Archivio | ottobre, 2014

Lights and shadows in Kabalagala: lives behind the curtain

29 Ott

Don’t Miss It – Lights and shadows in Kabalagala: lives behind the curtain

Uganda – Everyone who has been in Kampala knows about Kabalagala, the street of pleasure and twinkling lights, full of clubs, pubs, shops and, above all, with the highest number of prostitutes in the capital.

Through the stories and images of twelve women and their lives between prostitution and parenting, we tried to figure out what really happens behind the glittering curtain that is Kabalagala, what is really hidden in one of the worst and difficult slum of the capital.

For the “white” people (mzungu in Swahili language) living in Uganda, Kabalagala is synonymous of prostitution, the most miserable and cheapest one. After three years based in Kampala and after being familiar with the areas and with enough survey, I have come to the conclusion that there are four levels of prostitution.

The first one is the “high class” prostitution: the escort that can only be afforded by the few that are willing to spend several hundred dollars. The second one is the middle class that includes both the Ugandans and the “whites” of the various NGOs (Non Governmental Organizations), associations, relief agencies, tourists, etc … You can find it in the different trendy hangout places of the capital, located on the opposite side of the city than Kabalagala, with charges ranging between 50-100 US dollars at most. The third level is the one of Kabalagala, where the prostitutes charge between 10-20 US dollars (25,000-50,000 shillings) and the clientele is represented by the whites who have less money and the Ugandans who do not want to spend too much. However, between the second and the third level, there is no big difference because the 50% of the prostitutes who during the week are in Kabalagala asking for just $ 10-20, are the same who on the weekend are on the opposite side of the city, in the most trendy pubs, asking for 50-100 dollars to those whites who think they are smart and clever because they do not go to Kabalagala which they think is too dirty and comes with a bad reputation, believing they are classy. Finally there is the last level, the one of this photo-reportage.

This is the most miserable and unknown level to the public. When I talked to some friends (Ugandans and not) about the reportage I was doing, they found it hard to believe there was this kind of prostitution. The slum just behind Kabalagala is in a very dire situation where all the poverty is concentrated, that point of no return for the poorest of the poor. This has forced many women to sell their bodies ranging between 3,000 shillings (1.2 dollars) and 10,000 Ugandan shillings (4 dollars). The competition is so high that it is the customer who decides the rules, the supply exceeds the demand and prices are therefore very low. In this slum there are around 300 prostitutes.

Thanks to Mark, a forty years old Ugandan and founder of the NCO (Needy Children Organization), a local organization that cares for about 300 children in the slum, 90% of whom are children of prostitutes themselves, I was able to meet 12 of those women.

You may be asking: why these women do not go to Kabalagala or elsewhere, in trendy clubs, so that they can earn more? Well, it’s simply: because they started being prostitutes when they were already old (in Uganda a twenty-six years woman is considered old) after being abandoned by their husbands or partners, or because they have already spent those years as prostitutes in the trendy pubs. During those years they have not been able to find that customer who fell in love with them so removing them from that kind of life style. Night after night, beer after beer, client after client, the best years for them have passed and now they have to make way for the young girls aged between 18 (so they say) to 23 years old, dressed in fashionable manner. Usually these young girls have some money to buy one or two beers, a few rounds of pool, while waiting for the client; the same girls can sometimes afford to go home without a client. I really hope these young girls can find someone who can take care of them so they don’t have to waste all their years in prostitution. Otherwise, after few years, it will be the same story: from the pubs and bars in Kabalagala to the squalid wooden rooms in the slums, where they end up selling their bodies for 3,000 shillings.

The story is often the same: most of them, at the age of 15-16, when they were still living at home and going to school, they were impregnated and their families pushed them away. Not knowing what to do, they had to look for a cheap accommodation in the slum, beginning prostitution to survive and raise their children. “I arrived in Kampala at age of sixteen, from Hoima (western Uganda), because I was banished from the family when they found out I was pregnant. Now I’m twenty-five and I have another child from one customer, even if I do not know who he is, because I have an average of nine customers in a day. I charge 3,000 shillings with protection and 6,000 shillings without protection”, as told by S.B, a great supporter of Inter A.C. Milan, as evidenced by the shirt she was wearing.

Finding a job is difficult in Kampala, the unemployment rate is very high and even those who find a job, like waitressing, at the end of the month can bring home only 200,000 shillings ($ 80) which is similar to nothing since only the rent of a room costs 130,000-150,000 shillings a month (52-60 dollars), meaning they are not able to save enough money. These women were not even able to find a similar job, and so they were obliged to engage in prostitution.

I had the first two children from a white man, when I had just begun prostitution. After he abandoned me and I found myself suddenly without any financial aid. Now I am 33 years old and with 8 children. Do not ask me who are the fathers,” as told by C.N while feeding the newborn.

dam3

Inside the slum they have their own room where they live with their children and they also rent a small room (4,000-5,000 shillings a day) in which they receive the customers. So, a month, including the rent of the house and the rent of the room, they spend 300,000 shillings ($ 120), plus the money to buy the food and take care of their children as best as possible. The figure is doubled to 600,000 shillings ($ 240). This explains why every day they should have at least five or six clients, with figures from 3,000 shillings to 10,000 shillings; this explains why for 6,000 shillings they can sell their bodies without using a condom.

For instance “I started to prostitute two years ago, when my husband abandoned me and I had to somehow take care of my two children aged seven and ten years. I get an average of four or five customers a day, figures ranging from 3,000 shillings to 10,000 shillings, ” says C.Z, twenty-nine years old, who does not want to show her face as she has just discovered that she is HIV-positive.

dam1

Unfortunately, among the twelve women I met, five are living with HIV. “I started to prostitute three years ago at the birth of the first child and after being abandoned by the partner. I have an average of five clients a day with prices from 5,000 to 10,000 shillings. I am HIV positive and I always say this to my clients. However, some insist on having intercourse without a condom, because they claim that they are HIV positive or because they are psyched that they can not be infected because they are circumcised, “whispers I.N twenty-eight years old, wrapped in a blanket.

I have been in Kampala, as a prostitute, for two years and I have a baby of 10 months from the companion who had abandoned me and I found out I was also infected with HIV by him. The child, however, is fine. I get three or four customers a day to figures from 7,000 shillings to 10,000 shillings. Despite being HIV positive and always saying it to clients, some of them do not care at all and want to do it without a condom“, S.H, from Arua (northern Uganda), eighteen years old, the youngest of the group.

22

The only hope, the only light for these women, and especially for their children is represented by Mark and his organization, founded in 1993. Currently, the NCO (supported by the Italian NGO “Insieme si può…” of Belluno, represented here in Uganda by Davide Franzi) provides informal education for over 300 children and pays school fees for over 120 enrolled in formal school. As for the free time, they have created two football clubs (the Kabalagala Rangers FC and FC Kabalagala Belluno) participating in two different local leagues and they have created a dance and music academy, SOSOLYA UNDUGU DANCE ACADEMY, which is involved in several music festivals in East Africa and next year it will be engaged in a tour around Germany and Austria.

To succeed in this mission, NCO needs our constant support. Together we can make a difference.

You can make your donation by bank transfer to the following account:

Stanbic Bank Uganda LTD
Plot 17 Hannington Road, Kampala

Acc. Number (EURO): 90-3000-8461-421
Acc. Number (Ugandan Shillings): 90-3000-5766-477

Swift: SBICUGKX
Acc. Name: ISP IN AFRICA
Branch: Forest Mall Lugogo Kampala

Reason: project NCO

Annunci

Luci e ombre a Kabalagala: vite dietro un sipario.

29 Ott

Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni”.  – Una frase di Oscar Wilde che riassume l’anima del libertino, amante della vita, che sa cogliere l’essenza del piacere consapevole che “dove c’è piacere non c’è peccato. In Uganda, la potenza economica e militare della regione dei Grandi Laghi, la tentazione per eccellenza, dove piacere non è peccato, si incarna in un luogo fisico, reale, fatto di odori, luci, sudore e umanità viva: il quartiere di Kabalagala (Banana dolce) il termine in lingua Luganda da cui prende nome il quartiere, precedentemente noto come “Kisugu”.

Un quartiere dove gli scrittori maledetti: Oscar Wild, Edgard Alan Poe, Emilio Praga, Vittorio Imbriani, Paul Verlaine, Arthur Rimbaud, Alejandra Pizarnik, Jacqeues Prevel, e Jack Kerouac, si troverebbero a loro agio tra prostitute, ladri, rasta e faccendieri che, in fondo, credetemi, sono la parte più sincera e umana di ogni società. Svilupperebbero un amore viscerale per Kabalagala e sceglierebbero di viverci e viverla come spesso ho fatto io.

Il gusto primordiale di vivere Kabalagala è rappresentato dalla prostituzione, senza costrizioni, libera e senza pudori. I bianchi per bene, quelli delle ONG e delle rappresentanze diplomatiche, inorridiscono al nome di Kabalagala ed etichettano i loro pari che lo frequentano come squallidi puttanieri. I primi appartengono alla categoria dei grandi uomini che sfornano montagne di migliori intenzioni e spesso producono le opere peggiori. I secondi appartengono giustappunto alle anime maledette che per generare opere secolari hanno necessità atavica di immergersi nell’umanità e nel peccato.

Il fotoreporter Damiano Rossi, che da anni vive in Uganda, e vero outsider della fotografia d’autore, ci racconta con estrema lucidità, attraverso la magia della pellicola, un universo di Kabalagala sconosciuto anche al sottoscritto. Quello relegato nello slum nascosto dalla via principale piena di gioia, musica e dove tutto odora di bello e sessualmente attraente. È il cono d’ombra di Kabalagala che ha colto l’interesse di Damiano libero dal richiamo delle sirene.

Attraverso volti di puttane disperate, sieropositive, le ultime della società ugandese appartenenti al quarto livello della prostituzione, ci racconta storie di un mondo, lo slum nascosto di Kabalagala, dove l’ingiustizia prevale e niente è distribuito equamente tranne il dolore. Un mondo dimenticato da tutti e che non troverà mai posto nei progetti di sviluppo del Presidente Yoweri Museveni.

Ma non continuano lo sproloquo oltre e lasciamo parlare Damiano, l’outsider della fotografia che, con noi poeti maledetti condivide non il piacere della carne ma il piacere di vivere tra la vera umanità. Damiano ci ricorda senza ombre di dubbi che dietro ogni realtà piacevole c’è sempre qualcosa di tragico.

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda

Eccovi il racconto di Damiano.

