostri connazionali in questo momento critico, dove l’attenzione e le energie sono giustamente rivolte al dramma dei terremotati, può sembrare difficile da comprendere» aggiunge Umberto Salvi, «ma la sofferenza e le difficoltà di casa nostra non ci autorizzano a dimenticarci degli altri. Facciamo tutti parte di una stessa umanità, sempre più alle prese con fenomeni naturali di inaudita violenza, nel Nord come nel Sud del mondo. E queste emergenze, ovunque si verifichino, non possono lasciarci indifferenti».

Per dare il proprio contributo alla raccolta fondi:

Causale: “Il Piemonte per l’emergenza Sahel”

su c\c presso Banca Alpi Marittime

IBAN: IT66 T084 5010 2000 0017 0115 711

Intestazione: L.V.I.A. Associazione, Piemonte per Emergenza Sahel

Lia Curcio, LVIA
Ufficio comunicazione, programmi sul territorio e cooperazione decentrata
Via Borgosesia, 30
   10145 – Torino
Tel: 011- 74 12 507
– cell. 333-1737830
fax 011 74 52 61
– e-mail: italia@lvia.it
www.lvia.it

Cuneo: il Bar Corso “porta acqua” in Tanzania con la LVIA.

24 Apr

La nuova iniziativa  “I bar della solidarietà regalano acqua”

Giovedì 3 maggio dalle ore 18.30 alle ore 21.00 presso il Bar Corso in c.so Nizza 16 a Cuneo, se bevi uno Spritz o un Cocktail analcolico MAJI (acqua in swahili) il corrispettivo sarà devoluto dal Bar al progetto promosso dalla LVIA nella Regione di Dodoma, in Tanzania, per il prolungamento di un acquedotto a beneficio di 3700 persone.

Tra i locali più frequentati di Cuneo, il Bar Corso è il primo ad aderire alla rete “I bar della solidarietà regalano acqua”: una nuova proposta d’impegno e creatività che la LVIA rivolge al proprio territorio, la provincia Granda, per contribuire, insieme, a garantire l’acceso all’acqua potabile alle popolazioni della regione di Dodoma, in Tanzania.

Aderendo a questa rete di “portatori d’acqua” ogni bar avrà la possibilità di contribuire al potenziamento di 500 metri di un acquedotto in Tanzania che permetteranno di portare l’acqua a persone che ad oggi non hanno accesso a questa risorsa vitale. Il prolungamento dell’acquedotto permetterà di raggiungere nuovi villaggi in una delle regioni più aride del paese, dove la durata della stagione delle piogge è limitata a circa tre mesi e i corsi d’acqua si seccano subito dopo appena un mese dal termine della stagione piovosa.

L’azione promossa dal Bar Corso contribuirà a cambiare la vita del villaggio di Lalikala: grazie al prolungamento dell’acquedotto saranno costruiti nel villaggio dei punti idrici che renderanno disponibili 20 litri al giorno di acqua pulita per 3700 persone. Migliorerà la vita delle donne, oggi costrette a camminare diverse ore ogni giorno per raggiungere una fonte e fornire alle proprie famiglie l’acqua necessaria per bere, lavarsi, cucinare.  Migliorerà la vita dei bambini, i più vulnerabili e i più colpiti dall’utilizzo di acqua contaminata e migliorerà la loro istruzione, soprattutto delle bambine che, non avendo più l’incombenza di andare alla ricerca dell’acqua insieme alle donne del villaggio, potranno dedicarsi a frequentare la scuola.

L’azione potrà essere sostenibile nel tempo, grazie alla formazione di un’associazione di utenti, nel villaggio, che sarà formata e capace di gestire i punti idrici.

 

Altri Bar possono partecipare alla rete delle solidarietà.

Per informazioni: LVIA · corso IV Novembre 28, 12100 Cuneo

Tel. 0171/696975  fundraising@lvia.it

LVIA: Raccolti 19mila euro con la Settimana dell’Acqua

23 Apr

La Settimana dell’Acqua organizzata dalla LVIA a fine marzo è stata un vero successo: numerosi gli eventi realizzati e raccolti 19.000 euro in favore dei progetti idrici promossi in Kenya, Tanzania ed Etiopia.

Lo slogan “pungente” – Acqua non è un problema del cactus – che ha accompagnato gli eventi ha centrato l’obiettivo di far riflettere la società civile, in concomitanza con la Giornata Mondiale dell’Acqua, sul mancato accesso a fonti d’acqua potabile ancora per oltre un miliardo di persone nel mondo, soprattutto in Africa Subsahariana, dove la LVIA è impegnata da oltre 45 anni.

La buona riuscita dell’iniziativa è stato un insieme congiunto di proposte culturali e collaborazioni con scuole, associazioni, amministrazioni comunali e soprattutto volontari nei territori coinvolti. Le proiezioni cinematografiche, concerti ed aperitivi solidali hanno abbracciato complessivamente un pubblico di 1500 persone.

Grande successo ha riscontrato la proiezione del documentario The Well: voci d’acqua dall’Etiopia al Cinema Monviso di Cuneo e al Cinema Greenwich a Torino. Le bellissime immagini girate da Paolo Barberi, Riccardo Russo e Mario Michelini, prodotte da “Esplorare la Metropoli” con la collaborazione dello staff LVIA in Etiopia, hanno restituito fedelmente al pubblico le difficoltà legate alla scarsità di risorse idriche in uno dei luoghi più aridi della terra, come è la regione dei Borana, nel Sud del paese, ma anche la gestione comunitaria dei pozzi, regolata sapientemente dalle istituzioni tradizionali rispettando l’equilibrio tra necessità umana e preservazione dell’ecosistema naturale. Il dibattito proposto in seguito alle proiezioni ha permesso, inoltre, di approfondire l’impegno della LVIA a supporto delle popolazioni agropastorali locali.

Più di cento volontari sono stati coinvolti nell’organizzazione degli oltre 40 banchetti informativi e di distribuzione di piantine di cactus, in oltre 20 Comuni italiani tra Piemonte ed Emilia Romagna.

Alessandro Bobba, presidente LVIA: “La somma raccolta grazie alla vendita delle piantine di cactus e alle iniziative organizzate nel corso della settimana, sarà utilizzata per sostenere tre progetti idrici in Etiopia, Kenya e Tanzania, permettendo così la realizzazione di attività che altrimenti non sarebbe stato possibile effettuare. Un grandissimo grazie a tutti i volontari, soprattutto a nome dei cooperanti in servizio nei tre paesi e di tutte le persone che, direttamente o indirettamente, potranno beneficiare del frutto di questo impegno”.

E’ sempre possibile sostenere i progetti idrici promossi dalla LVIA in Etiopia, Kenya e Tanzania per portare acqua alle comunità che ancora ne sono prive, attraverso una donazione puntuale o fissa, annua o mensile, garantendo una continuità preziosa.

 

Per contribuire:

c/c bancario presso Banca Etica

IBAN: IT49L0501801000000000106428

c/c postale 14343123

intestato a: LVIA – Associazione internazionale volontari laici – c.so IV novembre, 28 – 12100 Cuneo