Archivio | giugno, 2015

Europe. Be careful with migration.

29 Giu

Migration in Europe is one of the first topics on Western Medias and source of controversial and worries for Western governments and peoples. Thousand of analysis have been written by Europeans and Africans leaving in Europe. African Voices wants offer you a different and maybe controversial point of view written by an African activist woman from Democratic Republic of Congo: Yvonne Bamswekere whit the hope that will contribute to open a deep reflection about African migration in Europe free of racism and irrational feelings of brotherhood at all costs.

These days we assist to a drama of world dimension. Thousand of migrants are trying to reach Europe in any way, legal and illegal. Form Africa migrants choose the weakest European countries like Italy and Greece and they are willing to risk their lives in dangerous journeys across countries in civil war like Libya and to affront Mediterranean sea with old boat. Behind them there is a potent mafia network that in Africa is organized not by Europeans but by Africans. The reactions of West are contradictories. Somebody evoke borders closure and strong Mediterranean Sea military monitoring. Somebody evoke migrant quotas. Other free human movement without resolve immigration causes.

As African I observe all West attempts to deal with migration problem and I see a wrong approach from both sides. Military monitoring of Mediterranean Sea is almost impossible and too much expensive. Moreover when military navies intercept a migrant boat what to do? Sink it killing the passengers or escort the boat till the point of depart? The first is murder that can easily be transformed in genocide. Something similar has been tried with secret accords between Europe, Egypt and Morocco. These accords forecast development and military assistance in exchange of Egyptian and Morocco engagement to stop migrants to come in Europe. Egyptian and Morocco military navies when intercept migrants boat the sink them killing all passengers. An unofficial immunity is granted for them by Europe that will never permit an international investigation of these mass murders. Unlucky these crimes are not able to stop migration. For these North African governments is just a way to get money killing what they call “Afro” that in Arab mentality is a term utilized for sub human species.

The second is no sense. For each boat escort back will be other three ready to attempt to reach European coasts. Welcome migrants even whit the introduction of quotas is technical impossible and will damage the already weak European economies and societies. How you can welcome thousand and thousand of migrants in your country when you suffer of mass unemployment, economic crisis, and your social welfare is reducing progressively because lack of founds? What you will do? You will provide social assistance, free health and education and job opportunities to us when you are not more able to provide to your people?

European attempts to resolve migrant problem are designated to fail because Europeans have not really understood the causes and they are affected by several prejudices that make more confusion on the existing one. European thinks that who choose migration is because is poor. Wrong! 98 per cent of poor African they leave and die in Africa! To afford a journey till Italian of Greece coast you need at least $ 5,000. How an African peasant, urban jobless or poor women can afford this sum that will never see in all his life, living with $1,5 daily? The majority of African migrants are coming form medium class. They have studied on the Universities in their countries and have professional qualifications. Their families can afford the sum needed because migration is considered investments. Once the son or daughter is in Europe and find a job the family will receive at home a monthly income in hard currency. Will increase also the opportunities to send other family members to Europe for example utilizing the trick of false marriage certificates. Tricks utilized exploiting the good willing of European, their story of human rights and the impossibility for European governments to distinguish between a true and false marriage certificate, both release by African governments. The false one obtains thanks to corruption, of course.

Inside European public opinion is deep the belief that all African desire to migrants because of our Continent is poor and ravaged. Wrong! Most of African migration is coming from six countries: Democratic Republic of Congo, Ethiopia, Eritrea, Nigeria, Somalia, and Senegal. DRC, Eritrea and Somalia have a situation of instability, dictatorship, civil war and absence of government. Nigeria and Senegal the situation is different. These two countries have not a bad situation. Nigeria is an African power and Senegal a strong democracy with an economic grows. So why Nigerian and Senegalese want come to Europe? Because they think that they can have easily life, have a job in hard currency, and exploiting European social welfare playing the role of poor nigger victims. A role so easy to play with many naïve Europeans… In the majority of African countries the migration is not to Europe but to other African countries, like Zimbabweans those migrants to Angola or South Africa, or Sudanese that migrant to Egypt. Continental migration has not reach proportion like the European ones because most of African countries are growing up and there it start to be available job or business opportunities. Most of the African countries have the European situation after WW2 on Fifty and Sixty. If they manage well natural resources, they start industrialization process and they control the democratic growing will be able to become Middle Income Countries between 2030 and 2040. Uganda, Kenya, Rwanda and Tanzania, in East African have already a strong development even if the industrial revolution has not yet started as forecast.

European migration is damage your countries but is damage more Africa. At your homeland are increasing social difficulties because of impact with different cultures in an economic contest of depression. It’s increasing a racist ideology that make strongest the Ultra Rights and Nazi parties whit a great risk for your weakly and sick democracies. Anyway it is in Africa that the collateral damages are compromising the future. Because mostly of whom is attempting to migrant in Europe is coming from middle class, Africa annually loose thousand of brains needed for Continental development: doctors, engineers, IT specialists, and so on… Ironically these migrants with great professional skills rarely will find an appropriate job in Europe.

They will work in factories, in informal sector, in restaurants or as occasionally man power in agriculture…
African migration has a hidden expect of criminality that is originated from Africa. Who is organizing illegal migration on boat are not your mafia networks, are ours. The most actives are Libyans and Nigerians. European mafia networks can collaborate with ours network, can be also associated but they have no possibility to organize thousand of journey every year. Nigerian prostitutes that you enjoy on your street or bush in Italy are victims of Nigerian mafia not Cosa Nostra or Ndrangheta. What you call “scafisti” are meanly Arabs from Libya. Rarely are Italians. As was the case on XVI century the modern slave business from Africa is under control and promoted by Africans.

African migration is a direct consequence of Western propaganda. In order to maintain a control on natural resources in Africa your governments are still spreading White culture and society supremacy in the Continent as it was on colonial times. This left us thinking that in Europe there is no problems, the life is easy, the jobs are there as good houses and nice cars. Your people when came to Africa the spend money as crazies, they don’t care. All these bring to naïve Africans to indentify Europe as their El Dorado to reach at all costs: marring an old fat white woman or man or tray an infernal journey on Mediterranean Sea. Who attempt these show to don’t have brain. If you are able to get $5,000 instead to try a riskily journeys to live as beggars in Western El Dorado in the best option or die on cold water sea or to be forced to have sexual intercourse with disgusting beings, it’s thousand times better to open a commercial activities in your country. With $5,000 you can start medium commercial activities in agriculture, phone and IT products, food or retail shop. If business will go well you can reach a life style thousand times better than migration live conditions experimented in Europe.

European political propose to soft anti migration policy will make worst the situation and will increase illegal migration. Military defense of Europe borders is a no sense So what remain to do? Which one is the right approach?
A good start is stop military interferences on foreign countries. European mentality for centuries has create the symbiosis between the necessity to expand own influences and business with violence and wars. It’s something deeply ingrained on European mentality. If a European country want expand his influence and business opportunities immediately will try to create instability or conquer another country. This has been the normality for centuries in Europe originate the 100 Year War, WW1 and WW2, the pillar of colonialism conquest and now the principle number one that governs the relations with Africa, Asia and Latin America. Any country not willing to accept Western democratic principles (means Western economic supremacy and the right of exploitation on your own natural resources) is first objective is destabilizing attempts and accusation of human rights violations.

Even if this modus operandi is deeply promoted by U.S., Europe is following because considers this way as natural way to impose European supremacy. Middle West chaos from Syria to Yemen and civil wars European created in Africa: from Mali to South Sudan, create the collateral effect to increase illegal migration. Nowadays a strong percentage of illegal migrants is coming from Middle West, for example. Western war mentality and desire of supremacy is bring U.S. and Europe on the failure because they cannot compete with China and BRICS countries soft approach and is creating only alienation and rancor of the rest of the world, increasing terrorist activities worldwide. I still remember how we get with joy the news of New Your terrorist attack on 11 September. Most of us where happy: Finally Americans Dies!

The abandon of war mentality must be linked to serious development policies concentrated on African countries where illegal migration coming from. Development policies that must include: reinforcement of democratic institutions but not necessarily equal to yours , equal economic partnership, real partnership to start industrialization process and faire economic exchanges. West will lose some profits and welfare but will gain in stability and will mitigate illegal migration. We Africans don’t need somebody that want impose himself to all costs. We need honest partners that understand a simple but hidden true: our development and welfare is his development and welfare.

Once consolidated a new approach in international relations, the migration policies must be based on the principle of free human movement, till now granted only for goods and money… Everybody has the universal right to leave where he / she likes. Work or study opportunities must be assured everywhere. If an Italian want leave and work in Congo shall be welcome as a Congolese that want leave and work in Italy. What is important is that migration is a free individual choice not a necessity. Europe must understand that its time has ended. The world is going to multicultural integration and connection. Whites are losing their supremacy despite all the wars and instabilities that they provoke. For their race conservation thousand time better to change their mentality and look foreign, niggers, Asians or Latin as opportunities not as enemies or exploitation opportunities. These suggestions are utopia you are free to thinks. Anyway this is the only one opportunity that remain to your race at risk of extinction…

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda
@Fulviobeltrami

Annunci

Europa. Attenzione all’Immigrazione.

29 Giu

Il fenomeno dell’immigrazione sta diventando uno tra I maggiori argomenti dei media occidentali e fonte di controverse e preoccupazioni per le popolazioni e i governi europei. Migliaia di analisi sono state pubblicate da Europei e Africani che vivono nel Vecchio Continente.
African Voices vi offre un diverso, forse controverso, punto di vista scritto da una donna africana attivista del Congo: Yvonne Bamswekere con la speranza che questo possa contribuire a una profonda riflessione sull’immigrazione africana in Europa libera da pregiudizi razziali e irrazionale sentimento di fratellanza a tutti i costi.

In questi giorni stiamo assistendo al dramma di dimensioni mondiali. Migliaia di immigrati stanno tentando di raggiungere l’Europa legalmente o illegalmente. Dall’Africa gli immigrati hanno scelto i paesi europei più deboli: Italia e Grecia e sono disposti a rischiare le loro vite in pericolosi viaggi attraversando paesi in guerra civile come la Libia ed affrontare il Mediterraneo a bordo di precarie imbarcazioni. Dietro questo fenomeno si nasconde un network mafioso che non è in mano agli europei ma agli africani. Le reazioni dell’Europa sono contraddittorie e convulse. Alcuni invocano la chiusura delle frontiere e un forte controllo militare del Mediterraneo. Altri invocano quote per gli immigrati. Altri il libero movimento degli esseri umani senza però risolvere le cause che si celano dietro l’ondata di immigrazione.

Come africana osservo tutti questi tentativi europei di affrontare il problema e noto un errato approccio da ambe le parti. Controllare militarmente il Mediterraneo è quasi impossibile ed estremamente costoso. Inoltre se una nave militare europea intercetta una imbarcazione di immigrati clandestini che fa? L’affonda uccidendo tutti i passeggeri o la scorta al punto di partenza? La prima ipotesi è classificata come omicidio premeditato che rischia di trasformarsi in genocidio. Qualcosa di simile è già stato tentato tramite accordi segreti con alcuni paesi nord africani quali Egitto e Marocco. Questi accordi prevedono aiuti economici e militari in cambio dell’impegno egiziano e marocchino di fermare l’immigrazione a tutti i costi. Una immunità non ufficiale viene loro garantita tramite il blocco di investigazioni internazionali. Spesso le marine militari di questi due paesi intercettano e affondano le navi uccidendo decine e decine di persone. Purtroppo questi crimini non riescono a fermare l’immigrazione. Per i governi di questi paesi nord africani è semplicemente un ottimo modo di ottenere soldi uccidendo quelli che loro chiamano “Afro” che nella mentalità araba è il termine utilizzato per definire i sub umani.

La seconda opzione è priva di senso. Per ogni imbarcazione ricondotta al punto di partenza vi saranno altre tre pronte a salpare per l’Europa. Accogliere gli immigrati con l’introduzione di quote per ogni paese europeo è tecnicamente impossibile e danneggerebbe le già deboli e decadenti economie e società europee. Come pensate di poter accogliere migliaia di immigrati nei vostri paesi quando state soffrendo di disoccupazione di massa, crisi economica e la vostra assistenza sociale si sta progressivamente riducendo causa mancanza di fondi? Cosa fare? Provvederete assistenza sociale, educazione e sanità gratuite e opportunità di lavoro agli immigrati quando non siete più in grado di garantirle ai vostri cittadini?

I tentativi europei di risolvere il problema dell’immigrazione sono destinati a fallire perché non avete compreso le vere cause e siete vittime di vari pregiudizi che aggiungono confusione a quella già esistente. Voi europei pensate che le cause dell’immigrazione risiedono nella povertà. Sbagliato! Il 98% dei poveri africani vivono e muoiono in Africa senza avere nessuna possibilità di immigrare in Europa. Per affrontare il viaggio da clandestini occorrono almeno 5.000 dollari. Come possono possedere un tale somma i contadini africani, i disoccupati urbani o le povere donne quando non la vedranno mai in tutta la loro vita, costretti a sopravvivere con 1,5 dollari al giorno? La maggiora parte degli immigrati africani proviene dalla piccola e media borghesia. Hanno studiato presso le Università dei loro paesi e possiedono una buona preparazione professionale. Conoscono minimo due delle principali lingue europee: inglese e francese. Le loro famiglie possono sostenere i costi del viaggio in quanto l’immigrazione viene da loro considerata un investimento. Una volta che i loro figli hanno raggiunto l’Europa e trovato un lavoro sarà assicurata una rendita mensile in patria che giungerà in Euro. Vi è anche la possibilità di poter inviare altri membri della famiglia per aumentare questa rendita. L’invio avviene attraverso dei trucchi come i falsi certificati di matrimonio. Si fa passare una sorella come la moglie del figlio già stabilmente in Europa. Meglio ancora se questa sorella possiede dei bambini. Trucchi facilmente utilizzati sfruttando la buona volontà degli europei, le loro storie dei diritti umani e l’impossibilità per i governi europei di poter distinguere un certificato di matrimonio originale o falso. Entrambi emessi dai governi africani, il secondo grazie alla corruzione.

Nell’opinione pubblica europea è profondamente insito il credo che tutti gli africani desiderano immigrare perché il Continente è povero e distrutto. Sbagliato! La maggiora parte degli immigrati africani provengono da sei paesi: Eritrea, Etiopia, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Senegal e Somalia. I paesi come Congo, Eritrea e Somalia sono attualmente vittime di instabilità, feroci regimi, guerre civili e assenza di governi. Per la Nigeria e il Senegal la storia è diversa. La Nigeria è una tra le potenze economiche africane e il Senegal una democrazia consolidata in pieno sviluppo economico. Allora perché nigeriani e senegalesi voglio venire in Europa? Perché pensano che da voi vi sia la vita facile, lavori ben pagati un monete forti e la possibilità di sfruttare il vostro sistema sociale giocando i ruolo delle povere vittime negre. Un ruolo facile da giocare grazia alla mentalità naive degli Europei.

Nella maggioranza degli altri paesi africani l’immigrazione è Continentale. Per esempio i Zimbabwani emigrano in Angola o Sud Africa, i sudanesi in Egitto. L’immigrazione Continentale ha però non raggiunto le proporzioni di quella in Europa, dando cosi’ la possibilità alle società e paesi ospitanti di poter assorbire gli immigrati per la maggior parte dei casi, escluso il Sud Africa. Il fenomeno migratorio Continentale non è cosi’ diffuso anche perché molti paesi si tanno sviluppando e le loro economie riescono ad offrire opportunità di lavoro e commercio. Molti di essi stanno vivendo la stessa situazione dei paesi europei dopo la Seconda Guerra Mondiale, negli anni Cinquanta e Sessanta. Se riusciranno a gestire bene le risorse naturali, iniziare il processo di industrializzazione e controllare demograficamente la loro popolazione questi paesi hanno ottime possibilità di raggiungere i paesi sviluppati entro il 2030 e il 2040. Uganda, Kenya, Rwanda e Tanzania, nell’Africa Orientale, possiedono già un forte sviluppo anche se la rivoluzione industriale non è ancora iniziata come da loro prevista e desiderata.

L’immigrazione verso l’Europa sta danneggiando i vostri paesi ma maggiormente danneggia l’Africa. Nelle vostre madre patrie stanno aumentando i conflitti sociali perché l’impatto con le diverse culture è reso difficile e conflittuale a causa del contesto di depressione economica che state vivendo. Aumenta inoltre le ideologie razziali rendendo più forti i partiti europei nazisti e di ultra destra con pericolose derive per le vostre deboli e malate democrazie. Ma è in Africa che i danni collaterali sono veramente drammatici e rischiano di compromettere la crescita economica. Visto che la maggioranza di immigrati appartengono alla classe media, hanno studiato e possiedono qualifiche e competenze professionali importanti come medici, tecnici IT e comunicazione, insegnanti, ingegneri etc, questo si tramuta in una fuga di cervelli dagli esiti catastrofici. Ironicamente questi immigrati altamente professionali raramente trovano in Europa un lavoro a loro adeguato accontentandosi di lavorare nelle fabbriche, nel settore informale, nei ristoranti o come mano d’opera occasionale nell’agricoltura.

L’immigrazione africana nasconde anche un aspetto criminale che è organizzato dall’Africa. Dietro l’immigrazione illegale non si nascondono i vostri network mafiosi ma i nostri. Attivissimi quelli Libici e Nigeriani. Le mafie europee possono collaborare o essere associate ma non hanno la minima possibilità di organizzare l’immigrazione dall’Africa. Le prostitute nigeriane che vi godete nelle strade e nei boschi dell’Italia non sono vittime di Cosa Nostra o di Ndrangheta ma della mafia nigeriana. Quelli che voi chiamate “scafisti” sono principalmente arabi dalla Libia. Raramente sono italiani. Come avveniva nel 1700 la moderna tratta degli schiavi dall’Africa è gestita dagli africani.

L’immigrazione africana è una diretta conseguenza della propaganda occidentale. Per mantenere il controllo sulle nostre risorse naturali i vostri governi stanno ancora diffondendo la propaganda della superiorità della cultura e società occidentale come avveniva nel periodo coloniale. Questo ci induce a pensare che in Europa non vi siano problemi, che la vita sia facile, il lavoro disponibile come le case confortevoli e le macchine di lusso. I vostri connazionali vengono in Africa e spendono i soldi come dei pazzi furiosi senza il minimo risparmio. Tutto questo induce molti africani naive ad identificare l’Europa come il loro El Dorado cercando di raggiungerlo a tutti i costi: sposando donne e uomini bianchi vecchi e grassi o affrontando viaggi infernali lungo il Mediterraneo. Chi lo fa dimostra di non aver cervello. Se uno è fortunato di poter possedere 5.000 dollari invece di affrontare viaggi che spesso mettono a rischio la propria vita o di essere costretto ad avere rapporti sessuali con esseri ripugnanti, potrebbe iniziare una media attività commerciale nel suo paese. Se gli affari vanno bene vivrebbe molto meglio che in Europa con statuto di immigrato.

Le proposte politiche europee di addolcire le leggi anti immigrazione richiamo di peggiorare la situazione e di aumentare l’immigrazione clandestina. La difesa militare dei confini europei è letteralmente un Non Sense. Allora che fare? Quali sono i giusti approcci al problema?
Un primo passo è interrompere le interferenze militari nei paesi stranieri. La mentalità europea per secoli ha creato una simbiosi tra la necessità di espandere la propria influenza e commercio con la violenza e le guerre. Questo è stata la normalità in Europa per secoli che ha originato la Guerra dei Cento Anni, la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. Violenza e guerre sono i pilastri della conquista coloniale e il principio numero uno adottato dai vostri governi per le moderne relazioni con Africa, Asia e America Latina. Ogni paese che non accetta i vostri principi democratici (che si traducono nella supremazia economica occidentale e nel diritto di sfruttare le nostre risorse naturali) diventa un paese da destabilizzare e da accusare di violazioni dei diritti umani.

Anche se questo modus operandi è particolarmente utilizzato dagli Stati Uniti, l’Europa lo segue perché lo considera una normale e naturale strategia per imporre la sua supremazia nel mondo. Il caos del Medio Oriente, dalla Siria allo Yemen e le guerre civili create dall’Europa in Africa: dal Mali al Sud Sudan, creano come effetto collaterale l’aumento della immigrazione illegale. Oggi una forte percentuale di clandestini in Europa proviene dal Medio Oriente, per esempio. La mentalità bellica europea e occidentale associata al desiderio di supremazia, sta portando Stati Uniti ed Europa al fallimento perché non si può competere con l’approccio soft della Cina e dei paesi del BRICS. Si crea solo alienazione e rancore nei paesi del terzo mondo vittime di questo mentalità che a loro volta aumentano le attività terroristiche a livello mondiale. Mi ricordo ancora come siamo stati contenti ad apprendere la notizia dell’attacco terroristico a New York del 11 settembre. Molti di noi erano entusiasti e brindavano. Finalmente gli Americani Muoiono!

L’abbandono della deleteria mentalità bellica deve essere associato a serie politiche di sviluppo concentrate sui paesi africani dove è maggiore l’immigrazione per l’Europa. Le politiche di sviluppo devono includere il rafforzamento dei modelli di democrazia che non necessariamente devono essere simili ai vostri, equi scambi commerciali, concreta partnership per iniziare lo sviluppo industriale. L’Occidente sicuramente perderà qualche profitto e privilegio ma ci guadagnerà in stabilità e diminuirà l’immigrazione clandestina. Noi Africani non necessitiamo di qualcuno che si vuole imporre a tutti i costi. Necessitiamo di onesti partner che riescano a comprendere una semplice ma nascosta verità: il nostro sviluppo e benessere rafforzerà il vostro sviluppo e benessere.

Una volta consolidato questo nuovo approccio nelle relazioni internazionali, le politiche migratorie devono basarsi sul principio del libero movimento degli esseri umani, garantito ora solo per le merci e i flussi finanziari. Ognuno ha il diritto universale di vivere dove più gli aggrada. Opportunità di lavoro e studio devono essere assicurate ovunque e per chiunque. Se un italiano sceglie di vivere e lavorare in Congo deve essere il benvenuto e viceversa per un Congolese che decide di vivere e lavorare in Italia. Quello che è veramente importante è che la scelta immigratoria sia libera e non dettata da forze maggiori.

L’Europa deve comprendere che il suo tempo è finito. Il mondo si sta avviando verso una integrazione multiculturale. I Bianchi stanno perdendo la loro supremazia nonostante tutte le instabilità e guerre che costantemente creano. Per la conservazione della loro razza è mille volte preferibile un cambiamento di mentalità che porti a considerare gli stranieri, i negri, gli asiatici e latini come opportunità e non come nemici da sfruttare. Questi suggerimenti sono utopici, siete liberi di pensare. Ma tenete presente che questa è la solo occasione che rimane alla vostra razza a rischio di estinzione.

 

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda
@Fulviobeltrami

UN LIETO FINE PER UNA STORIA PIENA DI AMORE E ATTESA!

23 Giu

Dopo una lunga, estenuante e difficile lotta per terminare l’adozione di nostro figlio, a causa di un blocco delle stesse imposto dal suo paese di origine, il Mali, finalmente il 6 gennaio 2015, proprio nella giornata dell’Epifania, abbiamo potuto abbracciare il nostro piccolo cioccolatino. Il sogno si è compiuto, anche se in alcuni terribili momenti sembrava fosse diventato impossibile realizzarlo. Nel novembre del 2012, il paese era immerso in una islamizzazione profonda e questo aveva portato alla chiusura delle adozioni dei bimbi maliani da parte di cittadini stranieri e quindi, anche le famiglie che come noi avevamo il dossier già approvato dall’autorità centrale maliana, si sono viste coinvolte in un insopportabile incubo, durato più di due anni. Due anni di battaglie, due anni di ansia, vissuti nel timore di non poter abbracciare un bimbo che era già a noi destinato e che sarebbe dovuto arrivare proprio quando il blocco è stato imposto dal nuovo direttore dell’autorità centrale maliana per le adozioni. Personalmente ho condotto una “guerra” insieme a qualche altra famiglia francese e spagnola, in rappresentanza di tutte le famiglie europee nella stessa situazione, per poter arrivare alla conclusione positiva dei dossier di adozione che erano rimasti bloccati senza ragione. Tempo prima avevamo avuto l’accettazione della stessa autorità maliana per il proseguimento della procedura di adozione nel loro paese, ciò implica l’abbinamento con uno dei minori abbandonati ospiti nelle diverse strutture del Mali. Il nostro piccolo era lì, era stato già proposto in abbinamento per noi, ma quell’abbinamento non è stato firmato per un soffio a causa del blocco, e lui, peggio di noi, ha dovuto attendere più di due anni per trovare una famiglia che lo accogliesse e amasse.

Sono stati i peggiori due anni della mia vita; ho vissuto sempre, ogni ora di ogni giorno, pensando a lui, pensando a come fare per poter sollecitare questo agognato sblocco, privando il mondo di un’ennesima ingiustizia; due anni di sogni e speranze che però si spegnevano con il trascorrere di giorni, mesi, anni. Anni di lotta e lacrime, lacrime di sofferenza, di agonia, di paura per non poter mai abbracciare quello che nel mio cuore era già mio figlio. Ma proprio la sua esistenza, proprio lui, mi ha dato la forza per poter combattere ogni giorno, per trovare il modo di portarlo finalmente a casa, per poterlo amare non solo a distanza. La forza e la voglia di andare avanti, anche quando tutto sembrava contro di noi, sono state sostenute proprio grazie a quegli occhi spenti e tristi, quel bimbo che non sorrideva e del quale era sufficiente il solo sguardo per comprendere il grande bisogno di amore che solo una mamma e un papà possono dare.

Finalmente però, proprio il 6 gennaio, il giorno dell’Epifania abbiamo visto compiuto quel sogno. E’ stata una notte magica, dopo un lungo viaggio dall’Italia al Mali, una notte di speranza e felicità attendendo il gran momento. Come ci avrebbe accolto il nostro piccolo? Sarebbe stato spaventato come sempre quando conosceva qualcuno? Si sarebbe fatto avvinare? Avrebbe pianto? Povero bimbo, gli avevano raccontato poche settimane prima che arrivassimo, che sarebbero venuti la sua mamma e il suo papà, gli avevano mostrato le nostre foto perché l’incontro con noi non fosse così impattante e i nostri volti gli fossero più familiari. I dieci minuti in taxi fino all’orfanotrofio sembrarono eterni ma quando arrivammo all’ingresso, di fronte a quella porta che tante volte avevo visto nelle foto, l’emozione salì e gli occhi si riempirono di lacrime… ora ci separava solo quella porta da lui!

Non mi sembrava vero. Entrai e vidi due occhi meravigliosi che mi osservavano profondamente, era il nostro bimbo e lui aveva già capito che eravamo la sua mamma e il suo papà. Salimmo nella camera del primo piano e attendemmo che lui arrivasse, furono minuti di grande commozione e quando vedemmo quel piccolo cioccolatino camminare verso di noi dalla mano del direttore dell’orfanotrofio non potevamo credere che davvero fosse arrivato quel momento così tanto desiderato. Lui non pianse, si avvicinò molto cauto, spaventato e sembrava tristissimo e rassegnato a stare con noi. Ma si fece abbracciare, prendere in braccio, osservava tutto quasi impassibile e ogni tanto il suo dolce viso si bagnava di grandi lacrime che scorrevano in silenzio. Dopo due giorni insieme in orfanotrofio, finalmente lo portammo con noi a casa, la casa del nostro caro amico Karl che ci ospitò tutto il mese che trascorremmo in Mali insieme a nostro figlio. Pian piano, giorno dopo giorno la relazione tra noi e lui diventò sempre più intensa, imparò ad affidarsi a noi e il suo sguardo e il suo volto cambiarono completamente, finalmente vedevamo dei bei sorrisi e uno sguardo sereno e felice. Così il giorno della partenza in aereo fino a casa, fu tutto più facile. Il 1 febbraio arrivammo a casa e d’allora la storia con nostro figlio è ogni giorno più bella! Il sogno si ha avverato e sentir dire da lui stesso che ormai è felice con mamma e papà è il regalo più grande possibile e immaginabile. Ormai siamo una famiglia!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Durante questi due anni di blocco delle adozioni e mentre aspettavamo, ho creato un progetto di aiuto e sostegno per le strutture che accolgono questi bambini abbandonati. Il progetto si chiama MALIDENÙ (i figli del Mali) e offre agli orfanotrofi aiuti sotto forma di alimenti, medicinali, prodotti per l’igiene, ma si occupa anche di organizzare delle piccole feste e/o merende con pomeriggi di cartoni sullo schermo gigante, così come laboratori di pittura (con la collaborazione di un giovane artista maliano) e altre attività per dare a questi bambini una vita migliore con gli stimoli adeguati per la loro età. Il progetto l’ho creato io stessa e lo seguo e gestisco personalmente, con l’ONG Bambini nel Deserto. Il contatto con le strutture è diretto, senza intermediari e così gli aiuti arrivano sempre e in modo sicuro. Ci sono tanti modi per poter collaborare, si possono effettuare sia donazioni annuali, sia sporadiche. Inoltre ho scritto due libri, i cui proventi della loro vendita sono totalmente devoluti a Malidenù. Si possono acquistare entrambi sul sito di Amazon, anche in versione e-book.

Il primo, Aspettandoti. A 3883km da te parla proprio della nostra terribile attesa, e racconta sia le sensazioni e i sentimenti che ho vissuto durante questi anni, rivolgendo uno sguardo attento e critico alla situazione socio-politica del Mali che ha portato il paese non solo al blocco delle adozioni, ma anche a una guerra contro le forze estremiste islamiche che volevano prendere il potere in un paese in cui fino ad allora avevano convissuto popolazioni di religioni diverse, grazie alla grande tolleranza e rispetto che caratterizza il popolo maliano. Potete acquistarlo QUI

L’altro libro, Io e Podo racconta la meravigliosa storia del nostro amato gatto, una storia che racconta come l’amore possa compiere miracoli anche quando sembra che la vita stia per scivolare via; la storia di Podo vi commuoverà e vi farà innamorare di questo dolce e meraviglioso protagonista. Potete acquistarlo QUI

Per le donazioni al progetto Malidenù è possibile fare un bonifico su questo conto:
ONG Bambini nel Deserto Onlus – IBAN: IT24G0103012900000001500048 – Causale: «Erogazione liberale – Sostegno Malidenù».

Berta Martin

Burundi. Arusha Peace Agreement the worst legal deception.

11 Giu

Burundi current political crisis and social unrest arises from the president’s determination to run for another term, after 10 years in office. According to CNDD-FDD the party on power, 2015 Pierre Nkuruziza candidature is full respecting the Constitution because is the second one that may be obtained by universal suffrage. The first madate obtained on 2005 was under extraordinary circumstances that cannot be included in a normal presidential mandate. Burundi’s opposition leaders and Civil Society activists insist that the president is ineligible for another term because of the 2005 mandate must be consider the first Nkurunziza mandate without any pretext of extraordinary situation.

Pierre Nkurunziza, warlord and leader of Hutupower armed group National Council for the Defense of Democracy-Forces for the Defense of Democracy (CNDD-FDD), after the end of the civil war he was appointed in late 2003 Minister for Good Governance in the transitional government of President Domitien Ndayizeye. Following a series of CNDD-FDD victories in administrative elections held during June and July 2005, Nkurunziza was nominated as the party’s presidential candidate. He was elected President unopposed by members of Parliament, acting as an electorate college, on 19 August 2005 and took office on 26 August 2005. He was re-elected in 2010 with more than 91% of the votes amidst an opposition boycott[6] and sworn in for his second term on 26 August 2010. He was practically the only candidate because the opposition parties refuse to participate to election considered heavy contaminated by frauds and irregularities.

According to Article 96 of 2005 Constitution “the president of the republic is elected by universal suffrage for a mandate of five years renewable one time.” In this case it’s clear that Nkurunziza cannot run again this year. However, the first term he served (five years) was under “Title XV: Of the Particular provisions for the First Post-Transitional Period” the Constitution created. Therefore, the president argues, the first five years under Title XV, do not count for the purpose of Article 96.

How is possible that in the same Constitution there are two contradictory articles about Presidential terms?

This unique juridical chaos has been deliberately create by 2000 Arusha Peace Agreements promoted essentially by Saint’Egidio Community, South African President Thabo Mbeki and United States President Bill Clinton. According to the historical situation in Great Lakes Region, U.S. and France needed to end a secondary conflict (the Burundian ones) in order to concentrate on political compromise that can permit an economic power sharing in DRC after two Pan African wars whiteout winner and losers. On 2000 tutsi government lead by Pierre Buyoya signed the treaty, as well as 13 of the 19 warring Hutu and Tutsi factions. The real pace has been implemented only three year later on 2003 with a general cease fire and the creation of the transitional government of President Domitien Ndayizeye.

The Arusha Agreement adopted several protocols. The pertinent protocol, for purposes of presidential terms limits, is democracy and good governance (Protocol 11) that prescribes that the first mandate shall be considered as extraordinary and detached by Burundi Constitution. In order to reinforce the first presidential mandate extraordinary nature was created article XV on 2005 Constitution. According to several politic analysts Protocol 11 and Article XV have been elaborated and proposed by expert of Sant’Egidio Community.

This legal deception, at the beginning not really understood, has permit on late May Burundian Constitutional Court of Justice to argue that Nkurunziza first mandate was a special transitional presidency under Arusha agreement Protocol 11 and Burundian Constitution Article XV. For this reason the first mandate is only one obtained on 2011. The Constitutional Court argued that the Arusha Agreement is Burundi’s 2005 Constitution bedrock.

African and International jurists disagree with this interpretation made by a Juridical system totally under Nkurunziza control. The Arusha Agreement was meant for a specific purpose: to establish and enforce principles and rules that would help Burundians bring an end to their protracted ethnic civil war and build institutions for sustainable peace, security and development. The Arusha agreement was a multilateral agreement, not a Treaty under the Vienna Convention on Treaties. The Arusha agreement never became, and was not meant to be, a legal instrument. Arusha agreement terminated on 09th August 2005. When an agreement/contract terminates by its own terms, the parties are discharged. An agreement that terminated cannot be revived without new negotiations which would require new discussions. As final consideration a temporally agreement cannot influence the Constitution that is the First Law of any Country.

Burundi’s Constitutional Court of Justice argues that Arusha Agreement is still alive, genuine and inspiration of the 2005 Constitution. In reality Burundi’s Constitution enumerate several International Treaties that a part of the Constitution except Arusha one. Concerning Article XV the Constitution clarify that is provisory and valid only for first post-conflict period. In no case can invalidate of replace Article 19 on presidential terms limits.

This is the legal confusion created by Sant’Egidio Community and other minors actors on 2000 that permit to Nkurunziza to persist on third mandate. U.N. is not except of responsibilities. U.N declares Arusha Agreement still valid but not full respected. This offer to Nkurunziza other arguments about Arusha Agreement superiority over Constitution. Declare Arusha Agreement still valid is a false declaration. On 09th August 2005 U.N. Implementation Monitoring Committee reported to UN Segretary General that the Agreement was been fully implemented. Therefore, the Arusha Agreement, like other ordinary contract terminated naturally included Protocol 11 and Article XV.

According Attorney and law counsel in New York Dr Charles KM Kambanda, the artificial constitutional confusion and not clear legal framework are simple instrument for Nkurunziza not the real core of Burundi’s present crisis.

Burundi is confronted with deeper political and economic problems, domestically and internationally. Domestically, the ruling party is excessively strong (in terms of resources and membership) in comparison with all the opposition political parties.
In the most fair and free elections, the possibility that opposition parties will win an election is minimal. Burundi’s opposition political parties are confronted with a political monster; the ruling political party.
Outside government, there are very few chances for politicians to live decently in Burundi because of extreme poverty and mindset. Political tension in such environments is inevitable. The country’s economic base is too narrow yet Burundi’s fertility rate is all the way through the roof for a tiny country.
This opens a floodgate of all social evils which makes Burundi an active volcano that could erupt anytime for any reason; real or imaginary. Internationally, Burundi is a favourable gateway into DR Congo’s vast and valuable natural resources.” Describe Dr. Kambabda

 

Fulvio Beltrami
Kampala,Uganda
@Fulviobeltrami

Burundi. Il grande inganno degli accordi di pace di Arusha

11 Giu

L’attuale crisi in Burundi si basa sulla determinazione del presidente Pierre Nkurunziza di ottenere un’altro mandato dopo dieci anni di potere. Secondo il partito al governo, il Consiglio Nazionale per la Difesa della Democrazia – Forze per la Difesa della Democrazia (CNDD-FDD), Nkurunziza si puo’ presentare alle elezioni del 2015 in quanto, in caso di vittoria, sarebbe il secondo e non il terzo mandato. Quello ottenuto nel 2005 rientrerebbe in circostanze straordinarie che esulano dalle regole costituzionali. I leader dell’opposizione e della società civile sono di parere contrario. Il mandato del 2005 rientra nel limiti previsti dalla Costituzione, quindi Nkurunziza non si può presentare alle elezioni attuali.

Pierre Nkurunziza, Signore della Guerra e leader del gruppo razial nazista CNDD-FDD dopo la fine della guerra civile ricevette ironicamente il posto di Ministro del Buon Governo dal presidente di transizione Domitien Ndayizeye. A seguito delle vittorie ottenute dal suo partito nelle elezioni amministrative del giugno e luglio 2005 Nkurunziza fu eletto presidente dal parlamento a maggioranza CNDD-FDD che fungeva allora ruoli di coleggio elettorale. Il 26 agosto 2005 assunse la carica del presidente del Burundi. Fu rieletto nel 2011 a seguito di elezioni trucatissime dove era praticamente l’unico candidato visto che i partiti di opposizione avevano rifiutato di partecipare a quella che denunciarono come una volgare farsa dell’esercizio democratico del voto.

Secondo l’articolo 96 della Costituzione del 2005 il presidente della repubblica deve essere eletto a suffragio universale per un mandato di cinque anni rinnovabile una sola volta. Quindi è chiaro che Nkurunziza non può ora presentarsi per la terza volta. Purtroppo il primo mandato del 2005 ricade sul articolo XV della Costituzione che fissa le regole per la Presidenza Straordinaria del Post Conflitto. Di conseguenza il presidente considera il mandato del 2005 non rientrante nel calcolo dei limiti massimi presidenziali sanciti dalla Costituzione.
Come è possibile che all’interno della stessa Costituzione esistano due articoli contradittori sui limiti presidenziali?

Questo caos costituzionale unico al mondo è stato deliberatamente creato nel 2000 durante gli accordi di pace di Arusha promossi dalla Comunità di Sant’Egidio, l’ex presidente sud africano Thabo Mbeki e l’ex presidente americano Bill Clinton. Nel contesto storico della regione dei Grandi Laghi, Stati Uniti e Francia necessitavano di porre fine al più presto al conflitto minore del Burundi per concentrarsi sul compromesso politico capace di creare una equa e conveniente spartizione delle risorse naturali del Congo, afflitto da due guerre Pan Africani senza vincitori e vinti. Il principale obiettivo per le potenze occidentali era quello di mantenere i diritti di rapina sul Congo e la guerra civile burundese rappresentava solo problemi ed incertezze. Nel 2000 il governo tutsi del presidente Pierre Buyoya firmò gli accordi di pace con l’opposizione armata hutu. La pace fu attuata solo nel 2003 con il cessate il fuoco definitivo e la creazione del governo transitorio del presidente Domitien Ndayizeye.

Gli accordi di Arusha si sviluppano su diversi protocolli. Quello pertinente ai limiti presidenziali riguarda la democrazia e il buon governo (protocollo n. 11). Nel protocollo viene descritto che il primo mandato presidenziale deve essere considerato straordinario e scollegato dalla Costituzione. Nel tentativo, riuscito, di rafforzare il mandato straordinario del presidente fu creato l’articolo XV della Costituzione del 2005. Secondo vari osservatori politici il protocollo 11 e l’articolo XV sarebbero il frutto di un’astuzia ideata da esperti della Comunità di Sant’Egidio e altri attori minori per rafforzare il partito loro beniamino: il CNDD-FDD. Un trucco che le potenze occidentali e africane non si accorsero per la fretta di giungere a degli accordi di pace e terminare questo fastidioso conflitto minore.

L’inganno legale, all’inizio compreso da nessuno, ha permesso lo scorso maggio alla Corte Costituzionale di dichiarare legittimo il terzo mandato di Nkurunziza riferendosi al protocollo n. 11 e all’articolo XV. La Corte Costituzionale afferma che gli accordi di Arusha sono la colonna portante della Costituzione del 2005.

Giuristi africani ed internazionali evidenziano il loro disaccordo sull’interpretazione data dalla Corte Costituzionale burundese completamente controllata da Nkurunziza. Gli accordi di pace di Arusha furono creati per un scopo ben preciso: terminare la guerra civile e avviare il paese alla democrazia. Non rientra negli accordi internazionali sotto il Trattato della Convenzione di Vienna. È un semplice accordo di validità temporale e regionale che non può influenzare la Costituzione di un paese. La validità degli accordi terminò il 9 agosto 2005. Quando un accordo termina le parti sono libere da ogni impegno e non possono rifarsi all’accordo originario senza formulare nuove discussioni e firmare emendamenti o nuovi accordi simili.

La Corte Costituzionale burundese al contrario afferma che gli accordi di Arusha sono ancora in vigore e che costituiscono la base della Costituzione del 2005. Nella Costituzione si fa riferimenti giuridici a vari accordi internazionali escluso quello di Arusha. Riguardo all’articolo XV la Costituzione chiarisce che ha una natura provvisoria e validità solo durante il periodo post conflitto. In nessun caso l’articolo XV puo’ abrogare o sostituire i limiti presidenziali sanciti dall’articolo 19.

Questa è la confuzione legale creata dalla Comunità di Sant’Egidio e altri attori minori nel 2000 che sta permettendo a Nkurunziza di continuare a pretendere il terzo mandato. Le Nazioni Unite non sono esenti da colpe. Stanno dichiarando che gli accordi di Arusha sono ancora validi anche se non completamente rispettati. Questo rafforza la posizione di Nkurunziza. L’affermazione è totalmente falsa in quanto smentita dalle stesse Nazioni Unite nel 2005. Il 9 agosto 2005 il Comitato di Controllo della pace in Burundi dichiaro’ gli accordi di Arusha terminati con successo. La Segreteria Generale ONU fece propria la dichiarazione sancendo la fine della validità giuridica degli accordi, e rendendo nulli il protocolo 11 e l’articolo XV.

Secondo il Consigliere legale Charles KM Kambabda, basato a New Yorj, la confuzione costituzionale è artificiale è non rappresenta il vero problema che ha originato la crisi in Burundi.

Il Burundi è sconvolto da una profonda crisi politica ed economica sia a livello nazionale che internazionale. A livello nazionale il partito al potere è troppo forte in termini di risorse e tesserati, rispetto alla opposizione. Anche nelle migliori e trasparenti elezioni la possibilità per l’opposizione di vincerle è pressochè nulla. Al difuori del governo ci sono pochissime possibilità di soppravivenza politica in quanto il paese è poverissimo e i fondi per un politico di carriera sono disponibili solo all’interno del CNDD-FDD. Questo crea una situazione diabolica che pone il Burundi su un vulcano attivissimo anche se sonnecchiante che può scoppiare in un qualiasi momento e per una qualsiasi ragione. Il Burundi, non dimentichiamoci, è la porta d’ingresso per tutti gli affari sporchi del Congo.”, spiega il Dr. Kambabda.

Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@Fulviobeltrami