DINAMO COMUNICATION CENSURA AFRICAN VOICES!

3 Dic

Pole pole, che in lingua swahili significa “piano piano“, prendersela con calma, dev’ essere l’unico termine che alla Dinamo hanno imparato con velocità, in Congo, girando quelle immagini di cui tutto il web ormai ha visto e scaricato sui propri computer.

Eh si, perchè il video è uscito ormai una settimana fa ed è stato visto da più di 14 mila persone, è stato scaricato in chissà quali e quanti formati da blogger, giornalisti e dalle migliori testate nazionali italiane eppure, solo dopo una settimana, Dinamo Comunication per mano del suo Ufficio legale e lettera firmata niente meno che dall’Amministratore Unico Dott. Roberto Baratta, giusto per un tentativo di intimidazione dei soggetti in causa, decide di minacciare African Voices con un comunicato di diffida e non per danneggiamento di immagine e patrimoniale!

dinamo

Tutto questo mi fa pensare  a due cose: la prima è che African Voices, grazie all’Anonimo di Intersos che ci ha inviato il video e molte altre informazioni utili, ha centrato uno degli obiettivi di boicottaggio della trasmisssione Mission. L’altro è l’incongruenza continua dei tre pricipali attori di questa messa in scena in Africa detta Mission. Vi ricordate l’Ansa che la Dott.ssa Iucci dell’ufficio stampa UNHCR Italia e il Presidente della Intersos, Nino Sergi, fecero a 24 ore dall’uscita del video? La Iucci, disse che era chiaramente un videoclip montato, ma tenendosi lontana dal dire che fosse un falso. Invece Nino Sergi disse a chiare lettere che era falso. E adesso Dinamo che, chiedendone la censura e minaccia, “ci vedremo costretti a rivolgerci al giudice competente per tutelare i nostri diritti“, dichiara tra le righe che il video è loro ed è VERO! Una grande conferma che nessuno di noi si aspettava e ci fa molto piacere anche a nome di  tutti coloro che l’hanno visto e dei pochissimi che ne avevano dubitato.

A noi di African Voices che siamo piccoli in questo mondo di giganti, armati solo di buona volontà e passione per i diritti umani e civili in Africa, che lavoriamo in forma di volontariato insieme a giornalisti e blogger che decidono di farlo con noi per amore dell’Africa e che abbiamo a cuore il quotidiano degli africani, cosa che non posso certo dire per DINAMO COMUNICATION, RAIUNO, UNHCR ITALIA e INTERSOS alle prese con MISSION, non ci resta che sottostare a tale indegna richiesta di censura che mette nuovamente a dura prova in italia la libertà di informazione, consci che una battaglia legale ci costerebbe troppi €uro che, siamo sicuri, Dinamo non avrebbe problemi ad avere a disposizione anche se siamo altresì sicuri che ci portebbe ad una vittoria sopratutto perchè si andrebbe a parlare in un tribunale di come realmente la DINAMO e INTERSOS hanno ottenuto i permessi per girare i filmati in RD Congo, avuti aggirando le leggi congolesi che non avrebbero mai dato il permesso per girare Mission, un reality show, nelle loro terre dove da molti anni perdurano guerre tra ribelli e truppe regolari.

Ad African Voices, prima della censura sul suo canale di YOU TUBE che avverrà nelle prossime ore, non rimane che promettere il video a tutti coloro che necessitano di ottenerlo, che siano media o privati, basta che ci inviate una email con scritto:
Voglio il video della vergogna umanitaria” e noi ve lo invieremo.

Marco Pugliese
African Voices
redazione@africanvoices.it
africanvoices@hotmail.it

2 Risposte to “DINAMO COMUNICATION CENSURA AFRICAN VOICES!”

  1. mark 4 dicembre 2013 a 23:31 #

    Ho visto stasera su RAI 1 la prima puntata del contestato programma Mission. Devo dire che, contrariamente alle aspettative, non si è fatta alcuna pornografia del dolore. Al contrario, si sono mostrate le condizioni di vita di tanti disperati del mondo senza falsi pietismi. Credo che un programma come questo, se non fosse stato supportato dalla presenza di personaggi famosi, non avrebbe mai raggiunto il grande pubblico della prima serata. Giovedì 12 dicembre faranno la seconda puntata (Congo, Ecuador e Sud Sudan). Credo che la guarderò

Trackbacks/Pingbacks

  1. Mission, i rifugiati e le sciarpe di Albano - La Bottega delle Storie - 10 dicembre 2014

    […] oso immaginare cosa sarà la puntata con Filiberto di Savoia, il cui spezzone è stato censurato dalla Dinamo […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: