Immagini e racconto del massacro dei contadini Suri in Ethiopia, commissionato dalla multinazionale italiana.

21 Ago

147 membri della tribù Suri – la maggior parte dei quali erano donne e bambini – sono stati massacrati dai soldati governativi etiopi cercando di evacuarli dalla loro terra.
suri
La gente Suri vivono nel sud dell’Etiopia, nella zona Maji Zone. I Suri sono divisi in tre gruppi noti come Chai, Tirmaga e Balessa, Suri è un nome che unisce questi tre gruppi. Queste tribù sono simili ai Mursi dall’altro lato, nella sponda orientale del fiume Omo. Queste quattro tribù hanno culture simili e condividono la stessa lingua e costumi. Praticano il combattimento con il bastone, pesanti piercing alle labbra e alle orecchie,  praticano pastoriziadelle mandrie di bovini, coltivano saggina e mais e sono attraenti per i turisti. Oggi questo popolo è devastato dal land grabbing da investitori stranieri, alcuni governi occidentali, e donatori fake come DFID, USAID, Italia Cina, India, Unione Europea e Arabia Saudita; le loro azioni stanno portando al disastro.
cnn1
Questa è la  ragione dei i massacri che avvengono ora è i piani di reinsediamento.
Alla gente Suri è stato detto di lasciare il loro posto e andare in un nuovo sito di reinsediamento prescelto dal governo etiope, perché l’area sarebbe stata affittata a una società di estrazione dell’oro. Solo dopo, quando questa storia è venuta casualmente di dominio comune, si è saputo che le terre confiscate erano destinate alla multinazionale Salini  e agli investimenti del governo italiano per la costruzione della diga Gibe III.

Questi Suri hanno invece resistito al trasferimento al di fuori di questa zona e le persone che avevano investito su quelle terre stavano avendo difficoltà.

cnn4

Uno dei sette testimoni sopravissuto ha riferito:”Al mattino, l’esercito etiope è venuto al villaggio Balessa Suri chiamato Beyahola (che significa roccia bianca) e circondato gli abitanti del villaggio. L’esercito ha arrestato tutte le persone del villaggio, uomini, donne e bambini, e hanno legato le mani di tutti gli abitanti del villaggio insieme e li spinse in profondità nella foresta Dibdib e sparato uccidendoli tutti, tranne sette persone giovani che sono riusciti a fuggire. Era solo un piccolo villaggio di 154 persone

Il governo ha cercato di uccidere tutte le persone per fare in modo che questa strage rimanesse segreta, ma grazie a Dio la notizia venne fuori. Si tratta di violazioni dei diritti umani, nel sud-ovest dell’Etiopia. Perché il governo americano e il governo del Regno Unito sostiengono il governo dell’Etiopia? Non dovrebbero partecipare alla lotta al terrorismo e ai diritti umani?
cnn5
I cadaveri sono sepolti in fosse comuni nel profondo della foresta di Dibdib e alcuni corpi sono stati trasportati in vecchi buchi di miniere abbandonate dell’ estrazione dell’oro non lontano dalla foresta Dibdib. Alcuni corpi sono stati lasciati all’aperto e mangiati dagli avvoltoi e predatori. La maggior parte dei bambini sono stati gettati nel fiume Akobo. Dopo il massacro, l’esercito ha inviato avvisi di minacce in tutta la zona avvisando che se  qualcuno avesse parlato riguardo quanto accaduto, l’esercito avrebbe fatto la stessa cosa a a loro. Alcuni giornalisti etiopi che hanno osato parlare di questo fatto sono tutt’ora in prigione in attesa di processo che probabilmente non avverrà mai.
cnn6
Quanto accaduto risale al 2012, ma i massacri delle tribu Suri, sia prima che dopo continuano senza sosta ancora oggi e sono in crescita, sempre peggio ogni mese, ma nessuno riporta queste storie. In occidente, se alcune persone vengono uccise i media fanno titoli a caratteri cubitali, ma per gli esseri umani che vivono nel sud-ovest dell’Etiopia nessuno ne parla. Quello che il governo etiope fa al popolo contadino nel sud-ovest dell’Etiopia, ancora non è diventato noto.

Dal nostro giornalista etiope, African Voices

Annunci

3 Risposte to “Immagini e racconto del massacro dei contadini Suri in Ethiopia, commissionato dalla multinazionale italiana.”

  1. fausta68 22 agosto 2016 a 17:53 #

    E’ una cosa terribile. Italia assassina!

  2. Vincenzo 19 settembre 2016 a 15:27 #

    L’ha ribloggato su Redvince's Weblog.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Immagini e racconto del massacro dei contadini Suri in Ethiopia, commissionato dalla multinazionale italiana. — AFRICAN VOICES – pachine - 21 agosto 2016

    […] via Immagini e racconto del massacro dei contadini Suri in Ethiopia, commissionato dalla multinazionale … […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: