Africa agli africani. Sarebbe giusto.

22 Apr

Arrivo tardi, lo so.

Mi capita ormai spesso, forse è l’età, o forse è l’incapacità di razionalizzare subito, di riuscire a superare lo stordimento di quando subisci un trauma
come dopo una caduta dalla bici, dopo un capitombolo durante il quale tutto il mondo circostante ha preso a vorticare intorno e che, quando ti fermi e rimani seduto a considerare che nonostante graffi, dolori e vergogna, ci sei ancora

Arrivo tardi ed è già stato detto tanto, pure troppo, al punto da non sapere se dire ancora: a che scopo, poi.

Ma non ce la faccio a tenermelo dentro e non riesco a sopprimerlo e zittirlo.
Ho visto una foto ieri, di una bambina con vestitini carini, i pantaloni verdi ed una casacchina con fantasia a fiori sul rosso: quasi andasse ad una festa, o in un posto dove è garbato e cortese presentarsi bene.

Galleggiava distesa, sembrava addormentata. Poteva avere cinque anni.

No, proprio non ce la faccio a toglierlo dalla mente, dagli occhi, dallo stomaco.

Il mare la cullava, patrigno, assassino incolpevole. In realtà la teneva, quasi in ostensione, per mostrarci di cosa siamo stati capaci. tutti.

Il mare è freddo e quando è buio è nero di paura, perché ti avvolge ed entra dappertutto.

Serve adesso specificare che la bambina era africana, con la pelle scura?

O la paura è diversa per una bambina con carnagione rosata e delicata, quando sente solo grida di disperazione e non trova le braccia di sua madre a sollevarla e salvarla?

Serve la considerazione che i miei figli siano nati in Africa, per stabilire che il mio sgomento di fronte a questa indifferenza del mondo è spropositato ed il mio coinvolgimento è condizionato?

Volutamente evito di leggere articoli giornalistici.
Spesso l’iperrealismo del dolore ha funzione anestetica per sovraesposizione.

Evito di considerare i commenti di chi ha salutato con irrisione violenta e volgare la tragedia “del mare”, non perché non li trovi odiosi, ma perché non è colpa dei necrofagi se qualcuno muore.

Non riesco però a sopportare l’ipocrisia di chi si avviluppa in analisi devianti: la crisi libica; di chi cerca soluzioni palliative, di chi non riesce a vedere il problema vero, di chi immagina interventi effimeri e di facciata: il blocco navale, l’affondamento dei barconi……….

Triton, Mare Nostrum, stai a vedere che il problema dell’Italia è la sua dipendenza dalle “griffe” e dagli stilisti delle definizioni.

L’unica vera soluzione, che tutti conoscono, ma che nessuno cita è la restituzione dell’Africa agli africani.

Il solo deterrente efficace per non spingere milioni di bambini, donne e uomini ad abbandonare le loro case, le loro terre e le loro radici è di riconsegnare loro l’acqua, le piantagioni tradizionali, il petrolio, il gas, i diamanti, i minerali preziosi ed i metalli per le alte tecnologie.
Per poter vivere del loro lavoro, delle loro risorse, senza dover scappare.

Le guerre? Sono lo strumento che è stato introdotto artatamente per destabilizzare qualsiasi tentativo di normalizzazione. Qui, per dovere di risarcimento, dovremmo intervenire a disarmare i violenti e sanguinari mercenari, per ricreare condizioni di stabilità e sicurezza.
Di questo dovrebbero farsi carico tutti, non solo gli europei.

Quanto costerebbe tutto ciò alle multinazionali, ai fabbricanti di armi, all’economia mondiale?
Non lo so.

Ma sarebbe giusto.

 

di Francesco Montemurro

Annunci

8 Risposte to “Africa agli africani. Sarebbe giusto.”

  1. gobljn 22 aprile 2015 a 15:52 #

    Bellissimo articolo… ho sentito il dolore che ne scaturisce, lo stesso dolore che ho provato e provo io…

  2. patrizia 22 aprile 2015 a 19:55 #

    Anch’io lo stesso dolore……

  3. federica 22 aprile 2015 a 22:01 #

    certo! dobbiamo sentirci tutti colpevoli per quello che accade ogni giorno agli africani.

  4. francfortunato 22 aprile 2015 a 23:50 #

    Belle parole, ma….”tutti” non sono andati a saccheggiare l’Africa. Quelli que li hanno saccheggiato e portato guerre sono l’Europa e USA. Per tanto DEVONO farsi carico… Escludiamo il “tutti”

    • African Voices 23 aprile 2015 a 06:32 #

      Tutti è anche l’Italia che in Africa, vedi Somalia, Etiopia, Eritrea… di danni ne ha fatto almeno quanto gli altri.

  5. breisen 23 aprile 2015 a 08:13 #

    L’ha ribloggato su Amolanoia.

  6. malapropysm 24 aprile 2015 a 09:42 #

    C’è questa convinzione che a problemi molto complicati si possa trovare una soluzione semplice. La guerra in “Africa” (dove, come, contro chi, con quali truppe ecc.) sa tanto di soluzione semplicistica a un problema che è l’unione di tanti problemi. E anche se fosse risolvibile, non sarebbe di certo a breve termine. Dei tanti problemi dell’Africa ce n’è uno attualmente: come evitare che altri bambini muoiano affogati? Questo è un problema italiano ed europeo visto che questa gente muore nei nostri mari o cercando di raggiungere le nostre coste. Quelle che citi non sono griffe, sono interventi per evitare che migliaia di persone perdano la vita cercando di salvare la vita. Tutti vorremmo che l’Africa vivesse felice, in pace, che la fame nel mondo non esista, che le guerre siano un ricordo della storia, che la violenza venga cancellata e che tutti abbiano pari opportunità, ma non mi sembra il punto della questione attuale.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Africa to Africans. Would be right. | AFRICAN VOICES - 22 aprile 2015

    […] it would be right. Original letter by Francesco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: