Archivio | maggio, 2012

Zanzibar, invito alla calma

28 Mag

La polizia dell’arcipelago di Zanzibar in Tanzania ha indetto un appello alla calma dopo la manifestazione violenta di Domenica con scontri dai manifestanti che chiedono l’indipendenza delle isole che ha provocato molti feriti.

“Stiamo cercando di mantenere la pace e ristabilire la calma”, ha detto il commissario di polizia Zanzibar Mussa Ali Mussa, che ha riferito della dimostrazione da parte di un gruppo islamico chiamato Uamsho, diventata violenta Sabato.

I rivoltosi hanno lanciato pietre mentre la polizia ha sparato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua a Stone Town, la capitale del semi-autonomo arcipelago della Tanzania. Piccoli gruppi di manifestanti erano ancora per le strade Domenica.

Uamsho, che pretende di salvaguardare costumi islamici sulla maggioranza musulmana dell’isola, aveva indetto la manifestazione che richiede di porre fine all’unione con la Tanzania continentale.

I sostenitori Uamsho si sono scontrati con la polizia il Sabato dopo aver marciato davanti alla stazione di polizia dopo l’arresto di uno dei loro leader.

Il turismo è la principale percettore di valuta estera per Zanzibar, famosa per le sue spiagge di sabbia bianca ed edifici storici a Stone Town, dichiarato patrimonio mondiale da parte dell’agenzia culturale delle Nazioni Unite UNESCO.

fonte: News24

Traduzione a cura di African Voices

Annunci

STRAGE IN YEMEN: INTERSOS ‘CONTINUIAMO A PORTARE AIUTO, MA IL LAVORO UMANITARIO E’ SEMPRE PIU’ SOTTO ATTACCO’

21 Mag
Sana’a 21 maggio 2012. Un attentato è avvenuto durante le prove della parata militare che si sarebbe dovuta tenere domani per l’anniversario dell’unità dello Yemen, al momento si contano 96 morti e oltre 300 feriti.
‘Eravamo nel nostro ufficio di Sana’a, e abbiamo sentito l’esplosione, le urla e le sirene delle ambulanze che hanno iniziato a arrivare a piazza al-Sabain, nel centro della capitale’ dichiara William Strangio, responsabile INTERSOS in Yemen. ‘Il nostro lavoro continua, i nostri centri di accoglienza per rifugiati sono aperti, abbiamo fatto però rientrare a casa il nostro staff yemenita questo pomeriggio per rassicurare le famiglie e garantire la loro incolumità. L’assistenza umanitaria è sotto attacco, gli operatori umanitari sono divenuti obiettivi di rapimenti, i combattimenti e l’instabilità del paese rendono difficilissimo il nostro aiuto ai civili. La gente dello Yemen vive in condizioni di vera crisi umanitaria, oltre ad essere vittima di una dura guerra civile. L’accesso umanitario deve essere garantito, dobbiamo poter continuare a soccorrere gli sfollati e rifugiati in un momento così difficile per lo Yemen’ continua Strangio.
Oltre 100.000 persone sono sfollate nei sobborghi di Aden e ricevono assistenza da INTERSOS. Le famiglie fuggite dagli scontri armati tra truppe governative e milizie fondamentaliste a Zinjibar, nella regione di Abyan, sono alloggiate dall’estate scorsa in 75 scuole della città e in alloggi di fortuna.
‘Quello di oggi, è stato un durissimo attacco, il Ministro della Difesa che era presente si è salvato per puro caso, lo Yemen è dentro una spirale di violenza gravissima mentre la povertà estrema è in crescita così come la malnutrizione infantile. Gli aiuti umanitari sono ostacolati proprio nelle zone del Sud dove il conflitto armato tra forze separatiste, milizie estremiste e esercito governativo sta infuriando da giorni’ spiega William Strangio da Sana’a.
Quasi un milione di bambini di età inferiore ai cinque anni soffre di malnutrizione acuta e più di un quarto tra loro è a rischio di decesso. La crisi umanitaria in cifre è davvero allarmante: circa 11 milioni di persone, metà della popolazione yemenita, non mangiano a sufficienza per i prezzi alle stelle dei prodotti alimentari.
INTERSOS dall’inizio delle violenze e dei disordini nel 2011 sta portando soccorso alla popolazione yemenita sfollata a San’a, ad Aden e ad Harad, a pochi chilometri dal confine con l’Arabia Saudita, continuando il lavoro che svolge dal 2008 in favore dei rifugiati e migranti dal Corno d’Africa. Lo staff formato da oltre 100 operatori umanitari nazionali e internazionali in Yemen indirizza l’aiuto non solo sulle esigenze fisiche dei più fragili tra le vittime, ma interviene anche nell’aspetto psico-sociale e sui bisogni di assistenza psicologica, di protezione, di accesso all’acqua potabile e di miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie.
Per interviste con il Responsabile INTERSOS Yemen William Strangio:
Ufficio Stampa INTERSOS
Paola Amicucci
328.0003609 – 06.85374332
comunicazione@intersos.org

Costa d’Avorio: Da Gahiè per.. noi. Traduzione de “Cronache di una Esiliata” (italiano/ français)

18 Mag

Un anno è trascorso, ma non riesco ancora a trovare le parole per descrivere questo momento. Orribile, Atroce, Inqualificabile… siamo milioni le vittime dello stupro francese. Non ricordo altro che questa data: il giorno del mio stupro.
Sì mi sono sentita violentata, sporcata, annientata. Nessuna scusa.
Nessun perdono. Nulla potrà mai liberarmene. Tutte queste domande si intrecciano vorticosamente nella mia mente. Crollo a terra. Rannicchiandomi sulle mie ginocchia. E come un fulmine la notizia: RFI annuncia che Gbagbo Laurent è stato catturato dall’esercito francese. Fonte: l’Ambasciatore francese Français Jean Marc Simon (l’ho sentito con le mie orecchie, esiste ancora la schermata di rfi.fr). Viene in seguito consegnato ai ribelli di Alassane Ouattara… Più tardi la seconda notizia: Désiré Tagro, ex-Ministro dell’Interno, ferito da più colpi di pistola alla bocca, stava morendo. Morirà poco dopo…

da Gahiè

——————————————————-

Pardon, mille fois pardon pour ce retard, chers voyageurs…
En fait, autant vous dire la vérité : Pour écrire ces chroniques, je suis parfois obligée de m’isoler, de me remémorer ces scènes horribles, presque de me rendre malheureuse à nouveau, et ce n’est pas chose facile, car je suis très heureuse en ce moment ^_^.

Mais par devoir, je dois continuer. Alors même si pour l’instant je n’ai pas de bureau (enfin, plus serait le terme approprié), j’attends patiemment que tous mes mohicans s’endorment pour écrire, ce qui n’est pas chose facile pour la simple et bonne raison que moi aussi j’ai sommeil 😀 .

Merci à La Fumée Blanche, qui publie ma chronique, en plus du Gri-gri et d’Aujourd’hui. Merci également à Claudus, qui a ENFIN pris ses responsabilités de chef de la MAJ du blog…^_^ tu es un ange.
Merci à Diane, à Géraldine, à ma poupi, à Bony (power Gbi), à Greg, à théophile, à Hermann, à tous ceux qui m’ont donné le sourire au point d’en perdre la notion du malheur, surtout ces deux dernières semaines. Que de bons moments, que des discussions intenses, intéressantes autour d’un bon café… il est bon d’être en vie ! Je vous assure, il n’y a rien de tel que de sentir l’air emplir vos poumons. Rien de comparable…

———

Pendant les jours de notre exil à l’intérieur de notre propre pays, qui avait commencé depuis 6 jours, nous recevions des coups de fils. De biens étranges coups de fils, de personnes qui nous joignaient pour nous proposer leur protection. Cela se passait avant que je casse le portable de papa en petits morceaux. Je me posais deux questions : la première était de savoir pourquoi les élans de solidarité arrivaient aussi vite, la seconde c’était pourquoi les conversations duraient autant. Soyons logiques un instant. Dans cette histoire, tout le monde avait des problèmes (la guerre n’était pas encore finie et on ne savait qui était contre qui exactement). Pourquoi se préoccupaient-ils de nous si soudainement ?

Il est évident que je ne vais pas les citer, car parmi eux se trouvent, je le sais, des personnes bien intentionnées envers nous bien qu’étant rebelles (excusez-moi si pour moi, RDR=Rebelle).
Mais déjà, le premier jour de notre fuite, un homme fort du régime totalitaire illégal et illégitime en place aujourd’hui, avait téléphoné pour savoir si nous étions en sécurité. Il nous avait cependant demandé de ne pas lui dire où nous étions, même à lui en qui nous avions grande confiance, lorsque nous nous étions cachés. Il nous appelait régulièrement sur le téléphone de ma sœur cadette pour avoir de nos nouvelles, et cela, entre autres, m’a fait changer d’avis sur lui. J’ai changé d’avis sur beaucoup d’entre eux, d’ailleurs, même si je sais que le jugement final ne sera pas rendu par ma personne. Mais nous y viendrons.
Lundi 11 avril 2011. Cette date, à jamais restera gravée dans ma mémoire. Comme tous les matins, après la prière, nous descendons toutes faire le ménage dans la maison de celui qui nous a accueillis. Certaines servent le petit déjeuner, d’autres nettoient, cuisinent ou lavent les habits de la famille, enfin, ce qu’il en reste, car nous étions tous obligés de pratiquer le Wash-and-wear (processus visant à laver, à sécher et ensuite à reporter le même vêtement).

Etant celle en charge de servir le petit Déjeuner, je préviens notre hôte et mon père. Etrangement, je les trouve assis devant la télé, presque immobiles, écoutant avec attention RFI. Je fais signe à mes sœurs et à ma mère qui arrivent en courant : ces Chiens enragés ont pris la résidence du Chef d’assaut. Et à entendre ceux qu’on ose encore appeler des journalistes, je sens bien que c’est l’assaut final.

Un an après, je n’arrive toujours pas à le relater normalement, ce moment. Horrible, Atroce, Inqualifiable… nous avons été des millions à subir ce viol de la France. Je ne peux que me rappeler de cette date : c’est le jour de mon viol. Oui, Je me suis sentie violée, salie, anéantie. Aucune excuse, Aucun pardon ne pourra m’en débarrasser. A cet instant précis, j’ai cessé d’être la petite fille pourrie gâtée et égoïste et j’ai compris : Alassane Ouattara ne reculerait vraiment devant rien pour s’assoir sur ce bout de tissu. Il l’avait convoité depuis trop longtemps, il avait trop consenti d’années à Bédié, puis à Guéi, et enfin à Gbagbo. Il en avait marre, et les Français à travers Nicolas Sarkozy aussi. Et ce qui était arrivé à ma famille n’était que le début de sa vengeance : il allait faire payer à tout le monde. Ceux qui avaient refusé de le soutenir, ceux qui l’avaient abandonné en cours de route, ceux qui ne l’avaient pas aidé assez vite ou assez bien, ceux qui étaient trop zélés… en fait, il en avait après le monde entier, peut-être parce qu’il aurait voulu naître Ivoirien, Président, ou même les deux…

Je suis sûre que tout le monde a déjà expérimenté la ‘‘saturation cervicale’’, comme je l’appelle. C’est lorsque vous avez plus d’un millier de questions qui se bousculent dans votre tête, mais des questions auxquelles vous n’avez ni réponses, ni solutions. Dès que les bombardements avaient repris, ma saturation ne m’avait laissé aucun répit. Gbagbo Laurent était avec sa famille là-dedans ! C’était un homme qui avait tout donné pour son pays, un Président comme rarement l’Afrique en avait connu. Je l’estime énormément, Comme je n’ignore pas qu’il a des défauts extrêmement casse-pieds. Quoi qu’il ait pu faire pendant son mandat de 11 ans, rien ne nécessitait une telle violence. R-I-E-N.
Chaque seconde qui passe me rend plus hystérique que la précédente… je me demande encore comment j’arrive à ne pas tomber en syncope. La France s’attaque, pour une raison PERSONNELLE, à un Président en exercice. Et rien ne se passe, dans ce monde complice. Dans ce Putain de monde à la solde d’un nouvel ordre mondial. Mais où est Dieu ? Que fout il, à laisser cela se faire ? Il ne peut pas oser laisser les méchants l’emporter sur les bons, c’est carrément anti-mythologique ! Mon Dieu, que va-t-il advenir de nous ? Et ces Poltrons de Présidents Africains, à faire comme s’ils n’étaient pas au courant de tout ce qui se trame depuis des années !

Toutes ces questions s’entrechoquent dans mon esprit, et je m’assois par terre, ramenant mes genoux sous mon menton. Brusquement, la nouvelle tombe : RFI annonce que Gbagbo Laurent a été Capturé par l’armée Française. Source : l’Ambassadeur Français Jean Marc Simon. (Je l’ai entendu de mes oreilles, nous avons encore la capture d’écran de rfi.fr) il est par la suite remis aux rebelles d’Alassane Ouattara, qui entre temps, sont passés au lave-vaisselle de la France : ce sont à présent des forces ‘‘Loyales’’ d’Alassane Ouattara, plus des rebelles.
Mes amis, je crois que pendant plus de deux minutes, mon cœur a cessé de battre. Je ne peux pas expliquer ce qui s’est passé. Mon âme s’est déconnectée de mon Corps. Mes jambes sont retombées à plat sur le carreau, mes mains ont suivi le mouvement. C’était comme si on venait de m’annoncer que mon père, pourtant assis près de moi, était mort. B-L-A-C-K-O-U-T. Seuls les sanglots de ma mère déchirent le silence, suivis par ceux de la servante, une femme Dida, puis par l’autre, elle burkinabé. Mon père se lève, prend le bras de maman et lui intime de monter avec lui. Je pense aujourd’hui que c’était parce qu’il ne voulait pas qu’on le voit pleurer. Je ne reviens dans mon corps que lorsque France 24 montre les premières images.

Mon cœur a saigné. Et si une personne en Côte d’Ivoire et dans le monde n’a pas eu un tressaillement à la vision de ces images humiliantes, cette personne sait dès à présent que sa place est en enfer et nulle part ailleurs. S’il s’avère un jour que je doive raconter comment j’ai vécu ce 11 avril à la télévision, je pense que je ne le pourrai pas. Pas sans pleurer. C’était comme si on m’arrachait le cœur, comme si on me broyait l’estomac, comme si on me déshabillait de force… comme si on me violait. Et qu’après, on me découpait en morceaux pour me voir agoniser, en souffrant. Mes larmes coulent encore rien qu’en y pensant. J’ai vu mon Président, donc ma fierté, ma dignité, l’ivoirien lambda représenté en cet homme… je nous ai tous vu porter un casque de l’ONUCI, un gilet pare-balles, être embarqués dans un cargo, filmés comme un animal de foire… Oui, Ivoirien, toi qui t’es battu pour sauver ton pays de ces assoiffés de sang, mais aussi toi qui a vendu ton âme pour un poste dans le gouvernement ou dans le pouvoir Ouattara, je nous ai tous vu être arrêtés par les Blancs pour installer un étranger à la tête de ce pays. Libre, démocratique et INDEPENDANT…

J’ai regardé la télé sans la voir. J’ai reçu la seconde nouvelle plus tard : Désiré Tagro, ex-Ministre de l’Intérieur, avait reçu plusieurs balles dans la bouche et était en train de mourir, transporté d’urgence à la PISAM (Polyclinique Internationale Sainte Anne Marie).

Ce Fameux 11 avril, je me suis sentie Esclave. Je suis restée au sol longtemps. En fait, je crois que mes chaînes pesaient trop lourd…

Violazioni dei diritti umani, incarcerazioni arbitrarie e torture: il pane quotidiano in Costa d’Avorio.

16 Mag

Troppo spesso, raccontando le guerre e le violenze seguite, sono stati nascosti i crimini effettuati da una parte degli attori in lotta attribuendo, viceversa, all’altra ogni sorta di misfatto.

Troppo spesso con omissioni, false notizie o preconcetti presentati come verità assolute, l’opinione pubbliche e gli stessi governi sono stati guidati verso scelte che hanno portato sicuri incassi alle grosse multinazionali e in particolare alla Francia spacciandole per interventi umanitari o di polizia internazionale.

In Costa d’Avorio una semplice disputa sul risultato delle elezioni è stata trasformata in una guerra attraverso una rappresentazione assolutamente non veritiera dei fatti.

Una situazione perlomeno assurda!

Occorrerebbe intanto capire come si è arrivati a queste elezioni in Costa d’Avorio e il clima di violenza e di brogli registrato nelle regioni del Nord ed analizzando l’intera sequenza dei fatti che si sono svolti nel periodo 27 novembre 2010/11 aprile 2011.

Non esiste un solo atto giuridicamente valido per affermare la vittoria elettorale di Ouattara.

Sono stati riscontrati non solo violenze ma anche palesi brogli nel nord, brogli denunciati dagli osservatori elettorali indipendenti presenti nel territorio e taciuti dalla comunità internazionale.

Ma il capolavoro di presentazione di una “verità irreale” è stato compiuto dalla stampa europea nella presentazione dei risultati. Nessuno ha voluto dire che cosa si nascondeva dietro l’espressione “il presidente riconosciuto dalla comunità internazionale” .

La certificazione elettorale non doveva né poteva sostituirsi a questo processo ma solo verificare il rispetto delle regole e semmai trovare una risoluzione pacifica alla controversia (come l’annullamento delle elezioni e la ripetizione o ricontare le schede).

 

Laurent Gbagbo ha chiesto di ricontare i voti.

La risposta della  Francia ed i suoi alleati è stata la guerra, per imporre con le armi Ouattara.

Credete veramente che sia stata la volontà di far rispettare il risultato delle votazioni che ha portato gli elicotteri francesi e dell’ONU a bombardare gli Ivoriani???  

Bombe per giorni e giorni su Abidjan, dove migliaia di civili innocenti sono stati uccisi o feriti dalle pallottole o dai missili lanciati dagli elicotteri militari dell’ONU e della Francia, appostati ad una distanza di circa 2 km dai loro obiettivi.

I Mi24 e le Gazzelle hanno colpito delle zone civili e le armi di questi elicotteri non hanno la capacità di colpire un bersaglio con esattezza.  La dispersione e’ di almeno il 15%. Questo significa che se si vuole colpire un obiettivo da 2 km distanza si può colpire un raggio di almeno 300 metri (circa 150 m. da ogni lato del bersaglio in una zona urbana … abitata da civili innocenti…!!)

E poi, una volta raggiunto l’obiettivo?  Silenzio stampa.

La Francia e l’ONU lo sapevano ma non ha fatto alcuna differenza per loro.  

Ed ora vogliono accusare Gbagbo di crimini di guerra…

Ma quante sono le vittime civili causate dai bombardamenti Nato, il braccio armato dell’Onu? 3.000? 5.000? 10.000 morti?

Quante migliaia di morti , stupri, abusi resteanno impuniti o sconosciuti?

Nessuno lo saprà mai. Unica certezza: troppi Ivoriani sono stati attaccati, mutilati, uccisi, bruciati vivi. TROPPI.

E le prove a convinzione, i documenti che confermano la crudeltà di questi crimini di guerra esistono… E tutti lo sanno.

Sono stati attribuiti agli uomini di Gbagbo violenze poi rivelatesi sospette o false o addirittura opera di Ouattara (in primis la tragedia di Douekoue migliaia di  morti per sterminio etnico), anche se, purtroppo sappiamo tutti che durante una guerra é praticamente impossibile trovare uomini armati innocenti.

Ma silenzio assoluto sui soprusi e le violazioni del diritto di guerra compiuto dalle truppe francesi della Licorne, silenzio sulla situazione in cui è precipitato il paese dopo l’arresto del Presidente Gbagbo e l’imposizione di Ouattara alla guida del paese.

Un clima di violenza e di dittatura, denunciato anche da associazioni umanitarie, dalla chiesa e dalla stessa ONU, ma sopratutto dagli oppositori costretti a lasciare il paese.

Se la stampa non ritrova un suo equilibrio nel dare l’informazione si rende complice dei misfatti compiuti e rende i popoli europei incapaci di comprendere e seguire la realtà anche di fronte alle indagini della CPI.

Paesi che vengono attaccati dalla “comunità internazionale” che si arroga il diritto di massacrare popolazioni ed  “eliminare” i loro presidenti, che vengono poi dalle stesse potenze minacciati o rinviati al Tribunale Internazionale.

Troppe volte l’Africa ha visto propri presidenti liberamente scelti dal popolo, imprigionati a lungo (in attesa di far calare l’oblio sulla loro “esistenza”…) e poi fatti sparire, assassinati con i più svariati sotterfugi…

Questo rende ancora più urgente e necessaria una la liberazione immediata di Gbagbo e di tutti i detenuti politici del governo Ouattara.

Il deferimento alla Corte Penale Internazionale DEI VERI AUTORI di questi crimini di guerra,  sarebbe l’occasione per fare luce sulla violenza ma potrebbe rivelare troppe complicità (senza dubbio della Francia) nella destabilizzazione per un decennio della Costa d’Avorio.

L’America ha commesso crimini contro l’umanita’ in Irak, Afghanistan… La Francia in Libia durante i bombardamenti della NATO, dove migliaia di civili hanno perso la vita sotto le bombe dei suoi alleati.

Ma non saranno mai indagati.

Finché le relazioni internazionali saranno dominate da una tale “prevalenza” di poche potenze “più forti” l’efficacia di queste di istituzioni perderà la sua credibilità.

 

Ma aspettando questa”giustizia internazionale” violazioni dei diritti umani, incarcerazioni arbitrarie, torture, crimini e soprusi sono il pane quotidiano per la popolazione della Costa d’Avorio

 

E con il suo silenzio colpevole, l’Italia  e’ complice di crimini di guerra.

 

Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?” (Antonio Gramsci)

 

scritto da Gahié

Costa d’Avorio, Campo di concentramento a Yopougon

12 Mag

Un vero e proprio campo di concentramento istallato a Yopougon (Abidjan),, dove le FRCI nell’impunità totale, VIOLANO OGNI DIRITTO UMANO.
Spedizioni punitive per poi arrestare, torturare ed uccidere.
Le testimonianze di alcuni sopravvissuti, raccolte da un giornalista del quotidiano “Notre Voie“, sono agghiaccianti.
Quanto sta avvedendo in questi luoghi é paragonabile al “Campo BOIRO” in Guinea-Conakry all’epoca del dittatore Sékou Touré.
E’ veramente arrivato il momento di mettere fine ad ogni tipo di violazione e di degradazione della vita e della dignità umana.
Che tutti i difensori dei diritti umani intervengano, anche con un solo grido.
Che almeno le grandi ONG come il Comitato Internazionale della Croce Rosse, Amnesty International, Human Rights Watch, etc. abbiano la volontà ed il coraggio di denunciare e di intervenire per fermare questo massacro.

Nota. La foto che appare nell’articolo é stata scattata nel mese di marzo 2011 in una stazione di servizio di Abidjan, trasformata per l’occasione in un campo di prigionia. Dove sono ogggi queste migliaia e migliaia di ragazzi ???

 

da Gahié Kuidé Bosow

 

Per leggere l’articolo in Francese clicca Qui

Etiopia, addio alla libreria italiana, il negozio più bello di Addis Abeba

9 Mag

Ai tempi dell’imperatore la fila per le riviste italiane arrivava sulla strada. Poi ci fu il “terrore rosso” ma, anche grazie all’aiuto dell’ambasciata, si vendeva ancora. Al negozio più bello di Addis Abeba il colpo finale lo hanno dato l’euro e il trascorrere del tempo.

L’unica libreria italiana dell’Etiopia non esiste più da qualche mese. Al suo posto, accanto alla pasticceria di Enrico, nel quartiere di Piazza, quello borghese ed elegante prediletto dal fascismo, c’è un ristorante che si chiama Pizzeria Napoli. Un locale come tanti, che si è seduto per sbaglio su un pezzo di storia. Una storia che ha come protagonista Adriana Sacconi, “donna in carriera” spinta nel 1968 a lasciare un incarico da dirigente all’Agip da una madre innamorata della cultura e dei salotti letterari. “Quella libreria non l’ho mai amata” racconta ora alla MISNA, sfogliando un album con le fotografie di mobili che non servono più.

Il negozio fu acquistato al tempo di Hailé Selassié, l’imperatore che aveva riconquistato il trono dopo la disfatta fascista e l’ingresso degli inglesi ad Addis Abeba nel 1941. Per diversi anni la libreria fu un salotto di cultura, dove l’acquisto o la consultazione dei giornali, delle riviste e dei volumi arrivati dall’Italia era anche occasione di incontri e mondanità. Le cose cambiarono con il colpo di Stato del Derg, il “comitato” del colonnello Menghistu Hailé Mariam. La censura costringeva a ritagliare e incollare di continuo i giornali pur di evitare di buttarli del tutto, mentre solo grazie all’aiuto dell’ambasciata italiana si poteva acquistare la valuta estera necessaria alle importazioni.

Nel racconto si intrecciano registri diversi e fatti lontani tra loro, tenuti insieme dal ricordo personale e dalla storia della libreria. Un nonno importante, Afework Ghevre Jesus, diplomatico in Italia, autore di una grammatica di amarico e di “Tobia”, la prima novella etiopica. I morti per le strade, e le mani per coprire gli occhi di un bambino, al tempo di Menghistu. L’euro al posto della lira, i prezzi improvvisamente troppo alti e in un paio d’anni la scomparsa dei pochi clienti rimasti. Dopo il caffè, la signora Adriana fuma una sigaretta e sospira: “Se ne è andato un pezzo di storia”.

di Vincenzo Giardina, Misna

Schools reopen in Mali’s Islamist-held Timbuktu, with separate hours for girls

8 Mag

Schools reopened Monday in the city of Timbuktu for the first time since an Islamic faction seized control last month of the fabled tourist outpost, where they are now working to impose Shariah law.

Thousands of residents, including the majority of the city’s Christian population, fled Timbuktu in early April, when disparate rebel factions invaded the northern half of Mali and declared independence.

Although the rebels initially claimed they were fighting for a separate homeland, it soon became clear that an Islamic faction within the larger rebel movement had the upper hand in Timbuktu. They have since attempted to impose the strict Islamic code, including the veiling of women and the banning of alcohol.

Mahmoud Djitteye, a member of the school district in Timbuktu, said that schools had reopened with the blessing of Ansar Dine, the Islamic faction whose fighters are garrisoned at the main military camp in the city. The faction has agreed to pay school fees and on Monday a small number of students arrived to register for classes, said Djitteye.

Alpha Cisse, the father of a student, said that the Islamists are requiring the separation of the sexes, with boys and girls alternating between morning and afternoon classes. Certain subjects have also disappeared from the curriculum.

“We’re being told that certain subjects will be forbidden, like the teaching of philosophy and certain modules in biology, like the teaching of evolution,” said Cisse. “Also there will be no mixed classes, with boys coming in the morning and girls in the afternoon, or boys in the afternoon and girls in the morning.”

Timbuktu fell to the rebels on April 1. It was the last of the three major towns in the country’s north — an area the size of France — to be seized by the ethnic Tuareg rebels, plunging Mali into crisis. In Timbuktu, as well as in the two other regional capitals of Gao and Kidal, the Islamist groups have smashed bars and ripped down posters of uncovered women. Although there is resistance by Tuareg rebels to the imposition of Shariah in this region known for its moderate interpretation of Islam, Ansar Dine has also won some supporters through the measures they have taken to restore law and order in the wake of the widespread looting led by various armed groups.

In Gao, also controlled by Ansar Dine, residents said that schools reopened on April 30.

“Here, the classes are mixed, but the boys sit on the first row of benches, while the girls sit in the back. In other classes, however, they’ve allowed only girls. Or only boys,” said Hama Dada Toure, a teacher in Gao, who was reached by telephone on Monday.

A high school student in Gao who is preparing for the end-of-the-year baccalaureate exam, said that the mixing of the sexes is allowed in instances where the class is small.

“If a class has a lot of students, they separate the boys and the girls. But if there are only a few students, the boys sit in front and the girls in the back,” said Abdoulaye Maiga. It’s the first time that we are seeing something like this, but we can suffer through it so long as we get to study, because the situation has left us no choice.”

In Kidal, the last major city in the north, schools are still closed. Ansar Dine also controls the town and a majority of families have fled the area, seeking refuge across the border in neighboring Algeria.

Copyright 2012 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistributed.

By Associated Press

 

Egitto, proposta di legge su spose a 14 anni, Council for Women si ribella

6 Mag

Ridurre l’età minima di matrimonio dai 18 ai 14 anni. E’ questa la notizia che sta circolando in Egitto suscitando molte proteste sui social network, dopo una proposta di legge in Parlamento.

Il quotidiano Al Ahram ha scritto che il capo del National Council for Women, Mervat el Talawi ha fatto appello al presidente del Parlamento Saad el Katatni affinchè la proposta sia rifiutata.  Secondo il quotidiano, el Talawi ha sottolineato che la marginalizzazione e la riduzione dello status delle donne in Egitto avrebbe effetti negativi anche sullo sviluppo nel suo insieme, dato che rappresentano la metà della popolazione.

I movimenti di ispirazione islamica hanno attaccato Council of women, sostenendo che vuole distruggere la famiglia. Diventati molto forti dopo la rivoluzione di gennaio, hanno tentato di mettere in discussione anche la legge sul divorzio, che in Egitto consente alle donne di ottenerlo senza ostacoli da parte del marito.

fonte: Donna Reporter

Nella foto, donne egiziane in Parlamento.

Mauritania: Per la Liberazione di Biram Abeid

2 Mag

Oggi alle h 12, ora locale di Nouackhott, capitale mauritana, Biram Dah Abeid è stato ascoltato da un giudice sui fatti di venerdi scorso.
Da fonti certe, ma che non riveliamo per ragioni di sicurezza, sappiamo che Biram ha chiesto di rilasciare i suoi compagni attivisti, (con lui in totale restano in stato di fermo in 11), assumendosi piena responsabilità del suo gesto pubblico che mai ha voluto insultare la Religione dell’Islam. Ha sottolineato che sia lui che gli attivisi dell‘IRA Mauritania sono essi stessi dei musulmani credenti che pregano come tutti gli altri. Non è stato bruciato nè il Corano nè altri libri sacri! L’intento era quello di attirare l’attenzione sulla PERSISTENZA della schiavitù in Mauritania, avallata dalle tesi dei testi bruciati con le sue mani.

da Ivana Dama
PER LA LIBERAZIONE DI BIRAM ABEID