Archive | aprile, 2012

Bloody Sunday in Africa. 20 die in attack on church services (Nigeria and Kenya)

29 Apr

Kano, Nigeria: Attackers armed with bombs and guns opened fire at outdoor church services at a Nigerian university on Sunday, killing about 20 people as they tried to flee, witnesses and officials said.

A powerful explosion and gunfire rocked Bayero University in the northern city of Kano, with witnesses reporting that two church services were targeted as they were being held outdoors on the campus.

At least a dozen bodies could be seen on a roadside by the university, but the exact number was unclear.

Musical instruments and half-eaten meals could be seen at the site of one of the services.

An army spokesperson confirmed the attack but could not provide a casualty toll.

It appeared as if the attackers used bombs and gunfire in the assault.

Witnesses said the attackers arrived in a car and two motorcycles, opening fire and throwing homemade bombs, causing a stampede.

They said worshippers were gunned down as they tried to flee.

Source: News24

_________________________________________________________________________________

Nairobi, Kenya: One person died and 15 people were wounded when a grenade was thrown into a church in Kenya’s capital during Sunday service, an official said, an attack some parishioners blamed on a land dispute in the East African metropolis.

Nairobi’s deputy police chief, Moses Ombati, said the grenade exploded at God’s House of Miracles International Church in Nairobi.

Doctors at Nairobi’s Kenyatta Hospital said they had treated 11 patients wounded in the attack. None of the injuries were life-threatening, said a doctor who refused to give his name because he was not authorized to speak to reporters.

Steven Mulinge, a church pianist who was among the wounded, recalled seeing a man walking through the entrance and hurling what looked like a stone at the altar.

“I heard a blast and then around me everyone was covered in blood,” he said. “Later I found myself lying down with a deep cut on my hip.”

He said about 50 people were attending the service when the attack happened.

Some church members said they suspected the attack was related to an unresolved land dispute.

James Maina, who described himself as a church elder, said his church may have been targeted by neighbors who claim to own the land on which it is built. He said the church had suffered minor attacks in the past, including having its windows smashed.

“This thing is between the mechanics and the church,” he said, referring to the motor repairmen who he said want them gone. “The mechanics don’t want us to utilize this land. They are against us.”

The incident is the latest in a string of grenade attacks since Kenya sent troops into Somalia in October last year.

In March, grenade explosions at one of the main bus stations in Kenya’s capital killed nine people and wounded 40 others, the deadliest in the series of attacks.

Al-Qaida-linked al-Shabab militants from neighboring Somalia have vowed to carry out a major attack on Kenya for sending troops in.

Sunday’s attack follows a U.S. Embassy warning that a terror attack on prominent government buildings and hotels in Nairobi could be imminent.

The embassy said Monday that the timing of the attack is not known but they believe it to be at a final planning stage.

Police have said that the Somali militant group is suspected of killing at least 30 Kenyan civilians since Kenyan troops entered Somalia.

In February, police spokesman Eric Kiraithe said the killings _ which go back to October _ are believed to have been carried out by sympathizers of al-Shabab in Kenya.

He said most of the attacks were carried out in towns near the border between Somalia and Kenya.

Police say that dozens of Kenyan youth have been recruited by al-Shabab and are operating in the country. Al-Qaida announced in February that it was merging with al-Shabab.

Ndegwa Muhoro, Kenya’s director of criminal investigations, told reporters outside the church it was “too early to say” who might be responsible.

“We need to maintain vigilance because we don’t know who they are,” he said.

Source: LasVegasSun

Costa d’Avorio. Rappresaglie nel silenzio del mondo (ricevo e pubblico)

27 Apr

ORRIBILE !!!

Come al tempo dei nazisti, quando nei Paesi oppressi in seguito alla perdita di un loro uomo, per rappresaglia, uomini e donne senza nessun processo venivano arrestati e fucilati.

Sta succedendo oggi, in Costa d’Avorio, dove in seguito ad attacchi non identificati contro le nuove forze dell’ordine avvenuti durante la notte tra il 24 ed il 25 aprile a Yopougon (Abidjan) ed a Sakré, spedizioni punitive arrestano ragazzi, uomini e donne, la cui unica colpa é di appartanere ad un etnia considerata storicamente favorevole a Laurent Gbagbo.

Unica differenza, durante la nostra Resistenza gli alleati liberarono i paesi occupati…. oggi gli stessi “liberatori” di un tempo, fanno parte della forza francese Licorne o dell’ONUCI ed osservano in silenzio le milizie di Ouattara massacrare la popolazione innocente, quando non ne sono gli autori diretti.

____________________________________________________

La Répression d’origine Nazie de Ouattara

La côte d’Ivoire n’a surement pas finie de pleurer ses fils et filles. La répression aveugle qui a succédé aux attaques d’hommes armés non identifiés contre les miliciens de Ouattara prouve combien ce régime tire ses racines de la pire des expériences de régimes autoritaires que le monde ait connu.

On se souvient en effet que les nazis lorsqu’ils étaient attaqués par les résistants dans un pays sous leur contrôle ,raflaient sans discrimination hommes et femmes de la zone où ils avaient subi des pertes et les faisaient fusiller sans autre forme de procès. C’est ce que l’on observe depuis les attaques survenues dans la nuit du 24 au 25 avril 2012 à Yopougon et à Sakré en Côte d’Ivoire .

Après avoir fui devant des assaillants armés qui auraient fait au moins une quinzaine de morts dans leurs rangs dans la nuit du 24 au 25 avril dernier lors de deux attaques distinctes, les miliciens de Ouattara ont décidé de se venger en prenant des otages, et en tuant des jeunes ivoiriens dont les seuls crimes sont l’appartenance à une ethnie qui selon ouattara et ses partisans ne leur serait pas favorable, ou le fait de s’être retrouvés au mauvais endroit au mauvais moment.

C’est ainsi qu’ à Yopougon les FRCI qui avaient fui la veille durant l’attaque revinrent sur les lieux après que les hommes armés se fussent éclipsés sans être inquiétés, arrêtèrent des jeunes du quartier , coupables d’être d’ethnie guérés ou partisans du président Gbagbo. Ces arrestations se soldèrent par la mort par balles d’un jeune guéré accusé d’être un milicien libérien.

Un scenario presqu ‘ identique se déroula à Sakré le 25 avril 2012,où les FRCI à leur retour cette fois prirent en otages 4 jeunes du village accusés de faire partie du commando qui la veille avait causé 8 morts dans les rangs des FRCI. La thèse selon laquelle ces jeunes feraient partie du fameux commando est tellement absurde que nous vous l’exposons afin que vous vous rendiez compte combien ce régime peut être ridicule lorsqu’il s’agit de trouver des raisons qui justifient les répressions féroces contre le peuple ivoirien.

Dans la nuit du 24 au 25 avril, des hommes armés attaquent les positions des FRCI à Sakré tuant 8 d’entre eux. Ces hommes armés se retirent, et après leur départ les FRCI de retour de leur débandade arrêtent quattre jeunes du village qu’ils accusent de faire partie du fameux Commando. Question… Pourquoi après avoir mis en déroute les FRCI faisant même un prisonnier parmi eux (journal l’ INTELLIGENT D’ABIDJAN du 26 avril 2012) les assaillants auraient laissé derrière eux quattre des leurs dans ce village ?

Ces méthodes nous rappellent malheureusement des scènes vécues par les populations françaises, italiennes, tchécoslovaques, polonaises, durant la seconde guerre mondiale, lorsque leurs pays respectifs se retrouvèrent sous occupation nazie. Alors, le monde dit Libre se leva comme un seul Homme afin de venir en aide à ces populations persécutées. Ce même monde qui, aujourd’hui à travers l’ONUCI et la LICORNE, observe sans broncher Alassane Ouattara et ses miliciens massacrer les populations civiles ivoiriennes.

Le groupe ACC

Gli Zanzibarini e l’Unione

26 Apr

Per leggere l’articolo di questo blogger zanzibarino è necessario sapere  quello che lui stesso non scrive per paura di ritorsioni e cioè che Zanzibar, oltre ad essere un isola molto bella ed essere piena di bambini e  persone cordiali e sorridenti, è anche terra di grandi sofferenze dettate da una politica di questi ultimi 4o anni non propriamente popolare, con una repressione politica e un uso della forza spesso fuori dai limiti che è più facile vedere quando il turismo si prende la pausa dettata dalla stagione delle piogge oppure semplicemente aprendo gli occhi e girando nelle aree meno turistiche e più popolari, appunto.
Quindi è capibile se il blogger non dica chi siano i parassiti ad esempio, ma lascia all’immaginazione del lettore.

________________________________________________________________________________________________________

Il 26 aprile 1964 Zanzibar si unisce a Tanganyika per formare la Repubblica Unita di Tanganica e Zanzibar il cui nome è stato poi cambiato in “La Repubblica Unita di Tanzania”. La ragione dell’Unione si dice sia sulla base della sicurezza e dello sviluppo di cui è stato creato un documento che descrive la “articoli di unione“. Oltre a  questo, l’ unione ha avuto anche lo scopo di creare una repubblica sovrana in conformità agli articoli del sindacato.

Da quello che ho sentito e letto da varie fonti è che il sindacato doveva durare solo per un certo periodo di tempo e poi,  il sindacato doveva essere valutato da entrambi le parti se fosse stato vantaggioso o meno e se i cittadini di entrambi parti volessero continuare con lo stesso oppure no. Purtroppo, dal giorno in cui il sindacato si è formato ad oggi, questo non è stato fatto.

Attualmente, l”unione è a vantaggioso solo di una delle parti. Dire che il sindacato è vantaggioso solo da un lato non è sufficiente, ma il modo giusto di dire è che è vantaggioso da un lato ed è un disastro dall’altra parte (molti i pro e contro). Questo tipo di operazione è nota come “rapporto parassitario“, dove una parte ha vantaggi collaterali, mentre l’altra perde non ne ha. Questo concetto deriva dal rapporto instaurato tra l’essere parassita e chi invece opera, produce; un parassita ottiene cibo e protezione dal potere e allo stesso tempo danneggia chi invece non ha niente.

Dov’è la possibilità degli zanzibarini e tanzaniani in generale per trasmettere le loro opinioni se vogliono l’unione o no? Uno dei modi disponibili per fare in modo di saperlo è dichiarare un referendum da uno dei presidenti (dal presidente di Zanzibar o dal presidente della Tanzania) in modo che i cittadini possano scegliere se vogliono l’unione o meno e che tipo di unione dovrebbe essere.

Se solo una parte del sindacato è attiva e si pone la senza dare retta all’latra parte allora non c’è bisogno di continuare. Quindi, dal momento che molte persone del sindacato sono preoccupate per questo stato dei fatti per il popolo di Zanzibar e per rispetto al Tanganica (Tanzania continentale), allora il presidente di Zanzibar dovrebbe procedere con un referendum e vedere la reazione del popolo.

Il sindacato perde molto sui requisiti di legge, come reclamano gli avvocati di Zanzibar. Non posso parlare di tutti i requisiti di legge non avendo  familiarità con le leggi e le costituzioni, ma mi sono fatto un idea piuttosto precisa leggendo diversi articoli e libri riguardanti l’Unione e sentito anche diversi avvocati ed esperti di diritto quando si parla di legalità del sindacato da diverse dibattiti.

Adesso, un lettore dovrebbe sapere cosa sia Tanganica è di come viene percepito il sindacato a Zanzibar dalla maggioranza dei cittadini e di alcuni politici. Chi scrive è un cittadino di Zanzibar che la considera anche la sua nazionalità e non altrimenti. Stessa percezione può essere analizzato dalla maggioranza degli Zanzibarini.

Per leggere alcuni articoli sull’Unione tra Zanzibar e Tanganica, è possibile consultare il seguente link http://www.zanzinet.org/zanzibar/history/articles_union.html

Nel  link citato ci sono solo articoli originali dell’Unione che una volta erano solo 8 o 11, ma attualmente sono più di 22 (due volte quelli originali, da dove sono venuti? Dovremmo chiederlo ai nostri parlamentari e avvocati).

di Zanzibar And New Era

Cuneo: il Bar Corso “porta acqua” in Tanzania con la LVIA.

24 Apr

La nuova iniziativa  “I bar della solidarietà regalano acqua”

Giovedì 3 maggio dalle ore 18.30 alle ore 21.00 presso il Bar Corso in c.so Nizza 16 a Cuneo, se bevi uno Spritz o un Cocktail analcolico MAJI (acqua in swahili) il corrispettivo sarà devoluto dal Bar al progetto promosso dalla LVIA nella Regione di Dodoma, in Tanzania, per il prolungamento di un acquedotto a beneficio di 3700 persone.

Tra i locali più frequentati di Cuneo, il Bar Corso è il primo ad aderire alla rete “I bar della solidarietà regalano acqua”: una nuova proposta d’impegno e creatività che la LVIA rivolge al proprio territorio, la provincia Granda, per contribuire, insieme, a garantire l’acceso all’acqua potabile alle popolazioni della regione di Dodoma, in Tanzania.

Aderendo a questa rete di “portatori d’acqua” ogni bar avrà la possibilità di contribuire al potenziamento di 500 metri di un acquedotto in Tanzania che permetteranno di portare l’acqua a persone che ad oggi non hanno accesso a questa risorsa vitale. Il prolungamento dell’acquedotto permetterà di raggiungere nuovi villaggi in una delle regioni più aride del paese, dove la durata della stagione delle piogge è limitata a circa tre mesi e i corsi d’acqua si seccano subito dopo appena un mese dal termine della stagione piovosa.

L’azione promossa dal Bar Corso contribuirà a cambiare la vita del villaggio di Lalikala: grazie al prolungamento dell’acquedotto saranno costruiti nel villaggio dei punti idrici che renderanno disponibili 20 litri al giorno di acqua pulita per 3700 persone. Migliorerà la vita delle donne, oggi costrette a camminare diverse ore ogni giorno per raggiungere una fonte e fornire alle proprie famiglie l’acqua necessaria per bere, lavarsi, cucinare.  Migliorerà la vita dei bambini, i più vulnerabili e i più colpiti dall’utilizzo di acqua contaminata e migliorerà la loro istruzione, soprattutto delle bambine che, non avendo più l’incombenza di andare alla ricerca dell’acqua insieme alle donne del villaggio, potranno dedicarsi a frequentare la scuola.

L’azione potrà essere sostenibile nel tempo, grazie alla formazione di un’associazione di utenti, nel villaggio, che sarà formata e capace di gestire i punti idrici.

 

Altri Bar possono partecipare alla rete delle solidarietà.

Per informazioni: LVIA · corso IV Novembre 28, 12100 Cuneo

Tel. 0171/696975  fundraising@lvia.it

Il Parlamento Europeo contro il disboscamento illegale

24 Apr

Nella settimana scorsa il Parlamento Europeo ha accordato il proprio consenso a due accordi internazionali, con Liberia e Repubblica Centrafricana, per contrastare il disboscamento illegale

Gli accordi recentemente siglati dal Parlamento Europeo per promuovere il commercio sostenibile del legname avranno anche l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico sulla questione, ha affermato la relatrice dell’Europarlamento, Elisabeth Kostinger (PPE, Austria) prima del voto che ha avuto come scopo principale evitare che i proventi del legname liberiano finiscano investiti in armamenti.

L’Unione Europea in sintesi lascerà entrare soltanto prodotti di legname legali, in base ad accordi volontari di partenariato (voluntary partnership agreement – VPAs) che impegnano i paesi ad esportare nella UE prodotti dal percorso verificato. L’Unione Europea garantirà come contropartita un accesso privilegiato ai prodotti che rientrano negli accordi menzionati.

Difatti le stime a disposizione della UE registrano la distruzione di una foresta di dimensioni paragonabili a quelle di un campo da calcio ogni due secondi, in un anno ciò significa danni per dodici miliardi di euro, senza contare l’effetto sull’ambiente, incalcolabile in termini puramente economici ed immediati. Dall’ottobre del 2010 la UE sta cercando di affrontare questo problema.

Il nuovo sistema di monitoraggio prevede il coinvolgimento di esperti indipendenti e provenienti dalla società civile. La Banca Mondiale ha affermato, in seguito ad uno studio, che in alcuni paesi il disboscamento illegale rappresenta il novanta per cento dell’attività di disboscamento, con immaginabili legami dell’economia del paese con fenomeni di corruzione e di criminalità.

di Aldo Ciummo
Dazebao News

Zanzibar, missing a person !

23 Apr

Please, by some week in Zanzibar missing Radak Varga. He has Slovak (middle
Europe) nationality and he is missing person for a few weeks.

If someone know something about him or if you have any information in this case.
Last information we have is that he supposed to be in his hotel, but no one has seen.

Anyone who knows him and everyone who has news please make a contact with

Ing. Juraj Varga
Nizny Orlik 92, 090 11
0903 233 869

Thank you very much.

LVIA: Raccolti 19mila euro con la Settimana dell’Acqua

23 Apr

La Settimana dell’Acqua organizzata dalla LVIA a fine marzo è stata un vero successo: numerosi gli eventi realizzati e raccolti 19.000 euro in favore dei progetti idrici promossi in Kenya, Tanzania ed Etiopia.

Lo slogan “pungente” – Acqua non è un problema del cactus – che ha accompagnato gli eventi ha centrato l’obiettivo di far riflettere la società civile, in concomitanza con la Giornata Mondiale dell’Acqua, sul mancato accesso a fonti d’acqua potabile ancora per oltre un miliardo di persone nel mondo, soprattutto in Africa Subsahariana, dove la LVIA è impegnata da oltre 45 anni.

La buona riuscita dell’iniziativa è stato un insieme congiunto di proposte culturali e collaborazioni con scuole, associazioni, amministrazioni comunali e soprattutto volontari nei territori coinvolti. Le proiezioni cinematografiche, concerti ed aperitivi solidali hanno abbracciato complessivamente un pubblico di 1500 persone.

Grande successo ha riscontrato la proiezione del documentario The Well: voci d’acqua dall’Etiopia al Cinema Monviso di Cuneo e al Cinema Greenwich a Torino. Le bellissime immagini girate da Paolo Barberi, Riccardo Russo e Mario Michelini, prodotte da “Esplorare la Metropoli” con la collaborazione dello staff LVIA in Etiopia, hanno restituito fedelmente al pubblico le difficoltà legate alla scarsità di risorse idriche in uno dei luoghi più aridi della terra, come è la regione dei Borana, nel Sud del paese, ma anche la gestione comunitaria dei pozzi, regolata sapientemente dalle istituzioni tradizionali rispettando l’equilibrio tra necessità umana e preservazione dell’ecosistema naturale. Il dibattito proposto in seguito alle proiezioni ha permesso, inoltre, di approfondire l’impegno della LVIA a supporto delle popolazioni agropastorali locali.

Più di cento volontari sono stati coinvolti nell’organizzazione degli oltre 40 banchetti informativi e di distribuzione di piantine di cactus, in oltre 20 Comuni italiani tra Piemonte ed Emilia Romagna.

Alessandro Bobba, presidente LVIA: “La somma raccolta grazie alla vendita delle piantine di cactus e alle iniziative organizzate nel corso della settimana, sarà utilizzata per sostenere tre progetti idrici in Etiopia, Kenya e Tanzania, permettendo così la realizzazione di attività che altrimenti non sarebbe stato possibile effettuare. Un grandissimo grazie a tutti i volontari, soprattutto a nome dei cooperanti in servizio nei tre paesi e di tutte le persone che, direttamente o indirettamente, potranno beneficiare del frutto di questo impegno”.

E’ sempre possibile sostenere i progetti idrici promossi dalla LVIA in Etiopia, Kenya e Tanzania per portare acqua alle comunità che ancora ne sono prive, attraverso una donazione puntuale o fissa, annua o mensile, garantendo una continuità preziosa.

 

Per contribuire:

c/c bancario presso Banca Etica

IBAN: IT49L0501801000000000106428

c/c postale 14343123

intestato a: LVIA – Associazione internazionale volontari laici – c.so IV novembre, 28 – 12100 Cuneo

Digressione

Ana Maria Muhai wins the Women Courage Award of Mozambique

20 Apr

On April 5 in a ceremony crowded with people and televisions, at the residence of the Ambassador of the United States of America in Maputo, Ana Maria Muhai received the award sponsored by the US Secretary of State Hillary Clinton, which is given to women all over the world who have shown exceptional courage and leadership.

Ana Maria Muhai was one of the first patients in Mozambique of the DREAM Program for the struggle against HIV / AIDS and malnutrition, led by the Community of Sant’Egidio.
She was one of the first to have broken the silence, speaking of her disease in television, radio and lecturing everyday in the DREAM centers to help other patients seek treatment and combat stigma.

“We have the great privilege to honor Ana Maria Muhai. Your courage and your tireless efforts have inspired thousands of other patients and your work has been instrumental in transforming the silence of shame in the voice of hope.
Ana Maria, we wish to honor you, not only as a brave woman but also as the symbol of all courageous men, women and children with HIV in Mozambique who struggle every day with this terrible disease”, said Leslie Rowe, ambassador of the United States.

At the ceremony, with emotion, Ana Maria recalled the pain and stigma of the past “I weighed 29 kilograms, a shadow of a woman to shreds. No one bought any of my vegetables or the drinks I sold for a living. People pointed their fingers at me and many said to others not to buy my products because I have AIDS. My children could not watch television in the neighbor’s house or play with the other children in the street or at school. People danced in front of my house, singing songs about AIDS and waiting for my death. Today these neighbors come to my house…and ask me to talk to their relatives and convince them to seek treatment!”

The US Ambassador recalled how Ana Maria, through the DREAM Program, has strengthened the leadership against discrimination. “Over the past decade, the activists of the DREAM Program have organized hundreds of events to raise awareness in health centers, schools and other public places, have participated in radio and TV debates, and all this work has prompted the Government of Mozambique to make media campaigns to speak more positively of the disease. A few weeks ago I had the opportunity to see Ana Maria at work in a center of Sant’Egidio, a clinic with more than 3.500 patients suffering from HIV / AIDS. As she does many days a year, that day Ana shared her testimony of life with hundreds of men, women and children in her same condition. A very personal message, more powerful than any speech. I could not help but be touched by how I saw her arise hope in others, as they listened to her voice and her story of tenacious struggle for life. ”

The same strong and tenacious voice that Ana Maria used for her speech, touching the audience at the ceremony. “I have not learned about AIDS in books or in any association. I learned the hard way. I am AIDS!” she said and recalled when the DREAM Program of the Community of Sant’Egidio, which had just started in the country, accepted her. “I was very lucky. I had my family who helped me and never abandoned me as did my husband when he found out I was sick. I had the Community of Sant’Egidio, which has become for me a great family, treating me but also helping me and giving me strength. And now, also the United States which is a super power! I am truly very lucky. At the end of the ceremony, a representative of the Government invited Ana Maria to take her testimony to the Assembly of the Republic of Mozambique.

Source: Sant’Egidio

Ana Maria Muhai ha vinto il Premio Donna Coraggio del Mozambico

20 Apr

Il 5 aprile in una cerimonia piena di gente e televisioni, presso la residenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti d’America a Maputo, Ana Maria Muhai ha ricevuto il premio promosso dal Segretario di Stato americano Hillary Clinton che viene conferito alle donne di tutto il mondo che hanno dimostrato eccezionale coraggio e leadership.

Ana Maria Muhai è stata una delle prime pazienti in Mozambico del Programma DREAM per la lotta all’HIV / AIDS e alla malnutrizione, condotto dalla Comunità di Sant’Egidio.
E’ stata una delle prime persone che hanno rotto il silenzio, parlando della sua malattia in televisione, in radio e che dà lezioni ogni giorno nei centri DREAM per aiutare altri pazienti a curarsi e lottare contro la stigmatizzazione.

“Abbiamo il grande privilegio di premiare Ana Maria Muhai. Il tuo coraggio e i tuoi instancabili sforzi hanno spirato centinaia di altri malati e il vostro lavoro è stato determinante nel trasformare il silenzio della vergogna nella voce della speranza.
Ana Maria, vogliamo onorarla, non solo come una donna coraggiosa, ma anche come simbolo di tutti i coraggiosi uomini, donne e bambini sieropositivi del Mozambico che lottano ogni giorno con questa terribile malattia “, ha dichiarato Leslie Rowe, ambasciatore degli Stati Uniti.

Alla cerimonia, con commozione, Ana Maria ha ricordato il passato di stigma e dolore “Pesavo 29 chili, un’ombra di una donna a brandelli. Nessuno comprava più le mie verdure o bevande che vendevo per vivere. La gente puntava il dito contro di me e molti dicevano ad altri di non comprare i miei prodotti perché avevo l’AIDS. I miei figli non potevano guardare la televisione in casa del vicino o giocare con i bambini in strada o a scuola. La gente ballava fuori della mia casa, cantando canzoni che parlano di AIDS e aspettando la mia morte. Oggi questi miei vicini di casa vengono a casa mia … e mi chiedono di parlare con i loro familiari e di convincerli a curarsi!”.

L’ambasciatore degli Stati Uniti, ha ricordato come Ana Maria con il Programma DREAM ha rafforzato la leadership contro la discriminazione. “Negli ultimi dieci anni, le attiviste del Programma DREAM, hanno organizzato centinaia di eventi di sensibilizzazione in centri di salute, scuole e altri luoghi pubblici, hanno partecipato a dibattiti alla radio e alla televisione, tutto questo lavoro ha spinto il Governo del Mozambico a fare delle campagne sui media e a parlare della malattia in modo più positivo.Qualche settimana fa ho avuto l’occasione di vedere Ana Maria in azione presso un centro di Sant’Egidio, una clinica con oltre 3.500 pazienti affetti da HIV / AIDS. Come fa abitualmente in molti giorni dell’anno, quel giorno Ana ha condiviso la sua testimonianza di vita con centinaia di uomini, donne e bambini in condizioni uguali alle sue. Un messaggio molto personale più potente che qualsiasi discorso. Non ho potuto fare a meno di essere toccata da come ho visto suscitare la speranza in altri, da come ascoltavano la sua voce e la sua storia di lotta tenace per la vita. ”

La stessa voce forte e tenace, che Ana Maria ha utilizzato per il suo discorso che ha commosso il pubblico presente alla cerimonia. “Ho imparato cos’è l’AIDS non in un’associazione o sui libri. Ho imparato sulla mia pelle. L’ AIDS sono io!” ha detto e ha ricordato quando è stata accolta dal Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio, che era appena iniziato nel paese. “Sono stata molto fortunata. Ho avuto la mia famiglia che mi ha aiutato e non mi ha lasciato come ha fatto mio marito, quando ha scoperto che ero malata. Ho avuto la Comunità di Sant’Egidio, che è diventata per me una grande famiglia, che mi cura, ma anche mi aiuta e mi dà forza. E ora anche gli Stati Uniti che sono una superpotenza! Sono davvero molto fortunata “.

Alla fine della cerimonia, un rappresentante del Governo ha invitato Ana Maria a portare la sua testimonianza all’Assemblea della Repubblica del Mozambico.

fonte: Sant’Egidio

Zanzibar: Cittadini manifestanti pacifici arrestati. Dov’è la libertà di opinione?

20 Apr

Ecco di nuovo. Era troppo bello che a Zanzibar fosse tornata la democrazia dopo molti anni di assenza, ma “il lupo perde il pelo ma non il vizio“. Così appena il turismo finisce la stagione e occhi indiscreti sono fuori dall’isola ecco che rispuntano esercito in tenuta anti sommossa e manganelli, come se il popolo zanzibarino fosse terrorista…

Dov’è la democrazia?
Oggi, 20 aprile 2012 non meno di 12 persone sono state arrestate davanti alla Casa dei Rappresentanti politici.
Quelle persone si erano riunite al fine di trasmettere le loro opinioni sul disegno di legge all’unione  del Tanganica e di Zanzibar in modo totalemente pacifico.
Quelle persone si sono riunite pacificamente per dimostrare, ma sono stati costretti ad allontanarsi da parte del governo dell’Unione dell’ordine della Tanzania.
Questo dimostra che cosa? Questo dimostra che l’unione è protetto dagli organi statali.

Non so che cosa il governo del Zanzibar ha a che fare con tutto questo. Voglio ricordare, Zanzibar non ha un esercito, questo è l’esercito della Repubblica Unita di Tanzania. A Zanzibar pensano che i problemi nel mondo li risolvono solo mandando poliziotti e esercito.

Beh, credo che il mondo adesso possa vedere questo. C’erano manifestanti pacifici, radunati da poco davanti alla Camera dei Rappresentanti.

di Zanzibar And New Era

foto per gentile concessione di Salma Said, Zanzibar