Archive | maggio, 2016

MEET LIBERIA’S ONLY FEMALE COMMERCIAL DRIVER

20 Mag

By Jacob Eagan Bright, African Voices Editor, Liberia

In a hot scotching sun of Liberia’s last month to rainy season, is a woman, dressed in a pinkish flowered tank , 5ft tall with ebony dazzled short hair , is the Liberia’s only female Taxi driver; Ola as she is popularly called by everyone is 42 years and a single mother with feminine body but blessed or have acquired manly looks ,especially her eyes which makes her thrive and survive in a trade predominantly controlled by men. Ola is as well the only commercial female bus driver and for now the only bus conductor one could see plying around, for these reasons she deserved to be featured on this site for being the only woman in Liberia’s macho male world of chosen vocation. Since the ascendency of Liberia’s first female head of state significant progress in the women’s’ part of individual growth has been scored. More and more females are tremendously becoming hard working and successful. Six years down the line, the country and gender development on self-reliance have produced a sole female taxi driver. Ola is widely known for being the only rare in male dominant chore, she has already adopted male style of dressing, she covers 8 hours a day and 16-18 trips of shuttling passengers from Gardnersville to down-town Monrovia and changes route within time to Monrovia- Mamba point. Keenly observed her wheel navigation, there are no glaring differences from a male warco style of driving. She is sharp, careful, observant and fast. She holds authority on the wheel and a full confidence aboard. Here is an excerpt of African Voices interview with wonderful Ola kinde.

AV: Hello, how are you and welcome to African Voices microphone.

OK: Thank you Sir

l4

AV: I see you are a Taxi Driver?

OK: Yes I am and a happy one!

AV: How long have you been a commercial driver?

OK: I have been a commercial driver for 6 years

AV: What made you become a taxi driver?

OK: I was a cook for so many years in my restaurant and at one time I was sick to the point of death and the doctor who healed me said my sickness emanated from heat of cooking and advised me to refrained from that. Then when I recovered I started thinking what next I have to do that will generate same kind of money the restaurant gives me. That is when the idea of driving came through between my brother and me.

l3

AV: Then how did it all begin, getting on the road?

OK: When I agreed on the point to become a commercial driver, the next was what kind? I decided to buy a bus, 14- seater Bus, I arranged with my brother for us to share or change routines of driving time. When my brother gets tired I will take over from him and when he is on the wheel I will take care of passengers and fair collection. I learn too, names of drop off and pick up points and final destinations keys, and other jargons applied to it.

AV: Why Bus?

OK: You know bus brings more money and I needed to know the reason of being on the road for so many hours and long days, and Bus made me to realize a huge and fast return.

AV: How did it feel being on the road for the first time and first day?

OK: You know I have been driving my private car for many years and to become a commercial engaged driver is a total different thing, having to talk with people all the time and talking to much is tough job by itself, the heat from the car engine is a bit of hell oozing on your leg and feet, seating too long, which makes you to sweat and get damped underneath is all an uncomfortable part of the whole thing, but its paid.

AV: How have the Police and passengers viewed your work?

OK: Honestly, I must admit, the police have been very friendly, I have got away with too many things just because I am a woman driving commercially, the passengers looks at me with second levels of appreciation, bewildering, shock and negative conclusions, some have said that I am a gay, that’s why am doing men work and others said that I am frustrated and many men gives me encouragement and like to see me drive pass them and feel excited. The public at large feels it’s a good thing to happen in Liberia to have women /woman challenging men.

l2

AV: what can you term as positive outcome of your driving?

OK: Many women have come to me, wanting me to teach them driving, want bto be like me, many men have asked me to get married to them and I declined, I have managed to build a bout three 4 bedroom houses, I send my daughter to one of the high cost universities here, now I have a Taxi I drive for myself and a Bus, I am happy I have money all the time to settle my problems.

AV: why have you declined on men proposals for marriage?

OK: I am not sure there is anything I want from a man now, marrying a man now will tie me down and prevents my advancement into many plans I have. But don’t misunderstand me, I still feel a man in my life, I should have a male friend when I feel it’s necessary.

AV: Where did you derive your inspiration?

OK: God and the President; Ellen Johnson Sirleaf. God is my strength all and every day, and in human; our president is my Idol, if she can rule a tough country like Liberia, then I can do anything I want as well.

AV: What word can you leave for Liberian women and what do you think the future holds for Liberian women?

OK: I can only talk to those women thinking acting soft and looking up to male folks is the answer should wake up and face the reality that there is no free lunch and your hand is only friends that can support you. The future of Liberian women looks a lot brighter, if things continue the way it is at the moment. We hope the next president will continue to support women independency and self-development.

AV: Ola kinde, thank you so much for your time.

OK: I am happy you found me today and thank you.

Cornelia Isabelle Toelgyes, attivista per gli Eritrei e per i Diritti Umani.

14 Mag

African Voices in chat con Cornelia Isabelle Toelgyes, attivista per un’Africa Subsahariana migliore e per i diritti umani di chi ne ha davvero bisogno.

AV: Benventuta in chat e speriamo di riuscire a fare un pò di chiarezza su molti punti della migrazione

Cornelia Isabelle Toelgyes: migrazione, io direi, persone che fuggono. Un profugo non sceglie, spesso non ha altra scelta

AV: Cornelia una cosa che avrei sempre voluto chiederti, perchè il tuo grande interesse per l’Africa?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Conosco bene l’Africa. Ci ho vissuto per molti anni in posti caldi, in momenti caldissimi.

AV: Capisco. Fai i conti con la nostalgia?.

Cornelia Isabelle Toelgyes: Non è nostalgia. E’ una questione di… giustizia. L’Africa accoglie. E’ generosa.

AV: Che differenza c’è tra un migrante e un profugo?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Bella domanda. Migrare significa spostarsi dal luogo di origine verso un altro. Profugo, dal latino, colui che cerca scampo, cerca di salvarsi.

AV: Cornelia, l’Africa è grande e io so dove hai vissuto;  perchè, almeno da quando ci conosciamo, ti occupi nello specifico di Eritrea?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Mi occupo di Africa Subsaharina nello specifico. Si, ho vissuto in Kenya, Nigeria, Angola e altre parti, ho visitato moltissimi Paesi africani. Eritrea… Nel 2008 sono arrivati i primi profughi in Sardegna. Erano alloggiati in una casa vicino alla mia. Ero già a conoscenza della situazione della nostra ex-colonia, ma sentire a viva voce il racconto dei PROFUGHI è stato scioccante. Poi la questione Sinai…

AV: E da quel momento Eritrea, l’amore per quel popolo. Tu hai visto l’Eritrea in tempi non sospetti: com’era? Che paese hai visto?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Credo che apparentemente anche oggi si presenti bene. Bisogna vedere le cose dall’interno. I politici di turno che visitano il Paese ne sono entusiasti. Asmara è una bella città e poi viene mostrato solo ciò che bisogna vedere. Non vengono a contatto con le sofferenze, le pene delle persone.

AV: Nel 2008 in Italia di Eritrei non ne parlava nessuno o quasi, non era certo come oggi… e non c’erano i social. Come hai iniziato per fare sapere quello che succedeva sulla base dei racconti di quelle persone?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Già seguivo in rete, sui quotidiani. Ne ero a conoscenza. Poi da cosa nasce cosa. Sono inciampata per caso nel problema del Sinai. Ho approfondito, ho aperto il gruppo “Per la liberazione dei prigionieri nel Sinai.”

AV: Il Sinai!
Ma prima di arrivarci voglio ancora chiederti una cosa. Perchè migliaia di eritrei scappano? Sento solo sempre dire che una delle cause il lungo periodo di servizio militare, ma quale altre cause?

Cornelia Isabelle Toelgyes Le persone scappano perchè non hanno scampo. Quando non puoi decidere della tua vita. Spesso, durante la fuga, devi affrontare altre sofferenze.
Il servizio militare è imposto. Non hai scelta. Per uno stipendio che non ti permette nemmeno di sognare. Se si rifiutano, o disertano… hai visto cosa è successo domenica 3 Aprile in Asmara. Hanno sparato contro le reclute che hanno abbandonato il convoglio.Sparano a vista ai disertori.

AV: Certo, e tra le sofferenze c’è il deserto del Sinai. Che cosa accade? E’ la sola sofferenza oppure durante  il l percorso ci sono altri ostacoli? Ci sono mafie dei confini? Predoni e trafficanti di esseri umani?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Ormai la questione Sinai è quasi risolta: Israele non è più raggiungibile a causa di una rete metallica costruita qualche anno fa. Inoltre la politica Israeliana verso i profughi subsahariani è terribile. Ora la rotta è Sudan, Libia, poi le nostre coste.

AV: Sono rotte comunque impegnative per chi scappa a piedi o con mezzi di fortuna. come attraversano i paesi e sopratutto quanti soldi hanno per affrontare un viaggio di questo tipo?

Cornelia Isabelle Toelgyes: La necessità di vivere. Cercano vita. Una  volta in Libia .Si trova più facilmente lavoro in Libia, se ci arrivavi…  non dimentichiamo che anche nel Sahara si muore, abbandonati dai trafficanti, si rompe il camion, non c’è acqua, ne cibo, oppure vieni arrestato, se ti va bene. Oggi è facile cadere in mano alle bande armate. Spesso vengono sequestrati appena entrati in Sudan, vicino a Kassala. Ma già qualche anno fa avvenivano sequestri da parte dei rashaida nel campo profughi in collaborazione con la polizia sudanese corrotta.
Generalmente si affidano alle guide, che spesso e volentieri sono disonesti trafficanti oppure vengono venuti ai trafficanti, che al loro volta chiedono somme immense ai familiari.

AV: Questi viaggi maledetti possono durare mesi se non anni, i soldi non bastano e spesso i profughi si fermano a lavorare in luoghi speduti. Ma una volta arrivati in Libia cosa cambia? Essendo già un paese nel caos di suo, che tipo di accoglienza trovano?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Spesso la galera. In Sudan spesso vengono arrestati per immigrazione clandestina. Marciscono in luride galere.
Quando non c’è libertà nel proprio Paese, oppure è in atto una guerra, te ne devi andare, non hai scelta e metti in conto di morire. E loro non sono certo teneri con i profughi, specie se sono cristiani.

AV: Quando dici che ci vogliono tanti soldi perchè i trafficanti li chiedono, queste persone come possono trovare i dollari per continuare? Non credo quesa gente viaggia con migliaia di dollari in tasca!

Cornelia Isabelle Toelgyes: La famiglia estesa che già vive in Occidente, gli amici, amici di amici, cugini, cugini di cugini. Soldi che prima o poi dovranno restituire, se rimangono in vita.

AV: Cornelia, non ti occupi solo di Eritrea , ma da paladina dei diritti umani hai allargato le tue vedute anche ai profughi che arrivano in Europa dalla Siria.
Questo vuole forse dire che l’emergenza profughi dall’Eritrea, Somalia, Nigeria etc… è finita?

Cornelia Isabelle Toelgyes: La Siria rimane sempre in quel tratto di mare…

AV: La Siria però ha oscurato tutto il resto, sui TG italiani, ormai da mesi, sembra non esista altro.

Cornelia Isabelle Toelgyes: Seguo anche i profughi siriani. Folle ciò che sta succedendo. Inconcepibile l’accordo con la Turchia e l’UE. Ma simili accordi sono in fase di elaborazione anche in Africa. Processo di Khartoum.
In Africa si scappa anche dal Mali, Etiopia, specie gli Oromo. E poi  dal Gambia, dalla Somalia. La gente scappa quando la vita è in pericolo.

Ne arrivano, eccome. Ieri mattina un folto gruppo di 230 profughi a Cagliari. Non si comunicano quasi più gli arrivi

AV: Per altro tutti paesi dove il presidente è in carica da decenni. La costituzione di questi paesi non dice o diceva che un presidente dovrebbe essere nel ruolo per massinmo 2 turni di 5 o sei anni?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Infattii…la Costituzione. Il presidente dell’Eritrea doveva essere provvisorio. E’ in carica dal 1993. Rien ne dure plus que le provisoir…..

In altri Paesei, dove la Costituzione esiste, si cambia con un referendum. facile, no? La poltrona piace.

AV: Certo, però a me hanno insegnato che quando vai oltre non sei più un presidente, ma un dittatore.

Cornelia Isabelle Toelgyes: Generalmente non dovrebbero restare in carica più di due mandati consecutivi, dici giusto.

AV: Parliamo dell’accoglienza in Italia? Quando arrivano qui, come a Cagliari come mi scrivi, che succede? Immagino siano esauti. Il loro viaggio non è stato solo l’attraversamento del mare, hanno attraversato un continente quasi e tra mille peripezie e violenze. Cosa accade una volta sul territorio italiano?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Vengno accolti bene al porto, la prima accoglienza, almeno qui sembra che funzioni. Ma i più non vogliono restare in sardegna, in Italia. Vogliono raggiungere familiari o amici che vivono all’estero, nel nord Europa.

Non vogliono farsi identificare, cosa che crea a volte qualche problema. Ma ormai senza identificazione diventa problematico.
E spesso, appena arrivati, non stanno bene. Necessitano di cure mediche, ma sopratutto devono abituarsi nuovamente a nutrirsi.

AV:Anni fa avevo parlato con un eritreo che vive a Torino, oggi avrà una 60na di anni ed è in Utalia da 40. Lui è uno di quelli che ‘accoglie’ gli eritrei che arrivano e gli racconta come sarà la loro vita in Europa, non gli tira su il morale, anzi…. Tra le cose che dice è che loro non potranno mai più tornare nel loro paese. Questo è vero?

Cornelia Isabelle Toelgyes: Diciamo…così dovrebbe essere. Se pagano la tassa del 2 % che il governo eritreo chiede a chi vive all’estero, un modo pare ci sia. Ma se vengono scoperti dal Paese ospitante, rischiano il ritiro della protezione, il diritto d’asilo. La NZZ (quotidiano svizzero) ne ha parlato tempo fa, in un’intervista ad un funzionario dell’ufficio competente per l’immigrazione.
Poi….alcuni tornano quando i familiari ne richiedono la salma, quando annegano in mare. Il terribile ricordo dell’Ottobre 2013.

AV: Cornelia, un ultima cosa perchè il tempo a disposizione è sempre breve anche quando gli argomenti sono interessanti come questo e io starei qui un altra oretta…

AV: Cornelia, sono io che ti ringrazio della tua disponibilità e del tuo tempo prezioso.Grazie di cuore per averci guidato nella tua Africa.

Cornelia Isabelle Toelgyes: Grazie a tutti coloro che ci seguono e sostengono.

 

 

 

 

 

Clifford Akwana from Nairobi, the winner of Earth Citizen Ward for environmental conservation.

12 Mag
On May 7, African Voices chatted featuring Clifford Akwana, environmentalist who is inspired by Wangari and winner of the Earth Citizen Ward for environmental conservation award. Here’s what he told.
AV: Mr Clifford congratulations for the award,to begin with what does it take to nature an idea of being an environmentalist an area that is not so appealing to many a youths of your age.

Clifford Akwana: Thank you for granting me this golden chance. it doesn’t take any idea to be an environmentalist this is something that comes from nowhere

Clifford Akwana: I’m Clifford akwana from Nairobi Kenya 27 years and I’m married with one child

AV: I see so many people involved in many problems in Africa but few on the environment. Why you’re in this way, Clifford?

Clifford Akwana: our future lies on our hands.so its our responsibility to conserve the environment so that we can live a very happy life, if we don’t conserve the environment we will all die so i;m into environmental conservation so that i can save the earth and the people

AV: You’re finding sensitivity on the part of the Kenyan and government?

Clifford Akwana: I have not seen sensitivity directly but indirect if i conserve the environment automatically i have save the lives on many.

AV: The world is much talk of climate change, and what do you think these changes are putting a strain on even Africa?

Clifford Akwana: yes.the ecosystem is destabilizing the climate patterns has changed. It is changing the very seasons, availability of water, economic stability….. Africa can and must start erecting solar panels; it is very cheap and a job skill for the young.

AV: What we can do to help you ? by us that living out and far of you?

Clifford Akwana: you can help with resources,advancement and consultancy

Clifford Akwana: I received Earth Citizen Award to honor and acknowledge the important work that i’m doing, often in the most difficult of circumstances.from Artists Project Earth (APE)

AV: Clifford. what is the most difficult circumstances that you are getting?

Clifford Akwana: Running project without funding the extreme poverty of my constituents; children without adequate housing or food.
Also, the lack of government funding for sustainable energy projects which would benefit our country, Without basic services, Our water shortages and problems with potability are not improving.Our children cannot learn to value wildlife unless they are given real alternatives to poaching and see a real effort to protect our native animals.

AV: Clifford Akwana, Who or what is your inspiration?

Clifford Akwana: The children, the future, and the beauty of Africa, as well as the work of (Wangari) are my inspiration

AV: Clifford Akwana please, write for us all what you want, free hand. Is a pleasure read your words and thanks to your tome and patience here. Thanks a lot

Clifford Akwana: Having recognition means a lot when you are working here in Nairobi with a very disadvantaged community. Even more important is our work to raise the next generation to build a sustainable society. We welcome all listeners to communicate with us on our webpage at WOPA GREEN PROJECT. Our school takes donations of books and school supplies. We have offered job training in making marketable goods but look forward to your support for new programs in environmental science, water systems and solar technologies. We will raise our youth to be a conservation force.

Thank you so much for the interview i have really appreciated so much.

Le trappole delle strategie del terrore

4 Mag

“Campi Isis in Senegal: addestrano vù cumprà per le spiagge italiane.”

“E’ l’ultima strategia del fiduciario del Califfo nel paese africano. La polizia: “I venditori-jihadisti si preparano vicino ai resort.”

“Un kalashnikov al posto della borsa Louis Vuitton, oppure una cintura esplosiva invece de quella simil Gucci…”

Difficile da credere, ma per il bene dell’Italia e del Senegal non possiamo sottovalutare queste affermazioni allarmanti tratte da un articolo apparso il 13 aprile 2016 sul quotidiano Il Giornale diretto da Alessandro Sallusti. L’articolo completo, firmato da Liugi Guelpa, ricollega i venditori ambulanti senegalesi sulle spiagge estive italiane con Al Bagdadi il noto criminale di massa ideatore dell’entità terroristica Isis.

Non possiamo affermare se questo nome sia quello dello stesso Luigi Guelpa originario di Livorno Ferraris definito, citiamo: “esperto di politica estera, soprattutto per quanto riguarda Africa e Medio Oriente.” Se è la stessa persona allora tanto di cappello, perché essere un esperto – avere in redazione una perla unica- di una così vasta e intricata area geopolitica, culturale, linguistica, etnica e religiosa merita la fiducia collettiva.

Nell’aprile 2014 un certo Luigi Guelpa arrivato da Dakar (Senegal) fu trattenuto all’aeroporto di Casablanca (Marocco). Citiamo La Sesia Il giornale di Vercelli e Provincia del 08/04/14: “Giornalista vercellese scambiato per spia e tenuto in stato di fermo in Marocco fino all’intervento del consolato italiano a Marrakech… C’è mancato poco che la scorsa settimana le manette scattassero ai polsi del vercellese Luigi Guelpa…” Guelpa dichiarò successivamente sulle pagine del Sesia: “Il funzionario (di polizia dell’aeroporto di Casablanca) mi ha spiegato che siccome provenivo dal Senegal il mio ingresso non era gradito non essendo buoni i rapporti tra i due Paesi…

Sottolineiamo la non correttezza di questa dichiarazione, perché da secoli, compreso l’anno 2014, i rapporti religiosi, culturali e diplomatici tra Senegal e Marocco sono tra i migliori in Africa.

Aggiungiamo che nel 2014, epoca in cui Luigi Guelpa era partito da Dakar e ha fatto scalo a Casablanca, autorità e forze speciali senegalesi avevano potenziato la sicurezza di Saly e dei luoghi sensibili del paese per prevenire le minacce terroristiche.

Il terrorismo islamico è una realtà mostruosa che ha dimostrato le sue capacità di colpire ovunque, in ogni momento senza distinguere religione, etnia, colore, nazionalità, ideologia, sesso o età delle sue vittime. Purtroppo è ovvio che l’invasato Al Bagdadi e i suoi vigliacchi assassini, Al Qaeda o tutta la nebulosa terroristica sono capaci di colpire il pacifico Senegal o l’accogliente Italia come è già drammaticamente successo a New York, Londra, Madrid, Bagdad, Kabul, Parigi, Bamako, Abidjan, Abuja, Nairobi, Ouagadougou, New Delhi, ecc. Non è difficile immaginare che l’Isis e le sue reti di propaganda abbiano attratto delinquenti, derelitti e squilibrati di tutte le nazioni, Italia e Senegal inclusi.

Allora, in ogni caso è doveroso non sottovalutare nessun allarme. Dobbiamo considerare quello lanciato da Il Giornale di Sallusti.

Liugi Guelpa con le sue indicazioni, che sembrano precise e documentate, vorrebbe mettere in guardia contro l’imminenza di devastanti attentati di vù cumpra terroristi islamici senegalesi sulle spiagge italiane.

Dopo la prima lettura, forse per non cedere subito all’istinto di panico, avevamo pensato che quest’articolo fosse concepito per obbligare bagnini e forze dell’ordine a sbarazzarsi finalmente dai fastidiosi vù cumpra, migliaia di venditori senegalesi e di altre nazionalità per lo più neri e musulmani, che da decenni percorrono le spiagge estive delle coste e delle isole italiane e disturbano perennemente il riposo dei vacanzieri italiani, tedeschi, francesi e europei. Ma il buon senso ci induce a non credere che tutto ciò possa spingere un giornalista “esperto di politica estera…” a “sfoderare” l’incubo del terrorismo con tanta leggerezza.

Luigi Guelfa sembra conoscere il Senegal. Cita la Teranga (l’ospitalità alla senegalese), l’islam senegalese ancora impregnato di sufismo e di tolleranza. Guelfa precisa nome, cognome, grado e professione delle fonti che cita: Seck Pouye, capitano di polizia, capo della sicurezza del resort di Saly Portudal; Adama Gueye colonnello delle forze speciali; Boubacar Sabally, direttore dell’albergo Les Bougainville di Saly.

Ma perché è difficile credere nelle affermazioni di Luigi Guelfa? Guelfa scrive su Il Giornale di Sallusti: “La cellula di Saly è guidata da Peter Saadi, un giovane medico di appena 26 anni rientrato clandestinamente a Dakar dopo aver combattuto per circa dieci mesi con i miliziani di Al Baghdadi, dalle parti di Raqqa. Al suo rientro Saadi stava progettando un attentato nella capitale senegalese. Voleva far saltare in aria uno dei locali alla moda, frequentati da turisti europei, nel ricco quartiere di des Almadies. «Non lo ha fatto solo perché il direttivo dell’Isis gli ha affidato un nuovo compito – aggiunge Adama Gueye, colonnello delle forze speciali di Dakar – quello di fare propaganda e preparare nuovi combattenti». Nella “roccaforte” jihadista di Saly ci sarebbero al momento miliziani provenienti da Ciad, Ghana e Guinea, ma solo i senegalesi avrebbero il compito di delinquere sulle spiagge italiane.

Sembrerebbe quindi che polizia e forze speciali senegalesi conoscano l’allarmante situazione descritta nei minimi dettagli: il luogo dove il terrorista dell’Isis e i suoi vù cumpra si addestrerebbero; si saprebbe che si tratta di un “clandestino appena rientrato”; il suo nome Peter Saadi (Peter, cioè Pietro un nome cristiano scelto da un invasato islamico); la sua professione e la sua età; il tempo che ha combattuto con i miliziani di Al Bagdadi; ordini e contrordini ricevute dall’Isis; obbiettivi da colpire o da risparmiare; progetti futuri.

Paradossale che ufficiali dell’esercitiamo e della polizia senegalese sappiano tutto sui movimenti di “terroristi vù cumpra” ma -senza intervenire- decidano di informarne un giornalista italiano di passaggio. Tanto paradossale che il ministro Omar Youm direttore gabinetto del Presidente della Repubblica del Senegal è in visita in questi giorni in Italia, ha formalmente smentito questa notizia pubblicata sulla stampa italiana. E ancora, “il direttore dell’informazione e delle relazioni pubbliche dell’esercito, il colonnello Abou Thiam accusa un giornale italiano di diffamazione contro l’esercito senegalese… Il colonnello Thiam ha dichiarato che presenterà una denuncia alla magistratura contro il giornale implicato…”. Metrodakar.net20/04/2016: http://www.metrodakar.net/terrorisme-larmee-senegalaise-porte-plainte-contre-journal-italien/)

Inoltre Peter Saadi e i suoi apprendisti terroristi si starebbero addestrando indisturbati mentre la base aerea di Thies, città situata a circa 20 km dal resort di Saly dove si troverebbe la cellula dell’Isis, ha appena ospitato un’imponente manovra militare che ha coinvolto forze speciali di quattro continenti.

Dal 8 al 29 febbraio 2016, si è svolta l’operazione Flintlock e ha coinvolto 1700 militari di una trentina di paesi d’Europa, America, Africa, Medio Oriente per lottare contro il terrorismo e le ideologie violenti: Usa, Regno Unito, Francia, Senegal… in presenza del Capo dello Stato senegalese Macky Sall, dell’Ambasciatore degli Usa James Zumwalt e di altre autorità civili e militari internazionali.” (Afrique Education del 08702/161). Era la terza volta che il Senegal ospitava sul suo suolo quest’imponente manovre militare.

Le forze senegalesi svolgono bene il loro ruolo di contrasto al terrorismo in collaborazione con reparti militari francesi e forze statunitensi. Attualmente c’è un presidio permanente di 200 Marines degli Usa con navi da guerra, droni che sorvolano e coprono tutta l’area che va dal Senegal, Mali
________________________________________

1 Il giornale Afrique Education del 08702/16 scrive: “Le but de Flintlock est de s’entraîner ensemble, en tant que force multinationale, pour améliorer la coopération et lutter contre le terrorisme et les idéologies violentes”, a rappelé l’ambassadeur James Zumwalt lors de la cérémonie d’ouverture à la base aérienne de Thiès, à environ 70 km au Nord-Est de Dakar. Cette année, près de 1.700 membres des forces spéciales d’une trentaine de pays d’Afrique, d’Amérique et d’Europe, dont la France et la Grande-Bretagne, sont engagés dans l’exercice, du 8 au 29 février, selon l’Africom, le commandement militaire des Etats-Unis pour l’Afrique, qui l’organise depuis 2005. Des militaires du Burkina Faso, de Mauritanie, du Niger, du Nigeria, de France assistaient à la cérémonie, à laquelle participaient les autorités locales, le chef d’état-major des armées sénégalais, le général Amadou Kane, commandant des opérations spéciales américaines en Afrique, le général Donald Bolduc. Soulignant que le pays accueillait Flintlock pour la troisième fois, l’ambassadeur américain y a vu “un avertissement aux extrémistes violents selon lequel il n’y a pas de place pour une idéologie de haine au Sénégal”.

__________________________________________

Mauritania, Mali. Purtroppo tutte queste precauzioni non impediscono ai vigliacchi dell’Isis di agire ma francamente in questo contesto riesce difficile credere allo scenario descritto nell’articolo di un notorio addestramento a “cielo aperto” di vù cumpra kamikaze proprio sotto il naso delle forze speciali di più di trenta paesi.

Che senso ha la diffusione di questa notizia? Quello di diffondere l’odio violento degli italiani contro i neri? Certo non è buona informazione dipingere, con tanta disinvoltura in un momento di allarme così delicato, uno stato africano, il Senegal alleato dell’Italia, come assolutamente incapace nella gestione di questioni di primaria importanza quanto a sicurezza.

Pap Khouma Pape Diaw Cheikh Tidiane Gaye