Chiunque sia stato a Kampala ha sentito parlare o si è recato, almeno una volta, a Kabalagala, la via “a luci rosse” della città, la via del piacere, sempre trafficatissima e in piena attività, ventiquattro ore al giorno, con locali, pub, negozietti e, soprattutto, con il più alto numero di prostitute della capitale, che qui si aggirano, soprattutto di notte, alla ricerca di clienti. Attraverso le storie e le immagini di dodici donne e delle loro vite tra prostituzione e l’essere madri, si è cercato di capire cosa realmente accade dietro a questo scintillante sipario che è Kabalagala, cosa davvero si nasconde in uno dei peggiori e difficili slum della capitale.

Per i “bianchi” (bazungu in lingua swahili, muzungu al singolare) che vivono in Uganda, Kabalagala è sinonimo di prostituzione, di quella più misera e a buon prezzo. Per questo motivo dire tra gli espatriati di Kampala che si va a Kabalagala, significa dire che si va “a puttane” e quindi si è guardati male. Dopo quasi tre anni basato a Kampala e dopo aver girato parecchio per locali, sono giunto alla conclusione che qui ci sono quattro livelli di prostituzione. Il primo riguarda quella di classe, le escort che in pochi si possono permettere, per cifre che raggiungono le diverse centinaia di dollari.

Il secondo è la prostituzione che ha come clientela la borghesia ugandese e i “bianchi” delle varie ONG (Organizzazioni Non Governative), associazioni, agenzie umanitarie, privati, turisti, etc…, localizzata nei locali più alla moda di Kampala, situati nella parte opposta della città rispetto a Kabalagala, con cifre sui 50-100 dollari al massimo; il terzo livello è quello appunto di Kabalagala, dove le prostitute si fanno pagare 10-20 dollari (25.000-50.000 scellini) e la clientela è rappresentata da bianchi un po’ squattrinati e ugandesi che non vogliono spendere troppo.

Tra il secondo e il terzo livello non vi è però quella gran differenza: il 50% delle prostitute, infatti, che durante la settimana sono a Kabalagala e chiedono appunto 10-20 dollari, sono poi le stesse che nel week-end sono dalla parte opposta della città, nei locali più alla moda, a chiedere 50-100 dollari a quei bianchi che si credono furbi, non vanno a Kabalagala perché troppo sporca e mal vista e credono che le loro “prede” siano di classe. Infine vi è l’ultimo livello, quello appunto del reportage in questione. Il livello più misero, quello più nascosto, di cui non si sa neppure l’esistenza. Quando ho raccontato a certi amici (ugandesi e non) del reportage che stavo facendo, stentavano a credere che ci fosse questo tipo di prostituzione.

Credevano che già Kabalagala fosse l’ultimo stadio. Invece no. Quella trovata all’interno dello slum appena dietro Kabalagala è una situazione tristissima: sembra di essere in un mondo a se stante, misero, dove il degrado ambientale va di pari passo con un tessuto sociale inesistente, dove tutta la miseria si concentra, il punto di arrivo e di non ritorno per i più poveri dei poveri. La miseria urbana è ben peggiore di quella rurale, non vi sono più legami, rapporti d’amicizia, regole.

Grazie a Mark, ugandese di quarant’anni e fondatore della associazione locale “Needy Children Organisation – NCO” (Organizzazione dei Ragazzi Bisognosi), e che si prende cura di circa 300 bambini dello slum, il 90% dei quali figli delle stesse prostitute, sono riuscito a incontrare e fotografare dodici donne che, per sopravvivere in questa miseria, per non sprofondare nel fango dello slum, devono vendere il proprio corpo a cifre che vanno dai 3.000 scellini (1.2 dollari) ai 10.000 scellini ugandesi (4 dollari). La concorrenza è talmente alta che è il cliente che decide le regole, l’offerta supera la domanda e i prezzi sono quindi bassissimi. In questo slum vi sono all’incirca 300 prostitute che lavorano ventiquattro ore al giorno.

Naturalmente la clientela è tutta costituita dagli stessi abitanti dello slum, da uomini che cercano anche loro di sopravvivere con lavori saltuari, alla giornata, che non potrebbero mai permettersi nemmeno una prostituta dei bar di Kabalagala. Vi starete chiedendo: ma perché queste donne non vanno a Kabalagala o altrove, nei locali alla moda, a prostituirsi, di modo che possano guadagnare di più? Perché hanno cominciato a prostituirsi ormai “vecchie” (qui già a ventisei anni una donna è considerata vecchia) dopo essere state abbandonate dal compagno o dal marito, oppure perché loro hanno già passato quegli anni, sono già state in quei locali e sono ormai passate, sciupate.

Negli anni in cui potevano ancora permetterselo, non sono riuscite a trovare quella persona che si innamorasse di loro e le sposasse togliendole così dal giro. Sera dopo sera, birra dopo birra, cliente dopo cliente, gli anni migliori per loro sono passati e ora devono lasciare il posto a ragazzine dai 18 (così dicono loro) ai 22-23 anni, abbigliate alla moda, che hanno qualche soldo per prendersi una o due birre, fare qualche partita a biliardo, nell’attesa che arrivi il cliente; ragazzine che a volte possono permettersi pure di andare in bianco. Chissà che per le nuove “leve” vada meglio. Altrimenti, tra un po’ di anni, sarà la stessa storia, non più i pub e i bar di Kabalagala, ma le squallide stanze in legno di uno slum, dove svendere il proprio corpo a 3.000 scellini e dove non ci si può più permettere di andare in bianco.

La storia raccontata è spesso la stessa: la maggior parte di loro, verso i 15-16 anni, quando ancora vivevano in famiglia e andavano a scuola, sono state messe incinta da chi allora era il loro fidanzato e quindi sono state scacciate dalla famiglia e, naturalmente, abbandonate anche dal compagno. Non sapendo che fare, hanno cercato un alloggio a basso prezzo nello slum e per sopravvivere e crescere il loro figlio hanno così cominciato a prostituirsi.

Sono arrivata a Kampala a sedici anni, da Hoima (ovest Uganda), perché scacciata dalla famiglia quando hanno scoperto che ero incinta. Ora ne ho venticinque e oltre al primo figlio, che il padre non ha mai riconosciuto, ne ho poi avuto un altro da uno dei clienti, anche se non so chi, visto che ho una media di nove clienti il giorno. Chiedo 3.000 scellini con preservativo e 6.000 scellini senza”, così mi racconta S.B, grande tifosa dell’Inter, come dimostra la maglietta che indossa.

C’è da dire che trovare un lavoro a Kampala è difficilissimo, il tasso di disoccupazione è elevatissimo e anche chi trova un impiego, tipo cameriera, commessa o simili, alla fine del mese riesce a portare a casa circa 200.000 scellini (80 dollari), un nulla se considerato che solo l’affitto di una stanza costa 130.000-150.000 scellini al mese (52-60 dollari). Queste donne non sono neppure riuscite a trovare un lavoro simile e quindi hanno cominciato a prostituirsi, alcune da subito all’interno dello slum, altre dapprima (come già raccontato) nei bar e pub di Kabalagala o altrove e poi come ultima spiaggia nello slum.

Ho avuto i primi due figli da un “bianco”, quando frequentavo i locali alla moda. Poi lui mi ha abbandonata e mi sono ritrovata improvvisamente senza alcun aiuto economico. Ormai ho già 33 anni e ora i figli sono 8. Non chiedermi chi siano i padri”, mi racconta C.N. mentre allatta l’ultimo nato.

All’interno dello slum hanno la loro stanza in cui vivono con i figli e poi affittano una cameretta (4.000-5.000 scellini al giorno, 1.6-2 dollari al giorno) in cui ricevono i clienti, stanzette fatiscenti che si trovano sul retro dei berettini dello slum o sul retro di altre misere case, fatte di assi di legno, una fianco all’altra, con appena il posto per un letto singolo e una luce al neon o una lampadina (quando ci sono) che penzolano dalla trave di legno soprastante.

Quindi, al mese, tra affitto casa e affitto stanza, spendono sui 300.000 scellini (120 dollari), più i soldi per comprare il mangiare e prendersi cura dei figli alla meglio possibile. La cifra raddoppia quindi a 600.000 scellini (240 dollari). Ecco spiegato il motivo per il quale ogni giorno devono avere come minimo cinque o sei clienti, con cifre dai 3.000 scellini ai 10.000 scellini; ecco spiegato il motivo per il quale per 6.000 scellini arrivano a prostituirsi senza l’utilizzo del preservativo: la fame è fame, soddisfare i bisogni primari, quando non sono garantiti, ti porta a questo. Una situazione disperata.

Ho cominciato a prostituirmi due anni fa, quando mio marito mi ha abbandonata e dovevo in qualche modo prendermi cura dei miei due figli di sette e dieci anni. Ricevo una media di quattro o cinque clienti il giorno, per cifre che vanno dai 3.000 scellini ai 10.000 scellini”, mi dice C.Z. di ventinove anni, che non vuole mostrare il proprio volto in quanto ha da poco scoperto di essere sieropositiva.
Purtroppo, su dodici donne incontrate, cinque sono appunto sieropositive.

dam2

Ho cominciato a prostituirmi tre anni fa alla nascita del primo figlio e dopo essere stata abbandonata dal compagno. Ho una media di cinque clienti al giorno con cifre dai 5.000 ai 10.000 scellini. Sono sieropositiva e lo dico sempre ai miei clienti. Nonostante ciò, alcuni pretendono ugualmente di avere il rapporto senza preservativo, perché loro stessi sieropositivi o perché credono di non poter essere infettati in quanto circoncisi”, sussurra I.N. di ventotto anni, avvolta in una coperta.

dam1

Sono a Kampala, come prostituta, da due anni e ho un bimbo di 10 mesi avuto dal compagno che mi ha abbandonata e che ho scoperto mi ha pure trasmesso il HIV. Il bambino però sta bene. Ricevo tre o quattro clienti al giorno per cifre dai 7.000 scellini ai 10.000 scellini. Nonostante sia sieropositiva e lo dico sempre ai clienti, alcuni di loro non se ne curano per niente e vogliono farlo senza preservativo”, S.H, di Arua (nord Uganda), diciotto anni, la più giovane del gruppo.

dam3

L’unica speranza, l’unica luce per queste donne e, soprattutto, per i loro figli è quindi rappresentata da Mark e la sua organizzazione, fondata nel 1993. Attualmente la NCO (supportata dalla ONG italiana “Insieme si può per L’Africa” di Belluno, rappresentata qui in Uganda da Davide Franzi) fornisce un’educazione informale a circa 300 bambini e garantisce l’accesso al sistema scolastico per altri 120, pagandone la retta e comprando i materiali necessari.

Per quanto riguarda le attività ricreative sono state create due squadre di calcio (la Kabalagala Rangers FC e la Belluno Kabalagala FC) che partecipano a due differenti campionati locali ed è stata creata un’accademia per la danza e la musica, la SOSOLYA UNDUGU DANCE ACADEMY, che partecipa a diversi festival musicali nell’Africa dell’est e l’anno prossimo sarà impegnata addirittura in un tour tra Germania e Austria.

Damiano Rossi.

Mi unisco a Damiano in una mia rara occasione di promozione di opere umanitarie.

In questo universo virulento che genera solo miseria per sopravvivere, come in ogni realtà, esistono eccezioni. In questo caso: la associazione ugandese Needy Children Organisation e la ONLUS Italiana Insieme si puó Africa, di cui pragmatismo e risultati concreti ho già avuto modo di raccontare in precedenti miei articoli.

Con cuore sincero testimonio che ne vale la pena aderire all’appello di Damiano in aiuto non di queste due associazioni, ma delle ragazze Mbaraka e dei loro bambini, concordando con la frase: “Insieme possiamo fare la differenza”. Mbaraka è il termine Swahili per definire le prostitute dell’ultimo girone dell’inferno dantesco di cui quelle che vivono nel cono d’ombra di Kabalagala ne rientrano, purtroppo, a pieno titolo.

Puoi fare la tua donazione a “Insieme si può…” con bollettino postale o bonifico bancario alle seguenti coordinate:

ASSOCIAZIONE GRUPPI “INSIEME SI PUO’…” ONLUS-ONG

Conto corrente postale: 13737325 – IBAN: IT 05 L 07601 11900 000013737325

Banca Etica: IT 66 F 05018 12000 00000 0512110

Causale: progetto NCO-erogazione liberale

Davide Franzi (direttore della sede Insieme Si Può Africa) e Damiano Rossi, garantiscono che i fondi saranno gestiti al meglio prendendo l’impegno di tenere seriamente aggiornati i finanziatori che, oltre ad inviare i contributi, invieranno anche un messaggio privato su Facebook a Damiano o un email a Davide: Franzidvd@yahoo.it . Conoscendo Damiano la promessa sará certamente mantenuta.

Il reportage completo si può visionare sul sito artistico di Damiano Rossi o ridettamene al link

Giovedì 30 Ottobre ore 21 a Varese: Alla scoperta del ciclismo in Africa

27 Ott
In anteprima in Italia “Rising from ashes”, un film-documentario sulla realtà ciclistica del Rwanda.
Alla scoperta di un paese lontano e di un movimento ciclistico dal sapore “eroico”.
GIOVEDI’ 30 OTTOBRE, ore 21, Sala Montanari (ex Cinema Rivoli), Via dei Bersaglieri 1 – Varese
Un evento realizzato insieme alla S.C. Binda, Sestero Onlus, Cycle Magazine, Fondazione Comunitaria del Varesotto e Comune di Varese, all’interno del Festival “Ottobre Africano” e della rassegna cinematografica “Un posto nel mondo”.Vi aspettiamo!

AFRICA&SPORT
Impegno per l’Africa, passione per lo Sport!Piazza Giovine Italia, 4

21100 Varese – Italy

www.africasport.it
Fb: AFRICA&SPORT

Burundi. Le ragioni di un impegno di denuncia preventiva.

25 Ott

Il Burundi, piccolo e meraviglioso paese dell’Africa centrale con il cielo dell’Irlanda come dono degli antichi dei, gemello del vicino Rwanda, ospita una tra le popolazioni più cordiali e adorabili della regione. Una popolazione composta da gente semplice, di animo buono che contribui involontariamente a creare il mito del “buon selvaggio” da redimere. Mito propagato dai terribili Padri Bianchi, la congregazione che storicamente impugna nella mano sinistra il vangelo e in quella destra la spada. Una popolazione che prima del colonialismo ha vissuto nell’armonia sociale ed ambientale. Una popolazione detentrice di antica cultura e alti valori morali che per secoli sono stati i garanti del delicato equilibrio tra le due classi sociali che la compongono: gli hutu e i tutsi.

È l’atto di infrangere questo equilibrio, compiuto dal colonialismo belga e successivamente dalla Francia e dal papa nazista: Pio XII (per l’anagrafe Eugenio Pacelli), che ha creato il Male Burundese. Una maledizione che ferocemente contrappone le due classi sociali trasformate, grazie a complicati falsi storici ed impossibili ricerche antropologiche, in distinte etnie. Una maledizione che si nutre di odio e sangue di innocenti, e che si propaga come odioso veleno nella regione: dal Nyaragongo al Kilimanjaro.

Troppe e nefaste sono state le ingerenze straniere, sopratutto occidentali, che hanno solo gettato altra benzina sul fuoco dell’ideologia razziale. Dopo vari tentativi di genocidio e una terribile guerra civile durata oltre un decennio, il Burundi aveva l’opportunità di trovare la pace e riconciliarsi come è successo in Rwanda. Pur essendo arrivati a più riprese sull’orlo del precipizio i burundesi hanno sempre evitato l’olocausto, quello che distrusse un milione di loro cugini in Rwanda. Di questo ne sono fieri e con ragione.

Il Diritto alla Pace è stato impedito da nuove interferenze, non ultima quella della Chiesa Cattolica che, in questo paese, vive una delle sue più gravi e terribili crisi interne. Una crisi generata tra i religiosi che vogliono promuovere la pace e quelli ferocemente ancorati al Manifesto Bahutu del 1957 incoraggiato da Papa Pio XII un anno prima della sua morte, forse come atto finale ed epilogo di una vita consacrata al sottile ma criminale supporto alle ideologie naziste e di supremazia razziale. “Il ritratto di Papa Pio XII non è quello del male ma di un fatale slittamento morale, della separazione dell’autorità dall’amore cristiano” fa notare lo storiografo cattolico John Cornwell, autore di Il Papa di Hitler. La storia segreta di Pio XII (Garzanti, Milano 2002). La crisi interna alla chiesa cattolica burundese genera vittime, non ultime Bernadetta Boggian, Lucia Pulici, Olga Rachietti a cui va tutto il mio dolore e viva commozione.

Le trame oscure del Male Burundese, più vive che nel passato, ora si intrecciano con altre oscure trame. Dalla soluzione finale per il Rwanda ancora tentata con cieca ostinazione dalle milizie terroristiche del FDLR (protagoniste dell’Olocausto Africano del 1994), all’impero mafioso e criminale della Famiglia Kabila. Dalla Cellula Africana dell’Eliseo con il suo sogno di ricreare in Africa il passato dominio dei Territori d’Oltremare alla avidità del potere ugandese che ha fondato il boom economico ininterrotto da 20 anni su oro, coltan e sul sangue dei paesi vicini. Che siano essi Congo o Sud Sudan sono, purtroppo, dettagli irrilevanti. Trame oscure di cui anche il Rwanda è vittima essendo prigioniero della Sindrome Israeliana che lentamente lo corrode dall’interno. L’attuale crisi burundese rischia di essere la Sarajevo della Prima Guerra Mondiale capace di attivare l’infallibile e spietata falce di nostra Signora la Morte autorizzandola a compiere il suo macabro rituale su tutta la regione.

L’impegno giornalistico del sottoscritto su questo piccolo e meraviglioso paese, iniziato nel 2013, è un atto di denuncia preventiva moralmente dovuto. Una chiara presa di posizione dinnanzi alle forze oscurantiste che vogliono infiammare e distruggere la regione dei Grandi Laghi e i suoi popoli a cui sono emotivamente legato in quanto ho condiviso il patrimonio genetico contribuendo al rafforzamento numerico della nuova generazione di africani. Quella capace di spezzare le ultime odiose catene dell’orrendo passato imposto da una “civiltà”, quella europea, immemore delle sue origini africane, ora incapace a riconoscere il suo inesorabile tramonto.

Un dovere morale in quanto, sia da giornalista che da essere umano, mi è impossibile non informare su cosa sta avvenendo nel paese e chi ne è responsabile, essendo direttamente a conoscenza di fatti ed avvenimenti. Sono queste le motivazioni della mia attenzione al Burundi.

Il rischio è di essere etichettato di parte, o accusato di essere “pro-tutsi”. Un rischio da me ignorato in quanto non ho mai sposato una causa ne una ideologia a differenza di questi illustri inquisitori e la loro corte di opportunistici ruffiani. Al contrario ho sposato con ardore militante, (questo lo ammetto) l’obbligo di abiurare il silenzio. Per una sola ragione racchiusa in questa semplice domanda: “Cosa è peggio? Il crimine o il silenzio calato su di esso? In realtà la combinazione delle due cose li rende più ripugnanti, e quindi entrambi imperdonabili.

 

Fulvio Beltrami.

Repubblica Centroafricana. Il finto colpo di stato

19 Ott

Giovedì 16 ottobre il governo provvisorio centroafricano ha annunciato un tentativo di colpo di stato contro la presidente ad Interim Catherine Samba Panza. L’annuncio di un cosi grave attentato in un paese sconvolto dalla guerra civile, etnica e religiosa dal ottobre 2013 è immediatamente apparso sospetto agli osservatori politici africani. Il governo non ha incolpato nessuna forza politica o militare limitandosi a parlare di una non ben definita “coalizione di forze negative”. Secondo la versione ufficiale fornita dal portaparola del governo: Antoniette Montaigne dietro gli scontri tra le milizie cattoliche Anti-Balaka e le milizie islamiche Seleka della scorsa settimana si cela un tentativo di colpo di stato attuato da una coalizione di forze politiche che avrebbe distribuito alla popolazione denaro e armi nel tentativo di rovesciare il governo provvisorio, bloccare la transazione democratica e l’organizzazione di libere elezioni.

Armi pesanti e leggere sono state consegnate alla popolazione, sopratutto ai giovani, chiedendogli di protestare contro il governo e di richiedere le dimissioni del presidente Catherine Samba Panza e del Primo Ministro”, recita il comunicato. I tre giorni di duri combattimenti tra le milizie Anti-Baraka e quelle delle Seleka, che hanno sconvolto la capitale e le principali città del paese costringendo oltre 6.000 persone a fuggire dalle proprie abitazioni, sono il più grave regresso per la fragile pace del paese fin dall’arrivo delle forze di occupazione francese. Gli scontri hanno evidenziato l’impreparazione della truppe dei caschi blu recentemente stanziate nel paese. Solo l’intervento dell’esercito francese, ancora operativo nel paese, è riuscito a controllare la situazione.

Quasi contemporaneamente allo scoppio degli scontri il paese è stato sconvolto da dure manifestazioni popolari in protesta contro la presidente Ad Interim. I manifestanti, soprattutto giovani, la accusano di essersi appropriata di 10 milioni di dollari provenienti dai fondi di aiuto elargiti dall’Angola. Accusa smentita da Samba Panza mercoledì 15 ottobre tramite un comunicato trasmesso dalla radio nazionale. “Siamo una democrazia compiuta e tutte le opinioni sono permesse e rispettate. Dinnanzi alle odiose accuse rivoltemi applico il mio principio di lasciar morire i pesci cattivi del proprio veleno continuando il mio operato di riappacificazione del paese e rafforzamento della democrazia. Un impegno da me svolto con determinazione che nessuno potrà fermare. Invito la popolazione a non credere alle menzogne sparse con l’intento di aumentare il caos e l’odio. La invito a continuare a porre fiducia nel mio operato e a sostenermi in quanto tutti sanno che mi sto battendo per ridare una speranza al nostro paese” ha affermato la presidente alla radio nazionale.

Eppure le accuse dei giovani manifestanti non sembrano frutto di una calunnia dell’opposizione centroafricana. Lo scandalo è stato riportato dal mensile Jeune Afrique lo scorso 29 settembre. L’indagine giornalistica svolta dal prestigioso mensile francofono specializzato nelle tematiche africane rivela la gestione estremamente opaca di 10 milioni di dollari concessi dal governo angolano per sostenere l’economia del paese distrutta dalla guerra civile e dal caos politico. Di questo ingente finanziamento non vi è traccia e la sua gestione ha provocato inquietudine presso i principali enti finanziatori internazionali tra i quali: la Banca Mondiale, il FMI e la Banca Africana per lo Sviluppo.

Il governo angolano ha confermato l’esistenza di seri dubbi di malversazione e appropriazione indebita dei fondi elargiti alla Repubblica Centroafricana per sostenere l’economia del paese, il funzionamento amministrativo del governo provvisorio e rispondere alle emergenze umanitarie. Come prima reazione il governo del Congo Brazzaville, ora entrato nell’economia dei petro-dollari, ha congelato gli aiuti promessi al Centroafrica in attesa di chiarimenti sulla sparizione dei 10 milioni di dollari elargiti dal governo angolano. In un classico gioco delle tre carte che sembra contraddistinguere la politica della terza donna africana che ricopre la carica di Presidente, Samba Panza ha negato l’accusa dinnanzi alla popolazione e nello stesso tempo ha assicurato gli enti finanziatori di aver risolto il problema ordinando un audit finanziario per verificare se i fondi sono stati sottratti o male utilizzati, ammettendo di fatto che il problema esiste veramente.

L’assicurazione è stata data durante la recente Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, accompagnata dalla richiesta di ricevere nuovi finanziamenti da parte della Comunità Internazionale. Secondo fonti credibili dell’opposizione, supportate da vari analisti politici e giornalisti africani i violenti scontri sono stati iniziati dalle milizie cristiane Anti-Baraka protette sia dal governo che dal contingente militare francese. Milizie responsabili della pulizia etnica su grande scala compiuta contro la comunità mussulmana centroafricana e straniera presente nel paese tra il gennaio e il giugno 2014 con la diretta complicità delle forze armate francesi che hanno attivamente partecipato ai pogrom come diversi testimoni affermano.

Secondo la pesante accusa le forze armate francesi avrebbero favorito le pulizie etniche contro la comunità mussulmana esattamente come favorirono e parteciparono al genocidio ruandese durante l’Operazione Turquoise nel 1994. Se le accuse di complicità diretta nel tentativo di genocidio in Centoafrica sono ancora da provare quelle relative al Rwanda sono una realtà storica ammessa anche da vari investigatori della magistratura e del parlamento francese. Nonostante le evidenze prodotte il governo dell’epoca, lo Stato Maggiore delle forze di difesa e i dirigenti della sinistra Cellula Africana dell’Eliseo (nota con il nome di France-Afrique) non sono stati perseguiti per la loro partecipazione al genocidio ruandese.

Ritornando agli avvenimenti della Repubblica Centroafricana il governo è accusato di aver istigato le violenze e l’inizio degli scontri armando e finanziando le milizie cristiane Anti-Balaka al fine di interrompere le proteste popolari che rischiavano di creare la più seria crisi politica dall’avvento al potere di Samba Panza e la dimissione del governo transitorio considerato dalla popolazione centroafricana un mero pupazzo della Francia. Dinnanzi al rischio di venir scoperto il governo avrebbe diffuso la falsa notizia del tentativo di colpo di stato. “Questi stratagemmi sono a corto respiro. I 10 milioni di dollari sono entrati nelle tasche di Samba Panza e della sua corte dei miracoli e non sono i soli fondi ad essere spariti. Samba Panza è consapevole di essere un burattino della Francia e di non avere molto tempo né un futuro politico nel paese, quindi sta approfittando della temporanea e alquanto fragile posizione di potere per racimolare più soldi possibili al fine di assicurarsi una serena e dorata pensione” spiega un giornalista centroafricano rifugiatosi a Kampala e protetto dall’anonimato in quanto teme ritorsioni contro i suoi familiari rimasti a Bangui.

Sulle accuse di malversazione dei fondi e le proteste popolari il governo francese e il presidente Francois HHollande hanno accuratamente evitato di fare qualsiasi commento pubblico, limitandosi a confermare le violenze inter religiose scoppiate la scorsa settimana ma, per motivi di decenza, non confermando la tesi del colpo di stato divulgata dal governo provvisorio di Bangui. L’Eliseo sembra ora preoccupato in quanto la situazione nella Repubblica Centroafricana sta sfuggendogli di mano e la multinazionale energetica AREVA è impossibilitata ad iniziare l’estrazione delle ingenti riserve di uranio presenti nel paese, come da precedenti scenari ipotizzati, ora evidentemente non più attuabili.

Per dovere di onestà giornalistica si deve precisare che la Chiesa Cattolica e il Vaticano non sono coinvolti nei pogrom contro la comunità mussulmana in Centroafrica, nonostante che le milizie cristiane Anti-Baraka affermino di aver il sostegno del clero cattolico locale. Una affermazione duramente smentita dai principali Mullah mussulmani del paese che testimoniano l’operato del clero cattolico intento a rischiare la propria vita per salvare centinaia di vite umane. Almeno in Centroafrica la Santa Sede non ha applicato le sue consuete e storiche simpatie ed appoggi alle ideologie naziste e di supremazia razziale o religiosa. Che sia un effetto secondario del vento di cambiamento del Papa Buono? Ancora presto per affermarlo con certezza.

Fulvio Beltrami
Kampala, Uganda

L’AFRIQUE C’EST CHIC! UNA BELLA AFRICA A ROMA

12 Ott

Dal 13 al 18 ottobre 2014, a Roma in via Margutta la mostra itinerante L’Afrique c’est chic! porta in Italia l’arte e la fantasia dei giovani africani. Un progetto di sostegno rivolto a ragazze in difficoltà perché ritrovino, attraverso l’arte e la creatività, una vita lontano dalla violenza e dallo sfruttamento.

(Roma, 10 ottobre 2014) La Mostra, organizzata da “Missione Giovani Fma Onlus” delle Figlie di Maria Ausiliatrice presenta i prodotti di 6 atelier d’arte realizzati in Congo Brazzaville, Costa d’Avorio, Gabon, Mozambico, Repubblica Democratica del Congo e Togo e che ha impegnato, come formatori, giovani artisti emergenti locali.
Pitture, ceramiche, stoffe, abiti, giochi… Un percorso di colori che parla delle vitalità dell’Africa, della storia di 250 giovani ragazze e donne, che per la prima volta si avvicinano all’arte e attraverso di essa parlano della loro vita e delle loro speranze. L’obiettivo del progetto è presentare il continente africano, condividere e raccontare la sua bellezza, abbattendo stereotipi e preconcetti e mettendo in evidenza, una volta tanto, il positivo, la sua ricchezza artistica, la vitalità dei colori e l’anima dei giovani, la sua risorsa più grande.

Le opere saranno esposte in Via Margutta 51/a, la via degli artisti, con una esposizione nel Palazzo che ospitò le riprese di alcune scene del famoso film “Vacanze Romane” e in alcune botteghe degli artisti.
Il 18 ottobre, dalle ore 18.00, presso il cortile di Via Margutta 51/A un’Asta di Beneficienza, con una madrina e ospiti d’eccezione, intrattenimento musicale e letture di brani con l’attrice Carla Chiarelli, concluderà il percorso espositivo. (Con il Patrocino della Regione Lazio e in collaborazione: Centro Regionale Sant’Alessio, Associazione Internazionale Via Margutta, Ottobre Africano,LWB Project).

La mostra itinerante ha già avuto una prima tappa a Roma (19-23 marzo 2014), presso la Libreria “Fandango Incontro”, in collaborazione con “Progetto ABC” della Regione Lazio. Ha poi proseguito il percorso a Gallipoli (18-22 giugno 2014), presso “Libera l’arte”, in collaborazione con “LWB Project”, “Associazione Emys”, “Fondazione con il Sud”. È stata presentata a Torino, presso la Sala Mostre del Palazzo della Regione Piemonte (13-21 settembre 2014) con un’interessante introduzione dell’etnologa e antropologa Cecilia Pennacini, e presso “InGenio” Bottega d’arti e antichi mestieri del Comune di Torino.

I 6 Centri giovanili, animati dalle Figlie di Maria Ausiliatrice, coinvolti nel Progetto L’Afrique c’est chic! si trovano a:
* Abidjan (Costa d’Avorio), nel quartiere popolare di Koumassi, il Centro giovanile raggiunge 300 bambini e giovani e si è espresso nella pittura ad olio e su tessuto, nella realizzazioni di acquerelli e biglietti e nella ceramica;
* Lubumbashi nell’est della Repubblica del Congo, concentrato di ricchezze minerali e di sfruttamento del lavoro minorile, in un centro di ricupero di bambine della strada, un laboratorio realizza cartoline con paglia di mais e foglie di banane seccate e stirate;
* Lomè, in Togo, il Centro professionale esprime la fantasia in creazioni di moda: stoffe, abiti, magliette, tracolle e infradito;
* Oyem, in Gabon, nel cuore della foresta equatoriale, le bambine e i bambini inventano i loro giochi e i gadget riciclando quello che trovano;
* Pointe Noire delle artiste e artisti in erba del Centro giovanile nato durante la guerra civile del Congo Brazzaville, si sono prodotti nella pittura ad olio;
* Maputo, in Mozambico, un centro nato per recuperare i ragazzi di strada durante la guerra civile si è specializzato in articoli regalo di cancelleria e in sculture di pietra di Mbigù combinate con rafia.

Per maggiori informazioni:
Missione Giovani Fma Onlus
Via dell’Ateneo Salesiano 81 – 00139 Roma
Rif. Sr Cristina Camia – cristina.camia@cgfma.org – cell. 3336220412

www.missionegiovanifma.org
www.facebook.com/MissioneGiovaniFMA
www.flickr.com/photos/missionegiovanifma