Archivio | febbraio, 2015

Burundi. The ancient hatred against the freedom of information.

18 Feb

I was awaiting and promptly came several reactions to my articles about Burundi.

For two days I received messages on Facebook from Burundian citizens clearly linked with the Government.

The underlying theme of the messages was the total denial of the criminal acts committed by the current Government, and well documented by the United Nations, International associations in defense of human rights, NGOs and local witnesses.

According the version given by these supporters CNDD-FDD government and President Nkurunziza they would not be promoting any campaign of extrajudicial killings, the Imbonerakure doesn’t exist, terrorists FDLR have never have entered Burundi, there aren’t project of genocide. At the contrary the Government is Promoting democratic values and ethnic coexistence.

This wave of political denials is associated with insults that tend to associate me with the “cockroaches” (Tutsi). According to these interventions I’m paid by the Rwandan Government, or, I’m an amateur journalist who tells lies.

There are those who goes further, insulting me.

Finally is coming the threat, the icing on the cake: “Show up in Burundi and you will do the end of your dirties friends Tutsi“.

This threat, insults and political denials are all signs of intolerance and fanaticism typical of blind ideology of Hutupower that has the same dynamics and logics of Nazism and Islamic terrorism.

Everybody criticize Hutu cause must be opposed and possibly shot down, as unfortunately has happened to our three compatriots nuns in September 2014: Olga Lucia, Bernadette

This blind fanaticism is the basis for every primordial ethnic cleansing and genocide. The hatred for the enemy is taken to the extreme until kill him becomes well and good. The same thinking of Boko Haram militants in Nigeria or the ISIS murders in Iraq.

This illustrates very well the current situation in Burundi, one of the countries most at risk for journalists (including foreigners).

An anachronistic situation which is based on ideologies conceived in 1957 that the Catholic Church itself recently has repudiated. Ideologies placed in the context of the Cold War and the necessity of maintenance of the areas of influence by the former colonies of the Western powers forced to grant independence becouse unable to sustain long and costly wars and territorial occupation armies.

It is vital that Burundi will align to the new African course based on trade and new challenges (the rational management of oil at the start of the industrial revolution). A new course that is transforming even international relations with a progressive detachment from the West at the same time seeking new partnerships with emerging countries from China to Iran, from Russia to Brazil.

Unfortunately, the present Burundian leadership is not willing to align with this new course and is determined to defend the ideals of racial supremacy outdated and harmful. A defense to the bitter end that leads to devise plans of extermination, and the psychosis of encirclement where every interlocutor with other points of view is automatically a dangerous enemy or their pernicious foreign ally.

This ruling class, manipulating and exploiting the illiterate Hutu peasant masses that are still forced to live in absolute poverty, in order to survive needs of the enemy or rather the ghost of his enemy: the Tutsi.

Burundi like every other country in the world cannot afford to have any policy anachronistic or to be autarchic isolated from the regional and international context. The change, which like it or not, is inevitable.

Unfortunately, I fear that the change will take place through a violent showdown and genocide, which I hope will remain just an attempt impossible to implement.

 

Fulvio BeltramiAfrican Voices
Uganda, Kampala
@FulvioBeltrami

Burundi. L’odio atavico contro la libera informazione.

18 Feb

Stavo attendendola e puntualmente è arrivata la reazione ai miei articoli sul Burundi.

Da due giorni sto ricevendo dei messaggi su Facebook di cittadini burundesi chiaramente schierati a livello politico.
Il filo conduttore dei messaggi è la totale negazione degli atti criminali commessi dall’attuale governo e documentati da Nazioni Unite, Associazioni internazionali in difesa dei diritti umani, Ong e testimoni locali.

Il governo CNDD-FDD e il Presidente Nkurunziza non starebbero promuovendo nessuna campagna di uccisioni extra giudiziarie, le Imbonerakure non esisterebbero, i terroristi FDLR non sarebbero mai entrati in Burundi, nessun progetto di genocidio in atto. Promozione dei valori democratici e della coesistenza etnica da parte del governo.

Questa ondata di negazionismo è associata ad insulti che tendono ad associarmi ai “scarafaggi” cioe’ ai Tutsi. Secondo questi interventi sarei pagato dal governo ruandese o, nelle migliori delle ipotesi, un giornalista dilettante che racconta menzogne.

C’è chi si spinge oltre, abbandonandosi agli insulti.

Infine la minaccia, ciliegina sulla torta: “Fatti vedere in Burundi e farai la fine dei tuoi sporchi amici Tutsi”.
Questa minaccia, gli insulti e l’opera di negazionismo sono tutti segnali di una intolleranza e di un fanatismo cieco tipico della ideologia del Hutupower che ha le stesse dinamiche e logiche del Nazismo e del terrorismo di matrice islamica.

Chiunque non si allinei alla causa hutu deve essere contrastato e se possibile abbattuto, come purtroppo è successo alle nostre tre suore connazionali nel settembre 2014: Olga, Lucia, Bernadetta

Questo fanatismo cieco è la base primordiale per ogni pulizia etnica e genocidio. L’odio per il nemico viene portato all’estremo fin quando ucciderlo diventa cosa buona e giusta. Le stesse convinzioni dei miliziani di Boko Haram in Nigeria o del ISIS in Iraq.

Questo illustra bene l’attuale situazione in Burundi, uno dei paesi a maggior rischio per i giornalisti (anche stranieri).
Una situazione anacronistica che si rifà a ideologie concepite nel 1957 che la stessa Chiesa Cattolica (all’epoca ispiratrice) ha recentemente ripudiato. Ideologie inserite nel contesto della Guerra Fredda e del mantenimento delle zone di influenza nelle ex colonie da parte delle potenze occidentali costrette a concedere l’indipendenza in quanto incapaci di sostenere lunghissime guerre e costosissimi eserciti di occupazione territoriale.

È vitale che il Burundi si allinei al nuovo corso africano, fatto di scambi commerciali e nuove sfide (dalla razionale gestione della manna petrolifera all’avvio della rivoluzione industriale). Un nuovo corso che sta trasformando anche i rapporti internazionali con un progressivo distacco dall’Occidente in contemporanea alla ricerca di nuove partnership con paesi emergenti dalla Cina all’Iran, dalla Russia al Brasile.

Purtroppo l’attuale classe dirigente del paese non è intenzionata ad allinearsi al nuovo corso e si ostina a difendere ideali di supremazia razziale superati e nefasti. Una difesa ad oltranza che porta a concepire piani di sterminio, e alla psicosi dell’accerchiamento dove ogni interlocutore leggermente contrario o con altri punti di vista è automaticamente un pericoloso nemico interno o un loro pernicioso alleato straniero.

Questa classe dirigente, che si appoggia alle masse contadine hutu analfabete e da essa sfruttate e costrette a vivere nella più assoluta miseria, per soppravvivere necessita del nemico o per meglio dire del fantasma del suo nemico: il Tutsi.

Il Burundi, come ogni altro paese al mondo, non puó permettersi di avere una politica anacronistica ed autarchica isolata dal contesto regionale ed internazionale. Il cambiamento, che si voglia o no, è inevitabile.

Putroppo ho il timore che il cambiamento avverrà attraverso un violento regolamento di conti e un genocidio, di cui spero rimanga solo un tentativo impossibile da attuare.

Fulvio Beltrami per African Voices
Kampala, Uganda
@FulvioBeltrami

Burundi. President Nukurunziza declare total war.

16 Feb

Despite the Burundian people and international protests Presidente Pierre Nkurunziza has announced that will be the CNDD-FDD candidate for the presidential election in June. The announcement is the response to the campaign by over 300 civil society groups earlier this month calling on Nkurunziza not to run for a third term to “prevent further violence.”

Burundian President has warned that any attempt of street protest will be creak down without mercy. The warn is concerning the opposition leaders too. “Whoever calls on people to take to the streets will be considered enemy of the Nationa and will be treated as such” Nkurunziza said.
Heavy presence of Police and Genocide movement Imbonerakure has been registered in Bujumbura and in the major cities of the country. A mutual collaboration agreement has been signed with Rwandan terrorist movement FDLR actually under Presidential protection in Burundi. In case of need FDLR militias will protect President Nkurunziza from any attempts to his legitimacy.

Imbonerakure and FDLR militias have stated a campaign of extra judiciary execution of political opposition leaders and several Tutsi family in the countryside. Several regional and international observers concord that Burundi is near to the civil war.
Rwandan military forces stationed on Burundian borders have been reinforced in order to prevent FDLR invasion. Rwandan Army is under stress because it must control all the borders with Burundi, Congo and Tanzania. Rwandan Army High Command is discussing if lunch an offensive in Burundi against Nkurunziza regime or to wait the events. In the first case Kamame has need of Presidents Kenyatta and Museveny consensus because of Rwanda is linked to a military pact of common defense with Kenya and Uganda.

To complicate the situation arrive MONUSCO decision to don’t support the FARDC military offensive against FDLR in act on east DRC. It’s not clear if this decision will authorize or not a MONUSCO unilateral military offensive against FDLR done by the African Brigade of Intervention compose by Malawians, Tanzanians and South Africans soldiers.
In the case that MONUSCO will opt fot a military passivity part of FDLR contingent refugees in Burundi can came back in East DRC because of the military offensive decided by Kinshasa Government is a real farce. No combat engagements with FDLR have been registered till now.

The partial reposition in East of DRC of FDLR militians actually in Burundi can open a scenario of a possible invasion of Rwanda on four fronts: North Kivu and South Kivu (DRC), north-east of Burundi and south of Tanzania.

 

Fulvio Beltrami to African Voices
Kampala, Uganda
@FulvioBeltrami

Burundi. Il Presidente Nkurunziza sul piede di guerra.

16 Feb

Nonostante le proteste popolari ed internazionali il presidente Pierrre Nkurunziza ha annunciato che sarà il candidato per il partito al potere CNDD-FDD per le elezioni che si terranno il prossimo giugno. L’annuncio è la risposta alla campagna promossa da oltre 300 gruppi della società civile burundese per impedire il terzo mandato ad Nkurunziza.

Il Presidente ha avvertito che ogni tentativo di protesta sarà duramente repressa. L’avvertimento riguarda anche i leader dell’opposizione. “Ogni persona che cercherà di portare la gente in strada sarà considerato un nemico del paese e trattato di conseguenza”, afferma il presidente Nkurunziza.

A Bujumbura e nelle principali città del paese si sta assistendo ad un rafforzamento della polizia e delle milizie genocidarie Imbonerakure. Un patto di mutua collaborazione è stato siglato con il gruppo terroristico ruandese FDLR che è attualmente protetto in Burundi. In caso di necessità i miliziani delle FDLR interverranno in difesa del presidente.

Imbonerakure e FDLR milizie hanno lanciato una campagna di esecuzioni extra giudiziarie all’interno del paese eliminando oppositori politici e massacrando intere famiglie di tutsi. Vari osservatori regionali ed internazionali concordano che il paese è sull’orlo della guerra civile. È stato rafforzato il contingente militare ruandese posizionato ai confini con il Burundi per prevenire una invasione delle FDLR. L’esercito ruandese è sotto stress, impegnato a controllare i confini con il Burundi, Congo e Tanzania. All’interno dello Stato Maggiore ruandese vi è una disputa se lanciare un attacco preventivo e destituire il regime di Nkurunziza o se attendere l’evolversi degli eventi. La prima opzione necessiterebbe del consenso dei presidente Keniota e Ugandese in quanto i rispettivi paesi sono legati con il Rwanda da un patto di protezione comune militare.

A complicare la situazione arriva la decisione della Missione di Pace ONU in Congo (MONUSCO) di non appoggiare l’offensiva militare dell’esercito congolese (FARDC) contro le FDLR all’est del Congo. Non è chiaro se questa decisione preveda o no azioni militari unilaterali contro le FLDR attuata dalla Brigata Africana d’intervento composta da eserciti forniti da Malawi, Tanzania e Sud Africa.
Nel caso che la MONUSCO opti per una passività militare parte del contingente FLDR rifugiatosi in Burundi potrebbe ritornare indisturbato all’est del Congo in quanto l’offensiva militare lanciata dal governo di Kinshasa è una farsa. Nessun combattimento si registra contro le posizioni FDLR in Congo.

Nel caso di rientro di parte del contingente FLDR stazionato in Burundi si apre lo scenario di una possibile invasione del Rwanda su quattro distinti fronti: Nord Kivu e Sud Kivu in Congo, nord est del Burundi e sud della Tanzania dove sono stazionati circa 2.000 miliziani delle FDLR.

 

Fulvio Beltrami per African Voices
Uganda, Kampala@FulvioBeltrami

 

NEW COLLAR TECHNOLOGY TO FIGHT TSETSE FLY

5 Feb

The European Union estimates 3 million cows in Africa are killed every year by Tsetse flies. Tsetse fly is one of the most dreaded livestock pests unique to Africa which are predominantly found in the wildlife reserves affecting the communities living in the periphery of wildlife ecosystems.
According to Live science tsetse fly is not like most insects. It has a very low reproductive rate, laying a single live pupa in the soil just a few times each year. The flies travel so fast that they can dart into a moving car to bite someone. The good news is that they’re also very dependent on environmental conditions, meaning they die off quickly if it’s too hot, too cold or too dry. Scientists in Kenya have come up with a Technology that will fight with tsetse fly.

1

The Tsetse fly repellant technology is expected not only to help farmers in Africa but also will help in enhancing food security. The recent research by African Insect Science for Food and Health (ICIPE) led to the development of tsetse repellent technology expanding the arsenal of techniques for trypanosmosis control while in human is known as sleeping sickness.

This map, was generated using climate and land cover data, shows the presence of the disease-carrying tsetse fly across the country of Kenya by Joseph Messina. Researchers say the collar is both cow and environment friendly product. Depending on the number of cows a farmer has, one or four cows are fitted with the collar which can be mistaken to be a heavy metallic necklace. This technology involves controlled release of potent repellents from the prototype dispensers at a constant rate. So far the results by ICIPE indicate that these repellents provide substantial protection to cattle.

We had a chance to have Steve Wathome, program manager; Agriculture and Rural Development– European Union demonstrate to us how the collar works on the cows. Wathome noted that the most affected areas are in the Coast saying “We have managed to impact positively on around 230 households that live around Shimba Hills Park who were negatively affected by the tsetse fly

2

Dr Rajinder Saini of ICIPE says “Most herders prefer the repellent technology compared to other tsetse and trypanosmosis control options due to the technology’s simplicity and mobility. This technology once fully optimized will not only directly benefit the livelihoods of the marginalized pastrolists and agro-pastrolists but even the livestock in open rangelands.” So far there has been a huge demand of the dispensers.
In the next phase of the project, we will carry out tests for sleeping sickness so that in addition to livestock we can protect man from tsetse bites. Our aim is to invest in environment friendly technology that will improve the livelihoods of pastrolists” explains Wathome.

3

The research conducted by ICIPE and other collaborators was funded by the European Union to a tune of 1.5 million Euros. Also another 4 million Euros from EU is expected to fund a similar technology for camels which suffer from Sura disease.

 

 

 

By Winnie Kamau
Nairobi, Kenya
@WinnieKamau254

Black Holocaust. I dimenticati della storia.

5 Feb

Tutte le commemorazioni dell’Olocausto attuato dai nazisti sono concentrate nel ricordare le vittime ebraiche. Pur essendo stata concepita con l’obiettivo di eliminare la razza ebraica in Europa e in tutti i territori conquistati dal Terzo Reich (Africa compresa), la soluzione finale si è trasformata in una immensa fabbrica della morte che colpì chiunque. Il numero di vittime non ebree fu eguale se non superiore. Almeno 4 milioni di civili russi morirono sotto l’occupazione tedesca dal 1941 al 1943. Mezzo milione nei paesi europei occupati dai nazisti. Lo sterminio non avveniva soltanto nei campi di concentramento, ma era una metodologia applicata con parsimonia criminale. Spesso i civili e i prigionieri di guerra venivano radunati e fucilati in massa, gettandoli poi nelle fosse comuni. I vari massacri di civili avvenuti in Italia in rappresaglia delle azioni militari dei partigiani (come quello di Sant’Anna) ne sono un tipico quanto orribile esempio. Rimane comunque il fatto storicamente incontestabile che la “soluzione finale” era stata ideata contro la razza ebraica. La sua estensione ad altre razze, agli omosessuali, handicappati, oppositori politici, soldati nemici non toglie la natura anti-ebrea del progetto.

Un lato sconosciuto dell’Olocausto riguarda quello subito dagli Africani e dagli Afro Americani prigionieri dei nazisti. Oltre 50.000 africani e soldati afro americani perirono nei campi di concentramento. Altri 15.000 furono vittime di fucilazioni di massa. Il numero è provvisorio in quanto non esiste una documentazione completa sul Black Holocaust. L’eliminazione della razza africana, come quella della razza ebraica ha radici storiche lontane e spesso le due razze venivano associate. Secondo Adolf Hitler la razza africana, sottoprodotto umano, era utilizzata dagli ebrei per minare la purezza razziale dell’Europa. Questo quanto afferma nel suo libro di propaganda: Mein Kampf (La mia battaglia). L’affermazione faceva riferimento alle truppe francesi di occupazione dei territori tedeschi del Rhineland dopo la sconfitta del Reich subita nella Prima Guerra Mondiale.
Le divisioni che occupavano i territori tedeschi erano composte per la maggioranza da soldati africani arruolati nelle colonie africane possedute dalla Francia. Dipinti dalla propaganda nazista come feroci barbari violentatori delle donne tedesche, queste truppe erano particolarmente accettate dalla popolazione per la loro umanità e il rispetto verso i civili, la loro cultura e credenze religiose. Almeno 500 furono i matrimoni misti contratti durante il periodo di occupazione e tutti su base volontaria di sentimenti d’amore reciproci. Se le due razze (quella nera e quella ebraica) condivisero lo status di inferiorità, il disprezzo e l’odio del Nazismo, la prima vide attivarsi la soluzione finale 36 anni prima di quella destinata agli ebrei. Il Dottor Eugen Fischer (divenuto successivamente il più importante genetico nazista con diritto di sperimentazione diretta sui prigionieri) sviluppò le sue teorie razziali contro gli africani nel 1904.

Ficher identificò il pericolo genetico della razza ariana nei matrimoni misti contratti da coloni tedeschi e donne africane delle colonie: Camerun, Namibia, Tanzania, Togo. Nello stesso anno le truppe coloniali tedesche attuano in Namibia il secondo genocidio compiuto da occidentali in Africa. Il primo fu quello avvenuto in Congo per ordine del re belga Leopoldo I (dieci milioni di morti in meno di otto anni). Le truppe coloniali per sedare la ribellione della tribù Heroro sterminó il 80% della popolazione, cancellando di fatto l’etnia dal paese. Il 16% dei sopravvissuti fu imprigionato in campi di concentramento africani e usato come cavie umane per sperimentazioni genetiche e farmaceutiche. Una sorte che fu riservata agli ebrei 36 anni dopo. Solo il 4% degli Heroro riusci a fuggire e fu accolto e assorbito da altre etnie locali. All’ascesa al potere del Nazismo negli anni Trenta, in Germania si contava la presenza di 25.000 africani, provenienti dalle colonie tedesche.

Essi vivevano nella “madre patria” dell’impero come studenti, artigiani, prostitute, domestiche, soldati ausiliari, ufficiali di basso livello dell’amministrazione pubblica: netturbini, macellai, guardiani di cimiteri, etc. La maggioranza di essi aveva ereditato la cittadinanza tedesca prima dell’avvento del Nazismo. Il primo atto razziale contro gli africani tedeschi fu compiuto nel 1937 tramite la sterilizzazione forzata, approvata da Hitler ed eseguita discretamente dalla Gestapo. A differenza delle persecuzioni contro gli ebrei quella contro gli africani non fu oggetto di propaganda, ma eseguita in segreto dietro le quinte. Uno ad uno i cittadini tedeschi di origine africana furono sterilizzati raggiungendo il 80% della popolazione nera tedesca. Circa un 20% di essi spari misteriosamente. Indagini post belliche rivelarono che furono incarcerati e utilizzati per sperimentazione farmaceutica almeno 12 anni prima della creazione del primo campo di concentramento. La prima legge razziale non è quella rivolta contro gli ebrei, ma quella per difendere la razza ariana dalla razza negroide: 1937. La legge imponeva ai cittadini tedeschi di origine africana l’isolamento sociale e proibiva i cittadini di razza bianca di intrattenere rapporti sessuali con i loro connazionali neri. L’ideologia nazista collocava la razza nera all’ultimo posto delle razze sub umane dopo gli ebrei e gli zingari.

Con l’istituzione dei campi di concentramento iniziarono le deportazioni dei cittadini neri tedeschi. Una volta giunti nei campi erano loro affidati i peggiori lavori. Non dimentichiamoci che i campi di concentramento tedeschi avevano una doppia funzione: quella di garantire mano d’opera gratuita agli industriali tedeschi basata sul rafforzamento del sistema di schiavitù nel lavoro, e quella di sterminio. Fino al 1943 (quando le pratiche di sterminio si accelerarono con l’utilizzo dei forni crematori e camere a gas) i detenuti lavoravano per l’industria tedesca costretti a turni massacranti di 14, 16 ore al giorno e con una scarsa alimentazione. La conseguente fase di sterminio avveniva con la morte dei prigionieri schiavi per stenti e malattie. Ogni lavoratore morto veniva sostituito con un nuovo prigioniero. Gli industriali tedeschi avevano calcolato che la mano d’opera gratuita e la loro produttività fornita dai campi di concentramento durava di media sei mesi.

Questo periodo coincideva con gli arresti di massa e le deportazioni nei campi dal 1941 al 1942. Le deportazioni erano attuate per sostituire la mano d’opera deceduta. I campi di concentramento producevano beni destinati all’esercito e all’indotto dell’industria meccanica e manifatturiera tedesca. Spesso la materia prima veniva ricavata dai corpi dei prigionieri detenuti. I capelli servivano per fabbricare guanti e maglioni per i soldati. Il grasso per produrre sapone. Le ossa per produrre un sotto prodotto edile da mischiare con la calce. E cosi via. Le deportazioni semestrali si interruppero nel 1943 quando Hitler ordinò di accelerare la soluzione finale. Da quel momento divennero mensili. Dal 1943 in poi i cittadini tedeschi neri imprigionati nei campi vennero utilizzati come mano d’opera per i forni crematori, camere a gas e per lo smembramento dei cadaveri, l’estrazione del grasso e la polverizzazione delle ossa. I tedeschi neri che lavoravano presso le camere a gas e nelle adiacenti camere di “smembramento” venivano tenuti isolati e ogni tre mesi venivano uccisi affinché non rivelassero agli altri prigionieri la sorte a loro riservata.

La maggioranza dei prigionieri (ebrei compresi) rinchiusi nei campi di concentramento erano ignari della sorte a loro riservata e dell’esistenza di camere a gas e forni crematori che erano collocati normalmente alle periferie dei campi. La segretezza di tali operazioni aveva un obiettivo ovvio: quello di impedire rivolte. Se i prigionieri fossero stati a conoscenza della sorte a loro destinata non avrebbero lavorato con la speranza di ottenere la libertà un giorno o di fuggire. Si sarebbero ribellati o suicidati. Le vittime africane dei campi di concentramento non furono solo i cittadini neri tedeschi. Circa 15.000 africani e caraibici che vivevano in Belgio e Francia furono catturati e deportati durante l’occupazione tedesca dei due paesi. Di loro, rarissimi i sopravvissuti. La famosa cantante jazz Afro Belga, Valaida Snow, fu imprigionata nel campo di Axis dove. rimase, quasi due anni. Con l’aiuto di amici influenti, grazie ad uno scambio di prigionieri, venne liberata e ritornò in America nel ’42. L’artista afro belga Josef Nassy fu internato nel campo di concentramento di Tittmorning nella Bavaria, condannato ai lavori forzati e ad una vita molto difficile dove molto compagni morirono di fame, stenti e malattia. Nassy fu libero solo nel 1945 dopo la liberazione e mandato in America.

Centinaia di haitiani, congolesi, senegalesi, burkinabè, maliani, tanzaniani, kenioti e ugandesi furono internati e massacrati nei campi di Mautausen, Buchenwald, Dora-Mitterlabu e Sachsenhausen (a pochi km da Berlino). Circa 10.000 soldati afro americani e delle truppe coloniali belghe e francesi furono deportati nei campi di concentramento mentre 15.000 di essi furono fucilati immediatamente dopo la loro cattura e gettati nelle fosse comuni, in netta contravvenzione con la Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri di guerra. Mentre la maggioranza dei prigionieri alleati bianchi riuscì a sopravvivere, solo il 2% dei soldati alleati neri riuscì ad evitare miracolosamente la morte. I soldati nemici negri venivano tenuti separati dai loro commilitoni bianchi e ricevevano trattamenti peggiori.

In diversi campi, alla domenica, le SS si divertivano al “tiro al negro”. Facevano scappare un africano fuori dal campo e vinceva il soldato SS che riusciva ad abbatterlo nei primi 300 metri di fuga. Chi riusciva ad abbattere il negro con un colpo singolo di fucile in testa nei primi 150 metri riceveva un premio in denaro. Soldati tedeschi erano appostati nel perimetro superiore con il compito di abbattere i prigionieri che avessero superato indenni i trecento metri di distanza. Ad ogni “tiro al negro” dai 50 ai 120 prigionieri africani venivano abbattuti, dipendeva dalla giornata e dalla voglia di divertimento delle SS.

Durante questo olocausto dimenticato dalla storia non mancarono gli eroi africani. L’attivista afro tedesco Lari Gilges fondò la formazione partigiana negra del Northwest Rann che lottò contro i nazisti nella città di Dusseldorf e dintorni dal 1932 al 1933. La Northwest Rann composta da afro tedeschi, fu il primo tentativo di resistenza armata al nazismo registrato in Germania. Gilges fu catturato nel 1933, e la formazione partigiana annientata. Il leader fu ucciso senza processo.

Johnny Voste, un partigiano belga di origine congolese fu arrestato nel 1942 e deportato a Dachau. Durante la sua prigionia si accattivò le simpatie delle SS divenendo un loro collaboratore. L’obiettivo di Voste era tutt’altro che mantenersi in vita tramite servizi di spionaggio contro gli altri prigionieri. Grazie alla fiducia conquistata presso le SS, Voste riusci incredibilmente ad organizzare un approvvigionamento clandestino di medicinali e cibo donato da persone pie dei vicini villaggi che contribuì a mantenere in vita migliaia di ebrei e prigionieri di guerra. Scoperta la rete clandestina fu giustiziato e il suo cadavere rimase esposto per circa sei mesi. Il suo motto era: “Non avrete mai la mia anima. Mi avete imprigionato ma io continuo a lottare”.

Il campo di concentramento di Gunskirchen fu liberato nel maggio 1945 dal 761nesimo battaglione corazzato dell’esercito americano e dal 71nesima divisione di fanteria, entrambe composte unicamente da negri. I comandati afro americani dei due battaglioni, sotto il comando del Generale George Patton, si offrirono volontari ed ingaggiarono violentissimi scontri per oltre quattro giorni contro le difese tedesche. La liberazione degli ebrei e prigionieri del campo di Gunskirchen costò la vita del 60% dei soldati afro americani. I veterani di questa epica battaglia tutt’ora dichiarano nelle celebrazioni della vittoria negli Stati Uniti: “Eravamo coscienti dell’impresa suicida, ma era un atto dovuto per la libertà della razza umana”. Il campo di Gunskirchen fu uno dei pochi liberato dagli Alleati. La maggioranza dei prigionieri nei campi di concentramento fu liberata dall’Armata Rossa.

Durante la sterilizzazione forzata, decine e decine di cittadini tedeschi neri tentarono di scappare in Belgio, Svizzera e Francia. La maggioranza di essi fu arrestata dalle autorità dei rispettivi paesi come clandestini e deportata in Germania dove subirono una morte immediata. Una minoranza di cittadini afro tedeschi riusci ad evitare lo sterminio grazie alla collaborazione con il nazismo. Si conta la presenza di almeno 280 neri tra i reparti scelti delle SS mentre circa 2.000 afro tedeschi erano regolarmente arruolati nella Wehrmacht. Altri 1.200 formarono la famosa Legione Arabica Libera usata dal Generale Rommel sul teatro di guerra del Nord Africa e successivamente sul fronte russo. Altri cittadini afro tedeschi riuscirono ad evitare l’olocausto in quanto impiegati come comparse dal Ministero della Propaganda Tedesca ideato da Gobler. Queste comparse furono gli attori negri di famosi film di propaganda come: Kongo Express, Quax in Africa e Auntie Wanda, realizzati per presentare l’opera civilizzatrice tedesca in Africa durante il periodo coloniale.

A liberazione avvenuta, i cittadini afro tedeschi sopravvissuti furono gli unici a non ottenere nessuna ricompensa dal governo tedesco. Le loro carte di identità e la loro cittadinanza era stata cancellata al momento della prigionia ed erano stati classificati come prigionieri stranieri secondo il loro paese di origine. La riparazione delle vittime dell’olocausto da parte del governo tedesco post guerra riguardava solo i cittadini tedeschi. I pochi sopravvissuti afro tedeschi ancora in vita continuano nella loro battaglia per essere riconosciuti come vittime del nazismo e per essere ricompensati nella più assoluta indifferenza dell’opinione pubblica mondiale.

Fulvio Beltrami
Uganda, Kampala
@FulvioBeltrami