Burundi. Testimonianze oculari della presenza di terroristi ruandesi e mercenari.

16 Nov

Dopo aver pubblicato la corrispondenza confidenziale del comandante FDLR il Colonnello Kabuyoya indirizzata al pastore Pierre Nkurunziza (ex presidente ora al potere illegalmente), pubblichiamo di seguito una serie di testimonianze inviate da diverse fonti di informazione dal Burundi: attivisti della società civile, bloggers, giornalisti, militari e poliziotti che hanno rifiutato di massacrare la popolazione e hanno disertato. Tutte le testimonianze concordano sulla presenza del gruppo terroristico ruandese Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda (FDLR) ma anche di mercenari di origine somala, congolese e angolana. Per quanto quanto riguarda i mercenari somali non abbiamo sufficienti informazioni per comprendere se si tratta di miliziani imprestati dal gruppo terroristico Al-Shabaab o dai Signori della Guerra ancora operativi nel paese. La presenza di mercenari somali è da attribuire a dei contatti presi dai comandanti FDD durante il loro servizio presso la forza di pace AMISOM in Somalia. Secondo nostri informatori il presidente congolese Joseph Kabila avrebbe inviate dai miliziani del est del Congo denominati Mia Mai in supporto al regime illegittimo. L’aumento dei mercenari sarebbe dovuto alle diserzioni dei soldati ma anche dei poliziotti burundesi. Un fenomeno così esteso che il Governo non ne vuole nemmeno parlare.
Ecco il riassunto di diverse testimonianze tutte protette da anonimato per evidenti ragioni di sicurezza dei testimoni.

Fulvio Beltrami
Giornalista Freelance
Kampala Uganda.
@Fulviobeltrami

“Da diversi giorni a Bujumbura sono sempre più visibili dei mercenari stranieri che indossano divise della polizia e del esercito. Li vediamo in pieno giorno che occupano le postazioni delle forze dell’ordine, che circolano sui pickup o che svolgono servizi di scorta privata alle più alte autorità del paese tra cui l’ex Capo di Stato in persona.”

“Questi mercenari si fanno riconoscere in quanto non sanno parlare il Kirundi (la lingua ufficiale del paese). Parlano esclusivamente in Swahili, Kenyarwanda (la lingua ufficiale del Rwanda) o in Inglese.”

I mercenari sono stati segnalati nei seguenti posti.

Pont Muha (tra la strada di Rumonge e l’Avenue du Large). Solitamente dopo le 18 o le 19 di sera.

Pont Ntahangwa (Mutanga). Compaiono verso sera. Su questo ponte i mercenari indossano le uniformi della polizia burundese e si distinguono per la loro brutalità verbale e fisica. Perquisiscono le autovetture in gruppi di tre o quattro persone.

“Quartier Ngagara. L’ex campo della Polizia Municipale ospita centinaia di miliziani FDLR (ex Interahamwe) e dei mercenari di nazionalità sconosciuta. Questo campo ufficialmente ospita la polizia incaricata della protezione dei ministeri e del Capo di Stato. Questi reparti sono denominati: API e BSPI. Secondo le testimonianze provenienti da poliziotti del API che hanno disertato, la maggioranza di questi reparti speciali è ora composta da mercenari.”

“La guardia pretoriana di Pierre Nkurunziza è stata sostituita da mercenari di origine angolana, somala e ruandese.”

“La scorsa settimana nel quartiere di Musaga, due FDLR Interahamwe in tenuta militare sono stati notati dalla popolazione che li ha avvicinati rivolgendo loro la parola. Hanno risposto in Swahili. Vedendo che la popolazione manifestava intenzioni ostili nei loro confronti sono fuggiti. Il primo ci è riuscito. Il secondo è stato abbattuto da una pattuglia di polizia burundese che era stata avvertiva dagli abitanti. Questa pattuglia ha successivamente avuto seri problemi in quanto il governo ha dato l’ordine che i mercenari non siano arrestati o molestati in nessun caso. È anche vietato registrare le loro voci o fotografarli.”

“Venerdì 13 novembre 2015. Stazione di Katigati. Un Pickup di marca americana Chevrolet e targa del Congo di colore rosso era parcheggiato presso la stazione. I suoi occupanti erano affiancati da un pickpup della polizia nazionale con a bordo delle FDLR Interahamwe e altri mercenari di nazionalità sconosciuta. Circa 10 tutti in uniforme della polizia.”

I terroristi ruandesi FDLR rispondono a se stessi mentre i mercenari sarebbero sotto il comando del Maggiore Désiré Uwamahoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: